Weekend Green

Debutta la prima Porsche alimentata a batteria

Debutta la prima Porsche alimentata a batteria. E’ la Porsche Mission E, 600 CV di potenza e una autonomia di 500 km con un tempo di ricarica di 15 minuti.P15_0790_a4_rgbCon la Mission E, presentata al Salone di Francoforte, Porsche introduce la prima vettura sportiva a quattro posti e trazione esclusivamente elettrica nella storia del marchio. La concept car associa l’inconfondibile design emozionale di una Porsche con prestazioni eccellenti e l’avveniristica praticità del primo sistema di trazione a 800 volt. Le caratteristiche salienti di questa affascinante vettura sportiva: quattro porte e quattro sedili singoli, oltre 600 CV (440 kW) di potenza e oltre 500 km di autonomia. Questo modello a trazione integrale con quattro ruote sterzanti accelera da 0 a 100 km/h in meno di 3,5 secondi e consente di ricaricare l’80% della batteria in 15 minuti. La strumentazione è intuitiva, gestita da tracciamento oculare e dal riconoscimento di gesti, alcuni anche tramite ologrammi, un sistema fortemente orientato al guidatore che regola automaticamente i display in base alla posizione di guida.P15_0782_a4_rgbTrazione: oltre 600 CV con tecnologie mutuate dalle gare di durata
Il sistema di trazione della Mission E è completamente nuovo, ma tipicamente Porsche, vale a dire testato nelle corse automobilistiche. Due motori sincroni a magneti permanenti (PMSM), simili a quelli utilizzati quest’anno dalla vettura vincitrice a Le Mans, la 919 Hybrid, spingono la vettura sportiva e recuperano l’energia prodotta in frenata. La prova migliore di una Porsche è gareggiare al massimo ininterrottamente per 24 ore e piazzarsi al primo e secondo posto. Insieme, i due motori producono più di 600 CV e spingono la Mission E ad una velocità di 100 km/h in meno di 3,5 secondi e a 200 km/h in meno di dodici secondi. Oltre alla loro elevata efficienza, alla densità e allo sviluppo uniforme della potenza, offrono un ulteriore vantaggio: a differenza degli attuali sistemi di trazione elettrica, possono sviluppare completamente la loro potenza anche dopo diverse accelerazioni a brevi intervalli. Il sistema di trazione integrale con Porsche Torque Vectoring, che distribuisce automaticamente la coppia alle singole ruote, trasferisce la potenza sulla strada mentre le quattro ruote sterzanti consentono di effettuare curve precise e sportive. Caratteristiche che rendono la Mission E pronta per la pista: il suo tempo sul giro sulla Nordschleife del Nürburgring è sotto gli otto minuti.P15_0787_a4_rgbPraticità quotidiana: ricarica conveniente e veloce, autonomia di oltre 500 km
Una Porsche non è solo espressione di grande sportività, ma è anche caratterizzata da un’elevata idoneità all’uso quotidiano. La Mission E, infatti, può percorrere più di 500 km con una carica della batteria, ricaricabile in soli 15 minuti con l’energia sufficiente a percorrere altri 400 km circa. La ragione: Porsche, come sempre all’avanguardia, introduce per la prima volta l’innovativa tecnologia a 800 volt. Raddoppiare la tensione rispetto alle vetture elettriche attuali a 400 Volt offre molteplici vantaggi: tempi di ricarica più brevi e peso ridotto, perché per il trasporto dell’energia sono sufficienti cavi in rame più leggeri e con diametro inferiore.P15_0788_a4_rgbUn segmento mobile della carrozzeria sul passaruota anteriore sinistro, davanti alla porta del guidatore, offre accesso alla presa per la ricarica dell’innovativo sistema “Porsche Turbo Charging”. Tramite la porta ad 800 volt, è possibile ricaricare la batteria fino a circa l’80 per cento della sua capacità in circa 15 minuti, un tempo record per le auto elettriche. In alternativa, la piattaforma tecnologia può essere collegata ad una comune stazione di ricarica a 400 volt oppure può essere ricaricata nel garage di casa tramite un sistema induttivo, parcheggiando semplicemente la vettura in corrispondenza di una serpentina incorporata nel pavimento del garage che trasferisce, senza cavi, l’energia ad una bobina posta nel sottoscocca.P15_0784_a4_rgb