Proviamo la Mercedes Classe B: glamour, di classe e con un tocco di charme femminile.

Di Agnese Piazzalunga

Station wagon, Suv o monovolume? Quando devi acquistare un’auto il dilemma è grande, se poi aggiungi che la vuoi glamour, di classe e con un tocco di charme femminile, allora la scelta si riduce ulteriormente.
Mercedes con la Classe B sembra aver racchiuso in un’unica auto tutti questi concetti e, per scoprire se è vero, c’è solo una cosa da fare: provarla.

Mercedes Classe B
Abbiamo provato la versione B160 diesel, con un motore da 4 cilindri 1500 cc da 90 cavalli, ovvero il primo stadio per entrare nel mondo della Stella a 3 punte.
Il primo impatto è caratterizzato dalla linea, il frontale aggressivo e le linee morbide siglano una forma non troppo sagomata, ma dall’essenza semplice ed elegante. Dinamica e versatile nel contesto urbano della quotidianità, ottima per muoversi con tanti bagagli anche ingombranti (zaini, borsoni, attrezzature sportive) per poi trasformarsi nella sua duplice anima glamour per una serata chic o eventi mondani, ti mette a tuo agio anche perché emerge tutta la classe della casa tedesca.
Strumentazione completa e molto ricercata, facilmente accessibile. Interni molto curati nello stile Mercedes, la versione da noi provata era nera e bicolore bianco-nero nei rivestimenti interni, davvero molto glamour e chic.
In ripresa si sente il motore che spinge, ma poi in progressione l’insonorizzazione è buona, risulta silenziosa e confortevole. Si può parlare a bordo senza alzare la voce e ascoltare musica di sottofondo, anche questa è classe.
Il posto guida, abbastanza alto, consente un’ottima visuale, buona la visibilità durante le manovre a veicolo fermo.

Mercedes Classe B
La Classe B ha un comportamento dinamico onesto, cioè avvisa e ti fa capire cosa sta succedendo, per esempio su fondi scivolosi si sente la perdita di aderenza permettendo la correzione. Ovviamente si parla di condizioni estreme quando anche i controlli elettronici non possono fare di più. E in quanto a sicurezza questa Mercedes Classe B ha tutti gli ultimi ritrovati in materia di sicurezza, davvero uno step elevato offerti a un prezzo davvero contenuto se si confrontano altri modelli del segmento.
I consumi sono ottimi, con 50 euro abbiamo percorso circa 700 km tra strade montane, autostrade e centri urbani. Il piccolo diesel Mercedes non ha nulla da invidiare ai grandi, con la coppia necessaria a tirarsi di impaccio in ogni situazione. Davvero una gran bella sorpresa.
Classe B è la sintesi dell’auto della donna moderna, dinamica e di classe, ottima compagna per lunghi viaggi e all’occorrenza si trasforma in un mezzo di classe per un evento importante da ostentare come un bel gioiello in una serata chic.
La versione full optional da noi provata costa circa 27mila euro, si parte però da una base di 20mila euro. Anche questa è un’altra bella sorpresa firmata Mercedes.

Mercedes Classe B

PAGELLA – Mercedes classe B
Linea dinamica
Strumentazione buona, particolare il quadrante degli strumenti
Accelerazione/ripresa discreta
Cambio manuale a 6marce preciso e confortevole
Sterzo ottimo
Finiture ottime
Freni buoni
Posto guida molto confortevole con sedili con varie regolazioni
Abitabilità buona, sedili posteriori studiati per lunghi viaggi
Bagagliaio buono
Consumi ottimi, quasi 20 km con un litro
Su strada molto confortevole
Prezzo ottimo rapporto qualità prezzo



SUZUKI S-CROSS: i maghi del 4WD si sono fatti in 2WD

suzuki s cross

Porte Aperte sabato 23 e domenica 24 novembre, presso tutte le concessionarie ufficiali Suzuki, per il lancio di Suzuki S-CROSS 2WD, la versione a due ruote motrici del nuovo Crossover della Casa giapponese. Fino a fine mese la potete acquistare a 16.900 euro (a partire dalla versione Easy 1.6 2WD a benzina,IPT e vernice metallizzata escluse), sia in caso di rottamazione sia di permuta, con in aggiunta la promozione Suzuki Smile – Estensione di garanzia a 5 anni compresa nel prezzo.

