milano-nuove-esperienze-Cristiano-Tomei-corteccia-
Weekend Milano

Milano: nuove esperienze

Milano: nuove esperienze. Gusti da nord a sud, aperture, giardini d’inverno,  e i noodles omaggio all’Oriente

 

 Corteccia, firmata dallo chef Cristiano Tomei apre nel cuore di Milano

Al via la prima avventura milanese dell’istrionico chef toscano che porta in città la sua cucina rivoluzionaria e concreta, che parte da ingredienti freschi di altissima qualità

In  Corso Europa, a pochi passi da Piazza San Babila, centro nevralgico del business, della moda e degli affari milanesi, apre Corteccia, con la firma riconoscibile e fortemente identitaria dello chef Cristiano Tomei,  format ristorativo ideato e realizzato da Food Media Factory insieme con lo chef Tomei.

corteccia-Cotoletta-di-nervetti-di-vitello-©-FMF-01.
corteccia-Cotoletta-di-nervetti-di-vitello-©-FMF-01.

 

L’offerta é  basata su piatti dalla solide radici, fortemente riconoscibili al palato e preparati con ingredienti stagionali (ritorna il tema tanto caro allo chef della ‘cucina di mercato’) come i Tortelli Olio d’erbe e il Fritto misto di mare e terra su fazzoletto.

In linea con il ritmo della città, l’osteria contemporanea è aperta a pranzo e a cena con un’unica carta che comunica in modo diretto e creativo la visione enogastronomica di Cristiano Tomei. Un approccio concreto alla cucina da cui derivano piatti unici, ma comprensibili al primo assaggio, come Una triglia a Milano e il Cervo al Vermut.

 corteccia-Pennoni-Panna-e-Prosciutto-

corteccia-Pennoni-Panna-e-Prosciutto-

 

Il menù mette il cibo al centro, protagonista in modo immediato, ricercando un rapporto con la cucina più genuino e sincero, proprio come nelle osterie di una volta, luoghi accoglienti dove ci si ritrovava per passare del tempo insieme e gustare piatti buoni della cucina italiana.

La proposta gastronomica prevede anche una piccola sezione signature dei piatti iconici dello chef come i Pennoni panna e prosciutto e la Crema catalana al Parmigiano e cervella oltre una selezione di vini che presenta anche etichette di piccoli produttori biologici, curata personalmente dallo stesso Tomei. Tra i dolci, sbarca a Milano la mitica “Peschina” di Prato del Maestro Paolo Sacchetti, un classico della pasticceria a base di pasta brioche, crema pasticcera e alchermes.

CORTECCIA, Corso Europa, 12

ristorante@cortecciamilano.it

 

 

Mani in noodles, il nuovo format milanese dedicato ai noodles

Situato nella zona della stazione centrale, Mani in Noodles è un nuovo format specificatamente dedicato alla pasta asiatica fatta in casa: i noodles, la tipica pasta lunga di origine cinese dalla antichissima tradizione.

 Dettagli allegato Milano-nuove-esperienze-mani-in-noodles-01.jpg

Dettagli allegato
Milano-nuove-esperienze-mani-in-noodles-01.jpg

 

Le caratteristiche principali di Mani in Noodles sono sicuramente il design semplice e curato che caratterizza il locale, ma soprattutto la cura nella preparazione della pasta che viene realizzata rigorosamente e sempre a mano con farina di grano italiano di qualità.

I noodles, in brodo o saltati in padella, vengono fatti davanti agli occhi di tutti nella cucina a vista del locale al civico 8 di via Aminto Caretto, attraverso un coreografico movimento delle mani. Da un panetto di pasta fatta solo con grano tenero e acqua si ricava un unico “filo” che a seconda dei movimenti può essere più o meno sottile e viene cotto direttamente nell’acqua.

 

mani-in-noodles
mani-in-noodles

In carta è possibile trovare 5 varianti di noodles che si differenziano per spessore e dimensione, dalla pappardella allo spaghetto sottilissimo, tra cui è possibile scegliere in base al proprio gusto.

I noodles possono essere gustati nei ramen, realizzati con brodo di verdure o manzo, oppure si può optare per quelli saltati in padella e conditi con carne, verdure, pesce o in versione pad thai ( vermicelli di riso con uova, germogli di soia, carote, zucchine e cavolo cappuccio)

Oltre ai noodles, il menù comprende anche una ricca selezione di antipasti, tra cui spiccano appunto i ravioli (di maiale, pollo o verdure), ma anche gli involtini primavera, i funghi con wasabi, l’insalata di Tofu con sedano.

