Aspettando l’elettrico, diamo GAS!!!!!Un’alternativa ecosostenibile, dalla Dacia Duster all’Audi g-tron

Il futuro si chiama elettrico, però al momento questa tecnologia risulta ancora troppo costosa per la maggior parte degli automobilisti. Le alimentazioni a gas, però, rappresentano una alternativa ecosostenibile ed economica a diesel e benzina

Spread the love

Il futuro del mercato automobilistico sembra ormai scontato: l’elettrico è destinato a soppiantare le fonti di alimentazione classiche inquinanti.
Quello che è meno scontato è il presente: perché, se è vero che la tecnologia green sta facendo passi da gigante, al momento, in Italia, la maggioranza delle persone che devono acquistare un’auto non ne acquista una elettrica.
È vero che ci sono paesi europei che incentivano molto l’acquisto di auto a zero emissioni, ma in generale le auto elettriche non rimangono alla portata di tutti. Complici sono gli elevati costi delle vetture e la non fitta rete di servizi per il rifornimento. Oggi, quindi, chi non vuole acquistare un’auto diesel o benzina, deve orientarsi verso l’ibrido benzina-elettrico.

Tuttavia, esiste un’alternativa ecosostenibile alla benzina e al diesel, più economica dell’elettrico, in attesa che esso prenda piede. Stiamo parlando delle auto a gas: GPL o metano.
Per via della loro natura molecolare, GPL e metano disperdono nell’ambiente una percentuale molto più ridotta di anidride carbonica, rispetto a benzina e diesel. Inoltre, l’alimentazione a gas porta all’azzeramento delle emissioni di particolato.

Oltre all’aspetto ecosostenibile, non va sottovalutato anche quello economico: un pieno di GPL si aggira intorno ai 20 euro. È vero che le auto a gas hanno anche bisogno di essere alimentate a benzina, ma il consumo di quest’ultima è davvero minimo, si parla in media di 15 euro al mese.
Mediamente un’auto alimentata a GPL consuma intorno ai 13/14 kilometri con un litro, che costa meno di 50 centesimi. Quindi, indicativamente, con un pieno si percorrono 300 km. A questi vanno sommati anche quelli di autonomia del serbatoio a benzina.

Come scegliere allora tra una vettura a GPL e metano? Sicuramente, se l’auto viene utilizzata per le lunghe percorrenze è consigliata un’auto a metano. Dall’altra parte, se si prediligono le prestazioni, il GPL è da preferire al metano. Inoltre va aggiunto che la rete di rifornimento del metano, a differenza di quella a GPL, non è fittissima, e che di notte non ci si può rifornire a causa della mancanza di servizi self-service 24 ore su 24. Ma ci si  può organizzare.

Una gamma 100% GPL: Dacia presenta il nuovo Duster GPL

Il nuovo Dacia Duster introduce il primo motore GPL Euro6DTemp del Gruppo Renault. In questo modo Dacia arricchisce ancora una volta la sua gamma che ora diventa al 100% GPL.
Oltre a interni completamente rinnovati, il nuovo SUV ha tra i punti di forza la trazione integrale e nuovi sistemi di supporto per la partenza in salita e per la velocità controllata in discesa. Il baule ha una capacità di 478 litri e l’abitacolo offre ben 27,2 litri di vani portaoggetti. Il serbatoio ha una capienza di 33,6 litri di GPL e 50 litri di benzina per un totale di 1.269 km di autonomia. Il prezzo di partenza è di soli 13.350 euro.

Le auto GPL più vendute

Secondo i dati Unrae (che potete trovare qui), tra gennaio e ottobre 2018, la Top 10 delle vetture GPL più vendute vede al primo posto Fiat Panda, seguita da Lancia Ypsilon e Opel Corsa. 5 delle 10 auto presenti in classifica sono del gruppo Fiat.

 

Fiat, infatti, ha una gamma molto vasta per quanto riguarda le vetture a GPL con: Panda, Punto, 500, 500X, 500L, e Tipo.
Fiat Panda GPL con il suo motore 1.2 da 69 CV Easy Power permette di effettuare un pieno con 20 euro e percorrere più di 1000 km grazie al doppio serbatoio. Prezzo di partenza 12.200 euro.
In alternativa, per chi necessita di più spazio, il SUV 500 X permette di percorre lo stesso numero di kilometri con un motore più potente 1.4 120 CV e un pieno da 25 euro, a partire da 21.500 euro.

 

PSA

Per quanto riguarda il gruppo PSA, troviamo Opel con la sua vasta gamma metano e GPL.
Tra i modelli disponibili con alimentazione a GPL ci sono le compatte Adam(1,4 87 CV) e Karl Rocks (1.0 73 CV). Su Opel Corsa è montato un 1.4 da 90 CV, mentre su Mokka X il più potente 1.4 da 140 CV. Per il metano, Opel Astra è disponibile con un propulsore 1.4 da 110 CV.

Le Francesi Citroen e Peugeot offrono la versione GPL di Citroen C3 con un motore 1.2 da 82 CV e 118 Nm di coppia, al prezzo di 17.150 euro; e Peugeot 208 GPL con un 1.2 PureTech da 82 CV a 16.900 euro.

 

Tra i metano regna Volkswagen

Per quanto riguarda le auto alimentate a metano, Unrae mette sul podio del top 10 vendute: Volkswagen Golf e Polo al primo e secondo posto, Fiat panda al terzo. Il dato interessante è che 3 delle prime 5 auto sono Volkswagen.

I due modelli più di successo di Volkswagen sono disponibili nella versione TGI a Metano.
Polo TGI è disponibile con un motore turbo 1.0 da 90 CV e 160 Nm. Oltre al serbatorio a benzina da 45 litri è presente quello a metano da 10 kg, TGI prevede 3 allestimenti a partire da 16.600 fino a 20.000.
Golf TGI, invece, è stata migliorata sotto l’aspetto aerodinamico per massimizzare la riduzione dei consumi. Monta un motore turbo a gas metano 1.4 di cilindrata da 110 CV di potenza e parte da 17.900 euro.

Anche marchi Premium

 Ma tra i produttori di vetture a metano ci sono anche marchi Premium come Audi con la sua gamma g-tron. Si può scegliere, infatti, tra Audi A3 Sportback g-tron, Audi A4 Avant g-tron e Audi A5 Sportback g-tron.
La tecnologia g-tron è a doppia alimentazione metano e benzina e prevede motori che vanno da 100 CV a 170 CV, con un’autonomia fino a 500 Km in modalità a gas.


L’elegante Audi A 5 Sportback g-tron monta un propulsore da 170 CV e 270 Nm con cambio S-Tronic a 7 rapporti,  in grado di fare da 0 a 100 km in 8,4 secondi e arrivare a una velocità massima di 224 Km/h. Per questa vettura si parte da 46.500 euro.