suzuki s cross

Grazie a un design dalle linee dinamiche, sportivo e moderno, alla ricchezza degli equipaggiamenti, agli spazi intelligenti, al comfort per cinque passeggeri, alla posizione di guida alta e dominante, che garantisce una perfetta visuale durante la guida, la Suzuki S-CROSS ha già riscosso un notevole successo.

suzuki s cross

“Se dici che la prendi per la famiglia ti credono tutti”: interni salotto a prova di succo e patatine, tetto panoramico a doppio cristallo scorrevole con un’apertura di 55 cm, bassi consumi, sicurezza a 5 stelle, ampio bagagliaio dalla capacità minima di 430 litri, e 5 anni di garanzia compresi nel prezzo. Ma non solo: la S-CROSS rispetta anche l’ambiente grazie a consumi parchi e ridotti livelli di emissioni di CO2. In particolare, la versione 2 ruote motrici DDiS Start&Stop rilascia solo 110 g/km di CO2 e permette di percorrere ben 23,8 chilometri con un litro.

suzuki s cross

La Suzuki S-CROSS è ai primi posti anche in ambito sicurezza: è stata giudicata uno dei veicoli più sicuri sul mercato europeo, aggiudicandosi le 5 stelle da parte dell’EURONCAP.

Info: www.suzuki.it




Emozioni in off-road con la Range Rover Sport

auto_Weekly-foto-apertura
L’unica cosa bella di queste giornate uggiose sono i meravigliosi colori dell’autunno, che fanno brillare anche i cieli più grigi. Se poi ci aggiungiamo la nuova Range Rover Sport, anche l’emozione fa da protagonista.

Weekly-foto-3
Vero e proprio concentrato di tecnologia, comfort e versatilità, la Land Rover Range Rover Sport è una perfetta compagna di viaggio per attraversare la Val di Cogne e perdersi nei paesaggi naturali del Parco Nazionale del Gran Paradiso. È lì che vogliamo portarvi questo fine settimana, nel posto più adatto per assistere al foliage, tradizione nata in Nord America per ammirare gli splendidi colori caldi che tingono gli alberi caducifoglie quando inizia l’autunno.

Weekly-foto-1

Con la nuova Range Rover Sport non ci sarà salita, sterrato o guado invalicabile. Forte di ben 420 kg in meno rispetto al modello precedente, grazie all’utilizzo di nuove leghe in alluminio, garantisce una consistente riduzione di emissioni di CO2 del 15% (per un minimo di 194 g/km), e spiccate qualità fuoristradistiche, grazie all’altezza da terra regolabile, al controllo elettronico di ammortizzatori, barre antirollio e differenziali. Il tutto integrato nel sistema Terrain Response che, tramite una rotella posizionata appena sotto il cambio, adatta sospensioni, Esp e trasmissione al tipo di terreno.

Chile_V8Supercharged_104_LowRes

Lunga 485 cm (6,2 in più di prima, e praticamente 15 cm in meno rispetto alla Range Rover), e con un passo più lungo di 17,8 cm, la Range Rover Sport ha migliorato la sua abitabilità, che prevede la configurazione del 5+2 posti. Un meccanismo elettrico ripiega i due sedili posteriori facendoli scomparire nel piano di carico.

Weekly-foto-4

Quattro i motori: due a benzina sovralimentati, il 5.0 litri V8 da 510 Cv e il nuovo 3.0 litri V6 da 340 Cv, e due diesel, il 3.0 litri TDV6 da 258 Cv (omologato in Italia con 249 Cv per evitare il superbollo), e il 3.0 litri SDV6 da 292 Cv. Tutti abbinati al cambio automatic ZF a 8 rapporti, e al sistema Stop/Start. Esclusiva e sempre più ricca, infine, la lista degli equipaggiamenti. Dall’indicatore della profondità dell’acqua, alla tecnologia Connected Car, che vi consente di controllare lo stato della vettura o la vostra posizione, e di effettuare chiamate d’emergenza, tutto tramite smartphone.
Da 67.000 euro.

