City Break

RIGA: 8 MOSSE PER SCOPRIRE LA ‘GEMMA DEL BALTICO’, COSA FARE, DOVE ALLOGGIARE E DOVE MANGIARE

image_pdfimage_print

TESTO E FOTO DI CESARE ZUCCA

La quarantena passerà… i nostri sogni si avvereranno e ritornerà la gioia di viaggiare e di scoprire nuovi luoghi. La lista dei nostri ‘city break’ si arricchirà di nuove destinazioni e nuove avventure…
Incominciamo con una splendida meta: Riga, capitale della Lettonia e patrimonio UNESCO. Ci attende ’incantesimo della città vecchia, il più grande mercato d’Europa, lo zoo più antico, lo spettacolare quartiere Art Noveau, la sbalorditiva architettonici e tanto altro…


Tappa intelligente e economica. Potete visitarla a piedi, visto che la maggior parte delle attrazioni sono vicine tra loro. Troverete alberghi e ostelli a tutte le tariffe e cibo a prezzi ragionevoli. Una meta ideale in estate quando il clima locale è più mite. Vi suggerirò inoltre dove alloggiare e dove dormire. Ecco otto motivi per inserire questa ‘gemma baltica’ nella lista dei vostri prossimi viaggi.

1) Città Unesco, città green
Il centro storico, proclamato patrimonio mondiale dall’UNESCO, offre una combinazione unica di influenze orientali e occidentali. Il cuore della città è la Town Hall Square su cui prospetta il meraviglioso Palazzo delle Teste Nere.

A due passi dal centro storico troverete la grande Cattedrale della Natività con il suo straordinario tetto dorato, il Museo dell’Occupazione e il Vermanes Park, uno dei tanti meravigliosi spazi verdi della città come Bastejkalna Park impreziosito da romantici giochi d’acqua. l’Esplanade, il Parco Kronvalda con tanto di fontana danzante, una pagoda cinese e piste per pattinare e Bastion Hill, adiacente all’iconico Monumento alla Libertà che per i lettoni rappresenta l’indipendenza dalla Russia e che stranamente non fu abbattuto dai russi durante l’occupazione.


2) Scopriamo la città
Vi consiglio di salire sul campanile della chiesa di San Pietro per una vista mozzafiato sugli oltre 500 edifici dai diversi stili architettonici: gotico, barocco, modernismo e art nouveau. E non mancano le curiosità come i Tre Fratelli, tre case vicine costruite ognuna in un secolo diverso oppure il vicolo Rozena, così stretto che se allargate le braccia potete toccare le pareti opposte.


3) La Parigi del Baltico.
Lasciatevi incantare dal Quartiere Art Nouveau, tra le vie Alberta e Elisabeth. Incontrerete magici palazzi decorati con animali, costellazioni, ghirlande, sfingi e meduse, in un meraviglioso mix di tonilità bianche e azzurre. C’è anche una deliziosa boutique–souvenir in tema  mentre ragazze in costume d’epoca animano il piccolo, imperdibile museo. Un vero trionfo del liberty…da far invidia ai parigini…


4) Mega mercato
Cinque hangar Zeppelin della prima guerra mondiale ospitano il colossale Central Market, il piu grande d’Europa, animato da più di 3.000 venditori di carne, pesce, latticini. E’ un vero paradiso green: ravanelli, carote, acetoselle, insalate e frutta. ll mercato trasuda di colore, di primizie e di una straordinaria gamma di sottaceti e di specialità firmate Sturitis Pelmenim, tra cui gli gnocchi di carne arrotolati a mano serviti in un delizioso brodo con una cucchiaiata di panna acida.


Nel weekend il mercato più popolare è Agenskalna, nel quartiere di Kalnciema, dove potrete assaporare il delicato succo di betulla: dolce e ricco di antiossidanti.


5) C’era una volta…
A solo mezz’ora di macchina dal centro di Riga, lungo la riva del lago Jugla, troverete il Il Museo Etnografico Lettone uno dei musei all’aperto più grandi e antichi d’Europa. 118 edifici storici da tutte le regioni della Lettonia: Kurzeme, Vidzeme, Zemgale e Latgale. Gli edifici sono stati allestiti per dare ai visitatori un senso del paesaggio e della vita rurale della Lettonia.

