Auto & Donna

Nostalgie estive. In auto verso la Versilia, a Forte dei Marmi per i weekend settembrini

image_pdfimage_print

La dolce vita di Forte dei Marmi ci attende a settembre in una dimora di charme a 5 stelle.

E’ il luogo ideale per un soggiorno di relax al mare o come punto di partenza per visitare le città d’arte e le bellezze dell’alta Toscana, immersi nel fascino della storica Villa Agnelli
Sul litorale toscano, tra il mare e le Alpi Apuane, circondata da giardini e pinete rigogliose, Forte dei Marmi è una meta speciale e suggestiva nel mese di settembre.
L’Augustus Hotel & Resort, con le sue ville, il suo parco e la sua storia è protagonista di Forte dei Marmi e della Versilia. Fino dagli anni Venti, dalle prime scoperte di questo litorale da parte di artisti, intellettuali, aristocratici e uomini d’affari alla ricerca di privacy e comfort, cresce la fama di questo piccolo centro incastonato tra finissima spiaggia, pinete e lo scenario unico delle Alpi Apuane.

La storia di Villa Agnelli

Nel 1926 Edoardo Agnelli, figlio del Senatore Giovanni, fondatore della FIAT, e padre di Gianni, acquistò la neo-rinascimentale Villa Costanza, fatta costruire dall’ammiraglio Morin all’inizio del Novecento. Nasce la conosciutissima e mitologica Villa Agnelli, dove la grande famiglia di Torino trascorse lunghe e letterarie villeggiature per più di trent’anni. La presenza della famiglia Agnelli, costante fino agli anni Sessanta, contribuì ad attrarre a Forte dei Marmi esponenti dell’alta borghesia e dell’aristocrazia di tutta Italia, inaugurando un modello di villeggiatura dallo stile ricercato ed esclusivo del cosiddetto “vivere in villa” che nasce attorno a Villa Agnelli e alla sua pineta con lo svilupparsi di costruzioni immerse nel verde. Una zona strategica, un po’ segreta e riservata
non lontana dal centro del paese e vicina al mare.

Dalla villa all’Hotel Augustus

Villa Pesenti

Oggi la Villa Agnelli è l’Hotel Augustus Lido, una delle ville centrali dell’Augustus Hotel & Resort, nato agli inizi degli anni Cinquanta, dalla trasformazione di un’altra famosa villa, dallo stile caro all’élite artistica e letteraria che frequentava la zona e che era molto attenta alle istanze del Movimento Moderno: così l’architettura anni Trenta trovò a Forte dei Marmi terreno fertile. Primo nucleo della nascita dell’Augustus Hotel & Resort è Villa Pesenti, gioiello del nuovo stile modernista, progettata dal famoso architetto Osvaldo Borsani.

Villa Pesenti

Successivamente Augusta Pesenti nel 1953 alzò di un piano la villa originale trasformandola nell’Augustus Hotel, per oltre venti anni l’unico hotel De Luxe dell’intera Versilia .Attorno a questa struttura principale, caratterizzata da balconi utilizzati come veri e propri salotti all’aperto, furono costruite negli anni successivi nel grande parco sette ville dal gusto eclettico, realizzate da artisti e architetti di cui la signora Augusta fu mecenate. Una piscina gioiello inserita nell’angolo più lussureggiante del giardino e, dalla seconda metà degli anni Sessanta, la Nave, moderna struttura immersa nella pineta caratterizzata da lunghi camminamenti terrazzati che ricordano i ponti delle navi da crociera, completano l’Augustus Hotel & Resort.

villa Pesenti ingresso

In queste splendide ville di charme, tutte diverse e particolari, hanno soggiornato personalità del cinema, dell’arte, della cultura e del jet set giunte da ogni parte del mondo. Protetti e coccolati, in totale privacy, vi hanno soggiornato abitualmente personaggi come Jimi Hendrix, Charlton Heston, Oriana Fallaci, Eugenio Montale, Francesco Messina, Mario Monicelli, Paul Anka, Vittorio Gassman, personaggi dello spettacolo e dello sport e molti degli stessi eredi Agnelli. Ancora oggi personaggi famosi e famiglie importanti scelgono Forte dei Marmi e l’Augustus Hotel & Resort, come luogo ideale per la felicità dei loro bambini.

Il resort, si arricchì nel 1969 quando fu incorporata Villa Agnelli, valorizzando la vocazione ricettiva
dell’abitazione, destinata ad accogliere la numerosa famiglia degli Agnelli, che vi villeggiava circondata da una nutrita schiera di amici, ospiti e domestici. Un soggiorno che ancora oggi mantiene le caratteristiche di esclusività e riservatezza, grazie al sottopasso che solo gli Agnelli poterono costruire per raggiungere la spiaggia onde evitare l’attraversamento del viale a mare. Questo sottopassaggio resta a tutt’oggi unico in tutta la Versilia.

