Ricette di viaggio Weekend con gusto

Weekend ‘green’ a Londra. Scopriamola attraverso i suoi parchi

(in italian and english)

Oggi puntiamo su una Londra  davvero ‘green’!

La capitale britannica è notoriamente famosa per i suoi parchi e giardini: gli spazi verdi di Hyde Park, Kensington Palace Gardens, ultima residenza di Lady Diana, Hampstead Heath, lo zoo di Regents Park, Il popolarissmo Saint James Park, il Greenwich Park sul Tamigi dove la linea GMT, divide gli emisferi est e ovest, il magico Richmond Park, popolato da tre specie di cervi e la lista potrebbe continuare…

Richmond Park

I parchi londinesi sono stati celebrati nell’arte e nello spettacolo, dai soggetti pensierosi nei dipinti di Thomas Wyck ai ritratti di celebri fotografi, alle scenografie naturali delle rappresentazioni del Regent’s Park Theatre,  usati come set in film d’autore e meta d’obbligo per i turisti che visitano Londra.

S,James Park in un dipinto di Thomas Wyck datato 1660

Noi abbiamo evitato parchi e giardini troppo conosciuti e spesso molto affollati, per portarvi in quegli spazi verdi dove i veri londinesi amano passare ore di svago e di relax.

Quali sono i parchi meno turistici e preferiti dai londinesi?

Battersea
Partiamo da uno dei primi parchi che incontri attraversando il fiume sul Chelsea Bridge o sull’Albert Bridge. Offre alltrazioni per tutti, come il piccolo zoo e il parco giochi per i bambini, la Battersea Power Station, grande spazio espositivo con molti pub, una bella passeggiata lungo il fiume, laghi per canottaggio,  una pista da corsa e svariate strutture sportive, ideale per chi ama allenarsi lontano dalla folla dei parchi pià frequentati.

Battersea Park

Clapham Common
Più a sud, troviamo il parco che vanta il più grande palco della London Simphony Orchestra, mentre più in là scoprirete il famoso Windmill Pub, alloggio in stile country e ottimo ristorante specializzato nella cucina tipica inglese.

The Windmill on the Clapham Common

Horniman Gardens
Un vero gioiellino. Al centro il piccolo museo, che onora la storia dei Signori Horniman, rinomati mercanti di tè nel 180 e minuziosi collezionisti di preziosi oggetti, oggi esposti nel museo . Tutt’intorno tanto verde e tanta fauna selvatica: api, farfalle, persino pecore e caprette.

Horniman Museum Tower

Wimbledon Common
Famoso per i tornei di tennis e… le insuperabili fragole con la panna in estate. Offre piste ciclabili, passeggiate a cavallo e campi da golf.  Nel 1817 ospitava un leggendario mulino a vento che ora è un museo dedicato ai Wombles, alla storia e alla vita rurale di quei tempi

Wimbledon Common

Victoria Embankment Gardens
Minuto, prezioso e proprio nel cuore della città. Popolato da statue che ricordano i soldati britannici impegnati guerra di Corea. Nei weekend suona la band e la musica è gratuita, basta infatti sedersi su una delle tante panchine del giardino e godersi allegri momenti musicali e tanto relax.

Victoria Embankment Gardens

Brockwell
Nel sud-est di Londra  ci aspetta un vero punto di riferimento per la gente del posto. Originariamente residenza privata di un mercante di vetro, fu acquisita alla fine del XIX secolo e adibita a spazio pubblico nel 1892. Adornato da palazzi storici, come la Brockwell Hall, i Walled Gardens e una torre dell’orologio del XIX secolo. Oggi è il punto di incontro dei londinesi più sportivi che possono allenarsi nei campi da tennis, correre in bici e nuotare nella grande piscina all’aperto
Postman’s Park
A nord della Cattedrale di St. Paul ci aspetta un’ altra minuta oasi di verde. Deve il suo nome all’ufficio postale che qui aveva sede. il parco ospita il Memoriale dedicato a chi ha sacrificato la propria vita aiutando gli altri.

Postman’s Park

E per finire in bellezza… Holland Park
Ho tenuto questo bellissimo parco per ultimo, proprio perchè è degno del gran finale e perchè… era il mio parco preferito quando studiavo inglese a Londra! Infatti vivevo proprio nel numero 39 di Holland Park Road, nel  Royal Borough of Kensington and Chelsea,  una zona suggestiva, ricca di abitazioni dalle architetture vittoriane.

Kyoto Gardens di Holland Park

Nel parco vi sono numerosi laghetti, una famosa orangerie, un campo da cricket, un giardino zen. Holland House era la residenza fatta costruire nel 1605 da Sir Walter Cope ed è stata una delle prime grandi case della zona. Nell’Ottocento fu un ritrovo letterario e ospitò personaggi come George Byron, Charles Dickens e Walter Scott. Oggi ne resta solo una parte, a causa delle bombe tedesche. E non sarete soli, a farvi compagnia appariranno allegri scoiattoli e inaspettati pavonI.

