Paella Marisco, el sabor de España

Quando parliamo di cucina spagnola il pensiero corre alla “paella” ma le varianti di questo succulento piatto sono tantissime. Vegetariana, di carne, di pesce, mista, negra e de marisco

Spread the love

Il nome deriva dalla pentola in cui cuoce, un recipiente in ferro basso, largo e con due manici laterali.  All’origine la paella era cucinata solo con il riso e qualche verdura di stagione ma con il tempo è stata arricchita con tanti altri ingredienti. Una tra tutte la paella de marisco che vi proponiamo qui di seguito.

paella

Ma prima di entrare nel vivo della preparazione vogliamo darvi alcuni consigli su come realizzare un’ottima paella: cuocetela in una padella di ferro o al limite di acciaio ma assolutamente non antiaderente. Il motivo? Deve formarsi quella crosticina croccante (la socarrat)tipica della paella che si forma solo se il riso si attacca al fondo della padella. Non mescolate la paella, non è un risotto ma usate i due manici per muovere la pentola. Come ultimo consiglio vi suggeriamo di usare sempre un ottimo riso, indispensabile per la buona riuscita del piatto.

paella

Ingredienti:

  • 400 g di riso
  • 1,5 l di brodo di pesce
  • 1 seppia piccola
  • 5 calamari piccoli
  • 300 g di gamberi
  • 6 scampi
  • 500 g di cozze
  • 500 g di vongole
  • 1 peperone rosso
  • 100 g di piselli
  • 1 bustina di zafferano
  • 2 spicchi d’aglio
  • 2 ciuffi di prezzemolo
  • 100 g di olio evo
  • Sale q.b.
  • 1 fettine di limone per decorarla

Per il brodo di pesce

  • 700 g di teste, lische e pesce poco pregiato
  • 1 cipolla
  • 2 gambi di prezzemolo
  • 1 carota
  • Sale un pizzico
  • 3 grani di pepe
  • 1 bicchiere di vino bianco asciutto

paella

Iniziate preparando il brodo. In un litro e mezzo di acqua mettete una cipolla, carota, gambi di prezzemolo  e fate bollire  per circa 30 minuti.

Tagliate i calamari ad anelli, le seppie a striscioline e i peperoni a strisce sottili.

Pulite accuratamente le cozze e le vongole e fatele aprire in una padella dove avrete messo un po’ di olio, aglio, prezzemolo. Sgusciatene la metà e l’altra metà tenetela con il guscio.

Iniziate a lavorare con la pentola da paella. Soffriggete con l’olio le seppie e i calamari. Aggiungete mano a mano il brodo di pesce. Aggiungete il riso, i piselli, i peperoni, le cozze e le vongole sgusciate. Continuate la cottura per circa 10 minuti a fuoco vivo.

Togliete ora la pentola dal fuoco, copritela con un canovaccio umido e lasciatela riposare per qualche minuto. Prima di portare in tavola, aggiungete i frutti di mare con il guscio e completate     con spicchi di limone.

Come capire se avete cucinato un’ottima paella? I chicchi di riso dovranno essere separati l’uno dall’altro. In caso contrario avrete creato una paella “empastrat” termine valenciano per definire una paella  collosa.

paella

Potrebbe interessarvi anche questo articolo https://www.weekendpremium.it/wp/un-viaggio-low-cost-in-spagna/

Anna Maria Terzi

Anna Maria Terzi, giornalista pubblicista, esperta e appassionata di viaggi. Nel corso della sua vita ha visitato quasi tutti i paesi del mondo, da quelli caldi ed esotici come i Caraibi a quelli dal clima rigido come la Russia. Non ama i soliti viaggi banali e scontati ma è sempre alla ricerca di viaggi esperienziali. E’ amante dell’Africa che conosce bene soprattutto sotto il profilo naturalistico e culturale. Tra i vari stati ha visitato Namibia, Kenya, Tanzania, Zanzibar, Nigeria, Capoverde, Marocco e in programmazione c’è l’Uganda per vivere l’emozionante e meravigliosa esperienza dell’incontro con i gorilla.