Weekend Italy

Tra mostre, fiere e presepi, ecco dove andare nel weekend

 

C’è chi ha ancora voglia di atmosfere natalizie e chi, invece, ha voglia di prendersi cura di sé o, ancora, di fare una full immersion nelle proprie passioni, nell’arte o di tornare bambino immergendosi nei ricordi.  Passato (da poco) il lungo periodo delle festività, ecco i nostri suggerimenti su dove andare nel weekend del 12 e 13 gennaio.

A Chiasso “Auto che passione!”

Una mostra da non perdere per tutti gli appassionati di auto e della loro storia. A Chiasso, a pochi Km dal confine italiano, fino al 27 gennaio si può visitare la bella esposizione “Auto, che passione!”, ospitata presso il m.a.x museo e nell’adiacente Spazio Officina. La mostra propone un’interessante interazione tra mondo dei motori, grafica e design, raccontando secoli di storia e di comunicazione sulle quattro ruote.

Il percorso di visita si articola di stanza in stanza, cominciando con un tuffo nel secolo scorso, per ammirare l’evoluzione della grafica, del design e del costume, con un focus sui modelli iconici, da quelli a manovella a quelli di lusso, dalle Alfa Romeo alle Citroen, di uso quotidiano, fino alle “inarrivabili” Ferrari e Lamborghini.

Sono oltre 300, poi, i manifesti, le cartoline, i cimeli e i disegni ispirati al mondo dei motori, tra cui poster firmati da Jules Chéret, e le illustrazioni di Plinio Codognato e Leopoldo Merlicovitz. Fino a D’Annunzio, a cui si deve l’ingentilimento delle forme dell’auto, che si fanno più sinuose e femminili.

Tappa finale del percorso, nell’ex autorimessa, dodici modelli che sono veri e propri capolavori, diversi per epoca, fabbricazione e marca. Si tratta di prototipi, esemplari unici o prodotti in serie limitata tra cui spiccano Lancia, Alvis, IsoRivolta e Bugatti.

INFO: www.centroculturalechiasso.ch Ingresso € 10; orario : mar-dom 10-12 e 14-18.

A Milano una mostra per i 110 anni del “Corriere dei Piccoli”

Ultimo weekend, quello del 12 e 13 gennaio, per visitate la bella mostra per i 110 anni del “Corriere dei Piccoli”, ospitata presso il Wow Spazio Fumetto di viale Campania 12. Si tratta, infatti, del primo giornale a fumetti dell’editoria italiana. Il primo numero, che si può ammirare nell’ambito della mostra, è infatti uscito il 27 dicembre 1908.

Attraverso centinaia di numeri originali, scelti nell’archivio della Fondazione Franco Fossati, la mostra ripercorre non solo la storia del giornale, ma anche dei personaggi che lo hanno reso famoso. Tra questi Bilbobul di Attilio Mussino, che compare fin dal numero 1, Quadratino di Antonio Rubino, Schizzo di Mussino, il Signor Bonaventura di Sto e Marmittone di Angoletta. Dagli Stati Uniti arriva invece Buster Brown, da noi ribattezzato Mimmo, il gatto Felix, Fortunello, Arcibaldo e Petronilla, Bibì e Bibò, Capitano Cocoricò e Tordella.

La mostra si divide in sezioni che ripercorrono i diversi periodi di uscita del giornale, i cambiamenti di formato, l’introduzione della copertina nel 1962, il restyling del 1968, fino alla chiusura definitiva del 1995.

INFO: www.museowow.it Ingresso € 5 intero, € 3 ridotto. Orario: mar-ven 15-20.

A Predappio (FC) ultima occasione per visitare il Presepe nelle Grotte della Solfatara

C’è ancora tempo fino al 27 gennaio, per chi ha ancora voglia di atmosfere natalizia, per visitare il magnifico e unico Presepe Artistico nelle Grotte della Solfatara di Predappio, in provincia di Forlì-Cesena, giunto alla sua 36° edizione. Nel suggestivo scenario delle cave di zolfo viene allestito un presepe meccanico che ricrea il clima della Natività e della Sacra Famiglia, su uno sfondo che ricorda la Betlemme di più di duemila anni fa.

