In The World

Le 10 città più belle del mondo

image_pdfimage_print

Davvero difficile sceglierne solo 10, ma questa settimana, per la rubrica TOP 10, siamo andati alla ricerca delle città più belle del mondo. Non necessariamente grandi, o famosissime, ma che, comunque, ci hanno colpito. Sicuramente ognuno dei nostri lettori avrà la sua preferita, il suo luogo del cuore, quindi, vi presentiamo le 10 città più belle del mondo “secondo noi”, cercando di attingere da tutti e cinque i continenti.

1.Siena (Italia)

Non possiamo che cominciare dalla nostra bella Italia. E tra le città più belle del mondo, secondo noi c’è Siena, Patrimonio dell’Umanità UNESCO dal 1995. Adagiata sulle dolci colline del Chianti, dove nascono vini unici, circondata da antichi borghi ricchi di arte e di storia, con il paesaggio lunare delle Crete Senesi, la città è un vero e proprio gioiello visitato ogni anno da turisti provenienti da tutto il mondo, non solo per assistere al suo famosissimo Palio, che si tiene in Piazza del Campo due volte all’anno, il 2 luglio e il 16 agosto, ma anche per ammirare il suo centro medievale, salire sulla Torre del Mangia, alta 102 metri, passeggiare tra gli antichi palazzi dai muri rossi, ammirare la Fonte Gaia e assaporare le sue specialità enogastronomiche, tra cui il celebre panforte.

2.Kyoto (Giappone)

Un concentrato di storia e di atmosfere senza tempo. Kyoto si trova sull’isola di Honshu, a tre ore di treno da Tokyo, e per più di mille anni è stata la capitale del Giappone. Nota come la “città dai mille templi” ha conservato lo spirito del paese del Sol Levante, tra santuari buddisti e shintoisti, boschi di bambù, giardini zen, fonti termali. Da non perdere il “quartiere delle geishe”, dove si possono incontrare le donne in kimono tradizionale e partecipare ad alcune delle tradizioni più antiche del Giappone, dalla cerimonia del tè all’ikebana, l’arte della composizione floreale. Da non perdere una visita al tempio del Padiglione d’Oro, e al Palazzo Imperiale. Le stagioni migliori per visitare Kyoto sono l’autunno, per ammirare lo spettacolo degli aceri rossi, e la primavera, per la meravigliosa fioritura dei ciliegi.

3.Istanbul (Turchia)

Una storia millenaria e cosmopolita per la città turca, dichiarata dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità. Fondata dai Greci del VII secolo a.C, è stata conquistata prima dai romani, che la chiamarono Costantinopoli, poi dai sultani turchi. è stata capitale dell’impero bizantino e poi di quello Ottomano, diventando il fulcro commerciale e politico tra Oriente e Occidente. E, ancora oggi, la città porta orgogliosa i simboli del suo glorioso passato. Basta passeggiare tra le sue strade per respirare passato e modernità, tradizione occidentale e orientale. Tra le eccellenze da non perdere, Santa Sofia con la sua celebre cupola, la Moschea Blu con i suoi minareti, il Ponte sul Bosforo che collega Europa e Asia, Palazzo Topkapi con il suo harem e, per gli appassionati di shopping, il Gran Bazar tra profumo di spezie e ceramiche.

4.Budapest (Ungheria)

Una città dalle due anime. La capitale dell’Ungheria non può mancare nella nostra Top 10 di questa settimana. Un concentrato di storia e cultura, Budapest è letteralmente “tagliata in due” dal Danubio. Da una parte c’è la romantica Buda, con le sue stradine dalle atmosfere antiche e accoglienti e le casette colorate, il fascinoso Palazzo Reale e i bagni turchi, i Rudas che risalgono al XVI secolo e sono considerate le terme più belle del mondo. Dall’altra parte del grande fiume, invece, c’è Pest, con l’altero quartiere ebraico, con la sinagoga più grande d’Europa, il Parlamento e il museo che ricorda i periodi neri della storia della città, il fascismo e il comunismo. Al centro del fiume, poi, c’è l’Isola Margherita, ricoperta da 100 ettari di parco verde. Da non perdere poi, la cucina tradizionale, dal tipico gulash alla torta dobos al cioccolato e pan di Spagna.

5.Chefchaouen (Marocco)

La meravigliosa città blu si trova nel nord del Marocco, a circa 110 km da Tangeri ed è un’autentica meraviglia. C’è da rimanere a bocca aperta di fronte alla visione delle sue case dello stesso colore del cielo terso, che si alternano ai viottoli e alle stradine bianche e sfumano con il verde delle montagne del Rif che circondano le abitazioni. Questa splendida cittadina che sembra uscita da “Le mille e una notte” vanta, però, anche una storia straordinaria. È stata infatti fondata nel XV secolo dai musulmani e dagli ebrei in fuga dalla Spagna tornata nelle mani dei cattolici. Per questo, la città è un armonioso connubio di influenze arabe, berbere, ebraiche e andaluse. Senza dimenticare la favolosa cucina dalle mille sfumature di gusto. Tra le mete da non perdere si sono l’antica Medina e passeggiare nella piazza di Outa-el-Hammam al tramonto. Per gli appassionati di trekking, c’è anche il Parco Nazionale di Talassentane.

