È Halloween! Ecco che cosa fare nel weekend

Il prossimo weekend, quello del 30 e 31 ottobre, sarà quello di Halloween, la festa tanto attesa dai più piccoli, ma anche da chi piccolo non lo è più da un pezzo. Festa dalle lontane origini celtiche, il suo nome deriva da “All Hallows’Eve”, cioè “Vigilia di Ognissanti”, e segnava il passaggio dall’estate e l’autunno.

Secondo la leggenda, in questa notte, cadeva il velo che separava il mondo dei vivi e quello dei morti e gli spiriti dei defunti, ma anche esseri sovrannaturali, vagavano per il mondo. Finalmente, dopo la lunga pausa dovuta alla pandemia, quest’anno riprendono in tutta Italia, gli eventi, tra feste in maschera, spettacoli, cene a tema e molto altro. Ecco, allora, gli eventi che abbiamo selezionato per voi.

Halloween a Rovereto (TN)

Domenica 31 ottobre, la splendida Rovereto, dalle 9 alle 17 si trasforma nel paese di Halloween con tante iniziative dedicate ai bambini, tra mistero, divertimento e mostri spaventosi. In via Roma, per esempio, ci saranno i Laboratori di intaglio delle zucche, mentre nel Cortile Urbano di Via Roma ci si potrà avventurare nella Casetta degli Orrori (dalle 14 alle 18). Sempre con partenza dal Cortile Urbano, sia sabato che domenica (dalle 14.30 alle 17.30) si potrà partecipare a un Grande gioco itinerante, alla scoperta dei Distretti Urbani di Rovereto, con una mappa e 5 divertenti prove di abilità da superare.

Spostandosi in via Paganini e in Piazzale Caduti sul lavoro, invece, per tutti e due i giorni dalle 17 alle 19.30, ci saranno i Bracieri di Marshmallow per degustare i deliziosi dolcetti alla brace secondo la tradizione americana. Presso via G.M della Croce 3, invece, sarà allestito il laboratorio “Vestiti paurosi per Halloween”, per dare la possibilità ai più piccoli di confezionare da soli il proprio vestito di Halloween. Partecipazione gratuita.

INFO: tel 0464/424047

Halloween Dinner Show al Castello di San Giorgio Canavese (TO)

Domenica 31 ottobre, a partire dalle 20.30, si può vivere l’emozione di una festa in maschera con cena stile Halloween nello splendido scenario del Castello di San Giorgio Canavese (TO), in via Biandrate 31. Una location mozzafiato per una serata incredibile, tra tenebre e fantasmi che accoglieranno gli ospiti per una notte delle streghe indimenticabile.

Si inizia alle 20.30 con la cena, con un menù che prevede: Tagliere di salumi e formaggi, antipasto tipico canavasano, insalatina di riso Venere e salmone, insalatina di farro, scalogno e feta, Magatello in salsa tonnata, millefoglie al castelmagno, garganelli alla salsiccia di Bra, Lasagnette alla ligure, creme caramel, crostate, vino, acqua e caffè. La serata prosegue poi con la festa in maschera. Costo tutto compreso: adulti € 40, bimbi fino a 12 anni € 20. Prenotazione obbligatoria.

INFO: tel 328/3098639

Halloween al Parco Sigurtà (VR)

Lo splendido Parco Sigurtà di Valeggio sul Mincio, alle porte di Verona, indossa gli abiti autunnali con un evento dedicato ad Halloween. Dalle 10 alle 17.30, i più piccoli e le loro famiglie potranno scegliere tra le tante attività in programma nei 600 mila mq di parco. Si potrà provare il Trucco Mostruso con gli artisti internazionali che trasformeranno i bimbi in scheletri, mostri e streghe. Ci saranno poi le attività per imparare a decorare le zucche e il laboratorio per confezionare i cappelli da strega e stregone. Nell’area zucche e spaventapasseri, si potrà giocare con i personaggi in costumi.

Nel Castello Stregato i bambini potranno giocare a indovinare che cosa si nasconde nel Sarcofago Misterioso e giocare alla Pesca delle Zucchette, al Maxi Puzzle di Halloween e a Centra il calderone della Strega! Ci sarà anche la Pignatta di Halloween, il Gioco dell’Impiccato e il gioco delle carte di Dracula. Il tutto con premi, sorprese, spettacoli con esibizioni di Hula Hoop e Bolle Giganti. Chi entrerà nel parco completamente vestito a tema Halloween domenica 31 avrà diritto all’ingresso gratuito. Non è richiesto il Green Pass né la prenotazione.

INFO: www.sigurta.it

Al Castello di Rivalta (PC), serata con “La setta delle ombre”

Domenica 31 ottobre, nello splendido Castello di Rivalta, in provincia di Piacenza, è in programma “Halloween Night “La setta delle ombre”, (dalle 19.30 alle 24), una serata-gioco dove i partecipanti dovranno risolvere un pauroso mistero legato a una setta di occultisti e scoprire chi si cela dietro le loro maschere. Quota di partecipazione: solo animazione € 25 a persona, ragazzi fino a 12 anni € 15. Possibilità di prenotare anche la cena e di pernottamento presso l’Hotel Torre san Martino, nello splendido borgo di Rivalta.

Per i bambini dai 3 agli 8 anni, invece, lunedì 1°novembre, c’è “Baby Halloween al Castello di Rivalta – Il tormento del fantasma”, basata sulla leggenda del cuoco Giuseppe, il fantasma del castello. I bambini, in squadre e collaborando gli uni con gli altri, esploreranno le sale misteriose del castello e aiuteranno il fantasma Giuseppe a risolvere il suo “tormento”. Durante l’attività i bambini devono essere accompagnati da un adulto. Il programma prevede la visita storica al castello alle 10.30 o alle 11.30 e animazione al pomeriggio con turni alle 14, 15 e 16. Prenotazione obbligatoria. Quota di partecipazione: intero € 20, ridotto € 15.

INFO: www.castellidelducato.it, info@castellidelducato.it

Alla Rocca San Vitale di Fontanellato (PR) un “Tour del mistero”

Anche in provincia di Parma, nella meravigliosa Rocca San Vitale di Fontanellato, domenica 31 ottobre, è in programma per bambini e famiglie un Tour del mistero con piccoli brividi, per andare alla ricerca dell’Elisir del Coraggio. I più piccoli, con costumi e maschere a tema, saranno accolti da personaggi in costume, chissà, anche dallo stesso Jack O’Lantern, lo spirito di Halloween con la testa di zucca, ed esploreranno le sale del maniero, dalla Sala delle Armi alla Sala del Biliardo, dove il fantasma si fa vedere ogni tanto.

Nei camini, poi, non si celano solo Babbo Natale e la Befana, ma anche i fantasmi. La quota di partecipazione è di € 15 a persona. I bambini dai 3 anni in su devono essere accompagnati da un adulto. Prenotazione obbligatoria.

INFO: www.fontanellato.org

Halloween al Castello di Bracciano (ROMA)

Il 31 ottobre e il 1°novembre, il meraviglioso Castello Odescalchi di Bracciano, in occasione di Halloween si trasforma nella…casa della Famiglia Addams. Nelle antiche sale del maniero, Morticia, Gomes e gli altri membri della famiglia più strampalata che ci sia, aspettano i partecipanti per trascorrere insieme un evento speciale, tra sorprese, strane presenze e colpi di scena. L’appuntamento, sia domenica che lunedì, è alle 11 e alle 15.30. Prima e dopo lo spettacolo si può visitare liberamente il castello. Prenotazione obbligatoria. Quota di partecipazione € 15. Bambini 0-3 anni gratis.

INFO: tel 0637/898409 – 329/3106062 o info@teatrohelios.it

A Napoli un percorso notturno “da brivido”

Quarta edizione, domenica 31 ottobre, alle 21, dell’Halloween Tour nel centro storico di Napoli, con partenza da Piazza Bellini. Nella notte in cui gli spirito possono visitare il mondo dei vivi, in compagnia di un’esperta occultista, si andrà alla scoperta dei misteri di Napoli. Si potranno conoscere le origini di Halloween, ascoltare la Musica diabolica, e via via con tappe per conoscere La Mannara, La Luna Nera, le Macabre Sculture, le Anime Dannate, l’Oracolo dell’Oltretomba, un’antica maledizione e incontrare il Mostro finale. E, al termine del tour, brindisi tutti insieme e musica. Si può partecipare anche in maschera. La quota di partecipazione è di € 16, ragazzi 7-13 anni € 11, studenti universitari (con libretto) € 12. Prenotazione obbligatoria. Non occorre il Green Pass.

INFO: tel 351/1258465, www.derebusneapolis.it

A Palermo una caccia al tesoro con fantasmi

Domenica 31 ottobre, alle 18.30, nel centro storico di Palermo si può prendere parte a una divertente caccia al tesoro per bambini e ragazzi. I giocatori incontreranno personaggi misteriosi e fantasmi burloni da acchiappare. Sarà una passeggiata divertente, che consentirà anche di conoscere i luoghi e le leggende legate alla città. Ci saranno prove da superare e QRCode da catturare per liberare il fantasma del Cavaliere dal suo eterno tormento. Si parte da piazza Bellini, dove i giocatori saranno accolti dal personale di Palermobimbi. Premi per i vincitori e gadget per tutti.

INFO: www.palermobimbi.it

A Cagliari “La notte de is Animeddas”

Sabato 30 e domenica 31 ottobre, a Cagliari sono in programma speciali tour in occasione della notte di Halloween, alla scoperta delle tradizioni sarde legate alla “Notte de is Animeddas” che, si scoprirà, non sono poi così diverse da quelle della tradizione celtica. Si ascolteranno storie di fantasmi che si aggirano per le vie antiche della città, e leggende legate alle figure dei contixeddus de foredda, tramandate nel corso dei secoli. Si parte da piazza Aquilino Cannas. Il percorso si snoda tra i più antichi quartieri di Cagliari, da Castello a Stampace, per poi terminare in corso Vittorio Emanuele. Evento a numero chiuso. Prenotazione obbligatoria. Quota di partecipazione € 10 a persona.

INFO: tel 349/4932296




La Valle dell’Aniene, un regno verde per santi, aquile e imperatori

Testo e foto di Raffaele d’Argenzio©

Prima di arrivarci, per me l’Aniene era soltanto un affluente dell’importante e famosissimo Tevere e della sua Valle “non me ne poteva fregar de meno”, come dicono a Roma e non solo. Eppure, qualcosa mi attirava, forse l’istinto, forse anche aver saputo che in quella valle nidifica una delle poche coppie di aquila reale, che vivono in Italia, e a Licenza alla regina degli uccelli hanno dedicato un museo, da vedere. (Sapevate che l’aquila reale vive fino a 20 anni in libertà e può raggiungere i 50  in cattività?).

Mi solleticava il fatto che l’aquila era anche il simbolo delle legioni romane e, chissà, forse nella valle dell’Aniene c’era già la loro antenata, e proprio lei aveva ispirato ai Romani il loro simbolo. In questa valle insieme all’origine dell’Aquila Romana, si possono trovare le origini dei Latini, dei Sabini e degli Equi, piccoli popoli che contribuirono alla nascita della Grande Roma, che le diedero le ali per far volare in alto l’Aquila romana.

Vicovaro, tra l’Oasi francescana, gli eremi di San Benedetto e l’acquedotto romano

Certo l’aquila dall’alto vede un manto verde che copre queste colline che l’Aniene abbellisce con il ricamo del suo alveo, ma anche io dal finestrino dell’auto vedo bei prati e boschi di castagni. La prima tappa è il borgo di Vicovaro, a soli 30 km da Roma, ma che sembra un altro mondo, sensazione che si concretizza nell’avere un convento come albergo.