Weekly-foto-2

Info
DOVE DORMIRE
Hotel du Grand Paradis
, in cui godere del relax del centro benessere La Baita, gustare Spumante della Cuvée dell’Hotel e rilassarsi nel romantico soppalco.
Tel. 0165.74275
www.cognevacanze.com

DOVE MANGIARE
Da Lou Bequet una gustosa cucina si unisce a un ambiente intimo e rilassato.
Ottimo rapporto qualità – prezzo.
Frazione Cretaz, Cogne.
Tel. 016.574651

COME ARRIVARE
Uscite dall’autostrada A5 al casello Aosta Ovest, all’altezza di Aymavilles, e seguite per Cogne, per circa 21 km.




Profumo di nuovo e di caldarroste

C’è a chi piace e a chi no, ma l’odore di nuovo che ci pervade quando saliamo su una macchina appena uscita dalla concessionaria è qualcosa di speciale, così come il profumo di caldarroste appena tostate… che fanno tanto autunno. E quindi cosa aspettate? Saliamo a bordo della nuova Suzuki S-Cross e andiamo a raccogliere le castagne!

Auto Novità - Foto 2
La nuova S-Cross si adatta perfettamente alle esigenze di chi cerca spazio in abbondanza, ma limitando le dimensioni… Confortevole per 5 persone, è lunga 430 cm e dispone di un bagagliaio di ben 430 litri. Una crossover dotata anche di un tetto panoramico di nuova concezione, lungo complessivamente 100 cm, che si compone di due sezioni in cristallo (disposte una di fronte all’altra) con apertura a scorrimento, che crea un “effetto cabrio” su una vettura Crossover! Quando si apre, infatti, il varco è di ben 56 cm…

Auto Novità - Foto 3
Perfetto se pensate di guidare tra le vette delle Dolomiti e, se siete fortunate (o sfortunate, ma dipende dai punti di vista…) scorgere la prima neve alzando lo sguardo al cielo. In realtà da queste parti è la stagione dei frutti autunnali, e quale migliore occasione di gustarli se non la Festa della Castagna, tra Lana, Tesimo, Foiana e Prissiano, tutti comuni in provincia di Bolzano, fino al 3 novembre. Qui, tra castelli, castagneti, degustazioni e fiaccolate, potete davvero trascorrere un bel fine settimana in famiglia.

new york times building

Disponibile a due e quattro ruote motrici, il nuovo sistema di trazione integrale ALLGRIP offre sulla Suzuki S-Cross la possibilità di selezionare quattro modalità di guida, attraverso un comodo selettore posto nella consolle centrale. La modalità Auto privilegia il risparmio di carburante in condizioni di guida abituali, utilizzando la trazione a due ruote motrici come impostazione predefinita, e passando a quella integrale se necessario.

Auto-Novità---Foto-5

Con la modalità Sport, invece, la vostra guida al volante della S-Cross sarà più brillante nei percorsi misti, sfruttando al massimo la trazione integrale in risposta alla pressione sull’acceleratore. La modalità Snow è ottimale sulle superfici innevate, non asfaltate o in generale su superfici a basso coefficiente d’attrito, e utilizza le quattro ruote motrici come impostazione predefinita, mentre con Lock avrete la massima mobilità dell’auto su neve, fango o sabbia.

Auto Novità - Foto 6

Due i motori che spingono la nuova S-Cross della Suzuki, entrambi 1.6 e con 120 Cv, ma uno è a benzina e l’altro è diesel. Il primo è abbinato sia alla trasmissione manuale a cinque marce sia all’opzionale cambio a variazione continua CVT, mentre il secondo è offerto con il cambio manuale a sei rapporti. Dieci, invece, i colori disponibili della carrozzeria, tra cui i due nuovi Crystal Lime metallizzato e Amethyst Gray perlato metallizzato.

