Ricette di viaggio

Da Bronte alla scoperta del Parco dell’Etna (2° giorno)

Dopo aver ammirato le bellezze di Bronte e avere assaggiato le prelibatezze a base di pistacchio in occasione della tradizionale Sagra, vi proponiamo per il secondo giorno del vostro soggiorno una scelta di itinerari per andare alla scoperta delle bellezze storico naturalistiche del territorio, immerso nel Parco dell’Etna. Venite con noi!

Da Bronte al Castello di Nelson

A circa 13 km dal centro di Bronte, al confine con il territorio di Maniace, si trova l’Abbazia di Maniace, o Castello di Nelson. Ci arriviamo in circa un quarto d’ora procedendo sulla SP87. Si tratta di una tenuta di 6556 ettari che venne donata da Ferdinando I di Borbone all’ammiraglio inglese Hotatio Nelson, insieme al titolo di Duca di Bronte, nel 1799, per il suo ruolo nel sedare i moti di Napoli.

Il complesso include un palazzo nobiliare settecentesco e l’abbazia di Maniace, eretta nel luogo dove il generale greco Giorgio Maniace, al comando delle truppe bizantine e normanne, sconfisse i saraceni nel 1040. La chiesa fu fondata nel 1174 da Margherita di Blois, moglie di Guglielmol I. Successivamente, venne annessa al monastero di San Filippo di Fragalà. In stile tardo normanno, spicca per il suo portale ogivale con i capitelli intarsiati. L’interno, invece, è a navata unica, sormontata da un bel soffitto ligneo.

Al suo interno sono conservati alcuni capolavori, come un polittico di scuola siciliana del XIII secolo raffigurante la Madonna in trono con i Santi Biagio, Antonio Abate e Lucia e una tavola bizantina con una Madonna con il Bambino. All’interno del palazzo nobiliare, invece, è stato ricavato un museo (orario: da novembre a marzo ore 14-17.30).

Il Museo Masseria Lombardo

In Contrada Cuntarati, lungo la valle del Simeto e a pochi chilometri da Bronte, sorge invece la Masseria Lombardo, nella quale è stato ricavato il Museo dell’Antica Civiltà Locale. Da Bronte scendiamo verso il bivio Saragoddio dalla Contrada Sciarotto e arriviamo all’ingresso, segnato da un cancello di ferro battuto. Dopo circa 300 metri, arriviamo in una piazzola immersa nel verde, sulla quale si affacciano due edifici uniti da un cortile e da una torre di vedetta.

La Masseria è un luogo ricco di storia. Gli insediamenti umani sono documentati fin dal 500 d.C. L’edificio originario, invece, sarebbe stato costruito dagli arabi e, successivamente, abitato da monaci che vi istituirono un centro che includeva una cartiera, una conceria e un centro di lavorazione della lana.

I resti dei laboratori artigianali dei monaci furono ricoperti da una colata lavica nel 1651, ma negli anni Settanta vennero scoperto da Nunzio Lombardo, che investì mezzi propri per restaurare l’antica cartiera, cercando di mantenere il suo aspetto originario. Nei locali annessi, vi raccolse gli strumenti e gli attrezzi dal 1700 al 1900, dando vita al Museo dell’Antica civiltà locale, di grande valore etno-antropologico

Nel Parco dell’Etna

Uno degli spettacoli più belli che si possono ammirare da Bronte è quello della caratteristica sagoma dell’Etna, innevato in inverno, verdeggiante d’estate. Il territorio di Bronte è incluso nei 10 mila ettari del Parco dell’Etna dove vivono, tra le altre specie, l’Aquila Reale, reintrodotta nel parco dopo una lunga assenza, il gheppio, l’upupa, l’istrice, la coturnice, il culbianco, ma anche lepri e volpi.

Da Bronte è possibile visitare la cosiddetta Zona A del parco, grazie a un percorso misto da fare in auto e a piedi (o in bicicletta). In auto si parte lungo la strada che conduce a Contrada SS Cristo, dalla quale si ammira una suggestiva pianura lavica e conetti vulcanici di diversa datazione, vegliati dal cono del vulcano.

Si può lasciare l’auto e proseguire a piedi alla fine della strada asfaltata, oppure proseguire ancora lungo la strada in basole di pietra lavica fino alla casermetta di Piano dei Grilli. Qui si può proseguire solo a piedi. Oltre il cancello della Forestale inizia il percorso natura che consente di ammirare spettacoli naturali unici.

Nelle vicinanze, si può vedere la Grotta della Neve (o del Collegio), con la sua volta ad arco parzialmente crollata, utilizzata per conservare la neve accumulata al suo interno per in consumo estivo. Lungo il percorso di toccano anche Piano delle Ginestre, a 1200 metri, dove fioriscono le ginestre etnee, Monte Ruvolo, Monte Arso e Monte de’ Fiore, coni vulcanici tra le cui cime vive la maestosa aquila reale.

Plum cake ai pistacchi

 Ingredienti

  • 300 gr di farina
  • 250 gr di zucchero semolato
  • 150 gr di burro
  • 125 gr di yogurt bianco intero
  • 3 uova
  • 50 gr di latte intero
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 125 gr di pistacchi di Bronte
  • 1 goccio di rum

Con un frullino elettrico montate insieme il burro, lo zucchero e 1/3 dello yogurt. Aggiungete poi le uova e metà della farina, continuate a mescolare, poi unite anche il latte e il resto dello yogurt. Quando l’impasto sarà soffice e spumoso, unite anche i pistacchi tritati, il resto della farina, il lievito in polvere e il rum. Mescolate ancora con un cucchiaio di legno senza “smontare” il composto, poi versatelo in uno stampo da plum cake imburrato e infarinato. Cuocete in forno preriscaldato a 170° per circa 30 minuti. Sfornate, lasciate raffreddare e servite.

DOVE MANGIARE

*Trattoria Conti, Piazza Saitta 16. Bronte, tel 095/692195, trattoria tipica a gestione familiare, offre piatti della cucina tradizionali, alcuni a base di pistacchi. Prezzo medio € 25.

*Casolare delle Balze, Contrada Balzitti, Bronte, tel 095/690406, www.casolaredellebalze.it Cucina siciliana e brontese con piatti a base di prodotti del territorio, salumi e formaggi. Anche pizza cotta in forno a legna. Nelle vicinanze di Castello Nelson.

DOVE DORMIRE

*La Fucina di Vulcano***, SS 284, Contrada Piano Palo Difesa, Bronte (CT), tel 095/693730, www.hotelristorantetna.it, struttura con 9 camere recentemente rinnovate con climatizzatore, telefono, wi fi gratuito, TV, bagno privato, terrazzo con vista sul giardino. Possibilità di colazione su terrazza panoramica, escursioni sull’Etna, noleggio bici e visite guidate. Doppia da € 65.

*Hotel Parco dell’Etna***, via Generale Dalla Chiesa 1, Bronte (CT), tel 095/691907, www.hotelparcodelletna.it In splendida posizione con vista sull’Etna e punto di partenza per itinerari naturalistici e culturali. Anche ristorante e pizzeria. Doppia da € 70.

INFO

www.parcoetna.it

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.