Paestum torna a ospitare la XXI edizione della BMTA e celebra il gemellaggio con Palmira

La località campana ospiterà ancora una volta, dal 15 al 18 novembre, la manifestazione dedicata alla promozione dei siti e le destinazioni di richiamo archeologico che quest’anno arriva alla sua 21° edizione. Oltre ad avere numerosi ospiti illustri Paestum salderà il legame con Palmira attraverso un gemellaggio.

Spread the love

La XXI edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, Un format di successo testimoniato dalle prestigiose collaborazioni di organismi internazionali quali UNESCO e UNWTO, torna a Paestum dal 15 al 18 novembre. Il Centro Espositivo del Savoy Hotel ospiterà la manifestazione, in modo da facilitare l’aspetto logistico per gli espositori e i visitatori, dal momento che sita solo 2 km dal Parco Archeologico, dal Museo e della Basilica dove avranno luogo le altre sezioni. Sono oltre che da 12.000 visitatori, 120 espositori di cui 25 Paesi esteri, circa 60 tra conferenze e incontri, 400 relatori, 120 operatori dell’offerta, 100 giornalisti accreditati.

Si celebrerà il 20° Anniversario dell’iscrizione nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’UNESCO dell’area archeologica di Paestum e di Troia.

Inoltre, ci saranno anche altri protagonisti: La Grotta di Chauvet, a rappresentare il grande successo della Preistoria in Francia, con la Conservatrice Marie Bardisa e il sito di Angkor con Azedine Beschaouch Segretario Scientifico dell’ICC-Angkor.

Da sottolineare, poi, le presenze di nomi prestigiosi che hanno segnato le più grandi scoperte, quali Paolo Matthiae, che portò alla luce l’antica città di Ebla in Siria, e Dan Bahat, per decenni l’archeologo ufficiale di Gerusalemme, scopritore e scavatore del tunnel sotterraneo e, ancor prima, a fianco di Ygal Yadin nell’equipe degli scavi di Masada.

Nell’ambito del dialogo interculturale, sarà presentata ufficialmente l’Associazione Internazionale “Amici di Palmira” e Paestum salderà il suo legame attraverso un gemellaggio con la città siriana. Il sito archeologico della città, che è stato occupato dallo Stato Islamico negli scorsi anni, ha subito diversi danni, ma verrà ristrutturato e sarà riaperto al pubblico nel 2019.

Palmira. Via colonnata dal tetrapilo all’arco. (Associazione Decarch)

La BMTA si conferma, quindi, un evento originale nel suo genere: sede dell’unico Salone Espositivo al mondo delle destinazioni turistico-archeologiche; luogo di approfondimento e divulgazione di temi dedicati al turismo culturale e alla valorizzazione; occasione di incontro per gli addetti ai lavori, gli operatori turistici e culturali, i viaggiatori, gli appassionati; opportunità di business con il Workshop tra la domanda, rappresentata da buyer esteri selezionati dall’ENIT e nazionali dell’AIDIT Associazione Italiana Distribuzione Turistica, e l’offerta del turismo culturale e archeologico.

Maggiori info BMTA qui