Auto-Novità---Foto-7

Infine, l’aumentata funzionalità del quadro strumenti della S-Cross, aiuta il conducente a concentrarsi sulla guida. Il contagiri e il tachimetro di grandi dimensioni, affiancano un display multi-funzione che indica il consumo istantaneo, la temperatura esterna, l’orario e, nei modelli 4×4, la modalità di trazione selezionata. Comprende anche l’avviso dell’allacciamento cinture di sicurezza posteriori e le indicazioni dei sensori di parcheggio a ultrasuoni. Da 19.400 euro.

new york times building

Info
http://auto.suzuki.it/scross
www.lana.info/it




Audi Q5 HYBRID4: turismo sostenibile

Di Nicola D. Bonetti
Il lago d’Iseo dalle mille particolarità, tra cui Montisola, la più grande isola lacustre d’Europa, ha angoli tuttora da scoprire, per un turismo colto e rilassante. In molte località è capace di riportare in pochi istanti alla tranquilla serenità di tempi andati. E per non rompere questa atmosfera non potevamo che andarci con una ibrida.

2013 Q5 hybrid 132
Lady Mary Wortley Montagu, tra le lettere che la resero nota, in una datata 21 luglio 1747, scrisse dal Lago d’Iseo: “I am now in a place the most beautifully romantic I ever saw in my life…”. Ci sono località talmente vicine, alle quali siamo abituati a riconoscere un ruolo da turismo minore: domenicale, da “mezza giornata” o addirittura facendoci un salto per due passi sul lungolago con gelato serale in estate. Sarebbe corretto considerare meglio un lago che, se non è tra i tre maggiori italiani, è comunque il quarto, con 65 kmq di estensione, e il cui perimetro di 63 km consente una rapida mobilità.

2013 Q5 hybrid 007
Se ci immaginassimo a osservarlo con occhio da stranieri, anche senza ritornare al Settecento, potremmo entusiasmarci per la collocazione geografica facilmente raggiungibile, il microclima che influenza anche enologia e gastronomia, la presenza dell’isola lacustre più elevata in Europa, e la vicinanza di “patrimoni dell’umanità” come le incisioni rupestri dei Camuni a settentrione. Ci accorgeremmo di luoghi da far scoprire al grande turismo, come le “piramidi di terra” di Zone, gli insediamenti preistorici tra le torbiere accanto a Iseo, o i rari fenomeni climatici glaciali della “Valletta del Freddo” di Solto Collina, con la curiosa flora d’alta montagna a bassa quota. O anche semplicemente per essere adiacente alla Franciacorta, i cui vini (non più solo bollicine), e il cui sistema di cantine sono famosi nel mondo. E ancora scoprire un circolo di golf con ventisette buche su tre percorsi, ognuno con il nome di un vino locale dove, poco lontano, si può mangiare il rinomato “manzo all’olio”.

Zone, le piramidi di terra
Zone, le piramidi di terra

Oppure pensare che il Lago d’Iseo possa racchiudere in un solo ambiente il fascino di un sistema di navigazione evoluto (ci sono anche cene e feste danzanti a bordo), di una vecchia ferrovia che lo costeggia e che porta i turisti direttamente a Brescia per mostre o musei, oppure in montagna fino a Edolo. Che possa racchiudere un’altra linea, che collega Sarnico a Bergamo (via Paratico), e che in alcuni periodi dell’anno lo fa tramite il “Trenoblu” con le vecchie locomotive a vapore. Che, per gli appassionati di motori e di storia, a Predore ci siano gli stabilimenti Riva, da dove sono usciti i più bei motoscafi al mondo, o che da Brescia ogni anno nel mese di maggio si corra la Mille Miglia, “la corsa più bella del mondo”, il cui museo è sempre aperto. E che la Valtrompia, con le celebri armi, sia altrettanto vicina.

2013 Q5 hybrid 113
Un battello storico a iseo

Auto&Donna ha cominciato il tour attorno al Sebino (l’antico nome sembra derivante dalla forma “curva” del lago), in modo non convenzionale, senza partire dalle estremità e arrivando invece da ovest, scendendo dal passo di Solto Collina. Una prima vista dall’alto emoziona, lo sguardo spazia da nord fin verso Monte Isola, e di fronte svettano le montagne bresciane attorno al Guglielmo. Al fondo della discesa, svoltando a sinistra ci immettiamo sulla litoranea a Riva di Solto, scegliendo di percorrere il perimetro del lago in senso orario, per avere sempre le acque sul lato destro, con maggior vista.

