Weekend Milano

Tutti pazzi per Leonardo! Le iniziative a Milano, dove il genio toscano trascorse 20 anni alla corte sforzesca

image_pdfimage_print

Franca Dell’Arciprete Scotti

Nell’ambito di “Milano Leonardo 500”, la Sala delle Asse, il più importante ambiente del Castello Sforzesco, è eccezionalmente riaperta al pubblico dopo 6 anni di studi e restauri, svelando le nuove tracce leonardesche apparse sulle sue pareti. Una scoperta che rivela una nuova geografia del progetto di decorazione ideato da Leonardo e che sarà la base di nuovi studi sul genio vinciano.

Attraverso la scenografica installazione multimediale “Sotto l’ombra del Moro”, i visitatori sono guidati nella lettura dello spazio della Sala, dalla volta alle pareti laterali, e scopriranno come Leonardo abbia qui sviluppato il suo concetto di imitazione della natura tanto da immaginare un sottobosco e, al di là degli alberi, case e colline all’orizzonte: dalla stanza del duca Sforza al territorio da lui governato.

Una straordinaria radice (detta Il Monocromo perché disegnata a carboncino) alla base di un grande, illusionistico, pergolato di diciotto alberi di gelso, legati con corde annodate, che si intrecciano sulla volta della Sala sorreggendo uno stemma e le targhe sforzesche.

Uscendo dal Castello Sforzesco dopo la visita delle mostre, il visitatore potrà passeggiare per Milano e viaggiare in Lombardia alla ricerca dei luoghi in cui Leonardo è vissuto, dove ha lasciato un segno del suo genio.

www.milanocastello.it

Al Museo del Novecento: una mostra omaggia Leonardo da Vinci attraverso il dialogo ideale con Lucio Fontana

In Sala Fontana, fino al 12 settembre, si svolge una lettura in chiave moderna dell’opera del maestro rinascimentale attraverso i lavori su carta e le sculture in ceramica di Lucio Fontana realizzate tra gli anni Trenta e i primi anni Cinquanta.

Creatività eccellenti molto distanti nel tempo in dialogo affascinante in uno dei luoghi più suggestivi del Museo e dell’intera città: un esempio della capacità degli artisti del Novecento di rileggere i grandi maestri del passato. Cavalli rampanti, guerrieri, centauri, cavalieri e cavalli marini, riproposti in molteplici soluzioni formali, plastiche e cromatiche animano Sala Fontana, in un ideale percorso cronologico che conduce alla famosa “Struttura al neon”.

www.museodelnovecento.org

Alla Fondazione Stelline L’Ultima Cena dopo Leonardo

Fino al 30 giugno, una grande mostra internazionale intitolata L’Ultima Cena dopo Leonardo, con la presenza di sei figure chiave della scena artistica contemporanea: Anish Kapoor, Robert Longo, Masbedo, Nicola Samorì, Wang Guangyi, Yue Minjun.

La mostra, prodotta dalla stessa Fondazione Stelline e a cura di Demetrio Paparoni, propone sei grandi artisti internazionali, di diversa tradizione culturale, che rileggono il tema dell’Ultima Cena a partire dalla raffigurazione che ne ha dato Leonardo, facendone una delle espressioni più alte della nostra cultura, in un originale dialogo tra oriente e occidente. L’Ultima Cena dopo Leonardo ha l’obiettivo di sottolineare come l’opera di Leonardo continui a contaminare l’arte contemporanea.

www.stelline.it/it

Fabbrica del Vapore: “Leonardo da Vinci 3d” in cattedrale

Fino al 22 settembreLeonardo da Vinci 3d” racconta il genio vinciano, la sua vita, le sue scoperte, le sue straordinarie opere d’arte attraverso la tecnologia più rivoluzionaria, tra realtà aumentata e ologrammi.

Prodotta da Medartec e Comune di Milano, con la produzione artistica dello studio fiorentino Art Media Studio, in collaborazione con Fratelli Alinari, il più antico archivio di immagini fotografico al mondo, la mostra è esposta alla Fabbrica del Vapore, luogo ideale per indagare l’artista e scienziato con un linguaggio tecnologico e multimediale, capace di restituire la genialità di Leonardo e farne apprezzare la straordinaria attualità, attraverso uno sguardo inedito.

“Leonardo da Vinci 3D” è stata ideata come un viaggio lungo oltre 500 anni e permette di conoscere ‘dal vivo’ il maestro del Rinascimento Italiano: è infatti lo stesso Leonardo, riprodotto in una creazione olografica a grandezza naturale, a raccontare le intuizioni e gli episodi che costellano il suo lavoro.

Il percorso della mostra narra l’intero universo leonardiano: dalla sala macchine alla mirror room dedicata al volo, fino alla grande sala immersiva. Cuore del percorso è la cosiddetta ‘mostra impossibile’: una galleria digitale che riunisce – per la prima volta in un unico spazio – i più celebri dipinti leonardeschi riprodotti a grandezza naturale, dalla Gioconda alla Vergine delle rocce.

www.fabbricadelvapore.org

Un’affascinante e suggestiva “visita guidata virtuale”

Per rievocare la vivacità culturale di Milano e della Lombardia ai tempi di Leonardo da Vinci e analizzare i rapporti che il Maestro intrattenne con la corte sforzesca e gli artisti suoi contemporanei, ecco una bella iniziativa.

Con proiezione di immagini e reading di passi del romanzo “Leonardo alla corte del Moro” di Dino Bonardi e del volume AA.VV., Il genio di Leonardo raccontato anche in milanese una suggestiva “visita guidata virtuale”.

info@meravigliedizioni.it

You are Leo”, sulle tracce di Leonardo

Un’emozionante esperienza culturale e turistica tra reale e virtuale nella Milano di Leonardo da Vinci In esclusiva mondiale You are Leo, il primo street tour dedicato a Leonardo da Vinci “Maestro Lombardo, fiorentino in Milano” nel suo lungo soggiorno milanese. You are Leo è dunque una passeggiata nel centro di Milano e al contempo un viaggio nel tempo, possibile grazie ad avanzate tecnologie che permetteranno al visitatore di ripercorrere i passi di Leonardo.

In seguito a un’importante ricerca scientifica per una corretta ricostruzione filologica, è stato creato un virtual tour che mostra Milano come poteva essere ammirata da Leonardo.

Un percorso a piedi di circa un miglio lombardo (1,8 km) e durata di circa 1 ora e 30 minuti. Ciascun partecipante verrà munito di un visore VR e sarà accompagnato da un esperto storico dell’arte che lascerà il posto agli occhi di Leonardo, per immergersi nei suoi luoghi, vedere ciò che lui stesso vedeva e lo spettatore diverrà Leonardo.

INFO

www.youareleo.com

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.