Oman
In The World

Oman, paradiso di sabbia – seconda parte

image_pdfimage_print

Il nostro viaggio alla scoperta dell’Oman prosegue partendo da Sur la capitale della provincia di A’Sharquiyah dove vivono circa 60 mila persone. I paesaggi brulli spesso incontrati in Oman in questa cittadina si addolciscono.

Oman

Sur è conosciuta per essere stata un importante punto di destinazione per i marinai. Anche oggi il mare ha un ruolo importante per la vita di Sur  ed è una delle città più famose del Golfo Persico per la costruzione di imbarcazioni in legno, conosciute con il nome di dhow la cui produzione è incentivata dal governo omanita. Vicino al ponte sospeso c’è il cantiere navale dove è possibile ammirarne la costruzione che rispetta gli antichi metodi che non prevedono progetti ma sono custoditi nella memoria degli artigiani. A queste imbarcazioni tradizionali e ai metodi per la loro costruzione è dedicato il Dhow Museum. Noi ci limitiamo a passeggiare sulla splendida “corniche” con una vista sul faro di Ayjah e sulla moschea di grande impatto emotivo.

Oman

Dopo una rilassante passeggiata ci aspetta un po’ di fatica perché la destinazione è Wadi Tiwi, spettacolare gola stretta e profonda che corre tra alte scogliere fino al mare contornata da  bellissimi palmeti, oasi e abitazioni. Il percorso è in salita, impegnativo, il caldo è elevato ma ciò che si ammira lungo il percorso e una volta a destinazione ripaga della scarpinata: rigogliose piantagioni di datteri e banane attraversate da una rete di Aflaj. In sottofondo l’adhan del muezzin (la chiamata islamica alla preghiera) ci ricorda di essere in Oman e non nell’Eden.

Oman

Proseguiamo alla volta della  Sinkhole di Bimmah, una dolina carsica larga 40 metri che raccoglie un’acqua limpidissima dal colore verde smeraldo. Ancora oggi gli studiosi non sanno dare una spiegazione a cosa ha generato questo grande buco. La teoria più probabile è quella della caduta di un meteorite, un’altra ipotesi invece è quella di un cedimento del terreno. Per gli abitanti del posto? È la casa del diavolo.

Oman

In ogni modo poco importa come è nata questa buca leggendaria, ciò che importa è che oggi è possibile ammirarla. La natura sa regalare scenari incredibili ma l’uomo alcune volte non la rispetta e deturpa questo splendido paesaggio: qui, per esempio, ha costruito una lunga e ripida scalinata in cemento che porta alla spiaggia sottostante.

Quinto giorno:

La mattinata inizia con la visita al vitale mercato del pesce a Barka, una città nella regione di al-Bāṭina nel nord dell’Oman. Ogni mattina, fino alle 9.30, qui si inizia l’asta del pesce e sotto la tettoia  fervono le contrattazioni.

Oman

Alcuni venditori di verdura circondano i banchi dei pescatori. Osservare il via vai di gente in piena  attività è affascinante e perdiamo almeno un’ora.

Oman

Ci spostiamo al Castello di Al Hazm alla periferia di Al Rustaq. È sicuramente uno dei monumenti storici meglio conservati che abbiamo visitato e dove è possibile ammirare l’architettura islamica in Oman ripercorrendo, attraverso le diverse stanze, il passato. In questo castello si riesce a comprendere come queste fortezze erano usate e come le persone vivevano e trascorrevano il tempo al loro interno.  È una costruzione rettangolare a due piani con due torri rotonde. All’interno le tante stanze e corridoi suddivisi per aree militari e residenziali.

Oman

Procediamo alla volta del villaggio Al’Thowarah  che significa “piantagione delle palme”, noto per le sue sorgenti termali. Costeggiamo palmeti e giardini con bellissime bougainvillea prima di raggiungere le caldi sorgenti.

Oman

Il villaggio è una meta molto frequentata dagli omaniti nei giorni di festa. Nella realtà i pic nic arabi sono esclusivamente composti da soli uomini e infatti le donne presenti appartengono alle comunità indiane e pakistane presenti sul territorio.

Il wadi è pieno  di vita: le famiglie vi si riuniscono per fare  grigliate, i bambini giocano e nuotano nelle acque del wadi, i venditori di succo di tamarindo offrono il loro prodotto a un riad.

