Weekend Green

Sei funicolari storiche da non perdere per ammirare la Lombardia dall’alto

La funicolare Vellone – Sacromonte

Un’altra funicolare storia, inaugurata nel 1909, è la Vellone – Sacromonte, in provincia di Varese. Il suo percorso è di appena 400 metri, per un dislivello di 167,4 metri e una pendenza del 56,5%, ma la meta è davvero imperdibile: il Sacro Monte di Varese, Patrimonio dell’Umanità UNESCO dal 2003. Situato a 800 metri di altezza, è dedicato alla Madonna ed è composto di 15 cappelle decorate, risalenti al Seicento.

Le funicolari di Bergamo

Spostandoci a Bergamo, troviamo invece la funicolare di Bergamo Alta, risalente al 1887. Da allora collega il centro della città, la partenza è da Viale Vittorio Emanuele, a Bergamo Alta, con capolinea Palazzo Rota, poi Suardi, in piazza Mercato delle Scarpe. Si tratta di un vero e proprio mezzo di trasporto urbano, formato da due funicolari a vetture indipendenti, che si muovono su due binari lunghi circa 250 metri. Copre un dislivello di 85 metri con una pendenza del 52% e, durante il tragitto, consente di ammirare la Val Brembana dall’alto.

Una volta giunti a Bergamo Alta, potete proseguire il viaggio sulla seconda funicolare bergamasca, la Bergamo – San Vigilio, che da Porta S. Alessandro porta al Colle di San Vigilio, dove si trova lo splendido castello medievale, a 450 metri di altezza. La funicolare risale al 1912 e si compone di una sola vettura. Il percorso è di 650 metri, compre un dislivello di 90 metri con una pendenza massima del 22%.

La funicolare di San Pellegrino Terme, che riaprirà tra poco

Sempre in Val Brembana, si trova la storica funicolare di San Pellegrino Terme (BG), inaugurata nel 1909 per collegare il paese con la piccola frazione di Vetta, situata a 650 metri di altezza, sul Picco del Sole. Lunga 750 metri, e con una pendenza del 55%, è stata dismessa nel 1989, ma la bella notizia è che sarà di nuovo aperta il prossimo autunno. Un’ottima occasione per tutti coloro che saranno a San Pellegrino. Dalla funicolare si potranno ammirare il Gran Hotel, lo stabilimento termale, il casinò, ma anche la valle, le ville in stile liberty e l’Hotel Vetta, tutti dei primi anni del Novecento.

A Campodolcino (SO) c’è la funicolare sotterranea

È forse più recente delle altre, risale infatti al 1996, ma la funicolare di Campodolcino, in Valchiavenna, è davvero unica. Il suo percorso, lungo 1,5 km, e con una pendenza del 51%, è totalmente sotterraneo. Conosciuta anche come Sky Express, porta da Campodolcino, a 1082 metri, alla stazione della frazione Motta, a 1721 metri. La capienza è di 2500 passeggeri all’ora ed è molto utilizzata da sciatori e amanti di sport invernali.

INFO

www.in-lombardia.it