Uno scorcio del borgo di Vicovaro

L’Oasi Francescana, infatti, è un convento che i frati francescani, ormai in pochi, hanno lasciato in gestione ad una piccola cooperativa. Le camere sono le vecchie celle, ristrutturate con bagno ma senza televisore e lussi inutili. Grandi sale e corridoi, ma il bello si trova nell’immenso parco che nasconde sorprese…sorprendenti. Un bellissimo viale e poi sul retro una discesa scavata nella roccia che ci porta ripidamente sulla parete scavata in millenni dall’Aniene.

Sul fianco di questo costone, a strapiombo sul fiume che scorre in basso, troviamo le dimore scavate nella roccia calcarea, degli antichi eremiti che vi vivevano in povertà e in preghiera. Chi è andato in Cappadocia ci dice che è inutile andar fin lì per vedere cose simili. Qui basta scendere degli scalini, anche se ripidi. E qui vediamo anche la cappella di San Benedetto che ci è passato e vissuto verso il 500 d.C.

La cella di San Benedetto, le celle degli eremiti e l’acquedotto romano

E qui si trova anche un pezzo dell’acquedotto romano, scavato nella roccia ed ancora percorribile. Ma oggi questa queste cappelle e l’acquedotto non sono visitabili, se non con permessi speciali, dato che potrebbero essere pericolosi.  Ma c’è un’altra parte degli Eremi che è stata restaurata ed è visitabile, suggestiva specialmente di sera, con le luci che ne arricchiscono il fascino.

Ma a Vicovaro c’è anche l’importante palazzo Cenci-Bolognetti collegato, con affreschi, roseti e antiche carrozze che raccontano un territorio sereno, in quanto in questa valle si trovano più palazzi e meno castelli, un mondo più adatto alla villeggiatura che alla guerra.

L’interno di Palazzo Cenci Bolognetti

Le ville di Orazio, Nerone e Traiano, seguendo l’Aniene

E sì, già nell’antica Roma c’era il problema dell’inquinamento dovuto al sovraffollamento e a quartieri poco igienici, e quindi chi poteva già allora cercava aria salubre e verde seguendo l’Aniene, così vi troviamo la villa di Nerone presso Subiaco, quella di Orazio a Licenza e quella immensa di Traiano ad Arcinazzo Romano.

La Villa di Traiano ad Arcinazzo Romano

Subiaco, dove visse San Benedetto e dove fu stampato il primo libro in Italia

Seguendo l’Aniene arrivo a Subiaco, qui il nostro fiume ha più pendenza e quindi acquista forza. Infatti, nei secoli scorsi forniva energia ai mulini e alla produzione di carta pregiata, non per nulla proprio qui è stato stampato il primo libro in Italia, con il processo dei caratteri mobili, da monaci che l’avevano imparato in Germania, dove l’aveva inventato Gutenberg.

L’Aniene presso Subiaco e il borgo antico

Monaci benedettini, immaginiamo, dato che fu qui che San Benedetto visse circa 30 anni e qui nel 500 d.C, realizzò dodici monasteri, creando il monachesimo occidentale. Secondo San Benedetto gli eremiti e i religiosi non dovevano vivere isolati ma dovevano vivere in monasteri e del proprio lavoro. (ORA ET LABORA: come non essere d’accordo?) Subiaco è davvero un borgo bello e interessante. Vi si trovano i resti della villa di Nerone, il monastero di San Benedetto e quello di Santa Scolastica, sua sorella gemella.

Il convento di Santa Scolastica, sorella di San Benedetto

Ma non dimentichiamo il coro polifonico “Città di Subiaco”, un’eccellenza internazionale, che spazia dai canti gregoriani alla musica colta contemporanea. Tutti non professionisti, guidati dall’energico presidente Alberto Foppoli. Subiaco è un borgo che merita, una tappa da non dimenticare.  Qui come in tutta la valle dell’Aniene si sente un’energia positiva, orgogliosa d’essere.

Bellegra, dalla Cella di San Francesco alla Grotta dell’Arco

Dopo il convento di San Benedetto, arriviamo a quello di San Francesco a Bellegra, decisamente questa è anche una valle “santa”. Il convento è mistico. Qui il santo di Assisi è passato nel 1223, settecento anni dopo San Benedetto e qui si conserva la sua cella e un suo cappuccio. E c’è anche il ricordo lontano di come riuscì a convertire tre ladroni. Per souvenir, ho preso del buon miele di castagno, con il solo conservante di quest’aria mistica e beata.

Ora dalla cella di San Francesco passiamo alla Grotta dell’Arco, un complesso di grotte carsiche, scoperte soltanto all’inizio del secolo scorso. Non ha stalattiti come guglie appuntite, ma sono piuttosto tondeggianti, corpose, e fra loro ora svolazzano pipistrelli piccoli e innocui.

La Grotta dell’Arco

Tuttavia, in una delle grotte sono stati trovati resti di grossi orsi che certo non erano innocui. In alto vediamo anche dei graffiti, lasciati da uomini preistorici. L’arco è in parte caduto, ma fa sempre il suo effetto.

La presenza dell’Orso e graffiti preistorici

Gli Altipiani di Arcinazzo: ieri la villa di Traiano, oggi il Parco Avventura “For Nature”

Nell’Alta Valle dell’Aniene (850m. s.l.m.) ci aspetta l’immensa villa di Traiano ( che si estende per ben 5 ettari), o almeno quello che resta, dato che nei secoli è stata spogliata di molte delle sue ricchezze. Infatti, tanti capitelli li abbiamo visti nel convento di Santa Scolastica, e forse sarebbe il caso di riportarli qui, il loro vero posto storico e… legale.  La villa è davvero imperiale e spesso viene usata per concerti, come quello molto suggestivo a cui ho avuto la fortuna di assistere, con la partecipazione del Maestro Mariotti.

Concerto all’interno della Villa di Traiano. A sinistra, il Maestro Mariotti

Ad appena 6 km, continuando a salire, non troviamo una villa ma qualcosa di ugualmente bello, un teatro con pareti di alberi e un “concerto” di voci giovani, che qui hanno creato il parco avventura “Altipiani Adventures Ride For Nature” che avvicina alla natura. La struttura è diretta da Leonardo Lupi, un quasi trentenne che ha creduto nel turismo di questa valle e ha creato lavoro per sé e per altri giovani come lui. Sì, anche questo è un concerto che mi piace.

L’Altipiani Adventures Ride For Nature

Tivoli, dove l’Aniene crea ville favolose

Riscendiamo questa verde e favolosa valle, purtroppo, non abbiamo raccontato tutto, ma è un buon auspicio per ritornarci. Abbiamo attraversato le terre dei Sabini, degli Equi e dei Latini, boschi infiniti di castagni e querce, visitato conventi e chiese, seguito il Cammino di San Benedetto e le apparizioni di San Francesco, abbiamo visto ville di imperatori e di poeti.

E ora l’Aniene a Tivoli si veste di schiume candide e riflessi blu, sale sul palco si tuffa in cascate e dà spettacolo in meravigliose ville, come Villa Gregoriana, Villa d’Este e Villa Adriana.

L’immenso parco di Villa gregoriana con la cascata formata dall’Aniene

Sazio e stanco scivola verso Roma ormai vicina, città imperiale che a noi piace guardare da lontano con gli occhi di quella aquila reale che volteggia nella valle dell’Aniene e da millenni non lascia mai.

© Riproduzione riservata

DOVE DORMIRE

*Oasi Francescana***, Strada Statale 5, 47, Vicovaro (Roma), tel 0774/492391, www.oasifrancescana.it. Una piacevole sorpresa in atmosfere d’altri tempi.

DOVE MANGIARE

*Azienda agrituristica Fattoria Patrizi, via Fontana Fresca 12, Bellegra (Roma), tel 333/777365. Menù con piatti della tradizione laziale, pecorino eccellente con ambientazione che fa riferimento al Far West.

*La Locanda del Poeta, via Turanese 39, Collalto Sabino (Roma), tel 329/2428900, www.lalocandadelpoeta.com Ristorante di buona classe con ricerca di materie prime di pregio.

 




Un weekend tra Halloween, foliage e buoni sapori

L’autunno entra nel vivo e si può approfittare del weekend per andare alla scoperta dei paesaggi più belli d’Italia e del loro foliage. Ma ottobre è anche il mese in cui si festeggia Halloween, ed è un’occasione per divertirsi con tutta la famiglia. Senza dimenticare gli eventi legati all’arte e ai buoni sapori. Ecco allora gli eventi che abbiamo selezionato per voi nel fine settimana del 23 e 24 ottobre.

A Cumiana (TO) Halloween si festeggia al Bioparco Zoom

Sabato 23 ottobre, con replica anche nel weekend del 30 e 31, al Bioparco Zoom di Cumiana (TO), in Strada Piscina 36, si festeggia Halloween e Il Dia de los Muertos insieme ali animali del parco. Per l’occasione il parco si trasformerà in un luogo magico, con scheletri, fantasmi, streghe e zombie per rivivere le atmosfere di due delle feste più spettacolari e affascinanti legate alla commemorazione dei defunti.

Halloween, festa di origine celtica legata alla fine dell’estate, con elementi tipici come zucche, granoturco e spaventapasseri, è diventata poi la “Notte di tutti gli spiriti”. Il Dia de Los Muertos, invece, è la spettacolare festa messicana che celebra il legame tra i vivi e i morti con abiti sgargianti, maschere, fiori e cibi tradizionali. Al Bioparco, i più piccoli potranno prendere parte a diverse attività, tra cui “dolcetto o scherzetto”, la decorazione delle zucche e ascoltare storie “paurose” adatte alla loro età.

Presso l’anfiteatro di Petra, poi, spettacoli notturni con il fuoco e si potrà cenare con menù a tema nel dehor all’aperto, con tavoli distanziati nel rispetto delle norme anti Covid. Anche gli spazi dedicati agli animali, gli habitat dei suricati, dei lemuri, delle tigri e delle giraffe, saranno decorate con le zucche, non solo come cibo, ma anche come passatempo.

INFO: www.zoomtorino.it

All’Oasi Zegna (BI) per ammirare il Foliage

Sabato 23 e domenica 24 ottobre, si può andare alla scoperta del foliage nel Bosco del Sorriso dell’Oasi Zegna, in provincia di Biella, che in autunno si colora come una favolosa tavolozza di giallo, arancio, rosso, viola e marrone. Un’occasione unica per ammirare e immortalare con l’obiettivo uno dei paesaggi più belli d’Italia.

Sia sabato che domenica sono previste due passeggiate adatte a tutti, di circa due ore, una al mattino alle 10 e una alle 14. Il ritrovo per la partenza è al Bocchetto Sessera (Bielmonte) e di parte 30 minuti dopo il raduno. Si cammina tra betulle, faggi, larici, ammirando panorami mozzafiato, in un vero e proprio percorso esperienziale. Si raccomanda un abbigliamento adatto alla montagna in autunno: pile e giacca a vento, scarpe da trekking o scarponcini da montagna. Benvenuti anche gli amici a quattro zampe.

Il percorso può essere effettuato anche dai passeggini con ruote da trekking. Possibilità di pranzare con i piatti del territorio, come polenta concia e caldarroste, presso la locanda Bocchetto e il ristorante Bucaneve. Prenotazione obbligatoria. Quota di partecipazione: adulti e 12, ragazzi 8-16 anni € 10, bambini con meno di 8 anni gratis.

