IL FUTURISTA UMBERTO BOCCIONI TORNA A MILANO GRAZIE ALLA COLLEZIONE DEL MAON

Per un weekend all’insegna dell’arte, Milano si arricchisce grazie alla collezione del museo Maon. Alcune opere di Boccioni e Rotella verranno esposte insieme a quelle di altri artisti contemporanei, nel corso della mostra “Contributi al novecento. Da Boccioni a Rotella ai contemporanei”.

Spread the love

La mostra si terrà in concomitanza con il palinsesto “Novecento Italiano”, organizzato dal comune di Milano e sarà aperta al pubblico dal 13 settembre fino al 14 ottobre, presso la Fondazione Stelline. Le 35 opere esposte appartengono al museo calabrese MAON, già autore in passato di due grandi mostre, dedicate proprio a Umberto Boccioni e Mimmo Rotella.

Il percorso espositivo della mostra è organizzato secondo una scansione temporale in due sezioni: la prima si intitola “Le Avanguardie Storiche e il Novecento Italiano” e copre il periodo 1900-1945. La seconda affronta il Dopoguerra e le Nuove Tendenze, ovvero il periodo compreso tra il 1945 e il 2000.

Il pezzo forte della raccolta, appartiene alla prima sezione ed è un dipinto pre-futurista di Boccioni, intitolato “Paesaggio marino con alberi”. L’opera è caratterizzata da una pittura sottile, rapida e filamentosa, che si collega a diverse opere prefuturiste della collezione Chiattone di Lugano, tutte eseguite attorno al 1908.

Umberto Boccioni, Paesaggio marino con alberi, 1908, olio su tela

Le opere della seconda sezione sono espressione dell’evoluzione che interessò le avanguardie storiche nel secondo dopoguerra. Qui possiamo trovare sperimentazioni sui materiali e le tecnologie e contaminazioni di generi con i paradossi linguistici.

È in questo periodo che si colloca la figura di spicco di Mimmo Rotella, che ha saputo fare da ponte fra il Dadaismo e la Pop Art, utilizzando dei ready made e le icone della pubblicità fotografica.

Mimmo Rotella, E Rosso. 1957, décollage

Tra i lavori esposti sono da ricordare anche alcuni assemblaggi di oggetti e ramoscelli di Alik Cavaliere, docente e direttore dell’Accademia di Brera a Milano.

Alik Cavaliere. Senza titolo, anni 70-80, bronzo e bottiglia

Per maggiori informazioni riguardanti la mostra potete consultare il sito di Fondazione Stelline: https://www.stelline.it/it/la-fondazione/mostre/contributi-al-novecento-da-boccioni-rotella-ai-contemporanei-la-collezione-del

Per avere più informazioni relative al palinsesto “Novecento Italiano” potete consultare il sito del comune di Milano: http://www.comune.milano.it/wps/portal/ist/it/news/primopiano/tutte_notizie/cultura/novecento_italiano_presentazione_palinsesto

Print Friendly, PDF & Email