2013 Q5 hybrid 047
La strada principale evita l’abitato: entrando ci si immerge in una prima oasi di pace, dove il tempo sembra rallentare. Due passi per ammirare il lago da vicino e si prosegue per il Bögn, sorta di “orrido” dove le rocce con stratificazioni verticali si interrompono solo per la larghezza della strada, con spettacolare paesaggio naturale, arrivando a Castro, il cui nome riporta alla fondazione in epoca romana. Lo scenario morfologico si allarga a Lovere, capitale settentrionale sulla sponda bergamasca, dove le acciaierie hanno ceduto parte del posto a una gradevole e rilassante marina; il centro della città offre portici e negozi, bar e ristoranti, le mostre e la collezione d’arte dell’Accademia Tadini.

Lovere, passando dall'Accademia Tadini
Lovere, passando dall’Accademia Tadini

Valicato l’immissario, il fiume Oglio che scende dai ghiacci dell’Adamello lungo tutta la Valle Camonica, si passa sulla sponda bresciana, dove le gallerie rendono buona parte del tracciato scorrevole. Da non trascurare l’uscita per Vello di Marone, abitato dove il tempo si è davvero fermato e dove si suggerisce una sosta gastronomica memorabile. In luoghi come questi, è gradevole utilizzare la funzione della vettura che ci accompagna, che la rende particolare rispetto alle altre del genere: infatti Audi Q5 hybrid dispone del tasto EV, che la converte a sola propulsione elettrica. Non superando i 60 km/h, si muove silenziosamente anche fino a tre km, senza una goccia di benzina, scorrendo in modo rispettoso dell’ambiente lungo le rive del lago, o visitando i centri storici dei paesi rivieraschi senza alcuna emissione.

2013 Q5 hybrid 093

Se il tempo lo consente, la sosta successiva è Sale Marasino, dove ci s’imbarca per raggiungere in pochi minuti Monte Isola, per una buona passeggiata o per assaggiare i pesci essiccati al sole. Ritornati sulla sponda, Montecolino è un porticciolo tra campeggi, e poco dopo arriva Iseo, l’effettiva capitale del lago, con interessante centro storico, porto e intriganti negozi di antiquariato. La riva meridionale, da Iseo a Sarnico (la dirimpettaia “capitale” bergamasca), ha vocazione più vacanziera, con villaggi turistici e campeggi, da Clusane (famoso per la tinca al forno) a Paratico, dove primeggiano le attività di cantieri per imbarcazioni, noleggi compresi. Sarnico è mercantile e festaiola, primo approdo dei bergamaschi che raggiungono il lago, solitamente per un gelato al chiosco che per noi è subito oltre il ponte sull’Oglio, che divide la sponda bresciana da quella orobica.

Paratico, la zona più vacanziera del lago
Paratico, una tra le zone più vacanziere del lago

Si riparte in direzione dell’alto lago, con gli ulivi di Predore, favoriti dal sole che batte per buona parte della giornata, prima che la costa si orienti più a nord verso Tavernola Bergamasca, paese che sarebbe stato incantevole se una scriteriata cementeria non ne avesse snaturata l’immagine. Meglio proseguire verso le piccole baie di Zorzino e , predilette da velisti e surfisti che non amano la folla, con il paesaggio di nuovo aspro tra rocce e lago, per concludere il nostro giro a Riva di Solto. Con una serie di visioni negli occhi che scorrono veloci: un weekend pieno e intenso, senza divagazioni o visite ai musei, a indicare che il comprensorio del Lago d’Iseo meriti ben più di un fine settimana.
Come, peraltro, fanno tedeschi e olandesi con barche al traino, inglesi e francesi che arrivano a Bergamo con Ryanair, e molti, moltissimi altri.

2013 Q5 hybrid 041

Audi Q5 2.0 TFSI Hybrid4
Spazio e comfort, guidabilità e dinamica con prestazioni brillanti: raffinatezza di un progetto che, integrato dalla tecnologia a doppia motorizzazione, permette alla prima ibrida di Ingolstadt di rivelare più anime. Dalla sicurezza della trazione integrale “quattro” alla scorrevolezza del cambio automatico Tiptronic a otto rapporti, dalla prontezza del motore 2.0 TFSI (turbo con iniezione diretta di benzina), alla spinta dell’overboost che aumenta coppia e potenza con l’energia delle batterie al litio, come il Kers di Formula 1, per schizzare via in allunghi infiniti.