INFO: tel 015/0990725-349/6252576, overalp@overalp.com, www.overalp.com

Colori e sapori d’autunno sull’altopiano di Asiago (VI)

Nel weekend del 23 e 24 ottobre, ad Asiago va in scena l’autunno. Torna infatti Asiago Foliage, la manifestazione dedicata ai colori, profumi e sapori dell’Altopiano.  Per due giorni i visitatori potranno godere dei magnifici panorami di Asiago, della bellezza della natura con boschi e prati che si colorano come la tavolozza di un pittore, in tutte le sfumature dal giallo al rosso, dall’arancione al marrone al viola. Tantissime le iniziative in programma, tra passeggiate guidate, laboratori artistici e creativi dedicati ai più piccoli, mostre fotografiche e artistiche, mercatini di prodotti tipici, fiori e piante, artigianato e hobbistica.

Non mancheranno nemmeno gli eventi gastronomici grazie ai quali poter scoprire i prodotti tipici e i sapori del territorio. Inoltre, presso il Museo dell’Acqua, in occasione di Asiago Foliage si potrà esplorare la grotta didattica Kinderlock, dedicata ai giovani esploratori, che potranno percorrere cunicoli avventurosi per raggiungere la misteriosa stanza delle meraviglie. Ingresso gratuito.

INFO: www.asiago.it

Ravenna festeggia…la sua Darsena

Il 23 e 24 ottobre, a Ravenna si tengono “Imbarco in Darsena 2” e “Guarda che Darsena” con visite guidate a piedi e in bicicletta per scoprire storia e attualità della Darsena, tra spettacoli, arte, sport, musica, storie e persone. Ricchissimo e coinvolgente il programma.

Tra le passeggiate a piedi: La storia del Quartiere e della Darsena (sabato alle 10 e domenica alle 15), un tour di 60 minuti per scoprire storia e archeologia della città; Darsena tra le due guerre (sab alle 11 e dom alle 10), per scoprire la Darsena nel periodo compreso tra la Prima e la Seconda Guerra Mondiale. Per chi, invece, preferisce i tour in bicicletta ci sono i tour: Lo sport in Darsena (sab e dom alle 10.30), un giro di 90 minuti alla scoperta della storia della Darsena e dei luoghi più importanti legati allo sport; Street Art (sab alle 11.30 e dom alle 11) un tour di 60 minuti per scoprire i murales e gli artisti che hanno colorato la Darsena; Archeologia industriale (sab alle 12 e dom alle 16), per riscoprire la Darsena meno conosciuta; Darsenarama, (sab alle 14.30, 15,16.15, 16.45, 18 e 18.30) per assistere a uno spettacolo itinerante e caleidoscopico nei luoghi della storia del quartiere.

Sabato 23 alle 11 e alle 15 ci sarà poi l’Urban Role Play, un gioco di ruolo di 120 minuti in cui i giocatori dovranno fondare un’impresa che potrà ricevere finanziamenti solo se contribuirà al miglioramento della qualità della vita in città. Domenica 24, alle 14.30 e alle 16.30, va in scena L’isola dell’Approdo, una caccia al tesoro a squadre alla ricerca del mistero nascosto nell’isola che dà il titolo al gioco.

INFO: www.darsenaravenna.it

Halloween a Cinecittà World (Roma)

Un’occasione imperdibile per trascorrere un weekend a Roma, quello del 23 e 24 ottobre (ma Halloween di festeggia fino al 31 ottobre) a Cinecittà World di Roma (in via Castel Romani 200) in occasione del mese dedicato ad Halloween. Il parco dei divertimenti dedicato al cinema, infatti, si anima di vampiri, streghe, zombie e fantasmi con tanti eventi a tema, tra zucche, pannocchie, covoni e ragnatele e ben 9 nuove attrazioni.

Ogni giornata si apre con l’Halloween Show, dove poter rivivere le emozioni del grande e del piccolo schermo, con i personaggi della Casa di Carta, The Walking Dead, Harley Quinn, V per Vendetta, a cui seguirà la paurosissima Zombie Walk. Torna anche la Horror House, un percorso al buio tra le scene più terribili della storia del cinema horror, da The Ring a Nightmare, da L’Esorcista a Venerdì 13, fino all’antro di Voldemort, ispirato alla saga di Harry Potter.

Non mancheranno nemmeno i Cinetour tra i set originali animati da mummie viventi sul set di Cleopatra, Zombie dal Cimitero dei Morti Viventi, fino agli antichi romani. Per i più coraggiosi, ci sono le montagne russe Inferno, ispirate all’Inferno di Dante nei 700 anni della morte del Sommo Poeta. Al Circo Fellini arriva poi Clownstrofobia, con i clown più famosi dei film horror come Joker o IT.

Per i più piccoli c’è il Bosco Segreto, dove incontreranno i personaggi delle favole, da Malefica e Grimilde, alla strega di Biancaneve. Ingresso: intero € 27, bambini fino a 140 cm € 22. Possibilità di pacchetto weekend a € 49 a persona (2 gg al parco + Hotel)

INFO: www.cinecittaworld.it

A Palermo c’è la “manciataria”

Sabato 23 ottobre, a Palermo, una delle città più famose del mondo per il suo street food, si tiene la Manciataria, un itinerario gastronomico di due ore fatto di antiche ricette e luoghi monumentali, con soste golose per assaggiare i cibi tipici e, per finire in bellezza, un bel bicchiere di vino sulle balate ormai asciutte della Vuciria. Si parte alle ore 17 da Piazza Marina, davanti al Palazzo Chiaromonte.

Si toccheranno poi i luoghi dove le monache di clausura preparavano sfincioni e dolci prelibati, si scopriranno le origini del panino “cca meusa” e delle arancine, si gusteranno panelle e cazzilli. Si ascolteranno le storie di che cosa mangiavano i nobili negli splendidi palazzi, con il rumore delle posate che usciva dalle finestre e faceva sognare e venire l’acquolina in bocca ai poveri affamati.

Il tour prosegue quindi alla scoperta delle antiche pasticcerie, ormai scomparse, dove donna Franca Florio era solita mangiare la sua Iris con la ricotta e dove venne realizzata la prima cassata siciliana con la frutta candita. Il tour sarà condotto da guide turistiche abilitate e sarà svolto nel rispetto delle norme anti Covid, con obbligo di mascherina, distanziamento e gel per le mani. Quota di partecipazione € 15 comprensiva di guida e degustazioni.

INFO: esplorasitisicilia@gmail.com




Tra le Giornate FAI, city tour e sagre d’autunno, ecco che cosa fare nel weekend

Nel prossimo weekend, quello del 16 e 17 ottobre, tornano le Giornate FAI d’autunno, che consentiranno di trascorrere uno splendido fine settimana alla scoperta di luoghi che normalmente non sono aperti al pubblico. Tra i tesori FAI, dislocati in tutta Italia, ci sono palazzi, ville, chiese, castelli, aree archeologiche, zone di archeologia industriale, musei e siti militari, che potranno essere visitato con la guida dei giovani volontari del FAI.

Ci saranno, poi, anche itinerari naturalistici, tour nei borghi e visite ai luoghi “green”, tra cui parchi, cortili, giardini urbani e orti botanici. Si può sostenere il FAI con un contributo minimo di 3 euro. L’accesso ai siti FAI è contingentato per rispettare la sicurezza.

Per conoscere la lista dei luoghi del FAI: www.giornatefai.it

Di seguito, invece, gli eventi che abbiamo selezionato per voi.

Alla scoperta di Asolo medievale

Sabato 16 ottobre, ad Asolo (TV), il Museo Civico propone una bella passeggiata per scoprire la realtà medievale della città. Si cammina dal castello, noto come Castello della Regina Cornaro, fino alla rocca, passando per le mura cittadine e ascoltando curiosità, storia e segreti del Medioevo asolano. È inclusa nella visita anche l’interno alla Torre Civica e il camminamento della Rocca. E, per finire in bellezza, aperitivo per tutti nei pressi della Loggia della Ragione. La quota di partecipazione è di € 8 a persona, comprensivo di biglietto di ingresso ai due siti. Bambini con meno di 6 anni gratis. Prenotazione obbligatoria. Il ritrovo è alle ore 14.45 presso il Museo Civico, in via Regina Cornaro 74. Necessario Green Pass.

INFO: tel 347/5735246 o info@museoasolo.it

A Verona si ammirano i Tramonti UNESCO

Sabato 16 ottobre, si può approfittare dell’occasione per ammirare, a Verona, i Tramonti UNESCO, grazie a visite guidate delle Mura, che si svolgono tutti i sabati di ottobre alle 15. I tour guidati hanno una durata di 2 ore e si svolgono sia in italiano che in inglese, qualora fossero presenti turisti stranieri. Il tour si svolge in collaborazione con l’Ufficio UNESCO del Comune di Verona e Legambiente. Si parte dal Bastione delle Maddalene e si toccano Punta Vescovo, la Salita Santo Sepolcro e le mura di Cangrande della Scala.

Si prosegue in via San Zeno, si visita all’interno Batteria della Scarpa e si continua lungo il Sentiero sterrato delle mura Scaligere. È prevista poi una visita all’interno della Rondella di San Zeno in Monte e si termina a Casamatta di San Zeno in Monte. La quota di partecipazione è di € 12 a persona, gratis per i ragazzi fino a 14 anni accompagnati. Il punto di ritrovo è il Bastione delle Maddalene, in vicolo Madonnina 12. Prenotazione obbligatoria.

INFO: 045/8068680, www.visitverona.it

A Pecorara (PC) c’è la Rassegna Provinciale del Tartufo

Domenica 17 ottobre, dopo un anno di pausa, torna a Pecorara, in Alta Val Tidone, la “Rassegna provinciale del tartufo e dei prodotti del sottobosco”, che quest’anno festeggia la sua 30° edizione. Sarà un’edizione speciale, che segna la ripartenza e che sarà diffusa in tutto il paese, dal campo giochi alle vie del centro, con inizio alle 10.30. Dopo il taglio del nastro, nella piazza principale, si svolgerà una divertente gara del gusto dal titolo “Indovina il tartufo sbagliato”, che testerà le capacità gustative dei partecipanti.

Alle 12, invece, è in programma la valutazione dei migliori tartufi e funghi esposti sia in piazza sia in via Veneto. Non mancheranno nemmeno le bancarelle dei prodotti tipici e delle associazioni. Nell’area del campo giochi, invece, ci sarà l’area food, con un menù a base di tartufi, funghi e altri prodotti tipici, curata dai volontari della Pro Loco. Nel pomeriggio, alle 14.30, è prevista la gara di ricerca per i cani da tartufo. La premiazione è prevista alle 16, mentre alle 17, sempre nell’area del campo giochi, grande polentata con funghi.

A Pisa per il Food & Wine Festival

Dalle 17 di venerdì 15 alle 22 di domenica 17 ottobre, Pisa ospita il Food & Wine Festival, dedicato al vino e ai prodotti tipici. Nella centralissima Piazza Vittorio Emanuele II ci sarà un grande spazio dedicato ai prodotti delle Terre di Pisa, con presentazioni delle eccellenze del territorio, menù a tema e spettacolo per i più piccoli. Ci saranno gli stand di più di 80 produttori agroalimentari e vitivinicoli che faranno degustare ai partecipanti tipicità e delizie a Km zero.

