Ivrea e Canavese: la vacanza che non ti aspetti…tutto l’anno

Da un lato monti, colline, valli, fiumi e laghi per chi cerca una vacanza sostenibile e la possibilità di praticare turismo attivo; dall’altro piccoli e arroccati borghi che celano tesori, come castelli, palazzi, chiese e antichi ponti. Nel mezzo, le tradizioni legate alla viticoltura e alla produzione di grandi vini, alle ricette della tradizione, ai grandi eventi come il Carnevale di Ivrea.

Ecco il biglietto da visita di Ivrea e Canavese, territorio nel cuore del Piemonte, ampio e differenziato, composto da ben 138 comuni, tutti con la propria storia, tradizioni e specialità da scoprire. E dove si contano ben tre dei cinque siti UNESCO del Piemonte: Ivrea, Città Industriale del XX secolo, proclamata nel 2018, con gli edifici costruiti tra il 1930 e il 1960 destinati alla produzione, ai servizi sociali e a scopi residenziali per i dipendenti dell’industria delle macchine da scrivere.

Ivrea, la città industriale, Patrimonio UNESCO

Il Castello di Agliè, una delle Residenze Sabaude Patrimonio UNESCO dal 1997: sette secoli di storia e un passato nobile e antico testimoniato dagli allestimenti che caratterizzano le 300 stanze e i giardini. E dal 2011 sono UNESCO anche l’insieme dei Palafitticoli Preistorici dell’Arco Alpino, tra cui anche quelli del Lago di Viverone, nel Canavese, a cavallo tra le province di Torino e di Biella.

Canavese, il lago di Viverone

Inoltre, alcuni comuni del Canavese – tra cui Volpiano, Chivasso – fanno parte della Riserva della Biosfera “Urban MaB (Man and Biosphere) UNESCO CollinaPo”, che racchiude un’ampia fetta dell’area metropolitana orientale di Torino, ricca di acque, colline e boschi con crescente presenza di fauna e flora.

Da Ivrea a Canavese

Punto di partenza per un weekend o una gita fuori porta è Ivrea, situata nell’imponente scenario della serra morenica formatasi all’epoca della glaciazione e lunga 25 chilometri. Una città a misura d’uomo, ricca di palazzi storici, chiese e musei e sede di uno dei carnevali italiani più colorati e originali, celebre per la battaglia delle arance. Una città con due anime, una antica, romana e medievale, con il castello, la Cattedrale e il Ponte Vecchio, l’altra moderna e industriale, sorta tra il 1930 e il 1960 e costituita dalle architetture del progetto industriale e socioculturale di Adriano Olivetti.

La chiesa di Santa Maria degli Angeli a Ivrea

Da qui si può partire alla scoperta del Canavese per una vacanza che non conosce stagionalità, perché il territorio è fruibile tutto l’anno. D’inverno, si possono fare escursioni con le ciaspole sui monti del Parco Nazionale del Gran Paradiso, provare l’arrampicata su ghiaccio e anche sciare, mentre d’estate ci si dedica a tour, cicloturismo, equitazione, golf, rafting e parapendio oppure a visitare i numerosi castelli e ville con una diversificata offerta culturale. Non mancano i laghi: oltre quelli di Candia e Viverone, nei pressi di Ivrea, ci sono ben 5 laghi, anch’essi di origine glaciale, Sirio, San Michele, Pistono, Cascinette e Nero, collegati tra loro da alcuni sentieri panoramici.

I vini del Canavese

Inoltre, il territorio è ricco di eccellenze gastronomiche e la sua particolare conformazione, grazie alla ricchezza di acqua e alla sua zona collinare, dà vita alla produzione di ottimi vini, come il rosso e pregiato Carema e il bianco e profumato Erbaluce DOCG. Non a caso il Canavese fa parte del circuito Strada Reale dei Vini Torinesi e la passione per il vino vanta radici antiche, che risalgono al tempo dei Romani. La tradizione culinaria si basa su una ristorazione che serve piatti di ricette tipiche, a chilometro zero e accompagnati da vini autoctoni e non mancano le stelle Michelin, incluso una stella verde.

