City Break

WEEKEND A COLONIA: LA CATTEDRALE, LA STORIA, LA GASTRONOMIA, TANTA BIRRA E… L’ACQUA PIU’ SEDUCENTE DEL MONDO, CHIEDETELO A NAPOLEONE !

image_pdfimage_print
PIù di 40 musei da visitare
Tra tutti, ho scelto il meraviglioso Ludwig Museum, arte moderna e contemporanea, spazi larghi e suggestivi.
Pop Art d’autore, tanto Dada, illustri esempi dell’ espressionismo tedesco (che adoro) e una strabiliante sala dedicata alla PopArt d’autore: da Andy Warhol a Roy Lichtenstein.
Il museo ospita una delle più vaste collezioni di opere di Picasso, alcune poco viste, come le sculture, i patti di ceramica e un’improbabile nurse che spinge una carrozzina.

Wallraf-Richartz-Museum
Nel centro di Colonia, l’ importante museo ospita capolavori della scuole tedesca, italiana, fiamminga e olandese illustra la dimensione europea della pittura religiosa dell’epoca.
Grande spazio all’arte barocca, con Rubens, Ruysdael,Rembrandt, Murillo, Tiepolo, Lorrain.

Una delle più importanti collezioni al mondo di dipinti medievali oltre a opere di Rubens, Rembrandt, Murillo di Boucher, pittura tedesca da Caspar David Friedrich, Max Liebermann e la più ampia collezione di arte impressionista e neo-impressionista in Germania: Monet, Van Gogh, Cézanne e Edvard Munch. Corrente esibizione la suggestiva mostra Barock Lifestyle.

Birra, birra, birra!
Spillata mattino nelle , pomeriggio, sera e notte, insomma sempre. La birra di Colonia è la bionda Kölsch in ben 40 etichette, leggera e un po’ amara, servita nel tipico Kolsch Stange, un bicchierino alto e stretto che viene  riempito non-stop dai camerieri, così la birra è sempre fresca. E un affarone…un bicchiere di Kölsch costa meno di 2 euro, decisamente più economica dell’acqua, visto che una bottiglietta costa 2 o 3 euro….

Scoprire Ehrenfel
Quartiere multietnico e multiculturale dall’ atmosfera bohémienne, popolato da creativi e artisti. Distretto eclettico, prediletto da giovani artisti e stilisti che qui hanno aperto spazi d’arte,  boutique di moda e di gioielleria. Qui troverete arredi, oggettistica, barbieri hipster, parrucchieri tendenza, negozi di musica e vinili a prezzi davvero interessanti.


Vi consiglio di scendere alla stazione del metro UBan Venloer e di avventurarvi nelle stradine laterali dove scoprirete grande creatività: piccoli bar giovani e accoglienti, miniboutiques dove i capi sono realizzati sul posto e su misura e spettacolari graffiti che tappezzano muri, case, finestre.Ho fatto una sosta da Sehnsucht, un piccolo bar con giardino, caffè e deliziose torte.

Qua e là troverete negozi vintage, bric-à-brac, oggetti per la casa, perfino una caffetteria dove il contenitore lo portate voi. Tanta moda insolita e esclusiva , visto che a produrla, sul posto, sono gli stessi stilisti,  pronti a adattare le loro creazioni alle vostre misure .

Tra le boutiques più trendy, la minuscola Kleidsam, colori e fantasie tendenza, tutto fatto a mano.

La cucina kolsch
A tavola l’orgoglio locale è il pane. Pare ce ne siano di 200 tipi, venduti nei classici panettieri o nei baracchini per strada. In accoppiata una valanga di croissants, pane dolce e altissime e farcitissime torte.

Flönz, una salsiccia di sangue da mangiare fredda, accompagnata da soffritto con cipolle o in versione gourmet, abbinata all’ Himmel un Ääd, purè di patate e mele.

Sauerbraten, uno stufato di carne marinato in un mix di vino, acqua, erbe, spezie e altri condimenti e servito con un sughetto agrodolce a base di uva. Uno dei ristoranti più tipici (e affollati) di Colona è Frueh Am Dom  Lì ho gustato un enorme e succulento hämmchen, stinco di maiale bollito servito con krauti e purè di patate.

Un quartiere non turististico?
Chlodwig Platz. Se chiedi a un abitante di Colonia ‘chi sei?, ti risponderà ‘sono un patriota’ e se vuoi sapere quale zona ama bazzicare, ti indirizzerà verso ‘il quartiere Chlodwig,dove purtroppo, aggiungerà,  gli affitti sono saliti alle stelle…’

Anch’io ho zigzagato per le viuzze del quartiere e ho trovato tutto ciò che si può trovare in un tipico villaggio, dal salumiere, al fruttivendolo, al calzolaio. Gente super cortese e sorridente.
‘Ci chiamamo i meridionali della Germania, aggiunge la mia guida, perchè siamo affabili, allegri e solari…

Un’imperdibile escursione fuori città
Nella vicina e graziosa Brühl (20 minui di treno) vi aspetta il maestoso Castello Augustusburg, un gioiello barocco dichiarato patrimonio Unesco. Le visite sono necessariamente guidate, ma aiutate da audioguida anche in italiano.

