Campania, a Cetara con le sue alici

Visitare la Costiera Amalfitana è un classico senza tempo in ogni stagione dell’anno e proprio da lì arriva la nostra ricetta. La Colatura di alici di Cetara ha origini antichissime che risalgono alle tradizioni tipiche della Campania.

Spread the love

Oggi, Cetara conserva ancora l’atmosfera del piccolo borgo di pescatori. Abbracciata dal Mar Tirreno e dal Monte Falerio, nel 1551 viene attaccata dai Turchi e si dota di una robusta Torre di Avvistamento, oggi simbolo della cittadina. Per le bellezze naturali e artistiche Cetara è stata inserita dall’UNESCO nel Patrimonio dell’Umanità. Il centro storico del borgo conserva alcuni gioielli storico artistici, come la Chiesa di San Francesco con la sua caratteristica cupola, e la Chiesa di San Pietro, patrono della città, con l’interno barocca, la cupola con le maioliche e la vicina Torre duecentesca. Splendido il piccolo porto coi i pescherecci colorati e i gozzi tirati in secca sulla piccola spiaggetta.

La colatura di alici è un derivato diretto del garum romano e viene ancora prodotta alla maniera tradizionale: le alici pescate del mare della Costiera Amalfitana dal 25 marzo al 22 luglio, giorno di Santa Maria Maddalena, vengono poi messe a maturare in una soluzione di acqua e sale marino in botti di rovere, finché non producono il tipico liquido chiaro, che viene poi filtrato e confezionato. Il processo dura circa quattro mesi. La Colatura di Alici di Cetara si utilizza poi per condire la pasta, ma anche le verdure.  Una curiosità: il tonno di Cetara è richiestissimo il Giappone per la preparazione del sushi.

Spaghetti con colatura di alici

Ingredienti
400 gr di spaghetti
4 cucchiai di Colatura di alici di Cetara
8 cucchiai di olio extravergine di oliva
3 spicchi d’aglio
Peperoncino e prezzemolo q.b
Sale q.b

Preparazione
Fate bollire gli spaghetti in abbondante acqua con poco sale, poiché la colatura di alici è molto salata. Nel frattempo scaldate in una padella antiaderente piuttosto capiente un spicchio d’aglio e un peperoncino, facendo soffriggere a fuoco basso. Quando l’olio si scalda, aggiungete un mestolo di acqua di cottura della pasta. Scolate gli spaghetti al dente e terminate la cottura in padella. Aggiungete il prezzemolo tritato e la Colatura di alici. Impiattate e condite con un filo di olio extravergine di oliva a crudo.
Potete accompagnare tutto con un vino Costa D’Amalfi Bianco.

Dove mangiare gli spaghetti con colatura di alici
• Al Convento, Piazza San Francesco 16, Cetara (Sa), tel 089/261039, www.alconvento.net
• Acquapazza, Corso Garibaldi 36,Cetara, tel 089/261606, www.acquapazza.it

Dove dormire
• Hotel Cetus****, Corso Umberto 1, Cetara, tel 089/261388, www.hotelcetus.com
• Ruderi B&B, via Vecchia Comunale, loc. Fuenti, Cetara, tel 340/6540672, www.ruderihotel.it