La Valle del Jiuzhaigou il surreale capolavoro della natura

A chi è alla ricerca di luoghi magici, incantati, che riescono a sorprendere per la loro straordinaria bellezza, suggeriamo di acquistare un biglietto aereo per la Cina con destinazione la Valle del Jiuzhaigou . Un angolo di purezza incontaminata che è senza ombra di dubbio uno dei luoghi più pittoreschi che abbiamo avuto modo di visitare.

I paesaggi che si presenteranno ai vostri occhi vi lasceranno senza fiato: corsi d’acqua, laghi, foreste, montagne, cascate, alberi ad alto fusto e animali rari come ad esempio il bellissimo panda gigante rendono questo luogo uno dei paradisi naturali della Terra. Ed è per questo che, nel 1992, l’area è stata dichiarata dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità. Il nome Jiuzhaigou significa “Valle dei Nove Villaggi” e ha origini antichissime. Fu chiamata così per la presenza di molti tibetani i quali consideravano i corsi d’acqua e le montagne luoghi sacri. Si racconta che nei tempi antichi, Dago, il dio della montagna si fosse innamorato di Semo una bellissima dea alla quale regalò uno specchio per dichiarare il suo amore. Un amore però contrastato da un demone. La bella dea, accidentalmente, ruppe lo specchio che si frantumò in 108 pezzi. Questi, cadendo sulla Terra, si trasformarono nei coloratissimi laghi della Valle di Jiuzhaigou.

jiuzhaigou- lago specchio
jiuzhaigou- lago specchio

La valle ha un clima temperato e il suo ecosistema comprende chilometri di foresta vergine con caratteristiche che non si riscontrano in altri ambienti. I periodi migliori per visitarla sono primavera ed estate dove i colori della natura la fanno da padrone regalando spettacoli davvero mozzafiato anche se la piovosità è alta.
Certo, vi stiamo consigliando un viaggio complicato soprattutto se paragonato ad altre mete della Cina in quanto per raggiungere la destinazione dovrete non solo affrontare un lungo volo ma anche molte ore di autobus. Ma vi possiamo assicurare che ne vale veramente la pena. Il biglietto d’ingresso al parco costa circa 310 yuan cinesi che corrispondono a circa 40 euro che vi permetteranno di restare all’interno tutto il giorno (ma la vastità del luogo necessita almeno di altri 2/3 giorni).


Ed ecco cosa vedrete nel corso della visita.
La Valle di Shuzheng, forse l’area turistica più visitata di tutta la Valle di Jiuzhaigou. All’interno ci sono 40 laghi, uno più bello dell’altro. Quelli più panoramici riteniamo siano:

1. Il Lago dei Due Draghi, che prende il nome dalla forma molto simile a quella di due draghi. Si narra che nell’antichità il lago fosse abitato da due cattivissimi draghi che diedero vita a veri e propri tormenti ai danni dei tibetani che abitavano quella zona causando temporali e grandinate. Ma catturati e incatenati sul fondo del lago da Gesar un re tibetano, il lago ritornò a essere un luogo di pace. Nella realtà la forma è data da cumuli di roccia calcarea sul fondo. Oltre alla sua forma particolare potrete ammirare stormi di anatre mandarine che volano a filo d’acqua dando vita a uno spettacolo meraviglioso.

2. Il lago del Rinoceronte, molto grande e anomalo per la sua trasformazione durante la giornata. Al mattino, avvolto dalla nebbia e dalle nuvole, forma un tutt’uno con il cielo. C’è la possibilità di visitare il lago in barca per ammirarlo da tutte le angolazioni. La storia di questo lago è avvolta da una bizzarra leggenda: un lama molto malato arrivò, in groppa a un rinoceronte, sulle sponde del lago e si abbeverò sentendosi subito meglio. Decise allora di fermarsi alcuni giorni e guarì completamente. Questo lo indusse a fermarsi qui e a vivere vicino al lago. Una sorta di lago miracoloso.

3. Il Lago delle Canne così chiamato perché circondato da fitti canneti accarezzati dal vento e abitati abitualmente da aironi e anatre.

