Weekend In Salus

Zenzero: dall’Oriente il rimedio naturale contro il raffreddore

I malanni stagionali vi disturbano? Con l’arrivo dell’autunno e il cambio di stagione non è raro trovarsi a fare i conti con raffreddori e conseguenti nasi rossi, mal di gola e qualche colpo di tosse. Abbiamo pensato quindi di darvi un consiglio naturale per alleviare questi fastidiosi inconvenienti. Si tratta di una radice, quella dello zenzero, o ginger come è chiamato dagli anglosassoni.
L’utilizzo dello zenzero ha origini antiche, nell’Asia meridionale già vi sono sue tracce intorno al sesto secolo a.C. Viene importato in Europa dai Romani e nel Medioevo viene soprattutto utilizzato candito e per la preparazione di dolci.
La radice dello zenzero è composta principalmente di acqua, carboidrati, proteine e sali minerali come calcio, fosforo, sodio, potassio, magnesio e ferro. Presenta inoltre vitamine del gruppo B ed E. Fin dall’antichità, il popolo asiatico la utilizzava per aiutare il sistema immunitario e per combattere raffreddore e febbre. È anche una valida alternativa agli sciroppi per combattere qualsiasi tipo di tosse e mal di gola.
Sorseggiare una tisana a base di questa radice può quindi aiutare a fronteggiare meglio i malanni autunnali. La tisana allo zenzero può essere preparata utilizzando solo la radice fresca: in questo caso è sufficiente far bollire per circa dieci minuti qualche fettina di zenzero fresco dopo avergli tolto la pellicina esterna, filtrare e bere. In alternativa possiamo si può preparare unendo anche altri ingredienti. Ecco le facili indicazioni per preparare la tisana di zenzero e limone.

Ingredienti (per una tazza di tisana)
2 o 3 fettine di zenzero fresco
Metà limone spremuto
1 tazza d’acqua
Miele o zucchero a piacere

Procedimento
Far bollire l’acqua; sbucciare e lavare bene lo zenzero, quindi tagliarne qualche fettina e immergerle nell’acqua calda. Far bollire il tutto a fuoco lento per 10 minuti, quindi lasciare un po’ raffreddare e aggiungere il succo di limone. Si può aggiungere del miele o dello zucchero ma è gustosa anche senza il tocco di dolce.