Mani in noodles, via Aminto Caretto 8

 

Pacifico Quest: wagyu & non solo

Lasciatevi conquistare dal sapore ricco e saporito del wagyu con Pacifico Quest: una serie di cinque serate per rivisitare i piatti iconici di Pacifico, preparati con ingredienti selezionati provenienti da piccoli produttori artigianali giapponesi.

Ogni sera, gli chef di PACIFICO sanno esaltare il meglio dei sapori, del gusto e della delicatezza di questa selezione di ingredienti giapponesi per creare a regola d’arte una varietà esclusiva di tiradito, una ceviche e un piatto unico, mostrando il modo particolare e delizioso in cui questi ingredienti esaltano i sapori dei piatti iconici di PACIFICO.

 

 

pacifico
pacifico

Da fine gennaio a fine marzo, gli ospiti avranno l’opportunità di assaggiare il sapore ricco e saturo del Wagyu Kamichiku e di scoprire il gusto unico del wasabi fresco, della salsa di soia a doppia fermentazione, dello yuzu e di altri ingredienti in un viaggio culinario che parte dal Perù e ci conduce vicino ai piccoli agricoltori giapponesi.

Kamichiku si trova nella prefettura di Kagoshima, nel Kyusyu, nella parte meridionale del Giappone. La prefettura di Kagoshima possiede 312.400 capi di bestiame giapponese (per la carne bovina) e vanta il maggior volume di produzione rispetto alle altre prefetture. La prefettura di Kagoshima è stata nominata migliore prefettura di Wagyu ed è diventata l’area più importante di Wagyu sia per qualità che per quantità.

Dal 2015, i ristoranti PACIFICO rappresentano lo stato dell’arte della cucina Peruviana-Nikkei in Italia ed una visione di ospitalità rivoluzionaria: ricerca e sperimentazione in cucina in location suggestive. Il design iconico e l’atmosfera vibrante hanno fatto di PACIFICO un brand di riferimento per la ristorazione, la mixology e l’intrattenimento, presente con tutti i propri locali nelle guide Michelin, Gambero Rosso, L’Espresso, Wallpaper e segnalato come “place to be” dalle maggiori riviste lifestyle internazionali.

Il ristorante PACIFICO Milano, nato nel 2015 e situato nel quartiere di Brera, cuore pulsante della città, è la prima nave della flotta e tempio dei valori del brand PACIFICO. Il suo design rivoluzionario – ispirato agli interni di una nave ed al mare circostante – e la sua atmosfera inimitabile ne hanno fatto ormai un’icona, un “classico” ed un punto di riferimento della scena culinaria e di intrattenimento milanese. Il “Pisco Bar” completa la cucina con cocktail ispirati alla migliore mixology internazionale. Al piano inferiore si nasconde ILEGAL, luogo di sperimentazione musicale in continua evoluzione, dotato delle più avanzate tecnologie audio e riservabile per eventi privati.

gennaio / mer 25

febbraio / mar 2 – mar 21

marzo / mar 7 – mer 22

 

 

 

         Milano: nuove esperienze

All’Antica Osteria Cavallini un raffinato e confortevole giardino d’inverno

Una speciale e innovativa pavimentazione regala il piacere di pranzare e cenare  all’aperto anche fuori stagione

All’Antica Osteria Cavallini il giardino che si apre dalle ampie vetrate della sala più grande, non è più solo un appuntamento alle tiepide e soleggiate giornate delle belle stagioni ma, per chi ancora non l’ha scoperto, è anche un incantevole luogo dove ci si può accomodare a tavola dimenticando il freddo dell’inverno milanese e allontanare la frenesia della città.

 

milano-nuove-esperienze-GIARDINO-DINVERNO
milano-nuove-esperienze-cavallini GIARDINO-DINVERNO

Un giardino d’inverno elegante, raffinato – come lo sono gli interni dello storico ristorante di via Mauro Macchi – è ineccepibilmente un angolo confortevole.

Un comfort che arriva anche da un’innovazione speciale che il “Cavallini” offre alla sua clientela: una  pavimentazione rinnovata in grado di produrre un riscaldamento piacevole ed efficace attraverso una tecnologia avanzata che “non scalda l’aria ma scalda i corpi”.

