Ricette di viaggio

Ricette con Viaggio: la Trippa di Lodi

SECONDO GIORNO

Ci si immette sulla SP 235 e in circa un quarto d’ora si arriva a Sant’Angelo Lodigiano, dove vale una visita il Castello di Sant’Angelo, costruito dai Visconti per assicurarsi il controllo del fiume Lambro. Il maniero ha ospitato anche Giacomo Casanova che lo cita nelle sue memorie. All’interno, si trovano oggi il Museo del Pane, il Museo Lombardo di Storia dell’Agricoltura e la Casa Museo Bolognini. In via Cesare Battisti si trova poi il caseificio Vi Gi Vi con vendita al dettaglio. Ultima tappa dell’itinerario è la zona vinicola di San Colombano al Lambro, che si raggiunge in circa 12 minuti percorrendo la SP 19. Dai vigneti da cui nasce l’omonimo vino si entra nel borgo per visitare l’oratorio di epoca carolingia. La Chiesetta di San Rocco del XVI secolo è un piccolo gioiello architettonico.  La sera, si conclude l’itinerario con una cena tipica a base dei piatti tradizionali, tra cui la corposa trippa, i risotti, gli arrosti e la cotognata, la marmellata di mele cotogne.

 

LA RICETTA: Büsèca (Trippa alla lombarda)

Tipico piatto invernale della tradizione lombarda occidentale, deve il suo nome al termine tedesco butze, cioè viscere. In italiano diventa buzzo, mentre in lombardo busa, cioè pancia. Da qui il termire busecca per indicare il tipico piatto a base di trippa.

Ingredienti

  • 1 carota, 1 cipolla, 1 costa di sedano
  • 4 cucchiai di passata di pomodoro
  • 700 gr di trippa precotta
  • 100 gr di pancetta tesa
  • 300 gr di fagioli bianchi precotti
  • 3 chiodi di garofano
  • 3 bacche di ginepro
  • 4 foglie di salvia
  • 30 gr di burro
  • Parmigiano Reggiano grattugiato
  • Pepe nero q.b.

Tritate la carota, il sedano e la cipolla. Soffriggete la pancetta con il burro poi aggiungete le verdure, la salvia, i chiodi di garofano e le bacche di ginepro. Aggiungete la trippa tagliata a pezzettini e i quattro cucchiai di passata di pomodoro. Pepate, aggiungete mezzo bicchiere d’acqua e fate cuocere a fuoco moderato per circa un’ora. Aggiungete poi i fagioli bianchi precotti e cuocete per altri 15 minuti. Servite in ciotole di cotto con una spolverata di Parmigiano Reggiano grattugiato e crostini di pane tostato.

Il vino: San Colombano Doc, un rosso dall’intenso colore rubino e dal profumo fruttato.

Dove acquistare: Azienda Agricola Pietrasanta, via Sforza 55, San Colombano al Lambro, tel 346/7219996, www.cantinepietrasanta.it

 

COME ARRIVARE

Lodi si raggiunge facilmente in auto percorrendo l’A1 Milano -Bologna fino all’uscita omonimo.

 

DOVE MANGIARE

 3 Gigli all’Incoronata, piazza della Vittoria 47, Lodi, tel 0371/421404. Locale nel centro storico che offre piatti della cucina lombarda e tradizionale, di terra e di mare. Prezzo medio a persona da 32 a 63 euro.

Trattoria Torretta, Piazza Sommariva 4, Lodi, tel. 0371/413547, www.trattoriatorretta.it . Menù con cucina tipica lodigiana rivisitata. Ampia scelta di secondi, tra cotolette e tagliate. Prezzo medio a persona € 30, bevande incluse.

 

DOVE DORMIRE

 Una Hotel Lodi****, loc San Grato, via Emilia, tel 0371/6201, www.unahotels.it .Struttura con 58 camere e un ristorante con menù tradizionale. Doppia da € 72.

Agriturismo San Bruno, loc San Bruno, San Colombano al Lambro, tel 0371/898008, www.agriturismosanbruno.it Struttura ricavata da un edificio del 1594, offre 10 camere arredate in stile tradizionale. Doppia con colazione da € 70.

 

INFO

www.turismolodi.it

www.turismo.provincia.lodi.it
www.stradasaporilodigiani.it