In Auto

Audi RS 4 Avant, ordinabile la cattivissima station tedesca

La nuova Audi RS 4 Avant, presentata durante l’ultimo salone di Francoforte e giunta alla sua quarta generazione, è ora ordinabile sul mercato italiano, mentre la vettura sarà disponibile fisicamente nei concessionari ad inizio 2018. Il prezzo di listino chiavi in mano è di 87.900 euro. Chi ha detto che la station wagon non interessa più? Fortunatamente non tutti sono succubi delle mode, quindi qualcuno ancora decide secondo logica: se ha bisogno di spazio per passeggeri e bagagli, perché oltre a lavorare ama trascorrere qualche weekend fuori porta con la famiglia, non è indispensabile prendere un ingombrante, pesante e poco maneggevole SUV. Una bella familiare, come si diceva una volta, basta e avanza; in più consente una tenuta di strada ed economicità di esercizio che i SUV non potranno mai intrinsecamente avere. Ricordiamoci: alto, largo e pesante significa meno stabilità e maneggevolezza in curva, maggiore resistenza all’aria, quindi maggiori consumi ed emissioni. La moda ha un prezzo. Tuttavia l’elemento economicità qui ha un’importanza relativa. Perché l’Audi RS 4 Avant è una sportivona coi fiocchi che sfrutta anche tutta la praticità della A4 Avant normale. Il vero e assoluto top di gamma di tutta la linea A4. Andiamo a vederla.

 

AUDI RS 4 AVANT, UNA VERA E PROPRIA BOMBA

Audi RS 4 Avant

Dobbiamo cominciare dal motore. Un mostruoso V6 2.9 biturbo da ben 450 cavalli e 600 Newton metri di coppia. Non servono altri numeri, se non l’accelerazione 0-100 in 4,1 secondi e la velocità massima sbloccabile a 280 Km/h col pacchetto opzionale Dynamic RS; altrimenti arriva ai canonici 250. Ma parliamo anche del peso: 1.790 Kg (station di segmento D, ricordiamolo), 80 in meno della serie precedente. Un SUV di pari segmento e cilindrata supera allegramente le due tonnellate. Nonostante la potenza strabordante, i consumi sono diminuiti del 17% rispetto al modello di vecchia generazione. Audi comunica 8,8 l/100 Km nel ciclo misto. Mettiamoci anche emissioni di CO2 pari a 199 g/Km.

 

Audi RS 4 Avant

La potenza è nulla senza controllo, diceva un famoso spot pubblicitario di qualche anno fa. Per scaricare a terra tutta quella cavalleria, l’Audi RS 4 Avant sfrutta la consueta trazione integrale quattro abbinata ad un cambio tiptronic ad otto rapporti a configurazione sportiva e tempi d’innesto particolarmente rapidi. L’assetto sportivo RS è ribassato di 7 mm rispetto alla A4 base a sua volta dotata di assetto sportivo. Come optional si possono richiedere freni in ceramica e sterzo dinamico specifico RS.

Audi RS 4 Avant

Due parole sul design. Ci viene comunicato che gli ingegneri si sono ispirati alla vettura da corsa Audi 90 quattro IMSA GTO del 1989. Quindi davanti troviamo le imponenti e necessarie prese d’aria con struttura a nido d’ape, di lato vediamo passaruota maggiorati e dietro siamo investiti dalle appendici aerodinamiche: diffusore e spoiler sul tetto. Aggiungiamo anche i terminali di scarico ovali. I cerchi da 19 pollici sono in lega di alluminio fucinato.

Audi RS 4 Avant

Chiudiamo con gli interni. Domina il colore nero. Sedili sportivi specifici, volante sportivo appiattito in basso, cuffia del cambio e listelli sottoporta illuminati con logo RS aggiungono dettagli esclusivi. Il cruscotto indica informazioni specifiche come forza g e coppia. Poi chi vuole può personalizzare parecchie componenti col programma Audi Exclusive.