Gli eventi di fine estate e autunno

Molto ricco il calendario degli eventi in programma a Ivrea e in Canavese che offrono l’opportunità di scoprire qualche cosa in più su questa zona. Tra gli appuntamenti in agenda per l’estate 2021

Mostra – La collezione Olivetti e la cultura nell’impresa responsabile – Ivrea, fino al 17 ottobre

“La collezione Olivetti e la cultura nell’impresa responsabile” appena inaugurata, prosegue fino al 17 ottobre al Museo Civico P.A. Garda di Ivrea. La mostra fa parte di un programma pluriennale di iniziative che il Museo Civico della Città di Ivrea e l’Associazione Archivio Storico Olivetti cureranno per rendere fruibili al grande pubblico le opere d’arte della raccolta Olivetti. L’esposizione si articola su una selezione di oltre 100 opere d’arte di 32 artisti e oltre 100 documenti storici dell’Archivio e della Biblioteca dell’Associazione Archivio Storico Olivetti (manifesti, locandine, filmati storici, pubblicazioni, fotografie e carteggi), riproposti al grande pubblico dopo l’unica occasione espositiva del 2002 presso l’Officina H di Ivrea, in occasione della mostra “55 artisti del Novecento dalla raccolta Olivetti”.

INFO: www.museogardaivrea.it/

Eventi FAI Castello di Masino – fino al 20 agosto

Ampio il programma degli eventi FAI al Castello di Masino. Fino al 20 agosto, in date selezionate si svolgono le Visite al Buio, con il prolungamento dell’apertura fino alle 22 per offrire al pubblico la magia di visitare il castello come era prima dell’arrivo della corrente elettrica: con aperitivo incluso. E ancora visite guidate alla scoperta della vita agricola del Castello, con particolare attenzione alla coltura della vite e agli antichi metodi di vinificazione o un percorso di degustazione di un’eccellenza piemontese, il vermouth, fino ai programmi per famiglie e ai concerti di musica classica.

Il castello di Masino

INFO: www.fondoambiente.it/luoghi/castello-e-parco-di-masino/eventi

Mostra della Ceramica di Castellamonte – fino al 12 settembre

Fino  al 12 settembre è in programma la sessantesima edizione della Mostra della Ceramica di Castellamonte, che ha l’obiettivo di salvaguardare e valorizzare questa arte tipica della zona e importante risorsa del territorio. In occasione della mostra si svolge anche il concorso “Ceramics in Love – Three” aperto agli artisti/ceramisti italiani e internazionali che con le loro opere sapranno interpretare in modo attuale, con sentimento e intelligenza, il tema dell’amore. Le tre opere vincitrici saranno esposte nel Museo della Ceramica, attualmente in costruzione.

Le antiche cucine del Castello di Masino

INFO: www.comune.castellamonte.to.it/it-it/home

Festival – Gran Bal Trad – Vialfrè, 27 agosto 1° settembre

Dal 27 agosto al 1° settembre si svolge a Vialfrè il Gran Bal Trad, festival dedicato alla danza e alla musica tradizionale che si propone di offrire ai partecipanti un quadro variegato di esempi delle varie culture presenti in Europa, non dimenticando la tradizione italiana. Le giornate del Gran Bal Trad si articolano in atelier di danza e di strumento al mattino e al pomeriggio e proseguono fino all’alba con le serate di ballo su 5 grandi palchi.

Sono presenti più di 250 tra insegnanti e artisti provenienti da tutta Europa, impegnati in atelier di danza e di musica strumentale, concerti serali, conferenze. Inoltre, quest’anno l’ampia area naturalistica di Vialfrè è destinata a ospitare l’affascinante mondo della liuteria. Cornamuse, organetti, violini, ghironde, pifferi, flauti, mandolini, chitarre e altri strumenti verranno esposti da maestri liutai provenienti dalle principali scuole italiane in mezzo alle aree boschive, lontane dai suoni e dai rumori. Durante i workshop, verranno presentate le tecniche di costruzione, riparazione e manutenzione, utilizzando anche gli attrezzi tipici, molti dei quali immutati negli anni.