6.Gand (Belgio)

Secondo noi merita un posto nella nostra TOP 10 anche la splendida città fiamminga di Gand (o Gent), che si trova tra Bruges e Bruxelles, nelle Fiandre orientali. Situata alla confluenza dei fiumi Schelda e Lys, ha un centro storico dichiarato dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità e si compone di canali, ponti, stradine e vie d’acqua che la collegano al Mare del Nord e dipingono paesaggi di romantici riflessi. Gand è un concentrato di storia, arte e architettura, tra palazzi, castelli costruiti tra il XIII e il XVIII secoli, antiche abbazie, monumenti e chiese. Qui, poi, è nato Carlo V. Tra le eccellenze da non perdere c’è il Ponte di San Michele, il Castello dei Conti, la Torre Campanaria, la cattedrale gotica di San Bavone, che custodisce al suo interno il Polittico dell’Agnello Mistico dei fratelli Van Eyck. In ogni caso è una città da vivere con ritmo lento, magari in barca, facendosi cullare tra i suoi canali che sembrano usciti dall’estro di un pittore.

7. L’Avana (Cuba)

Amata da Hemingway e da Neruda, la capitale cubana è un concentrato di storia, arte, natura e tradizioni caraibiche, dal rum alla salsa. I suoi palazzi coloniali sono stati dichiarato dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità, mentre la sua rigogliosa natura regala spiagge cristalline bagnate da un mare dai colori mozzafiato, un arcipelago di più di 4000 isole minori, e i Cayos dove fare immersioni o snorkeling. Nelle strade, poi, tra un rum e una salsa, si vedono ancora passare le coloratissime auto d’epoca. La movida h24 ne fa poi una delle mete preferite da visitatori provenienti da ogni parte del mondo. Tra le eccellenze che valgono una visita c’è il quartiere di Habana Vieja, il Museo del la Revoluciòn e il lungomare Malecòn, di ben 8 km. Da non perdere una sosta alla Bodeguita del Medio, il ristorante preferito da Hemingway.

8. Cape Town (Sudafrica)

Nella nostra TOP 10 entra anche una città dell’altro capo del mondo, appunto Cape Town, capitale legislativa del Sudafrica, ma anche un sapiente mix di natura, storia, musei, buon vino, surf e pinguini. Insomma, ogni visitatore troverà qui la sua soddisfazione in una città di contrasti solo apparenti. A partire dal suo splendido paesaggio, tra l’Oceano Atlantico e le montagne, passando dalle sue atmosfere, che da un lato testimoniano il suo passato coloniale e la piaga dell’Apartheid, che ha diviso il paese dal 1948 al 1993, dall’altra guarda al futuro come una metropoli moderna e cosmopolita. Spettacolare il panorama che si gode dalla cima di Table Mountain. Tra le escursioni da non perdere c’è Robben Island, nella cui prigione è stato incarcerato Nelson Mandela per 18 anni. Nella Riserva Naturale del Capo di Buona Speranza, invece, si può ammirare il celebre faro e avere un incontro ravvicinato con i babbuini che qui vivono liberi.

9. San Miguel Allende (Messico)

Per due anni consecutivi, è stata eletta città più bella del mondo dai lettori di Travel + Lesure, una delle riviste di viaggi più prestigiose del mondo. San Miguel Allende è un concentrato di bellezza, per le sue architetture barocche, antichi palazzi e chiese che hanno indotto l’UNESCO a dichiarare il suo centro storico Patrimonio dell’Umanità nel 2008. Qui si mescolano poi tradizioni creole, spagnole e amerinde. La città si trova nello Stato di Guanajuato, a duemila metri sul livello del mare e accoglie il visitatore con le sue atmosfere ospitali, familiari, tra stradine di ciottoli, laboratori artigiani, pittoreschi caffè e case decorate dalle bouganville. A 14 km dal centro si trova poi il Santuario di Jesus Nazareno de Atotonilco, che vale una visita. Da non perdere poi una passeggiata nel Jardin Principal, o un trekking nella Riserva Naturale di El Charco del Ingenio. Tra i sapori locali, imperdibile le enchiladas mineras, una specie di tortillas ripiene di formaggio e pollo.

10. Hong Kong (Cina)

Chiude la nostra TOP 10 di questa settimana la metropoli cinese dalle mille sfaccettature, che da sola accoglie la metà di tutti i turisti della Cina. Innegabile il suo fascino, tra antichi templi taoisti e grattacieli futuristici, edifici coloniali e antichi quartieri dalle atmosfere senza tempo. Ma anche spiagge dalla sabbia dorata, con un clima mite tutto l’anno, più di 200 piccole isole da scoprire, e poi musei, parchi, e 14 mila ristoranti per tutti i gusti. Gli amanti dello shopping si innamorano delle sue boutique di lusso, ma anche delle piccole botteghe artigiane, dei mercati e dei grandi centri commerciali, per non parlare dei pittoreschi street market. Da non perdere il panorama della città a 360° che si ammira dalla Sky Terrace 428. Vale una visita anche la statua del Grande Budda su Lantau Island e il Victoria Harbour, da visitare pieno di luci con una romantica crociera notturna.