Immancabile selfie davanti alla Holland House di Holland Park

Siamo così arrivati sulla Hight Street Kensigton, una delle strade principali dello shopping londinese, al confine tra Notting Hill e Hammersmith. Qui troviamo il London Design Museum, spettacolare struttura scatolare di tre piani in legno e vetro firmata del noto architetto John Pawson.

Design Museum

E’ considerato il più grande museo al mondo dedicato al design e attualmente ospita la mostra ‘Football: Designing the Beautiful Game’, dedicata alle incredibili storie di design dietro lo sport più popolare del mondo: il calcio.

la mostra ‘Football: Designing the Beautiful Game’

Fame?
Londra è famosa per… mangiare ‘on the road’
Street food dovunque, a cominciare dal fish and chips, enorme filetto di pesce avvolto da una croccante panatura ed accompagnato da patatine fritte. Gli inglesi lo mangiano dovunque e a qualsiasi ora. Gustatelo in uno dei parchi che vi abbiamo suggerito o in un pub caratteristico oppure sulle sponde del Tamigi, come fanno i veri londinesi. Altra specialità sono le scotch eggs, uova sode racchiuse in carne di salsiccia, impanate e servite cotte o fritte, mentre le jacket potatoes sono patate cotte al forno con tutta la buccia, ripiene di fagioli, tonno, formaggio o carne a vostro piacimento. Non mancano i tocchi esotici, come gli arabi kebab, i bao asiatici e i samosa, popolari finger food Indiani caratterizzati da una sottile sfoglia croccante che racchiude un cremoso ripieno speziato.

Scotch Eggs

Borough Market
E’ il paradiso dello street food britannico e non solo, infatti troverete banchi di cibo tailandese, giapponese, messicano, francese, italiano, spagnolo…Trionfa il british food: dai succulenti bagel con manzo salato firmati da Nana Fanny, ai generosi panini di lonza di maiale arrosto con ripieno e salsa di mele oppure petto di tacchino con ripieno e salsa di mirtilli o carne di manzo salata con sottaceti all’aneto e senape.
Voglia di ostriche?
La vostra meta sarà la botteguccia di Richard Haward, dove verranno sgusciate proprio di fronte a voi, super fresche, a buon prezzo e perfino in versione ‘souvenir’ con il guscio dipinto a mano…I cheese toast di Kappacasein sono la leggenda del Market.
Questi enormi panini al formaggio grigliato sono realizzati con un generoso aiuto della raclette londinese prodotta a Bermondsey dal proprietario Bill Oglethorpe

i cheese toast di Kappacasein

Da Pieminister troverete i tradizionali meat pies, tortini salati pasta di sfoglia e pasta frolla, ripieni di carne o verdure e serviti con contorno di fagioli. Un cibo ‘comfort food’ da gustare rigorosamente con una bella e fresca birra scura. Un piatto strepitoso, incluso della lista dei 10 migliori cibi inglesi da non perdere.
E vi pareva che io mi perdessi la ricetta…? Eccola!

MEAT PIE
Ingredienti
Per 6 persone

  • 2 rotoli di pasta sfoglia già pronta
  • 2 fette spesse di pancetta affumicata
  • 750 grammi di carne di manzo 
  • 2 cucchiai di farina
  • mezza tazza di brodo di carne
  • mezza tazza di concentrato di pomodoro
  • 2 cucchiai di salsa worchester
  • 2 cucchiai di erbe aromatiche
  • 1 cucchiaio di senape in polvere
  • 1 uovo
  • mezza cipolla
    olio extra vergine di oliva q.b.
    sale q.b.

    Preparazione

Rosolate in olio caldo i dadini di pancetta e la cipolla. Bastano 5 minuti e poi
aggiungete la carne e fate cuocere per altri 5 minuti, mescolando spesso. Aggiungete brodo, farina , concentrato di pomodoro, la worcestershire, le erbe miste e la senape. Lasciate cuocere senza coperchio per far evaporare un poco del  liquido. Stendete un rotolo di pasta sfoglia su una teglia e bucherellatela, Sbattete un uovo in una ciotola e spennellatelo sui i bordi. Unite la carne. Sigillate il tortino con il secondo rotolo premendo bene sui bordi. Fate 1 taglio al centro e spennellate la superficie. Forno preriscaldato a 180°. Infornate per circa 40 minuti e sfornare quando la superficie è dorata e croccante.

INFO
Visit London

Do you want to make a real ‘London Meat Pie’?
Just turn the page . click Next>