Mille Miglia 2018: torna la Freccia rossa

Nuovo appuntamento con la regina delle gare di auto storiche. Dal 16 al 19 maggio attraverso le zone più belle d'Italia. Si torna a Milano dopo 70 anni. Passaggio al Museo Alfa Romeo di Arese e all'Autodromo di Monza

Spread the love

Ci siamo, eccoci come ogni anno, nella settimana che precede il Gran Premio di Monaco di Formula 1, all’appuntamento con la regina delle classiche. La Mille Miglia 2018 presenta delle novità importanti. Intanto il programma viene spostato indietro di un giorno, poiché a Brescia ci sarà una “notte bianca” dopo l’arrivo. Quindi la corsa si disputa da mercoledì 16 a sabato 19 maggio. Poi la carovana, dopo un’assenza di ben 70 anni, torna a passare da Milano. In mezzo, la consueta cavalcata da Brescia a Roma e ritorno. Un weekend lungo, massacrante e appassionante, per chi partecipa. Per il pubblico, un’altra splendida occasione per visitare alcune delle zone più belle d’Italia. Come sempre, nelle città in cui transita la carovana vengono organizzati diversi eventi turistici e culturali.

MILLE MIGLIA 2018, LA FRECCIA ROSSA

Mille Miglia 2018

Riepiloghiamo la formula, per chi non lo sapesse. La Mille Miglia moderna è una gara di regolarità per auto storiche, riservata a modelli costruiti negli anni in cui si disputò la competizione di velocità, dal 1927 al 1957. La corsa viene soprannominata “Freccia rossa”, dal suo simbolo (appunto una grossa freccia rossa che indica il percorso alle auto partecipanti). Le vetture viaggiano su strade normali aperte al traffico (vengono chiuse solo in prossimità delle partenze e degli arrivi), devono rispettare il Codice della strada e partono sempre da Brescia, scendono fino a Roma poi tornano nella città lombarda. Quattro tappe in altrettante giornate. Ogni equipaggio ha un tempo prefissato in cui coprire il percorso. Più ci si allontana da quel tempo, sia in eccesso che in difetto, maggiori penalità vengono inflitte. Vince chi si avvicina di più al tempo stabilito. Per ciò che interessa di più al pubblico, si tratta di ammirare il passaggio di autentici capolavori dell’automobilismo e testimoni di una storia molto importante del nostro Paese.

IL PERCORSO DELLA MILLE MIGLIA 2018

Mille Miglia 2018

Arriviamo al percorso della Mille Miglia 2018. Gli orari si riferiscono sempre al passaggio previsto della prima auto. Mercoledì 16 maggio alle 14.30 si partirà da Brescia in viale Venezia. Il tragitto della prima tappa comprenderà Desenzano e Sirmione, Mantova, Ferrara e Comacchio, arrivo a Cervia-Milano Marittima intorno alle 22. Giovedì 17 maggio si ripartirà da Cervia alle 6.30; quindi si attraverseranno Pesaro, San Marino, Arezzo, Cortona, Orvieto e si arriverà a Roma, dove dalle 20.15 ci sarà la consueta passerella nel centro. Venerdì 18 si ripartirà dalla capitale alle 6.30 e, attraversando Siena, Lucca, Sarzana e il Passo della Cisa (non accadeva dal 1949), si arriverà a Parma alle 21.15.

Si ripartirà, sempre alle 6.30, nella mattinata di sabato 19 per la tappa conclusiva: passaggio da Lodi, poi si attraverserà Milano da sud a nord. Controllo orario in piazza Duomo dalle 10.15. Si proseguirà verso Arese al Museo dell’Alfa Romeo, primo passaggio alle 10.55. Si festeggeranno per l’occasione i 90 anni dalla prima partecipazione dell’Alfa alla corsa; le vetture entreranno nella piccola pista interna al museo. Successivamente la carovana si dirigerà verso l’Autodromo di Monza, dove dalle 12.55 attraverserà il tracciato di Formula 1. Quindi via verso Bergamo (14.10), Chiari, Ospitaletto e Brescia. La prima vettura dovrebbe transitare sul traguardo di viale Venezia alle 16. Maggiori dettagli sulla gara, compresi gli orari dei passaggi nelle singole località e le mappe precise dei percorsi in tutti i paesi, al sito ufficiale della Mille Miglia.

AUTO PARTECIPANTI E PILOTI VIP

Mille Miglia 2018

Un record: la Mille Miglia 2018 ha raccolto l’iscrizione di ben 725 vetture, ben oltre il limite massimo di 450 auto che prenderanno il via. Le 900 persone che formano gli equipaggi provengono da 34 diverse nazioni, gli italiani rappresentano circa il 30%. Tra le auto la parte del leone tocca alla Fiat con 49 vetture, ma l’Alfa è subito dietro con 48; seguono 35 Jaguar, 33 Lancia, 33 Mercedes-Benz, 46 Lancia, 30 Porsche e le altre a seguire. Le Ferrari sono 16.

Tra le vetture più rare in lizza segnaliamo: OM 665 Superba, la vincitrice della prima Mille Miglia del 1927, qui rappresentata in ben 11 esemplari, praticamente tutti quelli rimasti; Alfa Romeo 8C B 2900 P3, vincitrice nel 1934 del GP di Monaco e nei due anni successivi della Mille Miglia; Ferrari 340 America Spider Vignale, esemplare che nel 1952 si ritirò alla MM mentre era al comando, condotta da Piero Taruffi; Mercedes-Benz 710 SSK del 1930, proveniente dal museo di Stoccarda; Porsche 550 Spyder, anch’essa proveniente dal museo di Stoccarda (quello della Porsche, ovviamente).

Tanti nomi di spicco tra i partecipanti. Segnaliamo, al seguito su due Stelvio, gli attuali piloti del team Sauber-Alfa Romeo di Formula 1, cioè Marcus Ericsson e Charles Leclerc. Poi Esteban Ocon del team Force India, su una guest car col numero 718, una Mercedes AMG GT C; al suo fianco Klaus Ludwig, tre volte vincitore della 24 ore di Le Mans.

Poi Bernd Schneider, svariate volte campione DTM; guiderà una Mercedes 190 SL del 1955. Il cantante Piero Pelù, su una Alfa Romeo Giulietta Sprint Bertone del 1955; Guy Berrman, bassista dei Coldplay, condividerà il volante di una Alfa Romeo 1900 Sport Spider del 1954 con il pilota americano Derek Hill, figlio di Phil Hill, campione del mondo di Formula 1 nel 1961 con la Ferrari.

Jochen Mass, vincitore a Le Mans nel 1989, guiderà una Mercedes 300 SL Coupé del 1955. Timo Bernhard, due volte vincitore a Le Mans (2010 e 2017), formerà l’equipaggio con l’attore premio Oscar Adrien Brody, al volante di una Porsche 356 1500.

Non possiamo assolutamente trascurare il mitico Walter Röhrl, due volte campione del mondo rally e quattro volte vincitore del rally di Montecarlo. Parteciperà alla Mille Miglia 2018 su una Porsche 356 A 1500 GS Carrera del 1956. Chiudiamo con Jacky Ickx, vincitore di 8 GP in F1, anche su Ferrari, e soprattutto 6 volte trionfatore alla 24 ore di Le Mans. Qui guiderà una Porsche 550 Spyder A/1500 RS del 1957.

Print Friendly, PDF & Email