Weekend Italy

Veneto Segreto. Borghetto di Valeggio sul Mincio (VR), un borgo unico, tra fortificazioni e mulini ad acqua

Al di là delle mete turistiche più frequentate, il Veneto nasconde altre piccole località custodi di bellezza: dimore nobiliari e città fortificate, terme secolari e musei delle nuvole, mulini, torri, monasteri, ponti antichi e giardini da sogno. Tra colline verdeggianti, laghi, canyon. Con itinerari enogastronomici d’eccellenza

Di Benedetta Rutigliano

Non tutti, avvicinandosi alla città scaligera, sanno che Borghetto, piccola frazione del comune di Valeggio sul Mincio in provincia di Verona, è uno dei borghi più belli d’Italia. Un vero e proprio unicum urbanistico con il suo succedersi di cascatelle, case basse e caratteristiche, mulini ad acqua edificati per la molatura del frumento e la pilatura del riso.

Borghetto, la cui fondazione risale al periodo longobardo (VII- VIII d.C.) e il cui nome significa “insediamento fortificato”, si sviluppò in una posizione ideale per costruire una Curtis Regia sulle rive del fiume Mincio e a ridosso delle colline moreniche del Garda. Le dolci curve di queste ultime, che si fondono con l’andamento del fiume incorniciato da giardini fioriti in un paesaggio senza tempo, da sempre hanno suscitato gli interessi di possibili dominatori, in una zona di transito e naturale confine tra il Veneto e la Lombardia.

Fra l’XI ed il XII secolo, sulla riva sinistra del fiume, fu edificato il piccolo monastero di S. Maria, che svolgeva probabilmente funzioni di xenodochio, struttura di assistenza per viaggiatori e pellegrini. Il monastero fu poi controllato dall’Abbazia veronese di S. Zeno fino al 1331, quando la Signoria Scaligera lo inglobò nelle strutture del Caposaldo occidentale della fortificazione del Serraglio.

Gli Scaligeri costruirono le prime possenti mura per la difesa del centro e i due ponti levatoi che collegavano il Borghetto alla Curtis Regia. Il castello Scaligero, in posizione panoramica con vista sulla pianura e sulla valle del Mincio, è un’altra testimonianza del passaggio di questa famiglia, e fu in seguito collegato al ponte Visconteo, voluto dai Visconti a difesa dei territori veronesi appena conquistati.

Ma il castello fu abbandonato ai privati perché si puntò sulla fortificazione di Peschiera sul Garda, e il ponte divenne causa iniziale del declino di Borghetto: modificò il corso del fiume e la navigazione fu bloccata, per cui la forza idraulica del corso d’acqua venne sfruttata dai mulini, nuova fonte di sostentamento assieme alla pesca, prima dell’arrivo dell’attuale flusso di turisti innamorati di questo luogo magico.

A solo un chilometro dal ponte di Borghetto sul Mincio si trova l’altra meravigliosa attrazione della zona, il Parco Naturale di Sigurtà.

E, per una sosta golosa, dovete assolutamente assaggiare il famoso tortellino di Valeggio, o “nodo d’amore”. La leggenda racconta l’innamoramento tra la ninfa Silvia e il capitano Malco, il cui simbolo è un fazzoletto di seta dorata annodato dai due amanti prima di gettarsi nel Mincio. Si narra che nei giorni di festa, per ricordare la storia dei due innamorati, era consuetudine tirare una pasta sottile tagliata come il fazzoletto dorato e arricchita da un delicato ripieno: da qui la nascita del tortellino.

COME ARRIVARE

In auto: Percorrere l’A4, uscire a Peschiera del Garda e poi prendere la SR 249 e eseguire le indicazioni per Valeggio sul Mincio. In alternativa: A22 con uscita Affi, proseguire per circa 25 km in direzione Parchi del Garda, arrivati a Peschiera, prendere la SR 249 e seguire per Valeggio sul Mincio.

DOVE MANGIARE

*Lo Stappo, via Raffaello Sanzio 18/b, Valeggio sul Mincio (VR), tel 045/6370146, www.lostappo.com. Assaporare i gusti della tradizione in piatti curati con vista panoramica sul Mincio: un sogno che diventa realtà al ristorante L’autentico gusto di Borghetto in ottimi piatti caserecci.

 *I Giardini di Borghetto, Strada Viscontea 533, Valeggio sul Mincio (VR), tel 348/7826107,  www.giardinidiborghetto.com. Preparati freschi e cucinati con passione, da provare.

 DOVE DORMIRE

*Hotel Corte del Paggio, loc. Brugherio 74, Valeggio sul Mincio (VR), tel 045/7950606, http://hotelcortedelpaggio.it/ .Alle porte di Valeggio sul Mincio, si trova questo hotel, ospitato in una casa di campagna ristrutturata dall’arredo moderno e minimalista, con grande giardino e piscina.

 * Il Borghetto Vacanze nei Mulini, via Raffaello Sanzio 14/A, Borghetto di Valeggio sul Mincio (VR), tel 045/7952040, www.borghetto.it/ Chi vuole respirare a pieno l’atmosfera di Borghetto ha la possibilità di alloggiare in uno dei dieci mulini completamente ristrutturati e affacciati sul fiume, nell’albergo diffuso

INFO

www.valeggio.com