Weekend In Auto

Multispazio: per i weekend su quattroruote

Secondo una classifica relativa ai trend di viaggio del 2019 redatta da Booking, sono in crescita i viaggi brevi. Circa il 53% dei viaggiatori indica di voler effettuare più viaggi durante il weekend, con itinerari più brevi e curati nei minimi dettagli.

Parallelamente, è in crescita anche il trend riguardo l’utilizzo dei van: infatti un viaggiatore su quattro, tra i 25 e i 35 anni, preferirebbe partire a bordo di un van o di un camper. A confermarlo è Yascapa, la piattaforma di camper-sharing tra privati più famosa d’Europa. Le ragioni di queste preferenze nascono sicuramente da una mentalità indirizzata alla sharing economy, ma soprattutto dal risparmio economico. Tuttavia, esistono delle alternative più versatili ai più classici van, ovvero le multispazio.

Per il turismo su quattro ruote, ci sono tre tipologie importanti: i camper, vere e proprie case a quattro ruote, i van, ovvero i camper furgonati, e le multispazio, automobili capienti e con capacità di carco superiore. Oggi parleremo di quest’ultime.

Van e multispazio: le differenze

Nel mondo del turismo itinerante, il van, a differenza dei camper tradizionali, ha dimensioni più compatte, è un corpo unico tra veicolo guida e camper, e ha prestazioni stradali paragonabili a una vettura monovolume.
Poi esistono ancora quei veicoli definiti Minivan, che sono derivati da veicoli commerciali e sono adibiti al trasporto di passeggeri, solitamente in un numero da 6 a 9.

Nel mercato automobilistico, i van si mettono in concorrenza con le multispazio.
Quest’ultime, sono veicoli più piccoli dei classici furgoni e hanno una base telaistica derivata da un’automobile di serie, ma con una sovrastruttura abbastanza capiente da contenere 3 file di sedili o un vano di carico di cubatura elevata.

I vantaggi della multispace

A differenza dei van, intesi come camper furgonati, le multispazio non implicano il dover per forza dormire a bordo della vettura (anche se è possibile farlo su quelle allestite appositamente) e di conseguenza doversi recare in apposite zone attrezzate. È altrettanto vero che, con il camper si può dormire nei parcheggi dei centri commerciali e dei supermercati, o addirittura nelle aree di servizio autostradale, il tutto però a scapito della sicurezza. Quindi, nonostante permettano di viaggiare con un numero maggiore di passeggeri rispetto alle classiche auto, le multispazio regalano più libertà rispetto ai van, e costano di meno rispetto a quest’ultime.

Copyright William Crozes @ Continental Productions

Se invece, paragoniamo le multispace alle automobili, avremo vantaggi in termini di spazio per i bagagli, oltre alla possibilità di stivare oggetti ingombranti (specialmente se il paragone è fatto con in SUV) come per esempio le biciclette, ma anche sci e altro materiale sportivo. Infine, è garantito un maggiore comfort di viaggio, in forza dall’ambiente spazioso, oltre al fatto che possono ospitare più passeggeri.

Sono proprio queste caratteristiche a rendere le multispazio ottime weekendCar, per chi vuole passare un fine settimana in giro con gli amici o all’insegna dello sport. Allora ecco alcune delle multispazio presenti sul nostro mercato, adatte a tutte le esigenze.

Citroen Berlingo il padre delle multispazio

Il padre del segmento multispazio, nato nel 1996, con 3,3 milioni di esemplari prodotti, oltre a essere il modello più venduto a livello globale dopo Citroen C3, è anche il secondo multispazio più venduto in Europa.

Berlingo è giunta nel 2018 alla sua terza generazione, mantenendo fra i suoi punti di forza praticità, semplicità e comodità. Disponibile in versione 5 o 7 posti, tra le sue novità vi è l’introduzione dei tre sedili posteriori indipendenti e del tetto multifunzione Modutop o del lunotto posteriore apribile.

Citroen rivela che il target di clientela di questa vettura sono le giovani coppie attive o senior, con o senza bambini, che vivono in zone periferiche o in campagna e sono appassionate di attività sportive come la bicicletta o il trekking.

Sono ben 26 le versioni in gamma, con 4 diverse tipologie di motore: il benzina 4 cilindri 1.2 Puretech da 110 Cv, e i diesel 1.5 BlueHDI da 75, 110 e 130 CV. Disponibile anche il cambio automatico EAT8 con convertitore di coppia. Prezzi a partire da 20.450 euro

Fiat Qubo la più venduta in Italia

Fiat Qubo, la multispazio più venduta in Italia, disponibile nella versione commerciale Fiorino, è un modello che ha esordito nel 2008 e a distanza di dieci anni, risulta la più venduta in Italia nella sua categoria.

Con 396 cm di lunghezza, 172 cm di larghezza e 174 cm di altezza, ha un baule con una capacità di carico di 330 litri, di gran lunga superiore alle vetture delle stesse dimensioni. Abbattendo i sedili posteriori si arriva a 2500 litri, praticamente un piccolo furgone.

La struttura della carrozzeria permette di avere un soffitto alto che incrementa la sensazione di spaziosità, inoltre le portiere scorrevoli posteriori permettono una facile salita a bordo.
Nonostante Fiat Qubo possa vantare un assetto ben equilibrato, non sono le prestazioni il suo forte. Ma ovviamente chi sceglie questa vettura ha esigenze di altra natura.

Disponibile in diverse motorizzazioni, troviamo un 1.4 benzina Fire aspirato da 77 Cv, un 1.4 Natural Power da 69 Cv alimentato a benzina e metano, e due turbodiesel 1.3 Multijet da 80 e 95 CV, di cui l’80 CV è disponibile anche con cambio robotizzato a 5 marce Dualogic TM.
Fiat Qubo può essere vostra a partire da 14.500 euro.

 

Nuovo Peugeot Rifter si ispira al mondo dei SUV

Sviluppato sulla piattaforma modulare EMP2, la stessa di 308, 508, 3008 e 5008, non deriva quindi da un veicolo commerciale. Infatti, Tra le sue caratteristiche principali ci sono diversi elementi ripresi dal mondo dei SUV, come il design, la maggior altezza da terra aspetti tecnologici.

La carrozzeria di Rifter è molto squadrata, in modo da permettere il massimo carico possibile ed è disponibile in versione 5 e 7 posti.
Per una maggiore esperienza di guida è stato introdotto il Peugeot i-Cockpit, con volante dalle dimensioni ridotte.

Tra le tecnologie derivate dal mondo dei SUV, Rifter adotta l’Advance Grip Control: un sistema per aumentare la motricitá del veicolo su diverse tipologie di terreno. Inoltre, è presente l’Hill Assist Descent Control che permette di gestire in maniera automatica la velocitá del veicolo in discesa su forti pendenze. Motori benzina PureTech 110 CV o diesel BlueHDI 75, 110 e 130 CV. Cambio manuale o automatico EAT8. Disponibile in tre allestimenti, Peugeot Rifter parte da un prezzo di 21.500 euro.

 

Mercedes-Benz Citan Tourer il multispace premium

Disponibile in 3 diverse lunghezze, Il multispazio tedesco nella versione da 5 persone permette un carico di 685 litri, che diventa di 3.000 litri abbattendo il divanetto. Citan Kombi si distingue per gli interni di qualità e l’insonorizzazione. I motori disponibili sono il benzina 4 cilindri 1.2 turbo a iniezione diretta da 114 CV o i diesel 1.5 td da 75, 90 e 110 CV con cambio manuale a 5 o 6 rapporti. Prezzi a partire da 20.339 euro fino a 30.000 euro.

 

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.