agopuntura
Uncategorized

Sopravvivere senza farmaci

Per chi non lo sapesse, il 15/20 per cento degli italiani sceglie l’omeopatia, la filoterapia e l’agopuntura per curarsi senza farmaci. Un’altra tecnica molto stimata è la meditazione. E’ stato studiato che otto settimane di meditazione riducono l’attivazione dell’amigdala, una parte del cervello che risponde prepotentemente agli stimoli di rabbia, paura, ansia e desiderio incontrollato. Inoltre, si è scoperto che chi medita riduce stress e ansia ma stimola anche il sistema immunitario.

agopuntura

Per chi invece soffrisse di deficit di attenzione, iperattività, dolori cronici, insonnia e stress è consigliato il metodo neurofeedback. Questa tecnica funziona così: il paziente si trova di fronte a uno schermo in cui viene proiettato un oggetto che si sposta seguendo i segnali del suo encefalogramma. Questo serve a insegnare al soggetto a intervenire sul suo cervello (per esempio nei bimbi, l’oggetto può essere un trenino e devono riuscire a fargli cambiare il percorso).

attività fisica

Non bisogna dimenticare che anche l’attività fisica ha un rilevante ruolo per contrastare le malattie. Molte Asl italiane offrono il servizio di palestre per tutti coloro ai quali si sono presentati infarti, ictus e malattie croniche. Inoltre, bisogna prestare attenzione anche alla notevolissima alimentazione. Una dieta povera di zuccheri, grassi saturi e cibi ricchi di conservanti, fa si che il corpo si mantenga sano e con bassi rischi di malattie cardiovascolari.

Omeopatia

Attenzione però a trattare le patologie serie. Le tecniche descritte in precedenza possono seguire uno stile di vita, e come vale con l’integrazione, devono essere praticate giorno per giorno. Quando però si ha a che fare con casi estremi è bene confrontarsi con i farmaci e semmai la chirurgia.