In The World Top Ten Weekend Premium

Le 10 esperienze TOP da fare alle Seychelles

Le Seychelles riaprono al turismo e offrono un’infinità di occasione per una vacanza a 360° tra natura, mare, parchi, buoni sapori. Tuttavia, ci sono veramente alcune cose assolutamente da fare e da vedere per chiunque si rechi del meraviglioso arcipelago circondato dall’Oceano Indiano. Eccole nella nostra TOP 10.

1.Anse Source d’Argent, la spiaggia più fotografata del mondo

Lascia letteralmente a bocca aperta per la sua sabbia bianchissima, lambita dal mare cristallino e scolpita da massi di granito forgiati dagli elementi naturali. Non a caso Anse Source d’Argent, a la Digue, è la spiaggia più fotografata del mondo. Tuttavia, il suo valore aggiunto è la sua via di accesso. Per arrivarci, infatti, si deve passare dall’Union Estate, una proprietà in cui si può ancora ammirare un forno per la produzione della copra e un mulino per l’estrazione dell’olio di cocco. Lungo il percorso, poi, si incontrano le tartarughe giganti e si passa anche dal cimitero dei primi abitanti dell’isola. Splendida anche la dimora padronale, circondata da massi di granito e da coltivazioni come quella di vaniglia.

2. Una visita a “Le Jardin du Roi” a Mahé

Assolutamente da visitare questo splendido giardino delle spezie che si trova in cima a una collina, nella zona meridionale di Mahé. Chiamato Jardin du Roi per le splendide atmosfere del XVIII secolo che riesce a evocare, consente di vivere un vero e proprio viaggio nel tempo, quando il commercio delle spezie era uno dei capisaldi dell’economia delle Seychelles. Basta lasciare spaziare la vista sulle valli circostanti per ammirare piante di vaniglia, citronella, cannella, noce moscata, pepe ed erbe medicinali. Tappa obbligata, poi, allo Spice Shop, per acquistare spezie, candele e piante medicinali. Fate una visita anche al piccolo museo che custodisce manufatti e documenti sulla storia dell’arcipelago e alle vestigia dell’antica casa padronale.

3. Incontrare le tartarughe giganti a Curieuse Island

Su questa piccola isola situata vicino a Praslin si può un’esperienza a tu per tu con le simpatiche tartarughe giganti. Sul versante di nord ovest, infatti, è stata istituita una riserva naturale, amministrata dal Seychelles Centre for Marine Technology – Marine Parks Authority dove si trova un allevamento di questi animali che vengono lasciati liberi di circolare e incontrare i visitatori. La riserva è anche un importante luogo di nidificazione delle tartarughe marine. Ricchissima anche la biodiversità. Curieuse è l’unica isola, oltre a Praslin, dove il coco de mer cresce allo stato naturale e vanta anche una liana endemica e otto diverse specie di mangrovie. Ricchissima anche la storia dell’isola, che prima veniva chiamata Ile Rouge per la sua terra rossa, ma poi venne chiamata Curieuse come la nave su cui arrivò l’esploratore Marion Dufrense, nel 1768.  L’isola è stata sede anche di una colonia di lebbrosi e ad Anse St Joseph si può ancora vedere la casa del medico residente, recentemente restaurata e ora sede di un eco museo e centro di informazione.

4. Shopping al mercato di Victoria a Mahé

Victoria, la capitale delle Seychelles, situata sull’isola di Mahé, è la capitale più piccola del mondo, ma anche il posto migliore per assaporare lo stile di vita e le tradizioni di queste meravigliose isole. Imperdibile, a tal proposito, una visita al Sir Selwyn Selwyn Clarke Market, il mercato che risale al 1840, ma rinnovato nel 1999. Qui potrete sbizzarrirvi nello shopping, tra pesce fresco, spezie, frutta e verdura freschissime, senza dimenticare articoli di artigianato, souvenirs e abbigliamento coloratissimo. Il momento migliore? Sicuramente il sabato mattina.