Q5hybrid_detail019

Oppure, premere il tasto “EV”, convertendo la Q5 in un’elettrica che, silenziosamente, può raggiungere i 100 km/h. E se viene voglia di esplorare il mondo non asfaltato o di avvicinarsi al lago per l’alaggio di un natante, la trazione permette mobilità e motricità di rilievo. Elegante e raffinata, Q5 hybrid coniuga la praticità da crossover alla sostenibilità ambientale da ibrida: prestazioni da sei cilindri con emissioni e consume da quattro. Guidata con buona allegria durante il nostro test, insistendo con le marce basse tra misto e saliscendi attorno al lago, non ha mai percorso meno di 10 km con un litro, ma nell’uso normale arriva oltre i 14. E se non si superano i 60 km/h, può percorrere fino a 3 km senza una goccia di benzina. Q5 2.0 TFSI hybrid quattro, già con buone dotazioni, sistemi di sicurezza e assistenza avanzati, e cambio automatico di serie, è proposta a 57.950 euro; in allestimento Business (conveniente per i pacchetti presenti) 58.810, Advanced a 59.250 e Advanced Plus a 59.950.
www.audi.it

2013 Q5 hybrid 014
INFO
www.lagodiseo.org
www.lagodiseo.it
www.iseolake.info
www.turismobergamo.it
www.turismo.regione.lombardia.it
www.lagodiseoeventi.net
www.navigazionelagoiseo.it

DOVE MANGIARE
Trattoria Glisenti

Nell’abitato di Vello, sulla sponda bresciana, la centenaria Trattoria offer il tradizionale pesce di lago, o una ricercata e competente creatività. Sul terrazzo o nelle salette, accoglienza e ospitalità trasferiscono l’avventore in un’ambientazione di estremo relax. Dove sentirsi ospiti, ascoltando i suggerimenti di chi accoglie con stile. Eleganza sobria e cucina di grande qualità, con olio d’oliva prodotto in loco, curate con passione da Marzia e Luisa.
Via Provinciale, 34
Vello di Marone – BS –
Tel. 030.987.222
www.trattoriaglisenti.it

DOVE DORMIRE
Relais I Due Roccoli****

2013 Q5 hybrid 078
In posizione rilevata, con vista unica sul lago e verso Monte Isola, il raffinato relais è circondato da un parco di dieci ettari, dove tra prati, cespugli e alberi secolari, e varie costruzioni storiche attorno alla torre quattrocentesca del ristorante, ospitano camere curate anche con dettagli artistici, con opera presenti in tutta la tenuta. Altre residenze, realizzate da architetti del verde, seguono i terrazzamenti che collegano gli edifici, immergendosi nella natura. Il nome “I due roccoli” trae origine dalle antiche postazioni di caccia ai migratori, possibili solo in luoghi con tale disposizione.
Via Silvio Bonomelli, Iseo – BS
Tel. 030.98.22.977
www.idueroccoli.com




Al via la V° edizione di “Eva al Volante”

Ecco un’occasione per trascorrere un bel fine settimana a bordo della propria auto d’epoca, in compagnia di una vostra cara amica, e allo stesso tempo godere di paesaggi suggestivi e mettere alla prova le vostre capacità al cronometro. Stiamo parlando di una gara di regolarità per auto storiche riservata però, solo alle pilotesse.

