Weekend con gusto

Viaggio “gourmet” nella verde Umbria. Tra stelle, meraviglie, incantesimi…

image_pdfimage_print
La verde Umbria

(In italian and english)
Weekend Premium vi porta in un “gourmet tour” in una delle regioni più belle, più incantate e più golose : l’Umbria.

Pronti?  Si parte!
Le delizie della cucina umbra

Una cucina robusta, vigorosa e schietta, con prodotti del territorio, come i tartufi,  le lenticchie di Castelluccio, i salumi e insaccati, i dolci della tradizione, come la ciaramicola pasquale, l’impastoiata, le buonissime torte al formaggio e l’imperdibile torta al testo, una morbida focaccia che viene abbondantemente farcita da capocollo locale, salumi o verdure.

i tradizionali crostini alle verdure, al sugo e all’immancabile patè di fegato

Ecco le Stelle Michelin

Partiamo da Vespasia (Norcia)  dove da poco è sbarcata una delle Chef che in assoluto io adoro: Fumiko Sakai che farà coppia con Fabio Cappiello. Nata in Giappone, Fumiko riesce a fondere gusti e emozioni orientali nei piatti della tradizione italiana, attenta e interessata all’uso dei prodotti locali.

Norcia
Norcia

Gli accurati piatti dei due chef mirano a deliziare il palato, con un focus su ricette regionali e ottimi ingredienti locali come il tartufo nero e le lenticchie.
Citazione doverosa: Maialino morbido e croccante con chutney di mele

Fumiko Sakai, una delle mie chef preferite

Casa Vissani (Baschi) aperta Luglio, Agosto e Settembre tutti i Mercoledì sera, i Giovedì, Venerdì e Sabato a pranzo e cena e la Domenica a pranzo. Nel menu del suo celebre chef Gianfranco Vissani, troviamo alcuni dei suoi piatti top: Cubo di tonno con avocado, limone e caffè, Bisontè alla giapponese, asparagi al burro e parmigiano reggiano, Zuppa di fagioli del purgatorio, tonda di pesto e vongole veraci e la leggendaria Faraona in casseruola con olive taggiasche, funghi, capperi e patate sotto la brace all’olio. La Casa è anche hotel, dove potrete soggiornare in splendide camere per scoprire l’Umbria e le sue meraviglie.

Chef Gianfranco Vissani

Perugia, la capitale della bellezza

In pieno centro troviamo la meravigliosa Piazza della Fontana Maggiore, il Palazzo dei Priori, la Galleria Nazionale e il Pozzo Etrusco, proprio di fianco alla Antica Trattoria San Lorenzo guidata dallo Chef Simone Ciccotti.

L'incanto di Piazza della Fontana a Perugia
L’incanto di Piazza della Fontana Maggiore a Perugia

Circondato da antiche mura e volte a vista, il ristorante propone una cucina creativa di ricerca, originale e personale, attingendo ai piatti della tipica cucina Umbra e alla tradizione gastronomica italiana. Simone Ciccotti, da oltre venti anni è portavoce della cucina italiana all’estero, dove partecipa alla realizzazione di Festival Gastronomici e corsi di cucina, sui piatti regionali, e sui piatti di tradizione italiana. come “The James Beard Foundation in New York”.

Il caldo sposa il freddo: Muffin di cipolla rossa, marmellata al pomodoro, stracchino di gelato al gorgonzola. mentre e una citazione dell’iconica caramella Rossana Perugina, rivisitata con un ripeno di caciottina locale

Simone è membro del gruppo Ristoratori Italiani in U.S.A , Chef consultant del Gruppo Tuscan Owen NY e Presidente regionale Accademia Nazionale Italcuochi.
Impossibile non citare il suo superlativo Uovo e Uovo, Uovo di fagianella croccante, crema di patate di Pietralunga, acqua di tartufo nero Giuliani tartufi.

Uovo e Uovo , una delle sorprese di Simone

Ciccotti ha deliziato con i suoi piatti molti nomi illustri, tra cui Papa Giovanni Paolo II, Sofia Loren, Giorgio Armani, Michael Douglas e Britney Spears.