5. Rilassarsi sulla spiaggia di Anse Lazio a Praslin

Una cornice di massi di granito rosa su cui il sole dipinge sfumature calde e ambrate, palme rigogliose, una sabbia bianca e soffice che scende dolcemente verso acque azzurrissime in un mare cristallino. Non c’è da stupirsi che Anse Lazio, a Praslin, viene inserita regolarmente nella classifica delle 10 spiagge più belle del mondo. Perfetta per lo snorkeling, ma anche per lunghe nuotate in acque calme e tranquille. E, se viene fame, nelle vicinanze ci sono i rinomati ristoranti di Bon Bon Plume e Le Chevalier, aperti anche a pranzo.

6. Ammirare la natura della Vallée de Mai a Praslin

Una valle “leggendaria” al punto da essere creduta, per diverso tempo, il Giardino dell’Eden per la sua foresta primordiale di ammaliante bellezza, che conta più di seimila palme di Coco de mer. Dichiarata dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità, è annoverata tra le meraviglie botaniche del mondo. Una passeggiata sui suoi sentieri vi consentirà di ammirare anche sei specie di palme endemiche, numerosi alberi esotici e una ricca avifauna, tra cui il rarissimo pappagallino nero, una specie in via di estinzione.

7. Birdwatching nella Cousin Island Special Reserve

È una delle prime isole al mondo a essere stata interamente dichiarata riserva naturale, nel 1968, dal Consiglio Internazionale per la Conservazione Ornitologica, oggi conosciuto come Birdlife International, con lo scopo di proteggere dall’estinzione la piccolissima popolazione di Usignoli delle Seychelles. Tuttavia, questa isola di roccia granitica vanta anche una splendida barriera corallina, che si estende per 400 metri di distanza dalle coste.

8. Snorkeling a St Pierre Island

Questa minuscola isoletta che si trova nella baia della Côte d’Or a Praslin è diventata un vero e proprio simbolo delle Seychelles per la sua bellezza, al punto da comparire in moltissime campagne pubblicitarie, poste e fotografie. Qui, infatti, si possono ammirare tramonti spettacolari, ma le sue acque sono un paradiso per chi ama lo snorkeling, le nuotate, gli sport acquatici e navigare lasciandosi cullare dal suo mare azzurro.

9. Avvistare delfini e tesori nel Parco Marino di St Anne

Dista circa 20 km di barca da Mahé ed è una delle più vaste aree coralline delle Seychelles. Il Parco Marino Nazionale di St Anne rappresenta al meglio la sintesi dell’eredità culturale e naturale delle Seychelle. Qui è possibile avvistare i delfini e le tartarughe marine, ma anche ammirare le testimonianze del ricco passato delle isole. Il primo insediamento umano delle Seychelles, nel 1770, è stato eretto proprio qui, lontano dalle paludi infestate dai coccodrilli della vicina Mahé. In seguito, l’isola di St Anne divenne un porto per le baleniere mentre, durante la Seconda Guerra Mondiale, una base per i Royal Marines che difendevano il porto di Victoria. Si dice poi che, nella vicina isola di Moyenne sia nascosto un tesoro.

10.Pranzare a La Plaine St Andre di Mahè

Non solo un ristorante, ma una vera e propria istituzione. A La Plaine St Andre di Mahé si possono gustare i piatti della cucina tradizionale creola, rivisitate in chiave contemporanea. Con la consapevolezza di essere seduti a mangiare su un pezzo di storia delle Seychelles. La casa coloniale che ospita il ristorante, infatti, risale al 1792 ed è stata restaurata per diventare un luogo perfetto per il relax e per godere dei buoni sapori. Una visita qui, tuttavia, non sarebbe completa senza fare un salto alla distilleria Trois Freres per seguire il processo di trasformazione della canna da zucchero, dalla fermentazione alla distillazione alla trasformazione in pregiato rum, ovviamente da degustare alla fine della visita guidata. La distilleria è anche la sede della Takamaka Bay Rum. Infine, con una passeggiata nella piantagione si può scoprire come era la vita dei coltivatori nel 1790.

Guarda qui il video delle Seychelles 

INFO

www.seychelles.com