Una piccola oasi fino ad ora riservata a climi più miti che, grazie a questa soluzione innovativa, permette di gustare l’ampia carta del ristorante caratterizzata da proposte classiche milanesi, piatti tradizionali così come ricercate combinazioni sia di carne, sia di pesce, in uno spazio aperto anche nei periodi più freddi dell’anno.

A rendere ancora più speciale il giardino d’inverno del “Cavallini” è la perfetta mise en place, la giusta distanza dei tavoli e l’impeccabile servizio.

Antica Osteria Cavallini, Via Mauro Macchi, 2,

 

Grande successo della PIZZADAGIU’ di Casa Surace nel menu di PIZZIUM

PIZZIUM riconferma nel menu invernale la  Pizzadagiù di CASA SURACE, ideata dalla casa di produzione composta da amici e coinquilini che con umorismo e autoironia raccontano il Sud.

La pizza recentemente introdotta nel menu di tutti i 35 punti vendita d’Italia ha riscosso un successo talmente grande che PIZZIUM ha deciso di lasciarla nel proprio menù fino a primavera per permettere a tutti gli appassionati di pizza napoletana e dei sapori del sud di assaggiarla.

milano-nuove-esperienze-PIZZADAGIU-INVERNO-2
milano-nuove-esperienze-pizzium PIZZADAGIU-INVERNO-2

 

La Pizzadagiù infatti è una pizza dai tradizionali gusti del Sud Italia: l’ingrediente principale è il ragù, immancabile in un tipico pranzo della domenica al Sud, a cui si aggiunge il caciocavallo e due foglie di basilico come guarnizione. Unica differenza rispetto alla ricetta originale di Casa Surace, da PIZZIUM la Pizzadagiù è cotta al forno e non prevede la doppia cottura.

Nato nel 2017 a Milano da un’idea di Stefano Saturnino, Giovanni Arbellini e Ilaria Puddu, Pizzium propone la pizza napoletana classica utilizzando il meglio della materia prima italiana.  Lo stile PIZZIUM è inconfondibile ma ogni locale è unico perché trae ispirazione dalla terra che lo ospita, senza rinunciare al meglio di Napoli e della Campania.

 

Milano: nuove esperienze

Mirror: il 4 mani che valorizza l’attenzione alla materia prima e ai suoi utilizzi

Lo Chef Nicola Bonora ospita a Motelombroso chef Jorg Giubbani di Orto by Jorg Giubbani per dare vita a un sorprendente viaggio gastronomico

La cucina dello chef stellato Jorg Giubbani si caratterizza per una tecnica attenta alla digeribilità, al rapporto nutrizionale e alla connessione tra mare, orto e montagna. La direzione che ha preso la sua filosofia rappresenta al meglio il concetto di sostenibilità, grazie al rispetto totale della materia prima e della sua stagionalità. Ciò significa saper adattare la propria offerta e fare in modo che le tecniche utilizzate per la preparazione dei piatti tengano conto delle svariate proprietà degli ingredienti, delle sfumature di gusto apportate dai diversi tipi di cottura e dal saperle coniugare con condimenti ed erbe differenti.

 

 milano-nuove-esperienze-mirror

milano-nuove-esperienze-mirror

E in un certo senso, sono proprio quest’ultime a divenire il terreno comune su cui è stato ideato il 4 mani in programma martedì 24 gennaio: Mirror, per la serie di incontri “Take a look at the world” promossa da Motelombroso e dal suo team.

Nicola Bonora apre infatti la sua cucina allo chef ligure, con l’intento di creare un menu unico ed esclusivo. La serata vedrà anche la straordinaria partecipazione di In Aéras, Ancient herbal ritual from Sardinia for Contemporary Care. Il brand di skincare e lifestyle Made in Sardinia fondato da Alice Ziccheddu e concepito per prendersi cura di mente, corpo e anima grazie all’intima connessione con la natura più pura e potente dell’isola, accompagnerà gli ospiti aprendo il coinvolgimento di tutti i sensi, in un viaggio tattile e olfattivo, oltre che culinario.

Mirror accoglierà 26 ospiti, un numero di coperti che permetterà agli chef di prendersi cura di ognuno e alle esperienze proposte da In Aéras nel corso della serata di essere vissute con attenzione

Aperitivo dalle ore 19:30

Cena ore 21:00

Alzaia Naviglio Pavese 256 https://motelombroso.superbexperience.com/reserve/experience