Oman
Un venditore di succo di tamarindo

Sesto giorno

Siamo a Muscat, capitale dell’Oman  e la nostra prima visita è la Grande Moschea del Sultano Qaboos considerata la più grande e importante moschea di tutto il Sultanato. Una cupola principale, un minareto alto 90 metri e altri 4 minareti di 45,5 metri, rendono l’idea della grandezza dell’edificio che può accogliere 20 mila fedeli. Dopo anni di costruzione, la moschea è stata inaugurata nel 2001. Imponente, maestosa, sfarzosa con uno stile architettonico tradizionale omanita, persiano, egiziano ha caratteristiche costruttive stupefacenti.

Oman

Nella stanza principale di preghiera, riservata agli uomini, cattura lo sguardo lo scintillante lampadario in cristallo Swarovski alto 14 metri, posto a 50 metri di altezza e dall’impressionante peso di 8 tonnellate! A terra un tappeto persiano che, con le sue misure 60×70 metri, è considerato il secondo più grande al mondo. Ci sono volute 600 donne iraniane e ben 4 anni per realizzarlo annodando 1,7 miliardi di nodi.  Un’altra ampia stanza è riservata alle donne che possono seguire la predica dell’imam attraverso due schermi posizionati alla parete.

Oman

Non mancano stanze dove ci si dedica alle abluzioni lavandosi per tre volte il viso, le mani e i piedi.

Oman

Per entrare nello spirito della città è necessario visitare il souk di Mutrah. In questi vicoli si svolge la quotidianità degli omaniti e oggi anche quella dei turisti. Vi si trova di tutto: oggetti di valore e chincaglieria, tappeti, abiti, artigianato, spezie, incensi, lanterne e gioielli oltre ai bellissimi pugnali omaniti.  Avventurarsi nei meandri senza paura di perdersi, acquistare la merce contrattando sino allo sfinimento, fare amicizia con donne omanite sempre restie a farsi fotografare è bellissimo.

Oman

Ci dirigiamo alla Royal Opera House nel quartiere Shati Al Qurm. Inaugurato nel 2011 con la rappresentazione della Turandot diretta da Placido Domingo, è un bellissimo e imponente teatro di architettura contemporanea che ospita oltre 1.000 persone.

Oman

Proseguiamo la giornata nella città vecchia di Muscat con  la visita al  Museo Bait Al Zubair, nato come fondazione privata e poi trasformato nel 1998 in un museo aperto al pubblico. Le opere di matrice omanita al suo interno sono tante e vanno dai costumi tradizionali maschili e femminili delle varie regioni dell’Oman, ai gioielli antichi e pugnali decorati.

oman

Terminiamo la giornata con  la visita al Palazzo Reale Qasr Al Alam conosciuto anche come palazzo della Bandiera. È una delle sei residenze ufficiali del sultano dell’Oman. Questo palazzo, riservato alle funzioni ufficiali, ha una facciata impreziosita da colonne blu e oro. Ai lati, sulle torrette, militari sorvegliano gli ingressi. I giardini che circondano la residenza sono spettacolari. Di fronte al Palazzo Reale sorge il National Museum.

oman

Settimo e ultimo  giorno

Il nostro viaggio è giunto a conclusione e ci regaliamo una visita alla fabbrica di profumi diventata famosa in tutto il mondo con la fragranza Amouage la cui versione originale racchiude tutti i profumi del Sultanato.Oman

Prima di recarci in aeroporto ci regaliamo ancora qualche ora al souq e stanchi ma soddisfatti della scoperta di un Paese con antiche tradizioni e atmosfere da mille e una notte, rientriamo in Italia per scontrarci con un mondo completamente diverso fatto di traffico caotico, ritmi intensi e un cielo plumbeo e piovigginoso.

Oman

INFORMAZIONI UTILI:

Come arrivare: Volo di linea Oman Air collega tutti i giorni Milano Malpensa all’aeroporto di Muscat

Documenti necessari: Passaporto con validità di almeno 6 mesi e visto turistico

Fuso orario: Tre ore in più rispetto all’Italia, due quando è in vigore da noi l’ora legale

Viaggio organizzato: Molti gli operatori italiani ad avere a catalogo l’Oman fra questi I viaggi dell’Elefante

Dove dormire:

Nizwa: Al Diyar Hotel Tel. +968 25 41 24 02

Muscat: Shangri-la Tel. +968 24 77 66 66

Wahiba Sands: Arabian Oryx Camp Tel.+968 94 42 15 00

Ras al Hadd: Turtle Beach Resort Tel. +968 25 54 49 00

Se avete perso la prima parte del racconto cliccate qui: Oman, paradiso di sabbia – prima parte

Oman
Khanjar – il pugnale cerimoniale, simbolo dell’Oman

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.