Si potranno poi acquistare formaggi, salumi, pasta, olio, tartufi, miele, cioccolato, birra, liquori, dolci, conserve e molto altro. I ristoranti e i bar della Piazza proporranno poi esperienze enogastronomiche con piatti nuovi e della tradizione abbinati a vini del territorio. Gli esperti guideranno i partecipanti alla scoperta dei sapori locali con degustazioni guidate. Ci saranno poi masterclass dedicate al Vino delle Terre di Pisa con qualificati relatori e con i sommelier delle associazioni nazionali AIS e FISAR.

INFO: https://pisafoodwinefestival.it/

A Napoli c’è “Fuori di zucca”

Inaugura il 15 ottobre, alla Mostra D’Oltremare di Napoli (in viale J.F Kennedy) “Fuori di zucca”, un grande salone dedicato alle zucche pensato per i più piccoli, ma che farà divertire anche gli adulti. Ci saranno grandi aree verdi totalmente ricoperti di zucche e, all’interno del Parco, i bambini potranno svolgere attività ricreative e divertenti degli appositi laboratori.

Potranno imparare a intagliare la propria zucca, per decorare la casa in occasione di Halloween, ascoltare le favole del Racconta Storie, sfidarsi nel labirinto di balle di fieno. Nell’area food, poi, si potranno gustare piatti a base di zucca. Ingresso € 13 per gli adulti ed € 10 per i minori di 12 anni. Gratuito da 0 a 3 anni, inclusa la raccolta e la decorazione di una zucca. Orario: lun-ven 10-13 e 15-20; sab, dom e festivi 10-21. Fino al 28 novembre.

INFO: www.mostradoltremare.it

Palermo come Monaco di Baviera per l’Oktoberfest

Venerdì 15 e sabato 16 ottobre, nel giardino di Sanlorenzo Mercato (in via San Lorenzo 288) di Palermo si festeggia l’Oktoberfest con una grande kermesse dedicata alle birre siciliane artigianali. Nel porticato esterno saranno allestite cinque postazioni in cui altrettanti produttori presenteranno e racconteranno le loro birre artigianali, che saranno disponibili per l’occasione a un prezzo speciale di 2,50 a birra. Alcune di queste pregiate birre siciliane sono tra le più apprezzate al mondo e premiate con riconoscimenti internazionali.

Le postazioni saranno attive dalle 19 e saranno quelli di “24 Baroni” di Nicosia (EN), Fratelli Birrafondai di Misterbianco (CT), Irias di Torrenova (ME), Epica di Sinagra (ME) e Birra dei Vespri da Altavilla Milicia (PA). Ognuno offrirà in degustazione le proprie birre più pregiate, dalle bionde alle ambrate, dalle rosse alle weiss, da quelle più corpose e quelle più leggere, con retrogusto floreale o di caffè, frutti esotici, senza glutine e tante altre da scoprire. Ingresso gratuito, ogni birra costa € 2,50. Previsto un ticket speciale di 10 euro che dà diritto ad assaggiare 4 birre a scelta e di avere un quinto bicchiere in omaggio. Non mancherà nemmeno la buona musica per tutta la durata dell’evento. Ingresso libero, senza prenotazione, Green Pass necessario per accedere agli spettacoli.

INFO: www.sanlorenzomercato.it




Mercatini, fiori e buoni sapori. Ecco che cosa fare nel weekend

Ormai le atmosfere sono quelle d’autunno, ma la voglia di regalarsi un weekend fuori porta è ancora irresistibile. Anche perché in tutta Italia si moltiplicano gli eventi dedicati ai buoni sapori, ma anche mercatini, fiere e rievocazioni storiche. Anche questa settimana, ecco gli eventi che vi proponiamo per il weekend del 9 e 10 ottobre.

A Bard (AO) torna il Marché au Fort

Nel weekend del 9 e 10 ottobre si rinnova nella splendida cornice del Forte di Bard, il Marché au Fort, la più importante mostra mercato dedicata alle eccellenze enogastronomiche della Valle d’Aosta. Nel corso della due giorni si potranno incontrare più di ottanta produttori regionali per assaggiare e acquistare le gustose specialità del luogo, tra salumi, formaggi, vini, miele, dolcie e distillati. In più, grazie a una tessera punti, ogni 50 euro di acquisti si avrà diritto a un buono di 15 euro.

Non mancheranno nemmeno spettacoli, incontri ed eventi collaterali. Presso il piazzale del Municipio ci sarà poi un punto ristoro dove poter mangiare con piatti da asporto piatti della tradizione valdostana. Evento gratuito, mentre è a pagamento l’ingresso per la visita al Forte di Bard. Per accedere al mercato è necessario il Green Pass. Servizio navetta gratuito dalle 8.30 alle 19.30 dai parcheggi lungo la SS 26 alla manifestazione.

INFO: info@fortedibard.it , www.fortedibard.it

Alla Palazzina di Stupinigi (TO) arriva FloReal

Dall’8 al 10 ottobre, nella splendida cornice della Palazzina di Stupinigi, (in Piazza Principe Amedeo 7) meravigliosa residenza sabauda alle porte di Torino, Patrimonio dell’Umanità UNESCO, la storica mostra florovivaistica Flor si rifà il look in occasione dell’autunno e diventa FloReal, un vero e proprio festival di tre giorni con un format tutto nuovo. Non solo fiori, ma un cartellone ricco di ospiti e iniziative che metterà al centro il dibattito tra la Natura e le sue forme, tra presentazioni di libri e conferenze, proiezioni di documentari, performance teatrali, mostre, laboratori per grandi e piccoli, senza dimenticare i buoni sapori con le eccellenze del territorio.

Fulcro della manifestazione saranno gli stand dei migliori vivaisti italiani, dal Veneto alla Sicilia, dalla Lombardia alla Toscana alla Liguria, in un vero e proprio giro d’Italia all’insegna del green. Per i più piccoli, poi, ci saranno i laboratori di Flor Educational, che nei giardini delle Palazzina di Caccia avvicineranno le nuove generazioni alla natura. Ingresso € 5. Richiesto il Green Pass.

INFO: www.orticolapiemonte.it

Nel Varesotto per Maccagno Imperiale

Dall’8 al 10 ottobre si rinnova l’appuntamento con la rievocazione storica Maccagno Imperiale, che riporta il Comune del varesotto ai fasti medievali, quando era un feudo imperiale con tutti i suoi privilegi, inclusa una zecca per il conio delle monete. Fu infatti insignita del titolo di Città Imperiale a Ottone I, imperatore del Sacro Romano Impero, a seguito del suo salvataggio dalle acque del lago nel 962 d.C da parte di alcuni maccagnesi. Durante la tre giorni si potrà quindi rivivere quei tempi, attraverso l’artigianato, la cucina medievale, concerti, incontri, giochi, attività didattica, giochi storici come la corsa nei sacchi e il tiro alla fune, conferenze a tema.

Gli arcieri si esibiranno in dimostrazioni della loro arte e si potrà anche partecipare alle prove pratiche, falconieri e allevatori di rapaci illustreranno gli aspetti storici ed etologici, sensibilizzando a una detenzione responsabile di questi maestosi uccelli. I pranzi e le cene, tutti con menù d’epoca, offriranno di gustare il Medioevo mentre, sabato e domenica, per le vie, nei cortili, nelle piazze del borgo saranno presenti artigiani medievali, giullari, musicisti, teatranti e tanto altro. La partecipazione a tutti gli eventi è gratuita, a eccezione di pranzo e cene. Per gli eventi che si svolgono in aree delimitate sarà necessario il Green Pass.

INFO: www.prolocomaccagno.it, info@prolocomaccagno.it, prenotazioni pranzi e cene medievali tel 0332/562009

Trieste in festa per la Barcolana

Un intero fine settimana, quello del 9 e 10 ottobre a Trieste, in occasione della storica regata Barcolana 53 e di F@mu2021, la Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo, il Museo Storico e il Parco del Castello di Miramare propongono un ricco calendario di appuntamenti e iniziative. Per esempio, sabato 9 ottobre, è prevista l’apertura straordinaria del Bagno Ducale dopo il recente restauro, con visita guidata dal personale tecnico del Museo. Le visite guidate sono gratuite e incluse nel biglietto di ingresso al museo, ma è previsto un massimo di 15 persone a turno (previsti tre turni, alle 10, alle 11 e alle 12). Per prenotare: eventi.miramare@beniculturali.it

Domenica 10 ottobre, invece, si potrà assistere alla Barcolana dalla Torretta del Castello, in via del tutto eccezionale. Sono previsti 6 turni ogni 30 minuti, a partire dalle 10, con ultimo turno alle 12.30. Obbligatoria la prenotazione scrivendo a eventi.miramare@beniculturali.it, indicando l’orario preferito. L’accesso alla torretta è consentito a un massimo di 8 persone per gruppo. Per l’ingresso al Castello di Miramare è necessario il Green Pass.

Per celebrare invece la Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo, il Museo Storico, in collaborazione con il WWF Area Marina protetta di Miramare, propone alle 10.30 una visita guidata all’interno del Biodiversitario Marino, per conoscere tutte le abitudini degli abitanti del mare. La visita si concluderà con una passeggiata al parco. Necessaria la prenotazione scrivendo a info@ampmiramare.it

Street food e sapori tradizionali per “Autunno a Vignola”

Nel weekend del 9 e 10 ottobre, nella splendida cornice di Vignola, borgo medievale sulle colline modenesi, si tiene “Autunno a Vignola. Sapori, saperi e tradizioni per le vie del centro storico”, che prevede un ricco calendario tra cibi della tradizione, piatti delle cucine nazionali e internazionali, street food, cottura dei mosti con l’aceto balsamico tradizionale e per l’agresto di mele, visite guidate alla rocca, alla storica villa e all’Acetaia Comunale, al Giardino Pensile Galvani, a Palazzo Barozzi con la sua celebre scala a chiocciola, ma anche mercatini dell’antiquariato e modernariato, mostra dei trattori e molto altro. In Piazza dei Contrari, ci sarà la cottura del mostro per la produzione di Aceto Balsamico Tradizionale, ma anche il Mercato del Gusto con degustazioni di prodotti tipici.

Nella piazza parcheggio Saba ci sarà invece l’Autumn Street food & Drinks con una grande varietà di cibi di strada, dal classico fish & chips ai ravioli giapponesi, ma anche specialità pugliesi e siciliane. In Piazza Carducci, domenica 10, ci sarà il mercatino “Cose d’altri tempi”, mentre in Piazza Boncompagni, all’interno del cortile di Palazzo Barozzi, va in scena “La magia dell’autunno”, con giochi, racconti e laboratori per i più piccoli. Per le visite guidate è necessario il Green Pass.

INFO: www.comune.vignola.mo.it

Pisa, alla Stazione Leopolda torna BeeRiver

Alla Stazione Leopolda di Pisa, dall’8 al 10 ottobre si svolge la 10° edizione di BeeRiver, la manifestazione dedicata alle birre artigianali di alta qualità. Saranno presenti dieci birrifici che offriranno il meglio della produzione artigianale italiana. I visitatori potranno partecipare alle degustazioni guidate delle birre artigianali selezionate dal giornalista e sommelier Simone Cantoni.

Venerdì 8, il laboratorio “Lager vuol dire fiducia” presenterà tre birre del filone della bassa fermentazione all’italiana. Sabato 9 si tiene invece il laboratorio “Alcol giusto, tanto gusto!”, dedicato alle birre del filone del basso tasso alcolemico. Domenica 10, il laboratorio “Amare. Acide. Affumicate. Selvatiche…le birre con le zanne” introdurrà il filone delle birre “estreme”. Nell’area esterna alla Leopolda, invece, ci saranno i vintage food truck che offriranno un’ampia scelta di proposte gastronomiche per accompagnare le birre artigianali, dalle specialità toscane a quelle della cucina indiana.