EvaAlVolante

Per la quinta edizione di Eva al Volante, in programma il 5 e 6 ottobre, l’ASI ha scelto il golfo più romantico della Liguria di levante, quello della Spezia, che racchiude due gioielli, Lerici e Portovenere. Lerici ospitò a lungo Lord Byron, Percy Bysshe Shelley e sua moglie Mary, Portovenere, invece, insieme ad alcune isole e alle “Cinque Terre” nel 1997 è stata dichiarata patrimonio dell’umanità dall’Unesco. Al centro di questo golfo, giustamente soprannominato “Golfo dei Poeti”, si trova poi La Spezia, il secondo comune per popolazione della Liguria, celebre per il suo Arsenale voluto da Camillo Benso Conte di Cavour e base navale importantissima.

lerici

Eva al Volante è certamente la manifestazione ASI che meglio s’inserisce in questo contesto, e che sarà certo apprezzato dalle pilotesse, che malgrado l’impegno agonistico, avranno anche tempo per ammirare le bellezze del paesaggio. Una due giorni che vedrà impegnate guidatrici, cronometriste e autovetture alle prese con controlli e prove di precisione, che saranno affrontati con la consueta abilità dalle concorrenti, che hanno dimostrato, nelle precedenti edizioni, di aver conseguito una notevole maturità agonistica e dimestichezza con questo tipo di gara.

eva al volante ASI (2)
Se volete ammirare le loro auto o vederle passare, di seguito il programma.
Sabato 5 ottobre
Sarzana, dalle 9.00 alle 10.30, ritrovo, verifiche e registrazione.
A seguire partenza per La Spezia e trasferimento via mare a Monterosso (Cinque Terre).
Dopo il  pranzo rientro via mare a La Spezia.
Visita ai velieri storici presenti per la Festa Nazionale della Marineria e al Museo Navale.
Partenza da La Spezia per Sarzana con prove cronometrate.
Trasferimento con corriere storiche a Lerici per la cena.
Rientro all’Hotel Santa Caterina di Sarzana.

Domenica 6 ottobre
Ore 9.00, partenza per La Spezia dove sul molo Mirabello si svolgeranno altre prove cronometrate.
Trasferimento a Porto Venere per pranzo e premiazione.
www.asifed.it




Missione speciale per la nuova Range Rover Sport

all-new_range_rover_sport_daniel_craig_nyc_260313_LowRes

di Himara Bottini

Se siete già state a New York vi basterà chiudere gli occhi per immaginare una scena degna di un film hollywoodiano… se avete visto uno degli ultimi James Bond al cinema non serve che vi dica quanto è “figo” l’attore Daniel Craig (lo so, non piace a tutte, ma a noi sì…)… se pensate alla Land Rover più “alla moda” prima che la Evoque le scippasse il posto, non può che venirvi in mente la Range Rover Sport. Adesso amalgamate bene i tre ingredienti e vedrete chiaramente Daniel alla guida dell’ultimissima Range Rover Sport per le vie di Manhattan… Il quadro è abbastanza completo?
Ecco noi avremmo voluto essere lì ma non siamo arrivate in tempo… così abbiamo perso l’occasione di conoscere Daniel di persona, ma ci resta la possibilità di guidare la Range Rover Sport (vi faremo sapere com’è)…

A favore di S.A.F.E
Craig ha accettato questo incarico non soltanto perché ama il marchio britannico e i suoi veicoli, ma anche perché, come Land Rover, anche lui è molto vicino all’istituzione benefica S.A.F.E, della quale è un mecenate. Land Rover, che già nel passato ha donato un Defender all’ONG keniana e britannica, è lieta di rinnovare il suo supporto all’istituzione, alla quale, nel corso dell’anno, intende donare un altro veicolo.
Questo veicolo sarà assegnato a un Team impegnato nell’educazione e nel miglioramento sociale della popolazione.  Grazie al teatro di strada e ai programmi della comunità, i professionisti del S.A.F.E. svolgono un’importante azione educativa riguardo all’HIV, alla circoncisione femminile e all’acqua potabile.

New Range Rover Sport_Daniel Craig_Reveal

In vendita da settembre
A detta della casa brittanica, la nuova Range Rover Sport rappresenta un balzo in avanti, ingegneristico e tecnologico, è quasi mezza tonnellata più leggera della precedente, il che riduce sensibilmente le emissioni di CO₂, ed è più veloce, agile e dinamica che mai. In vendita dal terzo trimestre di quest’anno, abbina alle sue qualità dinamiche su strada le capacità in off-road, da vera Land Rover. La sua linea è ancora più decisa e vigorosa, i suoi interni più lussuosi, e in più offre la pratica opzione dei 5+2 posti.
Sfruttando le qualità delle innovative sospensioni leggere e delle tecnologie dello chassis, la nuova architettura in alluminio – un altro primato di categoria della Nuova Sport – ha reso possibile una riduzione del peso di oltre 500 kg (paragonando il 4 cilindri a benzina all’attuale V8 a benzina).

