City Break Viaggi In Europa

DESTINAZIONI GOURMET: 8 CITTÀ EUROPEE DA VISITARE NEL 2019. (Parte 3) HELSINKY e LIONE

image_pdfimage_print

– di Cesare Zucca –
Paesi diversi, diverse città, tutte con un comune denominatore: la passione per la buona tavola, le ricette della tradizione e le specialità gastronomiche. Dopo Lisbona, Matera, Lubiana, Sibiu, Cracovia e il Sud Egeo, oggi vi porto a Helsinky e Lione, che nel 2019 ospiranno festival, competizioni, ristoranti, chef stellati, ristoratori  e tavole imbandite all’insegna del gusto.

HELSINKY, Finlandia.


Il 2019 evidenzierà la naturalezza e la semplicità della tavola finlandese. La capitale è una città ricca di storia culinaria e vanta alcuni ristoranti datati 18 esimo secolo. Nei mercati troverete prodotti stagionali, pesce, carni, latticini, verdure, cereali e prelibatezze tipiche delle varie regioni. Durante tutto l’anno numerosi festival segnano l’arrivo dei cibi preferiti e dal 11 al 13 Marzo un appuntamento per i buongustai: Gastro Helsinky, dove parteciperanno più di 1000 ristoranti. I finlandesi sono orgoglios dei prodotti nazional a cominciare dalle patate novelle che compaiono in giugno e il cui primo raccolto fa talmente notizia da essere degno di articoli sui giornali. Ottime con aringhe, uova di pesce o giusto una noce di burro, un po’ di aneto e un pizzico di sale. Karjalanpiirakka (tortina salata con patate o riso) rahkapiirakka (torta al formaggio) reikäleipa, (ciambella con il buco) näkkileipä, (croccante pane di segale da spalmare con burro o formaggio) Infiniti piatti poronkaristys (carne di alce, di orso e di renna) grillimakkara (grandi würstel, alla griglia) leipajuusto (il ‘formaggio dal rumore cigolante’ a base di latte di renna o di capra). Pesce saporito: la famosa aringa del Mar Baltico, servita grigliata o affumicata, il delicatissimo salmone e il kalakucco (pasticcio di pesce rosa lappone).

Da Luglio a Ottobre, le celebrazioni rapujuhlat festeggiano i deliziosi gamberi rossi d’acqua dolce considerati veri gioielli culinari. I dolci hanno curiosamente il nome di poeti nazionali come la torta di Runeberg (tortino di Febbraio con pan di zenzero, mandorle e marmellata di lamponi). Luglio e agosto rappresentano la stagione dei mirtilli nei boschi finlandesi. dove troviamo camemoro (bacca arancione ricca di vitamina C) e i panciuti mirtilli blu, ideali per la crostata mustikkapiirakka, Potete liberalmente coglierne quanti ne volete, e magari metterli nel freezer per l’inverno Da masticare a ogni ora il salmiakki (liquirizia salata).


 LIONE, Francia


Poteva mancare la Francia?
Certo che no. In perfetta sintonia con la grandeur française, Lione vedrà riuniti 24 top chef da tutto il mondo , che il 29 e 30 Gennaio si sfideranno nella gara gastronomica più acclamata, durante la quale dovranno dare il meglio per cercare di vincere il trofeo più prestigioso del mondo della gastronomia: il Bocuse d’Or. Concorre anche l’Italia con il nostro tristellato Enrico Crippa del Piazza Duomo di Alba… auguri Enrico!
La kermesse continuerà con gli eventi BIG Biennale Internationale du Gout e Goût de France, dove i visitatori potranno incontrare gli chef, visitare negozi gourmet, scoprire giardini di vegetali e seguire workshop di cucina.
Perché Lione? Risponde un’eccellenza, lo Chef stellato Régis Marcon, presidente dell’evento. “Penso che Lione sia la scelta più idonea per ospitare questa manifestazione sopratutto per tre parole chiave: agricoltura, commercio di catering e ricerche nei campo del cibo e della salute”

Ma l’abbuffata non finirà, tra festeggiamenti, banchetti e libagioni in Settembre verranno inaugurati 3 musei dedicati al cibo.


Lione è considerata la Capitale Gastronomica della Francia con la più alta presenza di ristoranti stellati e meta prediletta per gli amanti della buona cucina. In Rue de Brest e nel centro potrete trovare molte bouchon, vecchie locande del 18esimo secolo. Cucina ricca e sostenuta , a cominciare dai suoi eccellenti formaggi, tra cui Saint-marcellin, Saint-Félicien, rigotte, Mont-d’Or e Cervelle de canut.Tra le sue specialità: la salade lyonnaise (insalata verde insaporita con uovo in camicia, pancetta e crostini di pane), la rosette de Lyon (salame essicato), i gratons (ciccioli di maiale), il gateau de foies de volaille (sformato di fegati di pollo) quenelles de brochet (gnocchetti morbidi alla crema Natua) boudin aux pommes (sanguinaccio con mele), gratin de cardons (cardi gratinati), andouillette (salsiccia di stomaco e intestino di maiale), cervelas lyonnais (salsiccia bollita e patate) e l’imperdibile tablier de sapeur (trippa impanata) della famosa  pomme dauphine (purea di patate mista a pasta per bignè), foie de veau à la lyonnaise (fegato di vitello). Sosta d’obbligo alla famosa Brasserie Georges, per tre gioielli lionnesi: Tête de Veau Sauce Ravigote, Véritable Andouillette « Maison RAVIER » à la Fraise de Veau e Saucisson Pistaché con salsa à la Mâconnaise.
E per un grande finale, gli storici dolci lionnesi: Pogne de Romain (brioche e fiori d’arancia), i bignè Bugnes, le crepes Matefaim e Coussin de Lyon (dolce a base di cioccolato e pasta di mandorle).

INFO

Visit Finland

BIG Biennale Internationale du Gout 

Goût de France

Brasserie Georges

 

 

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.