Come colonna sonora, invece, ci saranno i sei concerti del BluesRiver Festival, di altrettante formazioni della scena blues contemporanea. Richiesto il Green Pass, mascherina, distanziamento e ingresso contingentato. Le degustazioni avverranno in calici personalizzati BeeRiver dietro presentazione di gettoni in vendita all’ingresso (1 gettone per degustazione). Ingresso libero per chi vuole solo ascoltare la musica e partecipare all’evento senza degustazioni.

INFO: www.beeriver.it




A Morbegno il 16 e 17 ottobre c’è la Mostra del Bitto

Torna a Morbegno, splendida in provincia di Sondrio, la Mostra del Bitto, che quest’anno si tiene nel weekend del 16 e 17 ottobre e festeggia la sua 114° edizione, attestandosi come evento più longevo della Valtellina. Un’idea per trascorrere un fantastico weekend autunnale all’insegna dei buoni sapori.

La Fiera nasce come occasione per giudicare e vendere le migliori forme di Bitto prodotte nella valle durante l’estate sugli alpeggi ma oggi, a distanza di oltre un secolo dalla nascita, la manifestazione si propone come un momento per rievocare antiche lavorazioni valtellinesi, prodotti DOP e la memoria di ricette tradizionali

 Il Bitto: un Valtellinese di antica memoria

 Si dice che il Bitto sia nato tra le popolazioni celtiche le quali, scacciate dalla Pianura Padana ad opera dei Romani, popolarono la Valtellina, territorio montuoso e quindi più “difficile” da sfruttare da un punto di vista alimentare, ma anche rifugio sicuro, fertile e abbondante di pascoli.

“Bitto” deriva infatti dal celtico “bitu”, ovverosia “perenne”. Forse perché la lavorazione del latte permetteva alle popolazioni dell’epoca di andare oltre la pura sussistenza quotidiana, grazie alla possibilità di conservare il formaggio per lungo tempo, e di utilizzarlo come “scorta” alimentare. E, in verità, il nome di battesimo “perenne” si è rivelato nei secoli più che un augurio, se pensiamo che il Bitto è arrivato fino a noi, grazie all’esperienza dei maestri casari che, di padre in figlio, ci hanno tramandato gli antichi metodi di produzione.

Alle 5 del mattino e verso le 17, durante i mesi estivi, è possibile fermarsi presso uno dei tanti alpeggi montani della Valtellina, per assistere alla nascita…del Bitto! Quando infatti il sole non è troppo caldo, il casaro, responsabile della lavorazione del formaggio, aiutato dai cascii (pastorelli),  in genere figli o parenti  del casaro, inizia la mungitura delle vacche e delle capre, perché il Bitto è fatto con latte di mucca ed un’aggiunta massima del 10% di latte di capra.

Il latte appena munto viene subito lavorato col caglio nelle caldaie di rame a campana rovesciata (le “culdère”) alla temperatura di 35-37°C, mentre il casaro (casèr) rimescola l’ammasso. La cagliata, così ottenuta, progressivamente indurisce, finchè il casaro, secondo la propria esperienza ed abilità, non decida di sottoporla alla “rottura”: dopo aver ripulito il composto dallo strato superficiale di caseina e grasso (la “pannetta”), con movimenti lenti e delicati la cagliata viene divisa in grosse fette, dalle quali comincia a separarsi il siero.

Infine, la massa viene ulteriormente tagliata con la “lira” o “chitarra” e quindi frantumata con lo “spino”, fino a ridurla in grumi, che andranno cotti alla temperatura di 48-52°C continuando a rimestarli perché non si aggreghino. Al termine di questa seconda cottura, i granuli si adageranno sul fondo della caldaia addensandosi e legandosi: la cagliata rimasta viene depositata sullo spersore, all’interno delle fascere dalle quali il Bitto prenderà forma grazie alla pressatura di 24 ore.

La fase della salagione, che può avvenire “a secco” o per immersione in salamoia, oltre a conferire gusto al formaggio, consente la creazione della crosta, che isolerà la forma dall’ambiente esterno per favorire un certo grado di asetticità.  Il ciclo di lavorazione termina all’interno delle casere, tipici locali da stagionatura, alla temperatura di circa 12-16°C e umidità relativa intorno all’80-90%.

In questa fase delicata, in cui il Bitto acquista consistenza e gusto, il casaro, oltre a garantire le migliori condizioni di temperatura ed umidità, ogni giorno rivolta le forme, le pulisce e ne controlla l’integrità per favorire la maturazione del formaggio.

Le diverse stagionature del Bitto

Se siete fortunati, il casaro vi farà assaggiare un po’ di Bitto stagionato –il disciplinare di produzione prevede un minimo di 70 giorni di stagionatura affinchè il Consorzio di Tutela possa marchiare le forme. Se siete, invece, fortunatissimi, il casaro tirerà fuori per voi il suo pezzo migliore: il Bitto può arrivare ad oltre 10 anni di stagionatura!

Il gusto, col procedere della maturazione, si fa via via più intenso, e i tipici sapori d’erba e di latte appena munto del formaggio giovane vanno trasformandosi in un aroma sempre più piccante e deciso.

Il Bitto, come degustarlo

 Il Bitto è un formaggio da meditazione, la pasta alla masticazione è friabile e solubilissima, il sapore deciso lascia dei sentori di frutta secca, nocciola, noce, burro, di fieno e di fiori secchi. Per gustarlo occorre portare il formaggio a temperatura, masticarlo con cura e lasciare che il suo gusto ci avvolga.  In perfetto abbinamento con un pregiato “Sfursat” della Valtellina, vino passito anch’esso da meditazione.

INFO

www.mostradelbitto.com




Un weekend di mercatini “green” e di buoni sapori

L’autunno è appena cominciato, ma il tempo è ancora mite ed è l’ideale per regalarsi un weekend fuori porta, magari alla scoperta di mercatini ed eventi legati ai buoni sapori. Ecco gli eventi che abbiamo selezionato per voi nel weekend del 2 e 3 ottobre.

A Stresa (VB) un weekend con il Mercatino Regionale Piemontese

Sabato 2 e domenica 3 ottobre, si può approfittare di un weekend a Stresa per visitare il Mercatino Regionale Piemontese, che si terrà nella splendida cornice del lungolago dalle 9.30 alle 19.30. All’interno delle eleganti pagode che ospitano i produttori di prodotti tipici di qualità si potranno trovare formaggi piemontesi, sia freschi che stagionati, come il Castelmagno d’Alpeggio Dop, il Testun, la Paglierina, ma anche tome, pecorini e altri a base di latte di mucca, pecora o capra.

Non mancheranno nemmeno i saporiti salumi delle Langhe, come il Salame al Barolo, il Salame al Tartufo Bianco di Alba, da abbinare agli ottimi vini, come il Barbera, il Dolcetto e il Brignolino, ma anche altri bianchi e rosati con riconoscimenti Doc e Docg. Senza parlare poi dei dolci tipici piemontesi, come gli Amaretti, i Baci di Dama e la famosa Torta di Nocciole del Piemonte.

Non mancherà nemmeno una vasta scelta di cioccolato artigianale e le squisite creme alla nocciola. Per chi preferisce il salato, invece, ci saranno pagnotte alle noci, focacce, pizze, ma anche prodotti biologici, miele, funghi, frutta e verdura, funghi e altri prodotti di stagione.

INFO: www.mercatinoregionalepiemontese.it

A Gardaland si festeggia Oktoberfest

Ultimo weekend, quello del 2 e 3 ottobre, per poter partecipare a un inedito Oktoberfest all’interno di Gardaland, il parco dei divertimenti per grandi e piccini di Castelnuovo del Garda (BS). Oltre a divertirsi nelle attrazioni del parco, i visitatori potranno prendere parte all’evento, ispirato alla tradizione bavaresi, gustando le specialità enogastronomiche più conosciute e ammirare gli allestimenti a tema, tra boccali, enormi fusti di birra, drappi, bandierine e il Welcome Show con balli e canzoni bavaresi.

Non possono ovviamente mancare le specialità gastronomiche. Si potrà infatti compiere un vero e proprio viaggio a tema in 5 tappe, ognuna dedicata a un brand di birra: dalla Piazza Medievale con la Merlin Stube, dove poter gustare birra Heineken accompagnata da stinco, patate tirolesi, canederli ma anche wurstel, cotoletta di maiale, brezel e, per finire in dolcezza, il birramisù.

l’Area Mammut sarà dedicata alla Schmucker Weizen con wurstel bianco e brezel; l’area Ramses vedrà protagonista la Schmucker Pils con brezel, maxi chips e anelli ci cipolla; l’Area Buffalo, una nuova location, con birra Moretti filtrata a freddo da accompagnare al panino con Kassler; infine, presso l’Hacienda Miguel, si potrà gustare la birra Messina Cristalli di Sale insieme ai brezel. Nel weekend l’orario di apertura è dalle 10 alle 21 il sabato e fino alle 20 la domenica. Prenotazione obbligatoria.

INFO: www.gardaland.it

A Paderno Dugnano (MI) c’è il Garden Festival d’Autunno

Torna presso il Garden Steflor (in via Erba 2) di Paderno Dugnano (MI) il Garden Festival d’Autunno, che si può visitare nel weekend del 2 e 3 ottobre, tra atmosfere calde e avvolgenti. Il tema scelto per questa edizione è “Coltiva il tuo giardino interiore” e, attraverso le proposte, tra fiori e piante, si potranno ampliare le proprie conoscenze del mondo vegetale, ma anche trovare tante idee per abbellire la propria casa, il balcone, il terrazzo e il giardino.

Ci saranno anche tante attività e laboratori di giardinaggio per imparare a prendersi cura dell’orto e del giardino e verranno poi dati tanti suggerimenti per come curare le piante in autunno e per sensibilizzare su alcune tematiche legate alla sostenibilità e al vivere nel rispetto della natura. Ingresso gratuito.

INFO: www.steflor.it

A Maranello (MO) c’è il Gran Premio del Gusto

Domenica 3 ottobre in Piazza Libertà a Maranello (MO), “capitale” della Ferrari, si tiene la 19° edizione del Gran Premio del Gusto, che abbina motori e buoni sapori. Tantissime le iniziative in programma, tra cui il Percorso del Gusto, per assaggiare il meglio dei prodotti tipici, i concorsi culinari e i laboratori di cucina. Per i più piccoli ci sono i laboratori del riciclo e le letture animate, per gli adulti, invece, il laboratorio “La disfida della piadina” con la chef Albarosa Zoffoli.

Passando ai motori, in Piazza Libertà ci saranno in esposizione alcuni dei modelli di Ferrari più iconici della storia del Cavallino Rampante, mentre lungo via Nazionale e in Piazzale Messineo sfileranno macchine agricole e trattori di epoche diverse. Per la prima volta, la piazza si trasformerà in un museo a cielo aperto con la mostra dedicata alle auto dei film più famosi, dal Maggiolino Herbie al Generale Lee di Hazzard, al Duetto del Laureato alla Ferrari 308 di Magnum P.I., passando per la Dune Buggy di “Altrimenti ci arrabbiamo” alla Bmw Z3 di 007 “Golden Eye”.

Per gli amanti dello shopping, poi, i negozi rimarranno aperti e ci sarà anche il Mercatino di Forte dei Marmi in via Claudia. Ci saranno anche dimostrazioni di cottura del mosto e la premiazione del Gran Premio dell’Aceto Balsamico Tradizionale. Ingresso gratuito con Green Pass.

