Weekend Milano

Al via la nuova stagione della Scala

Il 7 Dicembre, giorno di Sant’Ambrogio, partirà come da tradizione la nuova stagione del Teatro alla Scala di Milano.

La scelta per l’apertura della stagione 2015-2016 è ricaduta sulla “Giovanna d’Arco” di Giuseppe Verdi. Una scelta se vogliamo coraggiosa. L’Opera Verdiana, considerata da molti una produzione “minore”, manca infatti dalla Scala dal lontano 1865.

[pjc_slideshow slide_type=”scala”]

“Giovanna d’Arco”, dramma lirico di Giuseppe Verdi, su libretto di Temistocle Solera,  fu rappresentato per la prima volta il 15 febbraio 1845, proprio alla Scala. Tratto parzialmente dal dramma di Friedrich Schiller La Pulzella d’Orléans. L’opera, della durata di circa due ore, è composta da un prologo e 3 atti.

La storia dell’eroina di Francia viene portata in scena dai registi Moshe Leiser e Patrice Caurier e conta di interpreti di spessore quali Anna Netrebko (Giovanna), Francesco Meli (Carlo VII) e Carlos Álvarez (Giacomo).

Primo sostenitore della piccola rivoluzione il neo Direttore Principale Riccardo Chailly che, durante l’incontro con gli studenti delle Università milanesi, a cui è stata riservata la prova antegenerale, afferma la volontà di «celebrare un’opera di valore e dare alla Scala il peso del passato», questo grazie alla riscoperta di autori e produzioni poco considerati. “Non mancheranno in futuro inaugurazioni con titoli clamorosi» – promette Chailly.

La prima dello storico teatro milanese si trasforma in un evento diffuso. Lo spettacolo verrà infatti trasmesso in diretta e differita da vari teatri, auditorium e spazi culturali sparsi per la città. Verrà inoltre diffuso via radio, al cinema e in televisione.

La stagione 2015-2016 si prospetta ricca di contenuti ed emozioni, con particolare attenzione, grazie agli 8 titoli in programma. al repertorio italiano. Comprenderà 15 titoli d’opera e 6 di balletto oltre alla Stagione Sinfonica.  Verdi, Puccini, ma anche un omaggio a Mozart a 225 anni dalla scomparsa del grande compositore.

Non mancano le iniziative che mirano ad attrarre, interessare e coinvolgere sempre più pubblico.

La Scala torna a promuovere il progetto ScalAperta. L’offerta comprenderà 11 recite d’opera e 6 di balletto a metà prezzo.

Un’ulteriore iniziativa è rappresentata dal ciclo di incontri “Prima delle Prime” con la quale il Teatro offre al pubblico una preparazione agli spettacoli in cartellone. La Scala conferma inoltre la sua attenzione verso i giovani aumentando l’offerta per gli Under30, attraverso una nuova formula di abbonamento che permette di scegliere tre titoli d’opera, balletto o concerto.

Dedicato ai più giovani, il nuovo ciclo Grandi Spettacoli per Piccoli include due Grandi Opere, la Cenerentola e un nuovo Flauto magico per i bambini, un Grande Balletto, che sarà una riduzione de Lo schiaccianoci, e 5 Concerti per i bambini la domenica pomeriggio.