Torino è una tra le città più verdi al mondo

Il Mit di Boston ha pubblicato sul suo sito una classifica delle metropoli più verdi al mondo in cui compare il capoluogo sabaudo

Nel romanzo “La donna della domenica” di Fruttero e Lucentini, la protagonista Anna Carla si interroga sulla personalità dell’architetto torinese Garrone e sulla pronuncia della città di Boston (“Baast’n?”), ammirando l’idillico paesaggio del Po che la circonda, illuminato “dall’ultimo sole”.

Torino, Mole Antonelliana al tramonto

Come Milano e molte altre città, Torino è stata spesso associata al colore grigio, tipico della città fabbrica. Solo a partire dal nuovo secolo ha saputo prendere coscienza della sua bellezza e delle sue ricchezze naturali, ben lontane dal grigiore, e farne tesoro. Ma mai fu considerata tanto verde come oggi.

Indubbiamente le colline che circondano il capoluogo piemontese sono spettacolari, ma il verde di cui si parla qui è quello cittadino, che le ha permesso di rientrare nella classifica delle città più verdi al mondo. Con i suoi 170 mila alberi, “Treepedia” ha infatti inserito questa metropoli tra le 17 più “green” in assoluto: sul podio campeggiano, in ordine, Singapore, Sydney e Vancouver. Unica italiana a comparire, tra tante europee ed americane, Torino occupa fiera la 13esima posizione.

Singapore

 

Boston

Tra i principali punti verdi spiccano i giardini di Piazza Cavour, quelli Reali in piazza Primo maggio e il Parco del Valentino. Nel Parco della Tesoriera sorge invece l’albero della fortuna, un platano largo 6 metri e mezzo di almeno 300 anni. C’è poi l’ippocastano in corso Re Umberto, lo speciale vicino di casa di Primo Levi.

La presenza verde a Torino è incessante ma pacata: in ogni angolo un albero, un giardino, uno sprazzo di colore a discapito del grigiore.

Print Friendly, PDF & Email