Ricette di viaggio

Con la torta di carote fai il pieno di dolcezza e vitamine

Bugs Bunny viene sempre raffigurato con la sua inseparabile carota, forse per renderla più “simpatica” e appetibile ai bambini. C’è anche un proverbio che invita a usare “il bastone e la carota” e in cucina è uno degli ortaggi più familiari e versatili.

Coltivata prima in Medio Oriente e poi diffusa in tutto il mondo grazie ai Greci e ai Romani, questa erbacea perenne della famiglia delle Ombrellifere veniva in origine destinata all’alimentazione del bestiame perché considerata troppo dura da usare in cucina. Cominciò a essere considerata commestibile alla corte di Caterina de Medici.

Ne fanno…di tutti i colori

Le carote come noi oggi le conosciamo sono di colore arancione, ma all’epoca in cui venivano coltivate in Egitto erano di colore viola. La colorazione arancione venne ottenuta in Olanda grazie a una mutazione genetica per omaggiare la dinastia regnante degli Orange. Oggi, esistono varietà di carote viola, nere, rosse, gialle e bianche, ognuna con proprietà nutrizionali diverse.

Le carote viola, per esempio, sono ricche di polifenoli, flavonoidi e antocianine. Hanno un effetto antiage, proteggono i capillari a aiutano a prevenire alcuni tipi di tumori. Sono meno dolci delle carote arancioni e si consumano sotto forma di centrifugati, zuppe, bollite o saltate in padella. Le carote rosse sono ricche di licopene, la stessa sostanza presente nei pomodori. Hanno un potere antiossidante, prevengono i disturbi della vita e favoriscono l’abbronzatura.

Le carote arancioni sono ricche di vitamina A e betacarotene. Per fare il pieno di questa preziosa sostanza si consiglia di consumarle bollite e condite con un goccio di olio d’oliva. La carota gialla è ricca di luteina, mentre quella bianca, conosciuta anche con il nome di daikon, o ravanello giapponese ha proprietà antitumorali e detox. E’ ricca di vitamina C e una porzione copre il 30% del fabbisogno quotidiano.  Si consuma sia cotta che cruda, in insalata tagliata a julienne o stufata.

Un concentrato di benessere

Tante le proprietà benefiche. Per esempio, le carote sono un ottimo rimedio per i disturbi gastrointestinali poiché proteggono le mucose da ulcere e infiammazioni, hanno proprietà antisettiche e cicatrizzanti. Inoltre, sono ottime in caso di dissenteria o intossicazione alimentare. Grazie all’alto contenuto di vitamine e minerali tonificano e purificano fegato e reni, depurando l’organismo.

La loro funzione antiossidante contrasta i radicali liberi e rallentano l’invecchiamento di pelle, unghie e occhi. Proteggono il sistema cardiovascolare perché riducono i livelli di colesterolo, prevengono l’arteriosclerosi e aiutano ad aumentare il tasso di emoglobina nel sangue. Svolgono poi un’azione preventiva nei confronti di alcuni tipi di tumori, tra cui quello ai polmoni.

Non ci sono più scuse, quindi, per non mangiare le carote. Ma se siete tra quelli a cui proprio “non stanno simpatiche”, provate la nostra ricetta “dolce”, da offrire anche ai bambini a colazione o a merenda. Non potranno più farne a meno!

Torta di carote

Ingredienti

  • 300 gr di carote
  • 300 gr di farina 00
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 3 uova
  • 50 gr di farina di mandorle
  • 90 gr di olio di girasole
  • 180 gr di zucchero semolato
  • 1 bustina di vaniglina
  • 1 pizzico di sale fino

Lavate le carote ed eliminate la buccia con un pelapatate poi grattugiatele finemente. In una ciotola mettete le uova, aggiungete lo zucchero, un pizzico di sale e amalgamate il tutto con una frusta elettrica. Unite anche l’olio di girasole e la bustina di vaniglina. In un recipiente a parte setacciate la farina, il lievito per dolci e la farina di mandorle. Aggiungete le polveri al composto un cucchiaio alla volta, azionando le fruste elettriche fino a ottenere un composto omogeneo. Unite infine le carote grattugiate mischiando delicatamente con una spatola. Imburrate una tortiera e versate il composto livellando la superficie. Preriscaldate il forno a 170° e cuocete per 45 minuti. Verificate la cottura con uno stecchino. Lasciate raffreddare, poi sfornate la torta su un piatto da portata e completate con una spolverata di zucchero a velo.

 

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.