Weekend In Auto

Le nuove weekend car ibride del 2019: da BMW serie 7 a Kia e-Niro

image_pdfimage_print

Il 2019 promette a tutti gli effetti di essere un anno di svolta per l’auto ibrida. Nonostante i dati di gennaio relativi alle vendite confermino un trend negativo pari al – 7,6% rispetto all’anno scorso, il mercato delle ibride é in crescita del 17,8%, portandosi ora a una quota totale del 5,1%. A partire dal primo marzo, inoltre, sarà possibile godere del contributo governativo per l’acquisto di auto a basso impatto ambientale. Il bonus sarà applicabile sulle vetture con emissioni comprese fra 0 e i 70 grammi/km di CO2, a patto che non superino un prezzo di 50 mila euro. La cifra scontabile, ovviamente varia in base alle emissioni: da 0, ovvero le auto full electric, fino a 20 g/ km di CO2 é di 6.000 euro, mentre tra i 21 e i 70 g/km di CO2 parliamo di 2.500 euro.

Dal momento che che la tecnologia puramente elettrica ha ancora dei limiti, dovuti in primis a una scarsa autonomia, alla quale si aggiungono una scarsità di infrastrutture e i prezzi relativamente alti, sembra conveniente muoversi in direzione dell’ibrido.
Ecco allora che nella panoramica di oggi vi proponiamo le weekend car ibride piú interessanti già sul mercato o in arrivo a breve.

Lexus ES Hybrid

ES Hybrid é la berlina Lexus più venduta al mondo. E ora, arrivata  alla sua 7° generazione, é anche l’unica berlina premium sul mercato italiano offerta esclusivamente in versione ibrida elettrificata ‘Self Charging Hybrid. La nuova ES Hybrid è sviluppata sulla nuova piattaforma GA-K che rende la vettura più agile e leggera e, allo stesso tempo, più precisa e sicura.

Questa nuova vettura é caratterizzata da un sistema propulsivo ibrido elettrificato ‘Self Charging Hybrid’ di ultima generazione, in grado di offrire grande efficienza nei consumi, una performance reattiva a tutti i regimi ed emissioni ai vertici della categoria a partire da 100 g/km di CO2. La trasmissione unisce un efficiente motore benzina 2.5L, 4 cilindri a ciclo Atkinson a un motore elettrico potente, compatto e leggero per una potenza complessiva di 218 CV che consente a Lexus ES Hybrid di marciare fino a 115 km/h in modalità elettrica e di contenere i consumi.

La gamma è disponibile in 4 allestimenti di cui una versione, la Business, è dedicata alla clientela flotte. L’allestimento Executive andrà a coprire più della metà delle vendite mentre l’alto di gamma sarà rappresentato dalle versioni F SPORT e Luxury. Prezzi di listino a partire da 50.800€ per la versione Business, mentre 56.000€ per la Executive.

BMW serie 7 plug-in

La nuova generazione della BMW Serie 7 arricchisce la gamma della casa tedesca con la versione ibrida plug-in. Il nuovo design esterno della berlina di lusso vanta un restyling della calandra anteriore, ora piú grande di 50 millimetri e un nuovo cofano con un taglio più netto delle linee e un logo BMW più grande.

Gli interni sono ovviamente eleganti con rivestimenti in pelle e comfort acustico ottimizzato, il display digitale con quadro strumenti e Control Display, il BMW Operating System 7.0 e il BMW Intelligent Personal Assistant stabiliscono nuovi standard di benessere e comfort su strada.

Per quanto riguarda i motori , si aggiunge Il sei cilindri in linea di 3.0 litri da 283 CV, affiancato da un motore elettrico sincrono da 83 kW (113 CV), per una potenza totale di 394 CV e 600 Nm di coppia. Il cambio é automatico a 8 rapporti. É possibile viaggiare con il motore elettrico fino a 110 km/h con u’autonomia di 58 km.La nuova BMW serie 7 é in arrivo a marzo e i prezzi sono di 106.400 euro per la versione a passo corto e di 114.400 euro per la “lunga”.

Kia e-Niro

Weekend premium ha giá avuto modo di provare la nuova Kia e-nero durante un viaggio in Costa azzurra che potete leggere qui.

La terza versione di Niro é nata “elettrica” con alimentazione ibrida e seguita dalla plug-in, l’ultima proposta è mossa solo da batterie senza motore termico. La moderna unità elettrica realizzata da Kia eroga 150 kW (corrispondenti a 204 Cv) e una coppia di 395 Nm quando la batteria è da 64 kWh. Se invece la batterie è da 39,2 kWh il motore eroga 100 kW (136 Cv) e una coppia di 395 Nm. Nel primo caso e-Niro scatta da 0 a 100 in 7,8 secondi, nel secondo ne impiega 9,8. Kia e-Niro offre un’autonomia molto elevata, paragonabile solo con quella di EV di fascia più alta: fino a 455 km nell’impiego misto (omologazione WLTP) e fino a 615 km nella guida urbana.

Esteticamente si riconosce dalle altre versioni per il frontale, dove è protagonista la calandra – priva di aperture di ventilazione: la presa d’aria è nella zona inferiore – con lavorazione “a pallina da golf” e con lo sportello per la connessione di ricarica, diversi gli scudi paraurti con luci led a freccia e inserti blu, tema che riprende in coda e all’interno.

Internamente, la strumentazione è configurabile, davanti al volante con display centrale tra indicatore di potenza erogata (o recuperata) e tachimetro: grafica e contenuti variano anche secondo la regolazione della modalità di guida, Eco+, Eco, Normal e Sport. Al centro della plancia il display da 7 pollici con navigatore mostra lo stato delle batterie e la conseguente gestione dell’autonomia (indicata anche con cerchi distanziometrici sulla mappa secondo i km percorribili), è utile anche per trovare la ricarica più vicina. La nuova Kia e-Niro sarà commercializzata in luglio, ma si può ordinare in aprile.

 

page2image29246784

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.