Tra le bellezze spicca la monumentale scalinata e la cupola dall’impressionante trompe-l’oeil, un vero capolavoro di prospettiva.

Lasciamo il barocco, per tuffarci nella straordinaria creatività e nel mondo surreale di Max Ernst a cui è dedicato il museo. Moltissime opera dell’eclettico artista pittore, scultore e fotografo.

Fino a Agosto, il museo ospita una strabiliante mostra di Joana Vasconcelos, stravagante (a dir poco) artista portoghese, che non mancherà di stupirvi con le sue sorprendenti creazioni e insolite creature che vanno da un maxicuore luminoso che danza al ritmo del fado a una gigantesca scarpa realizzata con più di 200 pentole e coperchi. Vedere per credere!

Tre cose che un turista non dovrebbe fare
1) Se raggiungete Colonia in auto, non pensate di posteggiarla in centro… non troverete posto e i parcheggi costano una fortuna. Meglio lasciarla in periferia, magari vicino a una stazione del metro.
2) Non lasciare il ristorante senza aver lasciato una mancia di almeno il 10%
3) Non nuotare nel Reno. E’ attraente ma pericoloso.

Carnevale in festa!
In Febbraio, nonostante il clima ancora freddo, Colonia è ‘calda’. Per una settimana si accende di musica e gente in maschera. Qui il Carnevale è superfesteggiato. Mega negozi di costumi, trucchi e parrucche funzionano tutto l’anno.


Dirsi ‘ti amo’ sul ponte
Succede sul Ponte Hohenzollern, diventato uno dei luoghi preferiti dagli innamorati che dal 2008 hanno iniziato a tappezzarne le ringhiere con i lucchetti dell’amore.
Un must ‘romantico’ per chi si vuole bene.

Fare una passeggiata lungo il Reno
Il parco che si affaccia sul Reno nella sponda opposta alla cattedrale, il Rheinpark, è un’immensa area verde , oasi di tranquillità che in estate regala una zona quasi-mare con una quasi-spiaggia che piace molto ai locali.

Cioccolatiamo?
Sprofondatevi nel profumo del Schokoladenmuseum,  il museo del cioccolato sponsorizzato dalla Lindt, piuttosto sovrappopolato e rumoroso… mi sono bastati 5 minuti: un brevissimo stop al bar per acquistare… un cioccolatino.
Una meta perfetta per i bambini, ottime torte ma troppo chiasso.

Acqua superstar
La famosa e originale “Acqua di Colonia”, Fu inventata dall’italiano Johan Maria Farina e l’essenza originale porta il suo nome in un’etichetta rossa. E’ nata proprio a Colonia nel 1700 e ha ‘sedotto’ personaggi celebri come Voltaire, Goethe, la Regina Vittoria e perfino Napoleone  Bonaparte che pare ne consumasse 60 flaconi al mese.

La potete trovare all’interno del negozio-museo Farina Obenmarspforten 21, dove si possono seguire tour guidati da attori abbigliati da damerini del ‘700 che vi porteranno attraverso le cantine e le distillerie (ovviamente ricostruite) per illustrarvi la storia della leggendaria acqua profumata e farvi indovinare diverse essenze. A chi azzecca (e a chi non) viene regalato un mini profumo. ovviamente Farina.


Solo Farina 1709 è la vera Acqua di Colonia, attenzione alle imitazioni, come la ‘4711’, venduta in molti negozi, alcuni dei quali piuttosto chic. In quello della Glockengasse, per esempio, troverete una fontanella dal cui rubinetto sgorga… acqua di Colonia.

Pronti per un viaggio nel tempo?
Per un tuffo (virtuale) nella Colonia di ieri, niente di meglio che un’esperienza TimeRide a bordo di un tram d’epoca per infilarsi gli occhialoni e avventurarsi virtualmente in un tour attraverso la città, com’era all’inizio del ‘900, popolata dai personaggi che animavano il centro di Colonia:  signori con bombetta e bastoncino, eleganti signore dai cappellini piumati, venditori ambulanti,  bottegai e persino un ladruncolo.