INFO: www.comune.maranello.mo.it

A Scandicci (FI) torna il Mercatino Francese

Dal 1° al 3 ottobre torna a in Piazza Giacomo Matteotti, a Scandicci (FI), il Mercatino Regionale Francese. Dalle 9 alle 20 sulle bancarelle si potranno trovare i prodotti artigianali della Provenza e della Costa Azzurra, tra tovaglie, saponi, lavanda, essenze e prodotti in paglia. Da Parigi arrivano invece, profumi, cosmetici e accessori alla moda. Non mancheranno nemmeno i prodotti dell’enogastronomia francese, tra cui più di 80 tipi di formaggi, dal Mont d’or al Rocamadour, dal Camembert della Normandia al Brie dell’Ile de France.

Naturalmente, non possono mancare i vini, con più di 30 tipi, dallo Champagne al Bordeaux al Sidro. Da provare i salumi con spezie ed erbe aromatiche. Tra i biscotti ci saranno i Bretoni, con più di 20 varietà diverse di ripieno, dal cocco al sesamo, dal limone al cioccolato. Splendido lo stand delle spezie provenienti dalle ex colonie francesi, e quelli della gastronomia e delle crepes.

INFO: www.facebook.com/mercatinoregionalefrancese

A Palermo torna il Festival delle Filosofie

Inaugura sabato 2 ottobre, alle 16.30 a Palazzo Chiaromonte, la 4° edizione del Festival delle Filosofie, quest’anno dedicato alla memoria di Gino Strada. Il tema scelto per questo 2021 è “La Cura”, e prende spunto proprio dalla difficile realtà della pandemia, che ci ha tutti proiettati in un presente distopico e in un futuro da costruire. Gli appuntamenti si terranno in varie sedi: Orto Botanico, Chiostro di Casa Professa, Chiostro della Chiesa del Carmine, Villa Filippina, Museo Salinas, che proporranno incontri a tema.

Tra gli appuntamenti più attesi c’è quello con Maria Rosaria Capobianchi, ricercatrice dello Spallanzani che nel febbraio 2020 ha isolato il virus Sars-CoV19 e quello di Marco Cappato, attivista dell’associazione Luca Coscioni. Torna anche Nicola Zippel, che da anni propone a Roma laboratori di filosofia per bambini delle scuole elementari. La partecipazione agli eventi è su prenotazione.

INFO: www.efilosofie.it e info@efilosofie.it




Al MVSA di Sondrio la mostra “Poetica degli affetti”

Se vi trovate nella splendida Sondrio, nel cuore della Valtellina, per trascorrere un weekend, non dimenticate di visitare la Mostra “Poetica degli affetti. Pittura italiana tra Ottocento e Novecento“, che sarà in esposizione al MVSA fino al 14 novembre presso il MVSA, il Museo Valtellinese di Storia e Arte.

Sono gli affetti, nella loro accezione più intima, il tema centrale della mostra, incentrata su 5 capolavori che ben rappresentano uno spaccato di cultura figurativa italiana attraverso alcuni dei suoi massimi esponenti: “Maternità” di Silvestro Lega, “Bimba al sole” di Francesco Paolo Michetti, “Felicità” di Antonio Mancini, “Giochi in riva al lago” di Ettore Tito e “Casa di Riposo Bonacossa a Dorno Lomellina” di Angelo Morbelli.

“Maternità” di Silvestro Lega (1881-82)

Una serie di dipinti che idealmente occupano uno spazio cronologico compreso tra l’annessione di Roma al Regno d’Italia e la Prima Guerra Mondiale, a testimoniare di uno dei momenti più dinamici e prolifici della storia della pittura italiana, ma anche momenti di vita quotidiana del tutto intimi, personali e privati, tesi a raccontare la preziosità e la fuggevolezza di ogni attimo vissuto nella cerchia degli affetti e nella inconsapevolezza della caducità del momento.

“Bimba al sole” di Francesco Paolo Michetti (1870)

Una mostra al tempo stesso delicata e austera ma anche intensa ed emozionante, con atmosfere, colori e chiaroscuri che pervadono i dipinti a olio, e perchè ci porta istintivamente a riflettere sulla nostra contemporaneità. Una contemporaneità in cui, a causa della pandemia, abbiamo dovuto vivere di rapporti a distanza, riscoprendo, per paradosso, l’importanza degli affetti e di quei momenti di “normalità spensierata” che vengono richiamati nelle suggestive opere in esposizione.

“Felicità” di Antonio Mancini (1900-1910)

I due giovani curatori della mostra, Elena Li Causi e Fabio Mari, che hanno collegato i cinque capolavori in un allestimento ideale, invitano i futuri visitatori a seguire un percorso libero nella visione delle opere, perché quando si parla di affetti “non c’è un inizio e non c’è una fine”.

“Casa di Riposo Bonacossa a Dorno Lomellina” di Angelo Morbelli (1913)

L’esposizione sarà visitabile fino al 14 novembre 2021 negli orari di apertura del museo, da martedì a domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18. A partire dal mese di ottobre con orario esteso fino alle 13 e apertura pomeridiana anticipata alle 14. Per eventuali visite guidate, contattare il Museo. L’ingresso è libero, ma l’accesso agli spazi è consentito solo se in possesso di Green Pass.

“Giochi in riva al lago” di Ettore Tito (1910)

INFO

MVSA Palazzo Sassi de’ Lavizzari, via Maurizio Quadrio 27, Sondrio, tel 0342/526553, www.mvsa-sondrio.com




Weekend inedito a Sondrio tra “Formaggi in piazza” e “La via dei palazzi”

A Sondrio, nella centralissima Piazza Garibaldi, sabato 2 e domenica 3 ottobre, torna il tradizionale appuntamento “Formaggi in Piazza”, dedicato alle piccole produzioni artigianali a latte crudo che prendono “forma” sui monti della Valtellina.

Ad accogliere i visitatori ci sarà non solo la classica “Combinada”, la gara di bontà tra i formaggi d’alpe, e l’immancabile mercato dei produttori, ma anche, molte altre interessanti iniziative. Adulti e bambini potranno, per esempio cimentarsi nei laboratori per imparare i segreti dei formaggi d’alpeggio e scoprire nuovi sapori nelle degustazioni a tema, o anche passeggiare nel piccolo mercato medievale insieme a dame e cortigiani.

Seguendo la “Via dei Palazzi”

Durante la manifestazione si svolgerà anche “La via dei Palazzi” che quest’anno sarà caratterizzata da un percorso di “tele d’artista” in cui giovani artisti, oltre a dare esempio concreto delle proprie tecniche creative, racconteranno per immagini la Sondrio di una volta, di cui il nucleo urbano conserva ancora meravigliose testimonianze architettoniche.

Il tracciato si snoda da Piazzetta Carbonera lungo Via Romegialli, Piazza Cavour, Via Longoni, Piazzetta Angelo Custode e via Angelo Custode, Via Lavizzari, Piazza Quadrivio, via del Gesù. La Piazzetta Angelo Custode era cuore del vecchio borgo: qui nel Medioevo si tenevano i consigli generali dei nobili, dei cittadini e dei vicini di Sondrio.

La via Valeriana terminava poi il suo tratto urbano in Piazza Quadrivio (porta Quadrobio), che rappresentava una delle piazze più significative della città, poiché costituiva il punto di cerniera tra il borgo rurale (Scarpatetti), le botteghe artigiane e le dimore nobiliari.

Piazza Quadrivio

La cosiddetta “Via dei Palazzi”, appunto, che da Piazzetta Carbonera giunge fino a Piazza Quadrivio. Sulla via affacciano i più importanti palazzi nobiliari sondriesi tra i quali anche il cinquecentesco Palazzetto Carbonera, il Palazzo Sertoli Salis e il seicentesco Palazzo Sassi Lavizzari che accoglie il MVSA, Museo di Storia e Arte, centro dell’offerta culturale della città, e che per l’occasione accoglierà i visitatori a suon di musica.

Palazzo Pretorio

Tra Live game, trekking urbani e il Museo della Montagna

Durante il fine settimana, nelle antiche vie di Sondrio si respirerà un’atmosfera da fiaba, grazie agli artisti di strada e ai maestri di mimo e giocoleria, alle dame e ai cortigiani. Tra le novità più interessanti di questa edizione, sabato pomeriggio anche “Sondrio città in trappola“, il live game a squadre che tocca i capoluoghi lombardi per far vivere al pubblico un modo completamente nuovo di scoprire le città, un’esperienza unica e coinvolgente grazie alle tecnologie digitali e alle performance teatrali. Solo su iscrizione!

Oltre al live game, anche veri e propri trekking urbani che termineranno con degustazioni di prodotti tipici nelle sale dello splendido CAST che domina l’abitato di Sondrio.

Il ponte sull’Adda a Sondrio

Nelle ampie sale di Castel Masegra, è ospitato il “Museo della Montagna”, che vale senz’altro una visita, perché raccoglie un patrimonio immateriale, quelle storie eroiche di uomini e di imprese che hanno affrontato la sfida con la montagna e la natura selvaggia, qui rievocate attraverso videoproiezioni, schermi touch e dispositivi interattivi che portano dentro al museo il mondo esterno, eliminando idealmente il confine tra la città e la natura che, alle sue spalle, si fa Alpi.

Le sale del Museo della Montagna

Tour in bicicletta e mercatini del gusto

Saranno prenotabili anche, per chi alle camminate preferisca le due ruote, Bike Tour lungo la Via dei Terrazzamenti, Patrimonio dell’UNESCO, un percorso magico tra i vigneti, per scoprire dove matura il Nebbiolo, qui detto uva Chiavennasca, che si ritrova poi nei grandi Rossi di Valtellina: Inferno, Sassella, Grumello, Sforzato.

Il “Mercato con gli stand dei produttori di formaggi” a latte crudo e quelli delle “Erbe alpine” in collaborazione con la vicina Svizzera, resteranno aperti al pubblico Sabato 2 Ottobre (dalle ore 9 alle 19) e Domenica 3 Ottobre (dalle ore 9 alle 18) in Piazza Garibaldi dove, durante la serata del sabato, si terranno anche eventi d’intrattenimento musicale. L’accesso alle visite guidate nei palazzi e nelle corti, così come anche ad alcuni eventi collaterali, richiederà, oltre al green pass, anche la prenotazione, a causa della disponibilità limitata dei posti.

INFO: tel. 0342526299, turismo@comune.sondrio.it




Un weekend di gusto, tradizioni e libri. Ecco gli eventi da non perdere

Nel primo weekend d’autunno, quello del 25 e 26 settembre, da Nord a Sud si moltiplicano le occasioni per regalarsi una gita fuori porta o un momento di svago e compagnia. Ecco, allora, che torna puntuale la nostra rubrica dedicata agli eventi che abbiamo selezionato per voi.

A Cortina (BL) c’è il Delicious Festival

Da venerdì 24 a sabato 25 settembre torna a Cortina d’Ampezzo il Delicious Festival. Si comincia venerdì 24 con l’apertura del Pala Delicious a Pocol, che sarà anche il punto di arrivo delle competizioni sportive, con apericena e Pasta Party con lo Chef Team Cortina – Amici del Delicious Festival. Sabato 25, invece, si terranno la 5° edizione del Delicious Trail Dolomiti e del Short Trail Dolomiti, la 5° Edizione del Mini Delicious Trail, la 4° edizione del Delicious Climbing Dolomiti e la 4° dell’evento Amici del Delicious Festival. Nel corso della due giorni si potranno gustare i piatti preparati dagli chef dei ristoranti e rifugi dell’area Lagazuoi Cinque Torri Giau. Alla sera, grande festa con musica, animazione, dj set e molto altro ancora.