INFO: www.granbaltrad.it/wp/

Estate d’Istanti – Agliè, Castellamonte e San Giorgio Canavese fino al 12 settembre

Nell’ambito del progetto Tre Terre Canavesane, fino al 12 settembre Agliè, Castellamonte e San Giorgio Canavese propongono, per il secondo anno consecutivo, “Estate d’istanti”, una rassegna che prevede oltre 30 appuntamenti di musica, cinema, danza, parole e territorio. Sui diversi palchi si alterneranno numerosi artisti e non mancheranno i momenti dedicati all’enogastronomia con street food canavesano.

Il centro di Aglié

Tra i tanti appuntamenti, il 19 agosto alle ore 21 in piazza Castello ad Agliè si svolgerà “Mogol racconta Mogol 2.0 – Canzoni, racconti ed emozioni da Lucio Battisti a oggi”, con la partecipazione di Mogol, tra le voci narranti. Il 28 agosto ad Agliè, “Omaggio a Vivaldi” con un concerto in piazza Castello mentre il giorno seguente, a Castellamonte, prima edizione della camminata enogastronomica tra le colline e i sapori di Camur (Campo e Muraglio) con 8 tappe ristoro.

INFO: www.treterrecanavesane.it/

Candia Canavese, Vetrine d’Autore – fino al 24 ottobre

Prosegue fino al 24 ottobre la rassegna culturale “Candia Canavese, Vetrine d’Autore” con l’esposizione di opere d’arte nelle vetrine dei negozi attualmente non utilizzati. Su progetto dell’artista Gianni Depaoli, questa prima edizione dell’iniziativa porta nelle vie del centro storico l’arte contemporanea. Inoltre, nella Chiesa dell’Immacolata, sarà allestita una collettiva di artisti del territorio. Riutilizzare e riappropriarsi degli spazi inutilizzati ormai da anni è uno dei modi migliori per colmare quel senso di vuoto che talvolta ci accompagna. Questo è l’intento della rassegna, far rivivere gli spazi interni dei vecchi negozi ora chiusi, con installazioni, quadri e sculture.

“Vetrina d’autore” a Candia Canavese

Gara podistica dei 5 Laghi – 26 settembre

Si svolge il 26 settembre questa gara di corsa di circa 25 chilometri lungo un percorso boschivo della serra morenica a nord di Ivrea, dove si trovano i cinque laghi morenici, Lago Sirio, Lago San Michele, Lago Pistono, Lago Nero e Lago di Cascinette, che danno il nome alla manifestazione. Il percorso si alterna tra asfalto e sentieri toccando i comuni di Montalto Dora, Borgofranco d’Ivrea, Chiaverano e Cascinette d’Ivrea per poi rientrare nel “Capoluogo del Canavese”.

http://www.corsa5laghi.it

Welcome to Ivrea, 25 e 26 Settembre e 2 e 3 Ottobre 2021

La rassegna con un calendario ricco di eventi culturali organizzata dalla Città di Ivrea si terrà nei week end del 25 e 26 Settembre e 2 e 3 Ottobre 2021, e si svolgerà in diversi luoghi iconici della città.

Ivrea vista dal Ponte Olivetti

Ernesto Morales. Possible Places, Ivrea 11 settembre-10 ottobre

Le ex Officine ICO (Salone dei 2000), architettura patrimonio mondiale Unesco “Ivrea città Industriale del XX Secolo”, ospiteranno una mostra d’arte contemporanea. L’artista protagonista sarà Ernesto Morales, argentino di nascita e torinese di adozione, la cui opera di matrice figurativa e carica di simboli è anche raffigurazione della forza rigenerativa e del cambiamento. La sua carriera artistica lo ha condotto negli ultimi venti anni a realizzare mostre in musei e gallerie d’arte in molti Paesi, tra i quali Stati Uniti, Italia, Francia, Germania, Spagna, Ungheria, Cina, Singapore, Malesia, Tailandia, Argentina, Brasile, Messico e Uruguay.

La fabbrica di Mattoni Rossi nella Città Industriale

L’esposizione è organizzata da Agenzia per lo Sviluppo del Canavese ed è ad accesso gratuito. Inoltre, ricordiamo anche l’appena inaugurata la Big Bench intitolata alla Ninfa di Caluso, la panchina gigante con vista sui vigneti, intitolata alla Ninfa Erbaluce: la leggenda dice che dalle sue lacrime nacque l’Erbaluce di Caluso.

La panchina gigante di Caluso