City Break

WEEKEND A CRACOVIA (PARTE 2) L’ITINERARIO ALTERNATIVO

Testo e Foto di Cesare Zucca –

Siete dei turisti “non turisti”? Preferite scoprire un quartiere meno battuto dalle folle dei visitatori?
Basterà fare una passeggiata e raggiungere Podgorze, una zona tranquilla, immersa nella natura e comunque ricca di storia e architettura. Ci arriverete attraversando l’azzurro Pilsuskiego, uno dei tre ponti sulla Vistola che separano Podgorze dalla Città Vecchia.


Noleggiare una bici?
Buona alternativa per godersi la città, con una scorribanda nel centro, un rilassante percorso lungo il fiume o una pedalata fuori porta, in gruppo o da soli. Il costo va dai 2 Euro all’ora a 13 Euro per una giornata. Cool Tour Company (Grodzka 2, krakowbiketour.com) offre una vasta gamma di bici vintage e perfino tandem. Cruising Krakow (Basztowa 17 interno, cruisingkrakow.com) non occorre prenotare. Potete fare un giro di circa 4 ore con sosta per rifocilarsi di zurek e pierogi. Occhio all’affare! Da Two Wheel (Józefa 5, dwakola.internetdsl.pl) se decidete di noleggiare bici per più giorni il prezzo scende in base alla vostra abilità negoziativa, mentre Rent-A-Bike (rent-a-bike.pl)  consegna e ritira le bici a domicilo.


Zigzagando tra i negozi in stile comunista che si affacciano sulla via Kalwarjiska, raggiungerete una piazza disseminata da grandi sedie in ferro, a ricordo delle vittime dell’Olocausto. E’ la Plac Bohaterow Getta tristemente famosa per essere stata il luogo di raduno degli ebrei destinati ai campi di concentramento.

Qui potrete visitare la minuscola Apteka Pod Orlem una farmacia centenaria che fu il punto di incontro di scienziati e artisti che vivevano nel ghetto.
Una breve passeggiata vi porterà alla Fabbrica di Schindler (Lipowa 4) o meglio, al museo interattivo che sorge nel luogo dove era situata la fabbrica. Attraverso ambientazioni, oggetti, suoni e documenti viene ricordata l’opera umanitaria dell’ avventuriero tedesco Oskar Schindler e della sua lotta per evitare gli orrori delle persecuzioni antiebraiche.

Vi attende un emozionante percorso di una strada simbolica che illustra momenti della vita degli ebrei e dei polacchi sotto i nazisti. Terminata la visita al museo, concedetevi pure un lungo respiro di sollievo anche perche’ si cambia pagina, Infatti vi aspetta un tuffo nei colori dell’arte contemporanea esposta nel museo Mocak (www.mocak.com.pl) progettato dagli architetti italiani Claudio Nardi e Leonardo Proli.

Escursione al sale
Se cercate un’ escursione davvero diversa, visitate Wieliczka (wieliczka-saltmine.com), incrdibile miniera di sale attiva da ben 700 anni. Dista solo 15 chilometri da Cracovia ed e’ raggiungibile con il treno dalla stazione ferroviaria o tramite gli autobus che partono dalle vie Basztowa e Starowislna oppure con il supereconomico bus giallo 304 (meno di un euro) che parte ogni 20 minuti dalla fermata Dworzec Glowny Zachod alla Galeria Krakowska.

Esistono anche mini bus e i taxi sono a prezzi modici. In un labirinto lungo quasi due chilometri, vi attendono tunnel, scavi archeologici, laghi, cappelle, statue, bassorilievi. C’e’ perfino una mastosa cattedrale con una riproduzione dell’ Ultima Cena.

Tutto un mondo realizzato in sale e animato da luci, musica e i personaggi, veri o leggendari, che fanno parte della storia di questa incredible caverna sotterranea, profonda 300 metri e illuminata da meravigliosi candelabri, anch’essi di sale. Al termine del giro treverete un negozio souvenir dedicato ai prodotti in salgemma e un simpatico ristorante polacco dai prezzi fortunatamente “non salati”…

Dove dormire a low budget
Molti B&B a pezzi modici : Globtroter (globtroter-krakow.com), Tango House (tangohouse.pl), mentre tra gli ostelli: The Secret Garden Hostel (thesecretgarden.pl), Good Bye Lenin (goodbyelenin.pl), Ars Hostel (arshostel.pl) Art Mont (art-mont.com),
E prenotare un appartamento? Ottima soluzione se siete in piu’ di uno. L’importante e’ alloggiare nella Città Vecchia, quindi attenzione nel scegliere la vostra location. Quasi tutti gli appartamenti sono dotati di molti confort e hanno un design curato, TV satellitare e Wi Fi.