L’edizione di quest’anno ha come tema “La Nascita”, che viene descritta in dodici tappe: Inno al Logos, Nascita della Terra, Annunciazione a Maria, Betlemme e il censimento, Ricerca di un alloggio, Nascita di Gesù, Annunciazione ai pastori, Adorazione dei pastori, Presentazione di Gesù al tempio, Ritorno a Nazareth, Nascita della tradizione del Presepe con San Francesco e Nascita della nuova era di Aquarius. Per accedere al Presepe si lascia l’auto nel parcheggio gratuito di via della Solfatara e si sale una bella scalinata immersa nel verde.

INFO: www.predappioalta.org, ingresso € 3,50, ridotto 6-12 anni € 1,50. Orario: sab 14-18; dom 10-18.

A Pisa, “Tra sogno, magia & benessere”

Nel weekend del 12 e 13 gennaio torna a Pisa, presso il Palazzo del Congressi, la 35° edizione di “Tra sogno, magia & benessere” con tante novità e aree tematiche. Per esempio, nello spazio olistico, operatori esperti terranno incontri, dimostrazioni e trattamenti di Shiatzu, Ayurveda, massaggio Thai, Hot Stone, massaggio hawaiano e californiano, ipnosi regressiva e rebirthding, meditazione, yoga, tai chi, magnetoterapia, pranoterapia, cristalloterapia, fiori di Bach e terapia del suono.

A piano terra, nell’Area Arti divinatorie, si potranno trovare prodotti esoterici e operatori di arti mantiche, mentre nella Sala Conferenze professionisti e relatori esperti terranno incontri e dibattiti sulle tematiche legate alla salute e al benessere. Non mancheranno nemmeno gli stand di abbigliamento, artigianato orientale, cosmesi naturale, editoria specializzata, erboristeria, mineralogia e cucina naturale, dove poter acquistare, tra le altre cose, lampade al sale, fontane zen, incensi, candele campane tibetane, libri e Cd.

Presso l’Area Food e relax, invece, si parlerà di alimentazione tradizionale, dieta mediterranea, cucina giapponese, vegetariana e vegana, prodotti bio e a km 0. Nell’area mostre si potranno poi ammirare fotografie e opere d’arte a tema, mentre nell’Auditorium da 500 poste si terranno esibizioni e spettacoli con strumenti orientali, campane tibetane, terapie del suono e dei cristalli. Si potranno incontrare i Monaci Tibetani e osservarli mentre compongono il loro mandala.

INFO: www.alteregofiere.com Ingresso intero € 7, ridotto € 5.

A Castellana Grotte (BA) si accendono le Fanove

Una festa antichissima, quella che si celebra a Castellana Grotte, in provincia di Bari, venerdì 11 gennaio. Si accendono infatti le Fanove, grandi falò alti tra i 12 e i 16 metri, in onore di Maria Santissima della Vetrana, che nel 1691 salvò gli abitanti del paese dall’epidemia di peste bubbonica che stava decimando tutta la penisola.

Saranno circa un centinaio le Fanove accese in occasione della festa, ricavate, come da tradizione, ripulendo il terreno dalle radici di alberi e piante che si seccano durante l’anno e che i 74 “favonisti” compiono durante tutto l’anno per poi realizzare le enormi cataste di legna. L’edizione 2019 si presenta con una novità: una delle fanove che saranno bruciate è stata realizzata, per la prima volta, da un “team” di otto donne.

La festa attira ogni anno centinaia di visitatori. Per favorire l’accesso al paese sono state istituite due aree parcheggio presso il centro commerciale Grotte, sulla Putignano- Castellana Grotte, e in via Polignano. I festeggiamenti in onore della Madonna si protrarranno poi fino al prossimo 20 gennaio.

INFO: www.comitatofestepatronali.it

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.