Chef Simone Ciccotti , Antica trattoria San Lorenzo, Perugia

Cambiamo atmosfera e scopriamo (e proprio il caso di dirlo) un altro ristorante storico di Perugia: La Taverna, locato in una deliziosa piazzetta nel tortuso Vicolo delle Streghe…

L’insgna dell Taverna nei meandri del Vicolo delle Streghe

Da piccolo, quando facevo i capricci, mamma mi faceva passare da questo vicolo, allora disabitato, dove il vento creava dei sibili che si dicevano essere le lamentele dell streghe…Puoi immaginare il mio terrore…”
Così mi racconta Claudio Brugalossi, grande personaggio (e grandissimo cuoco) perugino, nonchè proprietario di questa Trattoria che si rifà alle tradizioni gastronominche umbre e che è da sempre uno dei ristoranti favoriti dai perugini e non solo… 

Claudio Brugalossi

Tra i clienti illustri basti citare ben quattro Presidenti della Repubblica, l’iconico Tony Bennet, grande fan di Claudio, Antony Hopkins e la superstar Lady Gaga che, durante Umbria Jazz Festival, ha voluto cenare alla Pergola portando con sè tutta la band e la famiglia Germanotta al completo!

La rustica semplicità di una panzanella alle verdure e fiordilatte e la “tatin” di cipolla Cannara al vapore con fonduta di pecorino e un’abbondante pioggia di tartufo

Nei piatti di Brugalossi dolcezza e sapidità si bilanciano sapientemente, come la dolce cipolla Cannara al vapore che sposa una saporita fonduta di pecorino e un’abbondante pioggia di tartufo. Ritorna la citazione della famosa caramella Rossana, dove Brugalossi riporta il rosso della confezione in un ripieno alla rapa rossa.

La famosa caramella Rossana Perugina, rivive nel piatto di Brugalossi

Lasciamo le Streghe per ritrovarci in un ambientie degno di vere Pricipesse…
Siamo al Ristorante Collin’s dell’Hotel Brufani, alloggio storico di Perugia.
Le delizie e le soprese arrivano subito, nell’adorabile dehors dove ci viene servito un cocktail a base di fiori di sambuco e accompagnato da irrestibili cialde con pathè di fegato.

Un aperitivo servito nel dehors

Poi entriamo nella lussuosa hall per raggiungere la sala da pranzo, dove sembra che improvvisamemete possa far capolino la principessa Sissi…

Rosè Brut Lungarotti di Montefalco accoppia un rochè di fegato e tartufo

Al timone del Collin’s troviamo lo Chef Marco Gargaglia, la cui cifra stilistica è chiara: materie prime sensazionali, autentiche e stagionali che chiedono solo di essere valorizzate; tecnica capace di esaltare i sapori, l’eleganza e l’armonia di ogni piatto.

Marco Gargaglia

Giovane, brillante, voglioso di crescere,  passando ovviamente per le migliori espressioni asiatiche (diventate un suo vero pallino, anzi una passione maniacale)

Tataki di gambero irrorato da estratto di prosciutto e paccheri rigati con agnello stracotto e cipolla caramellata
Tataki di gambero irrorato da estratto di prosciutto e paccheri rigati con agnello stracotto e cipolla caramellata

Alla domanda: “La meta dei tuoi sogni?” risponde ovviamente “Il Giappone” Itinerario di un sogno che rivela nelle sue composizioni, come il tataki di gambero con estratto di prosciutto

Faraona con suo fondo e peperoni, un piatto da Oscar!

Scelti per voi

Buca di San Francesco (Assisi)
La locanda del Cardinale (Assisi)
Serpillo, Da Oscar (Bevagna)
La Bastiglia (Spello)


Fiorfiore (Todi)
I sette Consoli, La Palomba( Orvieto)
San Lorenzo, Apollinare, Tempio del Gusto (Spoleto)
Nascostoposto (Terni
Porta Tesseneca (Gubbio)

Gubbio

Narni (Terni): quando “Chef” è al femminile:  la squisita cucina di Mariana

Eccoci a Narni, straodinario borgo… sopra e sotto!
Antica fortezza romana, oggi si svincola tra piazze, botteghe, viuzze, scalinate e impareggiabili scorci panoramici, tra cui il più suggestivo si trova in direzione del ponte sul Nera, dove potrete ammirare il maestoso arco superstite del Ponte di Augusto, costruito neI  I secolo a.C.

Le incantevoli viuzze di Narni e il maestoso Arco di Augusto

Il sottosuolo di Narni ci offre un percorso stupefacente, che si snoda tra cquedotti, cisterne, cunicoli, cripte e perfino la sala delle torture del Tribunale dell’Inquisizione, con una cella che ancora mostra i graffiti incisi dai prigionieri in attesa di essere condannati.