INFO: www.deliciousfestival.it

A Venaria Reale (To) torna Pizza Festival

Dal 24 al 26 settembre, a Venaria Reale, in piazza della Repubblica e Piazza De Gasperi, si tiene Pizza Festival, una delle più importanti manifestazioni nazionali all’aperto che vede come protagonista assoluto uno dei piatti più amati: la pizza. Otto forni sempre accesi e 24 pizzaioli impasteranno, inforneranno e serviranno pizze, negli stand dedicati, da mezzogiorno fino a sera, senza interruzione, portando in piazza la bontà e la genuinità della pizza, dalla classica alla napoletana, dalla pugliese alla toscana, fino alla focaccia ligure.

Non mancheranno nemmeno uno stand dedicato alla birra italiana e i Truck Food con prodotti degli “Amici della Pizza”, tra cui pizza fritta, sfogliatelle e panzerotti, ma anche arrosticini e grigliate. La manifestazione è a ingresso gratuito e non occorre né prenotazione né Green Pass.

INFO: www.comune.venariareale.to.it

A Venezia “M’illumino di spezie”

Domenica 26 settembre, dalle 10 alle 20, a Rialto, in Campo de la Pescaria, si tiene “M’illumino di spezie” un evento che vuole rievocare l’importante ruolo di Venezia nel commercio delle spezie e la ricaduta che esso ha avuto nella storia e nell’economia della Serenissima. L’evento si inserisce nelle celebrazioni per i 1600 anni di Venezia e vuole esplorare l’uso delle spezie, in cucina, nella profumeria e nella farmacopea, attraverso laboratori sensoriale, una tavola rotonda e visite guidate nei luoghi delle spezie. Non mancherà nemmeno una mostra mercato con una decina di espositori.

Gli esperti guideranno i presenti all’uso delle spezie in cucina e verranno riproposte ricette tratte dagli antichi ricettari veneziano, come il saor. Alle 16, si palerà in una tavola rotonda dell’uso delle spezie in farmacopea, nella profumeria, nella liquoristica e in cucina. Ci saranno anche pasticceri che prepareranno dolcetti a base di spezie, come i “pevarini”, ma anche babà e mustaccioli.

Ci saranno anche amari e distillati. Attraverso le visite guidate si potranno conoscere il mercato, l’antica farmacia di San Servolo e Palazzo Mocenigo. In serata, è in programma una rivisitazione teatrale de Il Milione di Marco Polo.

Bologna, a Fico il Festival delle Dop e Igp Italiane

Il 25 e il 26 settembre, a Fico Eatily World, in via Paolo Canali, a Bologna, si tiene il Festival delle Dop e Igp italiane, due giorni di incontri, showcooking ed eventi con oltre 50 prodotti tipici certificati e produttori provenienti dai territori della penisola dove nasce il meglio dell’enogastronomia italiana. L’Italia è, infatti, il paese europeo con il maggior numero di prodotti agroalimentari a denominazione di origine e indicazione geografica protetta riconosciuti dall’Unione Europea.

Si potranno così conoscere, degustare e acquistare eccellenze come il Parmigiano Reggiano DOP, il Grana Padano DOP, l’Aceto Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia DOP e di Modena DOP, il Prosciutto di San Daniele, la Mortadella Bologna IGP, la Lenticchia di Altamura IGP, L’aglio di Voghiera e quello Bianco di Polesano DOP, i Peperoni di Senise IGP, il Cioccolato di Modica IGP e molto altro.

Nelle fabbriche di FICO, poi, si potrà assistere alla dimostrazione della produzione di prodotti IGP e ascoltare i racconti dei produttori, mentre proiezioni multimediali sulle pareti racconteranno come il cibo arriva sulle nostre tavole. Nell’arena, poi, sono in programma showcooking e quiz che metteranno alla prova le conoscenze sui visitatori sui prodotti DOP e IGP. Per tutti ci saranno assaggi e una gustosa sorpresa.

INFO: www.fico.it

A Roma torna il Palio di Ostia con l’edizione d’autunno

Dopo lo stop dovuto al Covid torna il Palio di Ostia, che si terrà nel weekend del 25 e 26 settembre nel Borgo di Ostia Antica. Due giornate all’insegna del mondo rinascimentale, che faranno rivivere i fasti dell’epoca di papa Giulio II della Rovere, con il mercatino storico, stand nelle Contrade e un ricco calendario di eventi. Si comincia sabato 25, nel pomeriggio, presso il Campo Sportivo Ostia Antica Calcio, dove si tiene una partita di un gioco molto in voga nel Rinascimento, la Palla al Bracciale, che deriva dalla Pallacorda, considerato l’antenato del tennis moderno.

Domenica 26, invece, ci si sposta attorno al castello di Giulio II con la Cerimonia e il Corteo Storico con gli Sbandieratori di Cori, che animeranno la zona del Borgo e le strade limitrofe a Via dei Romagnoli. Il momento più atteso sarà il Torneo Cavalleresco, che si terrà presso il maneggio Centro Equestre Roma, intorno alle 17.30 e vedrà i sei Cavalieri abbinati alle Contrade (Borgo, Castello, Gregoriopoli, Longarina, Saline e Stagni) contendersi il Palio 2021.

INFO: www.paliodiostiantica.it

A Napoli torna la fiera “Ricomincio dai Libri”

Sabato 25 e domenica 26 settembre torna a Napoli “Ricomincio dai libri”, la prima fiera a ingresso gratuito nata dal basso, dalle piccole e medie case editrici che prevede anche la partecipazione di grandi ospiti e scrittori, laboratori legati alla scrittura e all’editoria, sia per adulti che per bambini. Il tema di questa VII edizione è “Adesso”, e vuole essere un momento di riflessione e confronto su che cosa fare per il prossimo domani.

La fiera si tiene presso la Galleria del Principe di Napoli. Ci sarà il laboratorio per bambini “Il Pianeta della Parole sbagliate” con un omaggio a Gianni Rodati, un quiz a tema Harry Potter per ragazzi dai 13 ai 15 anni, attività e workshop. Sarà poi assegnato il Premio Letterario “Green Word” che in questa sua prima edizione premierà le migliori opere inedite di narrativa a tema ambientale.

INFO: www.ricominciodailibri.it




Vino, tortellini, profumi e muri dipinti. Ecco che cosa fare nel weekend

Torna la nostra rubrica settimanale con gli eventi del weekend da non perdere, da Nord a Sud. Nel fine settimana del 18 e 19 settembre, tornano le grandi sagre dedicate al cibo e al vino, ma anche i grandi eventi dedicati al benessere e all’arte. Ecco allora quelli che abbiamo selezionato per voi.

A Milano torna Orticola

Dal 16 al 19 settembre, nella splendida cornice dei Giardini Pubblici Indro Montanelli, in via Manin 2, torna Orticola, la manifestazione tutta verde che trasformerà Milano in uno splendido giardino fiorito. Per la prima volta dopo 24 edizioni, quella del 2021 si svolgerà in settembre. Si potranno così ammirare piante, fiori, colori e profumi tipici di inizio autunno con fioriture completamente diverse rispetto alle edizioni primaverili, ma non certo meno vivaci e accattivanti, ma anche così durature da prolungarsi fino alle prime gelate. Non mancheranno nemmeno i laboratori per il pubblico e, naturalmente, la mostra mercato. Ingresso: € 11; orario: giovedì 15-19; da venerdì a domenica 9.30-19.

INFO: www.orticola.org

A Castelfranco Emilia (MO) si celebra il tortellino

Nel weekend del 18 e 19 settembre si tiene a Castelfranco Emilia, in provincia di Modena, la 40° edizione della Sagra Tradizionale del Tortellino, la celebre pasta ripiena da gustare con il brodo di cappone. La sfoglia che avvolge il ripieno, invece, secondo la tradizione, è tirata a mano con il mattarello dalle Maestre sfogline di Castelfranco Emilia. Il tortellino sarà al centro della festa e si potrà degustare, insieme ad altre eccellenze agro alimentari del territorio, che vanta la più vasta area con prodotti DOP e IGP. Inoltre, sono disponibili anche piatti senza glutine e vegetariani. Tutta la festa, poi, sarà ecosostenibile.

La novità di questa 40° edizione è la possibilità di acquistare il Tortellino di Castelfranco, dopo averlo degustato al tavolo, nell’area della festa. Per quanto riguarda gli eventi, domenica 19 settembre, come da tradizione, saranno celebrate le origini del tortellino con la rievocazione storica in Piazza della Vittoria, per la prima volta in serata. L’Oste 2021 riceverà il mattarello da quello della scorsa edizione e dalla dama del Tortellino.  L’ingresso è gratuito, viene richiesto il Green Pass per accedere agli spettacoli, tutti gratuiti.

INFO: www.lasannicola.it

A Dozza (BO), visita guidata al “borgo dipinto”

Sabato 18 settembre, in occasione della Biennale del Muro dipinto, che si conclude proprio nel weekend del 18 e 19 settembre, è in programma una visita guidata a Dozza, nel bolognese, uno dei 100 borghi più belli d’Italia, e ai suoi murales, che la rendono un vero e proprio museo a cielo aperto. Il ritrovo per la partenza è alle 10.20 davanti alla Rocca.

Si comincia poi proprio da una visita a questo splendido gioiello di architettura rinascimentale, che fu abitato da Caterina Sforza. Poi, ci si incamminerà lungo le vie del borgo ammirando gli affreschi. Si potranno anche vedere all’opera gli artisti della Biennale. La durata è di circa un’ora e mezza. La quota di partecipazione, da corrispondere alla guida prima dell’inizio della visita, è di € 15 per gli adulti, € 10 per i minori di 18 anni e gratuito per i bambini 0-5 anni. Per accedere alla rocca è necessario il Green Pass. Prenotazione obbligatoria.

INFO: tel 347/1391885, info@towerstour.com

A Firenze torna Pitti Fragranza

Dal 17 al 19 settembreg, alla Stazione Leopolda di Firenze, torna Pitti Fragranze, il salone dedicato alla cultura olfattiva, ai profumi, alla skincare, al lifestyle e al piacere di prendersi cura di sé. Si potranno così conoscere le più affermate maison e i brand più innovativi, ma anche i “nasi” più autorevoli e gli esperti più seguiti a livello internazionale. Fittissimo il calendario di incontri ed eventi collaterali, che permetterà ai protagonisti del settore di raccontare le loro esperienze. Alla dimensione “in presenza”, poi, si affiancherà anche quella digitale con Pitti Connect che permetterà di fare network e creare contatti con gli espositori e conoscere i contenuti editoriali.

INFO: https://fragranze.pittimmagine.com/

A Roma c’è Vinòforum

Fino a domenica 10 settembre, il Parco Tor di Quinto, in via Fornaci di Tor di Quinto 10, a Roma, ospita la 18° edizione di Vinòforum, con un’edizione speciale in occasione di questo importante “compleanno”. In più di 12 mila metri quadrati di spazi verdi si potranno visitare centinaia di cantine vitivinicole italiane e internazionali, ma anche ristoranti, enoteche, chef stellati e tante altre realtà del mondo enogastronomico italiano e internazionale per una vera e propria maratona del gusto.