Sono forniti di cucina ben attrezzata, che magari potreste utilizzare una sera per una cenetta stile polsky, a base delle delizie gastronomiche polacche (ovviamente già belle e pronte) che troverete sia in piccole botteghe alimentari, sia nel colorato mercato Stary Kleparz opuure nel fornitissimo Krakowski Kredens (Grodzka 7) il tutto inaffiato dalle ottime birre locali.
Ecco qualche indirizzo.
P&J Apartments (apartmentcracow.com), Apartmenthouse Grodzka (grodzka.net.pl), B&B La Fontaine (bblafontaine.com) Old City Apartments (oldcityapartments.eu/it)

Dove mangiare
Ancora (Dominikańska 3) cucina innovativa del master chef Adam Chrzastowski. Ambiente dall’arredamento moderno e raffinato ma nello stesso tempo semplice e spartano, quasi come se tutta la vostra attenzione debba essere rivolta a cio’ che sta per arrivare in tavola, piuttosto che a cio’ che vi sta intorno.

Adam si diverte a inventare, sconvolgere e stupire. “Sono attento a cio’ che la stagione, come la vita, mi propone” spiega lo chef “ in estate, quando il fungo e’ protagonista, creo un menu tutto a base di finferli, mentre dedico l’autunno alla carne di cervo, servita con pere e zafferano”. Come intermezzo un esplosivo shot di vodka al pepe con ostrica e limone
Alla riscoperta dei bar MLECZNY
Per un pasto veloce o semplicemente uno snack poco impegnativo, avventuratevi in uno (o piu’) dei tanti bar mleczny (chiamati anche milk bar). Retaggio dell’era comunista, proponevano piatti poveri a base spesso di latticini. Qui potrete assaporare, oltre all’ottimo cibo casalingo, l’atmosfera del tempo passato..

Entrando vi troverete a fare la fila tra studenti, pensionati, squattrinati e turisti. Arredamento essenziale. Il menu e’ scritto (in polacco) sulla lavagna. Ritirate un numero e quando viene chiamato (in polacco), raggiungete la finestrella da cui sbuca una signora (che parla solo in polacco) e ordinate (in polacco…) Insomma, con un po’ di immaginazione e il gentile supporto di traduzione spesso offerto dagli altri clienti polacchi, riuscirete a gustare ottimi piatti fatti in casa a costo davvero irrisorio. Un primo e secondo di carne con contorni costa pochi euro.

Trionfano le zuppe, tra cui la koperkowa (latte, verdure e aneto), la classica zurek (segale, patate, salsicce, uovo e alloro, talvolta servita in un piatto di pane), la kapuśniak (crauti, patate e bacon). Trionfa la kasza manna na mleku (latte e semolina) che, richiestissima, sparisce alla mattina.
I mleczny chiudono alle 17, ma non arrivate troppo tardi o non troverete nulla…


Purtroppo in via di estinzione
A causa dell’aumento dei costi d’affitto sono sempre più rari, Snack bar e self service hanno preso il posto dei vecchi mleczny. Trovarne uno ancora funzionante è una caccia al tesoro. Eccovi le mie ricerche. Eccone alcuni: Bar mleczny (Grodzka 3) Krakus (Limanowskiego 16), Warsztat (Izaaka 3), U Stasi (Mikołajska 16) Pod Barbakanem (Mostowa 27) Dworzanin (Florianksa 19) Południowy (Rynek Podgórski 11) In versione “piu evoluta” i quattro ristoranti della catena Polakowsky (polakowski.com.pl) servono il migliore bigos (carne e cavolo) della citta’.Consiglio finale: per un conveniente cambio euro-zloty (la moneta polacca ) meglio evitare l’ aereoporto e rivolgersi a uno dei numerosi botteghini, spesso uno di fianco all’ altro, che troverete nei supermaket o nelle strade piu’ affollate. Informatevi e scegliete il più vantaggioso.
Per informarvi, godere al meglio della città e per sapere sempre dove andare
Qui troverete notizie, informazioni e curiosità:
Siti web: krakow.pl, krakow-info.com, cracow-life.com App iTunes: Krakow, Cracovia guida di viaggio, KRK in your pocket oppure, se siete già a Cracovia, potete semplicemente rivolgersi al Tourist Information Office (Mariacki Square 3) oppure ai numerosi uffici turistici, sparsi per tutta la città (krakow-travel.com)
Utilissima la Krakow Tourist Card (krakowcard.com) di due o tre giorni . Offre trasporti gratuiti, 40 musei più sconti per ristoranti ed escursioni.