City Break

PERCHÈ UN WEEKEND A VALENCIA?

image_pdfimage_print

TESTO E FOTO DI CESARE ZUCCA –

Perchè al mondo ci sono poche città come Valencia, in grado di combinare armoniosamente il suo glorioso passato con gli edifici più innovativi e all’avanguardia del nuovo millennio.
Valencia è commercio, cultura, cinema, teatro, musei, magia, affari. È il centro del design internazionale e d’avanguardia e una delle città più attive in Europa per quanto riguarda fiere e conferenze. Grazie alla sua posizione, Valencia è stata storicamente il porto mediterraneo della Spagna e ha quel fascino speciale di quelle città che sono anche porti marittimi.
E poi c’è la paella valenciana!
La Cattedrale.
Convergenza degli stili romanico, barocco, e gotico, un tesoro architettonico che torreggia sulla piazza De La Virgen e De La Reina. All’interno è conservato il Sacro Graal che Gesù Cristo utilizzò durante l’ultima cena. Davanti alla sua porta gotica ogni giovedì si celebra il Tribunale delle Acque, patrimonio UNESCO dal 2009. Dalla parte più alta del campanile alla quale si accede salendo a piedi ben 207 scalini, uno sforzo che vale la pena, infatti da lì si può ammirare la migliore vista della città.


Mercato Colon
Gioiello di architettura modernista e oggi meta obbligatoria per gli amanti della gastronomia.
Era un antico mercato alimentare ma oggi giorno è diventato un paradiso gourmet con più di 20 locali fra i quali ristoranti, negozi di orzata, birrerie, caffetterie oltre ai migliori  negozi di carne, pesce e verdura.
 La città delle arti e delle scienze.
Un immenso complesso firmato dal famoso architetto  Santiago Calatrava, nativo di Valencia.
Qui svago e cultura si incontrano nello strabiliante Oceanographic.

I giardini del Turia
Nove chilometri di pura evasione siti in quello che fu il letto del fiume Turia, oggi diventato un vero polmone verde chiuso al traffico, con impianti sportivi, passeggiate e piste ciclabili fino quasi ad arrivare al mare. Ad est il Bioparc, un enorme zoo che ricrea ecosistemi africani.

Musei
Oltre 30 musei e tesori storici, come la Cappella di San Nicola conosciuta anche come la Cappella Sistina valenzana, il Museo delle Belle Arti, il Museo d’Arte Moderna e lo splendido Museo Nazionale della Ceramica, il mio preferito.

El Pilar
Era chiamato Barrio de Velluters, barrio della seta, il prezioso tessuto che costituiva un importante  commercio. Quà e là troverete minuscoli laboratori artiginali che realizzano e vendono meravigliosi tessuti, scialli e abiti davvero principeschi.

Fiesta!
L’agenda festiva di Valencia comprende oltre 20 eventi, scoppiettanti di fuochi artificiali, polvere da sparo, musica e sopratutto fuoco. Da Febbraio a metà Marzo primaggia la tradizionale Las Fallas, dove le ninot, monumentali figure in cartapesta, sfilano per la città per essere ammmirate e votate dal pubblico.

La falla che riceverà più voti sarà graziata e non verrà bruciata, mentre le altre… tutte al rogo!
Se non avete l’occasione di visitare Valencia durante Las Fallas, le potete vedere con una visita al Museo Fallero.

La paella
Cosa sarebbe un weekend a Valencia senza la tradizionale paella valenciana? La più tradizionale è al pollo e coniglio, ma la potete trovare in molte altre versioni , compreso quella ai mariscos, squisiti e profumatissimi frutti di mare. L’arroz valenciano, vanta
più di 40 varietà che possono essere accoppiate a stufati di pesce, anguille, bottarga, baccalà.

Tra le paellas più osannate: Casa Carmela, Raco del Turia, e Marcelina, al porto, dove tra i clienti più famosi c’era anche Hemingway. Una caratteristica locale: due spicchi di limone.

Tapas
Ottima idea sedersi al bancone di un bar o ristorante di tapas, piatti variati con carne, pesce e veredure e la squisita insalata russa. Vi consiglio: Casa Al Mudin seppie, La Bernarda arroz, La Salvaora polpo e crocchette.

La pasticceria valenzana possiede una notevole influenza mussulmana che si riflette nell’uso delle mandorle e miele Non bisogna scordare le frittelle di zucca e fichI, i gelati e le bibite tra cui la deliziosa horchata servita nella tradizionale Horchateria Santa Catalina

INFO
 Visit Valencia

CESARE ZUCCA
Travel, food & lifestyle.
Milanese di nascita, vive tra New York, Milano e il resto del mondo. Viaggia su e giù per l’America e si concede evasioni in Italia e in Europa.
Per WEEKEND PREMIUM fotografa e racconta città, culture, stili di vita e scopre delizie gastronomiche sia tradizionali che innovative.
Incontra e intervista top chefs di tutto il mondo, ‘ruba’ le loro ricette e vi racconta il tutto qui, in stile ‘turista non turista’.

 

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.