4. Il lago Scintillante prende il nome dal fatto che quando lo si osserva si ha l’impressione di guardare uno specchio e quando i raggi del sole illuminano la superficie le acque scintillano creando movimenti surreali e unici nel loro genere.

La Valle di Rize offre anch’essa splendidi scenari per la presenza di bellissimi laghi tra cui:

1. Il Lago del Panda caratterizzato da cascate che, durante i mesi invernali, lo trasforma in un paesaggio fatato. Il lago prende il nome dalla presenza dei panda, meravigliosi animali che per niente intimoriti dai turisti giocano e bevono in riva al lago.

2. Il Lago dello Specchio, una stretta lingua di acqua lunga 1 km delimitata per un tratto da una montagna. La superficie del lago è talmente limpida e liscia da ricordare uno specchio.

3. Il Fiume del Pavone chiamato così perché le sue tante sfumature, verde, oro, blu, ricordano i colori della livrea di un pavone.

4. Il Lago dei Cinque Fiori è forse il più bello della Valle di Jiuzhaigou, caratterizzato com’è da tutti i colori della tavolozza. Le foglie degli alberi sembrano abbracciarsi tra loro. Ma la cosa più spettacolare è il colore delle acque del lago: azzurro, blu, verde, giallo con tantissimi fiori acquatici che galleggiano sull’acqua. È considerato dagli abitanti un luogo sacro.

Il Fiume Pavone
Il Fiume Pavone

La Valle di Zechawa, un’area che si allunga per 18 km in cui possiamo ammirare e visitare:

1. La Rupe dello Specchio Magico , conosciuta anche con il nome di “Rupe del Demone” è una scogliera alta 400 metri e prende il nome dalla superficie uniforme che la rende simile a un enorme specchio.
Si narra che fu il signore della montagna a costruire questo grande specchio al fine di difendere gli abitanti del posto dalla furia distruttiva di un demone.

2. I Laghi delle Stagioni: uno inferiore circondato da boschi di betulle e ricco di frutti selvatici e uno superiore circondato invece da scogliere. Questi laghi sono chiamati così in quanto hanno peculiarità differenti in base alle stagioni: in autunno il lago assume un colore blu intenso, in primavera e in inverno assume invece un colore verde e d’estate completamente asciutti si trasformano in fertili prati dove crescono piante di ogni tipo.

3. Lo Stagno dei Cinque colori. Come anticipa il nome, i colori dello stagno vanno dal rosso, arancione, giallo, verde, blu, viola dando forma a un caleidoscopio di colori. Si dice che nell’antichità ci fosse un lago coloratissimo, chiamato il Lago di Diaspro che però nessuno ebbe mai la possibilità di vedere. Sembra che questo lago leggendario e misterioso non sia altro che lo Stagno dei Cinque colori.

4. Il Lago Lungo si trova alla fine della Valle di Zechawa e le sue acque nascono dalla neve sciolta delle montagne. Sulla sponda andate ad ammirare un bellissimo e antichissimo albero ma state attenti perché si narra che tale albero sia il guardiano del lago.

Se decidete di vivere questa magica avventura in uno dei posti più belli, sotto l’aspetto ambientalistico, tenete in considerazione che alcune zone di Jiuzhaigou vengono chiuse al fine di preservare l’ambiente dal gran numero di visitatori e anche per poter effettuare interventi di manutenzione. Il periodo va dal 16 novembre fino al 31 marzo.

 

Print Friendly, PDF & Email

Anna Maria Terzi

Anna Maria Terzi, dirigente d’azienda, giornalista pubblicista, esperta e appassionata di viaggi. Nel corso della sua vita ha visitato quasi tutti i paesi del mondo, da quelli caldi ed esotici come i Caraibi a quelli dal clima rigido come la Russia. Non ama i soliti viaggi banali e scontati ma è sempre alla ricerca di viaggi esperienziali. E’ amante dell’Africa che conosce bene soprattutto sotto il profilo naturalistico e culturale. Tra i vari stati ha visitato Namibia, Kenya, Tanzania, Zanzibar, Nigeria, Capoverde, Marocco e in programmazione c’è l’Uganda per vivere l’emozionante e meravigliosa esperienza dell’incontro con i gorilla.