A TAVOLA
Colonia offre un’immensa diversità multi-etnica. Ben 182 nazioni sono presenti in città e potrete scegliere tra 3000 posti di ‘ristoro’ che vanno dalla birreria tipica, al ristorante stellato, allo street food, dove, visto il grande numero della popolazione turca,  imperano i kebab, compreso l’affollatissimo Mangal Döner, aperto da Lukas Podolski, ex attaccante dell’Inter. Pare sia il migliore della città, preparatavi a fare la fila…
Dal 31 Agosto al 8 Settembre la città si trsformenrà in una Mecca in occasione di Fine Food Days Cologne con la partecipazione di una grande brigata di top chef dell città che prepareranno i loro piatti più famosi.
Ho scelto per voi due ristoranti molto diversi ma, secondo me, ugualmente interessanti.
Neo Biota
Alternativo-tendenza, piatti freschi, sani e comunque ricercati. Tra poco festeggiarà il primo anno di attività e pensare che a soli 6 mesi dall’ apertura si è guadagnato una stella Michelin. Al bancone a vista operano  Sonja BaumannErik Scheffler chef-amici-soci del piccolo ristorante che offre un menu semplice e schietto, con molte verdure, pesce e che imperiosamente proclama: Il brunch è morto’ optando per un variopinto breakfast non-stop dalla mattina al pomeriggio. Mi sono affidato ai consigli degli chef : salmone, asparagi bianchi, 7 erbe e aceto di uova servito su una tartina di pane integrale e accompagnato dal ‘drink del giorno’: anguria, pelmo, ginger, cetriolo, pepe, paprika e chissà cos’altro… deliziosi tutti e due.

Brasserie E.L.F.
Cambiamo atmosfera. Al pianterreno dell’hotel Pullman, Ho trovato un locale elegante e nello stesso tempo piuttosto sobrio con un menu che punta sul prodotto locale e sulla tradizione della cucina del Reno. Era una serata speciale dedicata ai dolcissimi, tenerissimi e irresistibili asparagi bianchi della zona di Bornheimer accoppiati alla classica wienerschnitzel, quasi una cotoletta alla milanese, e irrorati da una ‘peccaminosa’ salsa olandese. Cucina top.

DOVE DORMIRE. SCELTI E PROVATI PER VOI
Colonia Centro è di dimensioni piuttosto limitate. Meglio quindi puntare su un hotel centrale, vicino a una fermata del metro, che è efficace e, manco a dirlo, estremamente puntuale.
Ecco quattro strutture alberghiere, diverse tra loro, ma tutte raccomandabili.
Hotel 25 Hours the Circle
Giovane, moderno e sorprendente… fin dall’ingresso, ovviamente circolare, una specie di piazza futuristica popolata da mini shops di biciclette, gadgets, musica e vinili, barbiere, eccetera.  Le sorprese continuano nelle camere super confort, dal pupazzetto tra i cuscini, ai quadri pop, al telefono vintage.

Alcune camere con terrazzino e vista della cattedrale e per rilassarvi, una splendida SPA tra piante tropicali.Boutique Hotel Chelsea
Artistic, hipster, trendy… avete capito il genere?  Questo boutique hotel si diverte a essere senza dubbio unico e originale. Nella sua minimalistica essenzialità (anche dei prezzi) riserva piacevoli sorprese, dall’ascensore con la parete effetto cinema, alle camere ricche di vetrate, anche nel soffitto.

Hotel Steigenberger
Classe, servizio e comfort. Questa gemma della prestigiosa catena Steigenberger offre eleganti camere con vista sulla Cattedrale, dotate di letti super confortevoli, un angolo tè e caffè e un minibar,  tutto curatissimo e un servizio ineccepibile.

In serata, gli ospiti possono ritrovarsi al lounge bar per sorseggiare un drink, godersi la vista e un’ atmosfera davvero magica.

Hotel Pullman
Nel cuore di Colonia, un ‘4 stars superior’ firmato dalla prestigiosa catena Accor e mirato soprattutto a viaggiatori cosmopoliti, un gioiello, a cominciare dall’ ascensore trasparente con una vista talmente spettacolare che da solo vale il soggiorno… (facevo su e giù almeno 10 volte, sia di giorno che di notte ..)

Il breakfast? Indescrivibilmente  ricco  e abbondante: dalle specialità locali, dolci salumi, formaggi, salmone e anguille, verdure cucinate in mille modi, una parata di succhi di frutta e verdure appena spremuti, di pane e dolci, per non parlare delle uova, cucinate da uno Chef specializzato, al momento e come le preferite.

Pronti a prenotare il vostro weekend a Colonia?
RyanAir, EasyJet e Wizzair vi portano low-cost verso una meta ospitale, ricca di storia, arte, gastronomia e …tanta birra!

INFO
Per informazioni turistiche
www.koelntourismus.de

 

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.