Info
www.safekenya.org
Ulteriori immagini e curiosità, oltre al film “The Delivery”, sono visibili su www.newrangeroversport.com

 




L’avventura si tinge di rosa elettrico

Foto IPP/Stucchi - Milano 04/07/2012 - Presentazione di Donne al Volante 2012

Partire da Milano e arrivare a Tokio! È stata una grande avventura.
Attraversare sedici paesi (19.242 km) dall’Europa dell’est alla Grande Cina non è un’impresa da poco. E a farlo sono state due donne: Mariella Carimini e Silvia Gottardi, con una grande auto Ibrida.
Ecco perchè stavolta non è stato il blu a essere elettrico ma il rosa.
“Quando abbiamo lanciato l’idea di Eurasia (Milano-Tokyo in auto), molti ci hanno dato delle pazze, ma abbiamo anche trovato chi ha creduto nel nostro progetto, a cominciare da Peugeot Italia, che ci ha messo a disposizione una 3008 HYBRID4, la prima diesel ibrida al mondo, che noi abbiamo fatto riverniciare in un inconfondibile rosa, in onore della Fondazione Candido Cannavò”.

Silvia al mercato di Lubiana
Silvia al mercato di Lubiana

Europa dell’Est
“Pensavamo che l’Europa dell’Est sarebbe stata noiosa e poco avventurosa, ma non è stato così. Ad esempio, abbiamo scoperto la Transnistria, Paese che si è autoproclamato indipendente e che abbiamo attraversato in tutta la sua lunghezza per passare dalla Moldavia all’Ucraina.
In tutto 10 chilometri. Eh, già, perché la Transnistria è davvero uno stato microscopico.
In Russia, poi, abbiamo scoperto il carattere aperto e amichevole del suo popolo. Come la giornalista che quasi si è buttata sotto le ruote della nostra 3008 HYBRID4 per fermarci. È rimasta strabiliata dalla nostra macchina rosa e quando ha visto la mappa con il percorso sul nostro cofano, ci ha trascinato nella sua redazione per intervistarci con un piccolo registratore dell’anteguerra…

Continuate a seguirci…. per proseguire il viaggio!!!

di Mariella Carimini e Silvia Gottardi

 

 

 

 




Auto&Donna… A volte ritornano

Era il 1999 quando Auto&Donna apparve in edicola per la prima volta, precorrendo i tempi.
Da allora sono cambiate così tante cose che non basterebbero cento comunicati per elencarle tutte. Ma noi abbiamo deciso di partire da com’è cambiato il rapporto delle donne con l’auto, e abbiamo individuato quelle che secondo noi sono le caratteristiche della donna alla quale ci rivolgiamo: la forza, lo charme, l’eleganza, lo spirito della viaggiatrice e quell’autonomia proprie del sesso femminile d’oggi, sempre in movimento, multi tasking ma allo stesso tempo sensibile e rispettoso dell’ambiente.

AUTO&DONNA…ORA SU WEB

Un ritorno dettato anche da un trend sempre più in crescita: le donne, infatti, si stanno rivelando sempre più esperte e protagoniste della rete. Sono 10 milioni, infatti, le utenti donna tra i 18 e i 54 anni che hanno navigato sul web nel 2012 (registrando un +6 % rispetto al 2011).
Sempre più donne scelgono la rete per gli acquisti importanti, per il bisogno d’informazione, per utilità,senza intermediari…
Quindi
Auto&Donna torna come WEB MAGAZINE per la donna d’oggi sempre più autonoma e autorevole

Leggeteci su www.autoedonna.com
Interagite con noi sulla
PAGINA FACEBOOK
Contattateci su
Twitter
Guardateci sul canale
You Tube

EDIZIONI D’ARGENZIO
redazione@autoedonna.com
Himara Bottini
Silvia Terraneo
 
autoedonna