Lo stabilimento balneare

Attraverso un vialetto di ortensie, si raggiunge lo stabilimento balneare che, nato inizialmente come capanno sulla spiaggia e hangar di ricovero dell’idrovolante di famiglia, conserva il fascino della gioiosa cornice descritta da Susanna Agnelli in Vestivamo alla Marinara. In questi ultimi anni grande è stata l’attenzione della famiglia Maschietto nel mantenere alta la qualità degli edifici e dei servizi, con continue migliorie ed innovazioni.
Recentissimo esempio il nuovo fitness center realizzato in collaborazione con Technogym nell’edificio La Nave, dove il concept di benessere va oltre la palestra e prosegue con un percorso integrato di attività fisica outdoor nel parco, con proposte personalizzate nell’adiacente Day Spa e presso il ristorante La Fontana e La Sirena e il nuovissimo lounge bar per assaporare i gusti degli speciali menù wellness.

Sulla spiaggia, il rinnovato stabilimento balneare Augustus Beach Club offre una piscina di acqua salata riscaldata, 75 tende attrezzate, postazione per trattamenti benessere con possibilità di praticare molti sport acquatici, due ristoranti e sala convegni. La sera il ristorante Bambaissa, con veranda sul mare, è una delle cucine più raffinate della Versilia, particolarmente indicato per feste esclusive e cene in spiaggia a lume di candela.

L’Augustus Hotel & Resort a Forte dei Marmi, la più esclusiva località della riviera toscana, un soggiorno ideale per godere delle grandi risorse artistiche, paesaggistiche e mondane del territorio, un incontro culturale nella Villa della Versiliana, una visita alle istallazioni e alle gallerie d’arte di Pietrasanta, un aperitivo a La Capannina, il mitico shopping nelle boutiques del centro, i giganteschi Yachts a vela dei cantieri Perini a Viareggio, i marmi delle cave di Michelangelo, le architetture Liberty, la rutilante vita notturna delle discoteche e molto altro.
La famiglia Maschietto, protagonista sin dagli anni ’50 della storia del resort, gestisce ancora oggi l’Augustus Hotel & Resort e l’altro hotel di famiglia, l’Hermitage Hotel & Resort, all’interno di un bellissimo parco a due passi dal centro di Forte dei Marmi.

Augustus Hotel & Resort palcoscenico di una sfilata raffinata per la moda donna estate 2021 Chiara Boni

Forte dei Marmi. Sfilata Chiara Boni

CHIARA BONI La Petite Robe decide di dare il proprio contributo al sistema del Made in Italy scegliendo, dopo tante stagioni a New York, di sfilare in Italia in una location prestigiosa e per lei speciale, Forte dei Marmi, splendida località marittima della costa toscana e tra “i luoghi del cuore” della stilista.

Ed è proprio la raffinatezza disinvolta e spontanea, che emerge anche dalle fotografie degli anni Cinquanta e Settanta della riviera, la protagonista della collezione CHIARA BONI La Petite Robe per la stagione Primavera/Estate 21.

Le luci tenui di un tardo pomeriggio di fine estate e il colore dorato della sabbia del Forte si fondono
con la palette scelta per la sfilata: armoniosi toni di bianco crema abbinati a lievi sfumature di beige.
È un inno alla leggerezza, alla spensieratezza di una stagione che riempie il cuore di gioia e di
serenità.

Il jersey

Forte dei Marmi. Sfilata Chiara Boni

L’iconico jersey del marchio, connubio di funzionalità, e responsabilità verso l’ambiente, si fa più morbido e leggero per dare vita a silhouette fluide e scivolate. Abiti mono-spalla con femminili drappeggi o seducenti maniche a pipistrello, scivolano sul corpo per una raffinata
seduzione. Gonne in stile sarong si portano con i sofisticati costumi che rivelano corpetti scolpiti o
morbidi fiocchi, mentre minigonne in jersey si arricchiscono di voluminose balze
e strascichi in tulle che accarezzano la sabbia.

Forte dei Marmi. Sfilata Chiara Boni

Tagli di inspirazione tailoring caratterizzano i blazer doppiopetto da portare con pantaloni a sigaretta, mentre stampe di inspirazione sartoriale danno un tocco elegante alle tute, strette in vita da cinture abbinate. Rivelano silhouette iper femminili gli abiti dalle forme che richiamano l’eleganza degli anni Cinquanta, mentre una fluida seta sostenibile rende morbidi e leggeri i pantaloni indossati con polo senza collo e le piccole tuniche.
Se il mood dello show è monocromatico, lo showroom si accende di tonalità accese di fucsia, blu
cobalto e verde, ma anche di toni più discreti e senza tempo di flax, bronzo e denim. Mentre le
stampe della tradizione sartoriale incontrano la femminilità evergreen dei motivi floreali, gioiosi ed
eleganti.