super 4x4 WEEKEND-CAR PREMIUM

Jeep Hot Rod Levi’s Edition: il fascino vintage delle hot rod conquista il mondo dei fuoristrada

Puntuali come ogni settimana, la redazione di Weekend premium è qui per soddisfare la vostra voglia di auto EXTREME con una vettura decisamente unica nel suo genere, frutto del lavoro certosino e della passione di un team tutto italiano.

La protagonista di oggi è la strepitosa Jeep Hot Rod Levi’s Edition, one off realizzata nel 2015 dal Jeepers Club Milano per celebrare il 40esimo anniversario della CJ Levi’s Edition. La vettura ha fatto la sua prima apparizione durante il Jeeers meeting 2015, conquistando in maniera unanime l’apprezzamento di appassionati e addetti ai lavori.

Omaggio ai mitici jeans Levi’s

 

Ad ispirare questo capolavoro di design e tecnica è stato il mitico marchio americano di jeans Levi’s, fondato nel 1872 da Levi Strauss e dal sarto Jacob Davis. Nel corso degli anni questi iconici jeans sono diventati un vero e proprio must, grazie anche ad alcuni celebri attori. Tra i più celebri ricordiamo James Dean e Marlon Brando, entrambi erano soliti indossarli nei rispettivi film. Ovviamente l’altra fonte di idpirazione è il marchio Jeep, capace di incarnare al meglio lo spirito off road a stelle e strisce. Ricordiamo inoltre che la mitica Willysfu usata dall’esercito americano nella seconda guerra mondiale, diventando un vero e proprio simbolo dei veicoli militari di oltre oceano. Infine, il terzo elemento di ispirazione sono le hot rod, nome che identifica la passione tipicamente americana di customizzare le auto d’epoca rendendole dei veri e propri bolidi dalle forme a dir poco originali.

Perfetto mix tra jeep e Hot Rod

Il Jeepers Club Milano guidato da Bruno Tinelli ha realizzato la Hot Rod Levi’s Edition del Jeepers Club Milano partendo dalla base di una CJ 6 degli anni ’60. La vettura ha mantenuto inalterate la tipica calandra jeep e sono state adottate enormi ruote da off road Cooper STT (misura 35×12,50R15). Il telaio è stato tagliato e modificato, mentre l’assetto è stato modificato con l’adozione di nuovi assali e inediti distanziali. Non mancano nuovi ammortizzatori idraulici, mentre l’impianto frenante è stato sostituito completamente con uno più rinforzato. La vettura è stata inoltre rinforzata con una nuova struttura di supporto specifica. Gli interni sono stati completamente ripensati, il team milanese ha infatti studiato un abitacolo estremamente originale e alla moda, realizzato utilizzando ovviamente il tessuto jeans.

Un poderoso V8

Per quanto riguarda il propulsore, il Jeepers Club Milano ha optato per un poderoso V8 5.9 litri da 160 CV. Questa unità è stata “presa in prestito” da una Jeep Wagoneer del 1972 ed è stata revisionata in ogni sua parte. Inoltre, sono stati adottati nuovi componenti per renderlo più affidabile ed efficiente. Per quanto riguarda la trasmissione, si è optato per un cambio meccanico 4 rapporti mod.T176 proveniente da una Jeep Cherokee 1980, anch’esso completamente revisionato. Se desiderate avere altre informazioni su questo prodigio vi consigliamo di visitare il sito web offroad lifestyle.