Weekend Green

Gubbio, com’è “green” l’albero di Natale più grande del mondo

Un albero di Natale da Guinness dei Primati, come in effetti è dal 1991. È quello di Gubbio, che detiene il primato di “più grande del mondo”. E i numeri sono davvero da record: 650 metri di altezza (più o meno come 30 campi da calcio!), 350 metri la larghezza alla base, con una stella cometa che occupa ben 1000 mq. Ma il suo punto di forza sono le luci: 270 sono quelle verdi che disegnano la sagoma dell’albero, a cui se ne aggiungono altre 270 multicolori per illuminare il suo interno e altre 200 per disegnare la stella.

E per illuminare questo capolavoro, che si estende sulle pendici del Monte Igino, sono stati necessari anche 8500 metri di cavi per i collegamenti, 1350 prese e spine per le connessioni dei cavi e dei punti luce, oltre a una potenza di 35 KW.

Si tratta, tuttavia, di energia “verde”, generata da un impianto fotovoltaico composto da 16 moduli da 16 W cadauno, istallato sulla sede del Comitato organizzatore, che provvede durante l’anno a generare una quantità di energia che copre la maggior parte del fabbisogno di energia elettrica degli impianti di illuminazione dell’albero durante il periodo di illuminazione, che va da 7 dicembre al 13 gennaio 2019. Insomma, un impianto “green” nel pieno rispetto dell’ambiente.

Grazie al progetto “Adotta una luce”, poi, è stato possibile al costo simbolico di 10 euro, accendere una propria luce e dedicarla a chi si desidera. Il ricavato è andato a sostegno del progetto dell’Albero di Natale più Grande del Mondo, che “brilla” dal 1981.

La novità di quest’anno, poi, è rappresentata dalla musica. Lungo il percorso sul Monte Igino sono state infatti installate sette unità audio composte da due altoparlanti, un amplificatore, un convertitore di flussi che si connette a internet grazie a una rete wireless. Il sistema permette di collegarsi al media player del comitato degli “Alberaioli” che manda in streaming una playlist natalizia. In questo modo, il percorso lungo gli stradoni del Monte Igino assume un’atmosfera ancora più magica, fatta di luci, colori e musica.

E ai piedi dell’Albero ci sono i Mercatini di Natale

Ai piedi del Monte Igino, nel centro storico medievale di Gubbio, fino al 6 gennaio si tengono anche i Mercatini di Natale (dalle 10 alle 20)  in stile tirolese. Allestiti in Piazza 40 Martiri si potrà passeggiare tra le casette di legno alla ricerca del regalo perfetto, ma anche accontentare il palato tra delizie dolci e prodotti tipici.

Nel Villaggio di Babbo Natale, poi, si può salire sulla Ruota Panoramica del Polo Nord per ammirare la città e l’Albero più grande del Mondo dall’alto. Per grandi e piccoli, ecco poi la Slitta di Babbo Natale e il Laghetto Ghiacciato, una pista per pattinare sul ghiaccio, mentre la Casa di Babbo Natale è ricavata all’interno del Palazzo dei Consoli.

Ampio spazio viene poi dedicato ai presepi. Per esempio, il quartiere di San Martino propone una Natività a grandezza naturale, composta da oltre 120 personaggio. Nel quartiere San Pietro va in scena invece un Presepe vivente con rappresentazioni dal vivo di scene di vita quotidiana e antichi mestieri.

COME ARRIVARE

In auto: da Nord (versante adriatico) A14 con uscita Fano. Proseguire poi in direzione di Roma sulla E45 fino all’uscita Gubbio. Proseguire poi sulla statale per circa 25 km. Dal versante tirrenico, A1 con uscita Valdichiana. Seguire per Perugia sul raccordo autostradale e poi sulla E45 in direzione Cesena e uscita per Umbertide-Gubbio.

Da Sud (versante adriatico): A14 con uscita Ancona Nord. Seguire le indicazioni per Fabriano poi proseguire sulla statale per Gubbio. Dal versante tirrenico: A1 con uscita Orte, poi immettersi sulla E45 in direzione Perugia-Cesena. Dopo Perugia, proseguire in direzione Cesena e prendere le uscite per Bosco o Umbertide-Gubbio.

INFO: www.alberodigubbio.com o www.gubbionatale.it

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.