6) Cibo lettone
Speck, pane di segale, pancake di patate, l’anguilla affumicata, le ‘tapas lettoni’, pane servito con una varietà di salse diverse come il sambuco o la panna acida con aneto, mentre i più audaci posso optare per la lampreda marinata affumicata, iniziando rigorosamente dalla testa, davvero brutta, ma buona…Per un pranzo budget consiglio la catena di buffet Lido e Kolonade che serve specialità locali e un’ eccellente selezione di vini. Da non perdere la tradizionale Šaltibarščia squisita zuppa di barbabietole.

7) Birra!
Sei un fan della birra luppolata? Latviabeerfest, la cui edizione 2020 è prevista per fine maggio, La grande festa accoglie oltre 500 tipi di birra della Lettonia. Birra, cibo e allegria!

8) Weekend al mare?
Jurmala, detta la Perla della Lettonia, è una striscia di 30 km di sabbia bianca di fronte al Golfo.
È il più grande resort dei Paesi Baltici con molte pensioni in legno, ville liberty e hotel spa. Raggiungibile in 20 minuti con il treno che corre lungo la costa da Lielupe fino a Majori, dove, oltre a un utile centro di informazioni turistiche, troverete bar, ristoranti e il delizioso Simply Beach House, proprio in riva al mare.

Dove alloggiare
Grand Palace
5 stelle ben meritate Stile e classe si avvertono subito, dalla reception al lounge dove e’ possibile portare e centellinare il proprio liquore preferito e custodirlo in un’apposita bacheca personalizzata dal proprio nome. Nella Suite Restaurant, a metà tra una serra e un jardin d’hiver viene servito un immenso breakfast con chef a disposizione. Per gli amanti della caccia l’ hotel organizza avvincenti battute nei famosi boschi della Lettonia.


Royal Square
Cetralissimo, contemporaneo. Nel ristorante Desiderata, aleggia un’ atmosfera fiabesca e I pavimenti trasparenti danno sulle antiche mura della citta’. La Royal Suite, un trionfo di oro e nero, e’ perfetta per una Barbie regale, non per niente e’ la preferita di Paris Hilton.


Bergs
Design, comodita’, colori e dettagli a cominciare dai camini ai comodissimi letti. Tuttintorno si svolge l’ architettura d’ avanguardia del Bergs Bazaar, un agglomerate di boutiques moda, shop tendenza, gallerie d’arte e invitanti bar.


Old city
Azzeccato incontro tra antico e contemporaneo. Collega la parte antica e tradizionale a quella nuovissima, dove le camere sono praticamente scavate nelle mura della vecchia citta’. Tappezzati da souvenir fotografici della Riga del passato.

Dove mangiare
Soluzioni pratiche e prezzi interessanti:
Kalku
per un pranzo a buon mercato, disinvolto, magari nel dehors.
Le Dome preferito dai locali
Fabrikas Restorans cucina contemporanea in una ex fabbrica sulle rive del fiume Daugava
Passiamo a qualcosa di più impegnativo:
Renomme’
Nello fasto e nello splendore dell’ esclusivo Hotel Gallery Park , mete preferita da diplomatici e capi di stato. E’ stato incluso nella lista dei 5 migliori ristoranti d’Europa. Le specialita’ lettoni sono servite in una perfetto armonia di gusto e presentazine. Insuperabile classica beetroot , la tradizionale zuppa di barbabietole rosse con uovo e formaggio feta.


Vincents
Preparatevi a un viaggio nel gusto, nella tradizione e nell’ originalita’. Protagonista (da Oscar ) e’ chef Martins Ritins, popolarissimo anche in TV , che conquista i suoi ammiratori con piatti dagli ingredient esclusivi e raffinatissimi, provenienti da piccole produzioni artigianali. Martins non ha mancato di soprendere ospiti illustri come il Principe Carlo d’Inghilterra , Elton John, l’Imperatore del Giappone e…anche me, quando per servirmi un’anatra al vino rosso ne ha letteralmente stritolata una intera usando un enorme marchingegno che ricordava una macchina medievale delle torture.

INFO
Live Riga
Aggiornamenti coronavirus

CESARE ZUCCA
Travel, food & lifestyle.
Milanese di nascita, vive tra New York, Milano e il resto del mondo. Viaggia su e giù per l’America e si concede evasioni in Italia e in Europa.
Per WEEKEND PREMIUM fotografa e racconta città, culture, stili di vita e scopre delizie gastronomiche sia tradizionali che innovative. Incontra e intervista top chefs di tutto il mondo, ‘ruba’ le loro ricette e vi racconta il tutto qui, in stile ‘Turista non Turista’