Narni sotterranea
Narni sotterranea

Risaliamo alla luce e scopriamo il ristorante Il Fondaco, situato nel centro storico , al piano terra di un palazzo storico del secolo XVI. Ci accoglie la esuberante chef Mariana Sima che propone piatti tipici della cucina della bassa Umbria tra cui i tradizionali manfricoli fatti a mano e conditi con pomodoro e peperoncino piccante, molto piccante…

La Chef Mariana Sima e i suoi tradizionali manfricoli alla narnese

Quel borgo nascosto…

A Torgiano (Perugia) ci aspetta un incantevole lembo d’Umbria. Tra il verde dei suoi giardini e il turchese della splendida piscina, il meraviglioso Resort&Spa Tre Vaselle ospita l’ elegante ristorante Le Melograne dove impera lo Chef Marco Di Pietrantonio

Un elegante privè nel ristorante Le Melograne

La prerogativa dello Chef sono semplicità e chiarezza. Di Pietrantonio predilige i sapori netti e distinti, raramente un suo piatto trovimo più di tre ingredienti, in perfetta fusione aromatica e gustativa, come la sua pasta chitarra con polpa di riccio, pomodorini e basilico oppure la spigola di mare scottata su un letto di olive taggiasche e pomodori essiccati, dove il condimento è affidato a un jus di menta e lime.

Chef Marco Di Pietrantonio de’ Le Melograne e la sua spigola scottata

Nel calice, un paradisiaco Torre di Giano “Vigna Il Pino” 2015 ottenuto da uve di vermentino, grechetto e trebbiano, un piacevole bianco dai sentori di frutta con una leggera speziatura dolce e un cenno di vaniglia, un vero capolavoro delle Distillerie Lungarotti, proprietarie del Resort

La chitarra e il paradisiaco Torre di Giano “Vigna il Pino”
Marco ama i dolc. Ecco un irresistibile semifreddo alle mandorle con cioccolato fondente

E per finire… Il Castello di Petroia: un segreto da scoprire

A metà percorso della strada antica che da Perugia porta a Gubbio, si staglia all’orizzonte la severa e maestosa mole del Castello di Petroia, con la sua Torre, Il Castello dei Signori e il Castello della servitù. Questo fiabeso edificio offre camere per gli ospiti, la sala colazione, il ristorante, la libreria e 9 suites.

Castello di Petroia

Il menu è curato da Walter Passeri che  con attenta ricerca storica delle cucina antica umbra, ha creato un sapiente connubio tra tradizione ed innovazione.
La sera si cena a lume di candela.

Un elegante piatto di Chef Passeri

Tra i vini dell’Umbria: abbiamo scelto…

Una meravigliosa immagine della vigna Monticchio in autunno.
Una meravigliosa immagine della vigna Monticchio in autunno.

I vini delle cantine Lungarotti, simbolo dell’eccellenza enologica umbra, iniziata da Giorgio Lungarotti, pioniere della moderna enologia italiana e fondatore dell’azienda di Torgiano, piccolo borgo a pochi passi da Perugia, una passione che prosegue di generazione in generazione e che conta ben 250 ettari di vigneti,

Alcune delle 29 etichette delle Cantine Lungarotti

Fino dal 1962, Il cavallo di battaglia delle cantine Lungarotti è il Rubesco, un rosso dal corpo equilibrato, uve Sangiovese e Colorino, colore rubino, profumi speziati con decisi richiami al pepe e al tabacco dolce e sottofondo di confettura rossa e violetta.


.

INFO
Sviluppo Umbria
Narni Sotterranea
Antica Trattoria San Lorenzo
Vespasia
Casa Vissani
Collin’s
Tre Vaselle 
Le Melograne
La Taverna
Lungarotti Wines
Il Fondaco
www.dreavel.com

CESARE ZUCCA
Travel, food & lifestyle.
Milanese di nascita, vive tra New York, Milano e il resto del mondo.
Per WEEKEND PREMIUM fotografa e racconta città, culture, stili di vita e scopre delizie gastronomiche sia tradizionali che innovative.
Incontra e intervista top chefs di tutto il mondo, ‘ruba’ le loro ricette e vi racconta il tutto qui, in stile ‘Turista non Turista’

 

La settimana prossima vi porteremo a… meravigliosa sorpresa!

next “gourmet” stop

For the english version , just turn the page. Click Next>