Tra le novità c’è la cucina d’autore, a cura della prestigiosa rivista Food&Wine, che ha previsto una selezione di 30 chef proveniente da Roma e dal Lazio che, a rotazione, si trasferiranno nelle cucine a vista dei Temporary Restaurant, proponendo ognuno un menù di tre piatti, di cui uno dal tema “ripartenza sostenibile. Saranno poi selezionati 9 grandi chef provenienti da tutta Italia, per altrettanto esclusive Night dinner, con posti limitati e su prenotazione. Altra grande novità sarà il format Roma Caffè Festival, un palcoscenico che vedrà come protagonista il caffè, con una selezione di prodotti ed esperti italiani e internazionali.

Non mancheranno nemmeno workshop e degustazioni, incontri con i produttori e focus sulla lavorazione del caffè. Infine, ultima novità sarà il Mix&Spirits Hospitality, una lounge dedicata al mondo della miscelazione e degli spirits che negli ultimi anni sta vivendo una sorta di Rinascimento. Ingresso: € 16, (scontato € 9.90 con ShopToday) comprensivo di calice e carnet da 10 degustazioni di vino.

INFO: www.lospaziodelgusto.it

A Palermo torna “Una Marina di libri”

Fino a domenica 19 settembre, torna nella splendida cornice di Villa Filippina, in Piazza San Francesco di Paola, la 12° edizione di “Una Marina di Libri”, il festival dell’editoria indipendente con incontri, presentazioni, rassegne e spettacoli, con oltre 74 editori presenti con le ultime novità editoriali. Il tema di quest’anno si ispira a un verso di Dante, nell’anno in cui si celebrano i 700 anni della morte: “Per l’alto mare aperto”, un tema che si riconnette anche alla natura di Palermo e della Sicilia.

Per l’occasione, poi, Villa Filippina aprirà al pubblico anche i nuovi spazi restaurati e utilizzati solo dagli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Palermo, tra cui la grande terrazza e alcune sale del piano superiore. Venerdì 18, dalle 20, gli esperti del Planetario di Palermo accompagneranno gratuitamente gli ospiti alla scoperta della volta celeste attraverso i telescopi a disposizione. L’ingresso alla manifestazione costa € 3, venerdì mattina e fino alle 16 l’ingresso è libero e gratuito. Fino a 12 anni sempre gratis. È necessario esibire il Green Pass.

INFO: www.unamarinadilibri.it




Si chiude in “grande bellezza” l’anno di Dante

Si concludono in grande stile le celebrazioni di quello che, a tutti gli effetti, è stato l’anno di Dante. Sono passati esattamente 700 anni, infatti, da quel 14 settembre 1321, quando il “Sommo Poeta”, padre della letteratura e della lingua italiana, si è spento a Ravenna, a 56 anni, a causa della malaria, contratta nelle Valli di Comacchio, mentre era di ritorno da un’ambasciata a Venezia per conto della signoria dei Da Polenta.

Anche noi di Weekend Premium vi abbiamo tenuto compagnia per tutti questi mesi, con il nostro Viaggio con Dante, fornendovi itinerari, curiosità, aneddoti, informazioni storiche per consentirvi di visitare, se lo vorrete, i luoghi della Divina Commedia e della storia personale di Dante, minata dall’esilio dalla sua amata-odiata Firenze. Potete trovare tutti gli articoli riuniti nel nostro speciale “In viaggio con Dante” 

Di seguito, invece, i principali eventi per salutare l’anno dantesco.

A Ravenna un concerto per Dante con Riccardo Muti

A coronare la chiusura delle celebrazioni di questo anno dantesco, a Ravenna, il 12 settembre, si è tenuto uno straordinario concerto diretto dal Maestro Riccardo Muti, nella splendida cornice dei Giardini Pubblici con la loro romantica Loggetta Rinascimentale.

L’Orchestra Giovanile “Luigi Cherubini”, i musicisti dell’Orchestra dei Maggi e il Coro del Maggio Musicale Fiorentino hanno eseguito magistralmente Le Laudi alla Vergine Maria di Giuseppe Verdi, ispirate alle prime sette terzine dell’ultimo canto del Paradiso: la celebre preghiera alla Vergine che Dante da pronunciare a San Bernardo di Chiaravalle.

In prima italiana assoluta, poi, è stata eseguita Purgatorio, commissionata dal Ravenna Festival al compositore armeno Tigran Mansurian. Infine, a completare la “versione in musica” del viaggio di Dante, è stata eseguita la Dante-Symphonie di Franz Liszt con il suo magistrale Magnificat che ha portato gli spettatori in…Paradiso.

Lo stesso concerto, poi, è stato replicato anche nelle altre due città dantesche per eccellenza: a Firenze, la sera del 13 settembre, e lo sarà anche a Verona, la sera del 15.

A Firenze i Vip leggono la Divina Commedia

L’altro grande evento in onore di Dante si tiene nella “sua Firenze”, dove, per 24 ore, dalle 19 del 13 settembre alla stessa ora del 14 settembre, va in scena presso il cinema “La Compagnia” di via Cavour, Speaking Dante, una maratona corale di lettura della Divina Commedia in inglese, con la proiezione del testo in italiano. Ad alternarsi alla lettura saranno 25 attori britannici di cinema e teatro, sia in presenza che in streaming, tra cui Helen Mirren, Ralph Fiennes, Rupert Everett, Rupert Mason e Justin Butcher.

Ralph Fiennes ed Helen Mirren sono tra coloro che “presteranno” la voce a Dante

Gli speciali Tv dedicati a Dante

Infine, anche la Tv celebra i 700 anni della morte del Sommo Poeta con una programmazione dedicata a Dante. Per esempio, su Rai Due, il 17 e il 24 settembre e il 1° ottobre, si potranno vedere i tre documentari intitolati “Dante”, coprodotti dalla rete americana Pbs.

Dante Confidential narrato da Pif

Su Rai Tre, invece, il 13 settembre in seconda serata andrà in onda “Dante Confidential” con la voce narrante di Pif. Mentre su Rai Cinque, il 13 settembre, va in onda “Divino Dante”, sul tema dell’amore dantesco e il 17 “Gli occhi di Dante, un’affascinante lettura della sua poetica, tutti e due in prima serata.  Infine, su Rai Storia, il 14 settembre alle 21, 10, Alessandro Barbero racconta “Alighieri Durante, detto Dante. Vita e avventure di un uomo del Medioevo”.

Se, invece, volete conservare il nostro speciale “In Viaggio con Dante”, vi invitiamo a scaricarlo al link che vi abbiamo lasciato qui sopra o sul nostro sito www.weekenpremium.it

 




Un weekend a tutto gusto, ecco dove andare

Un weekend tutto dedicato al gusto questo assaggio d’autunno. Da nord a sud infatti fioccano gli eventi dedicati ai sapori italiani e internazionali. C’è solo l’imbarazzo della scelta. Ecco allora gli eventi che abbiamo selezionato per voi per il fine settimana dell’11 e 12 settembre.

Torino diventa “capitale del caffè”

Nel weekend dell’11 e 12 settembre Torino diventa la “capitale del caffè” con Turin Coffee, un evento che per due giorni farà la gioia di tutti gli amanti della storica bevanda. La manifestazione si tiene in Piazza Carlo Alberto e sarà un’occasione unica per scoprire il legame che lega Torino al caffè, tra cultura, tradizione, degustazioni gratuite, con possibilità di conoscere origini, miscele, lavorazione e gamma di prodotti.

In programma anche workshop per scoprire, per esempio, come il caffè si abbina al cibo. Si potranno poi incontrare chef, bartender, esperi e personaggi di spicco del mondo dell’”oro nero”. Per l’occasione, poi, Turismo Torino organizza dei tour guidati nei caffè storici, nel cuore della città, per conoscere la storia dei locali più importanti, ancora oggi attivi e arredati con mobili d’epoca originali. Aneddoti e ricette golose faranno poi rivivere l’atmosfera bohémienne della capitale del regno sabaudo. I tour partono da Piazza San Carlo alle 10.30 e durano 90 minuti. Quota di partecipazione € 10.

INFO: www.turincoffee.it e www.turismotorino.org

A Milano i capolavori Disney si mettono in mostra

Ultimo weekend, quello dell’11 e 12 settembre, per visitare la splendida mostra “Disney, l’arte di raccontare storie senza tempo”, presso i locali del Mudec – Museo delle Culture in via Tortona, a Milano. La mostra espone preziose opere originali provenienti dagli archivi dei Disney Studios di molti celebri film, da Pinocchio a Fantasia, da Cenerentola a Robin Hood, fino a quelli più recenti, dal Re Leone a Herculese, dalla Sirenetta a Frozen. Non solo, durante il percorso di visita sarà possibile anche conoscere da quali miti, leggende medievali, favole, fiabe e folklore hanno tratto origine i grandi film disneyani, attualizzando i grandi archetipi universali.

Non solo, in un’altra sezione si potrà scoprire come nascono i personaggi più amati, dagli eroi alle principesse ai “cattivi”, dai primi bozzetti allo studio del personaggio, dai capelli agli occhi alle sue espressioni, dai disegni preparatori fino alle elaborazioni al computer, attraverso le quali, letteralmente, il personaggio, prende vita. Con lo stesso procedimento, poi, si creano le ambientazioni con la realizzazione delle scene. Una terza chiave di lettura offerta dalla mostra è quella dei segreti disneyani dello storytelling, attraverso il quale il visitatore diventa egli stesso un narratore e osservare la mostra da protagonista.

 INFO

Orario: sabato 9.30-22.30; domenica 9.30 – 19.30.

Ingresso: Intero € 17, ridotto € 15. Sono previsti sconti per diverse categorie.

www.mudec.it

 A Negrar di Valpolicella (VR) c’è il “Palio di Settembre”

Dal 10 al 12 settembre a Negrar di Valpolicella, in provincia di Verona, si tiene il Palio di settembre, che celebra la vendemmia. In Piazza Vittorio Emanuele ci saranno gli stand dei mercatini con diverse specialità culinarie, produzioni artigianali e, naturalmente, i pregiati vini locali, dal Valpolicella classico al Valpolicella Superiore, dall’Amarone al Ripasso, che si potranno degustare e acquistare presso gli stand delle cantine storiche: Aldrighetti, Ca’ del Monte, Ca’ matta, Flatìo, La Quena, Corte Merci, Mizzon, Monte Pogna, Recchia, Spada e Vanto Rosso.

L’ingresso all’evento sarà libero, ma contingentato in relazione alle vigenti disposizioni in materia di contenimento della pandemia COVID-19 e sarà possibile accedere solo con Green Pass. Orario: Venerdì – Sabato 18 – 24. Domenica 10 – 22.

INFO: www.paliodisettembre.it

Bologna, a Fico la Giornata Mondiale della Paella

Sabato 11 e domenica 12 settembre a Fico Italy World, il parco del cibo italiano (in via Canali), arrivano i sapori e la cultura spagnola per un intero weekend dedicato alla paella, ma anche alla sangria, alla musica e alle tradizioni. In occasione della Giornata Mondiale della paella, infatti, sarà possibile gustare direttamente a Fico la vera paella di pesce o di verdura, sabato dalle 19 alle 22 e domenica dalle 12 alle 16.

Il tutto accompagnato dalla sangria artigianale e dal pregiatissimo prosciutto iberico Dop, che sarà messo a confronto con il prosciutto crudo italiano Dop. Si potrà così degustare il vero Janon di Jabugo Dop, che ha le sue origini nel 1895, per un’autentica sfida del gusto. Grazie all’associazione Hispania, poi, ci si potrà immergere in un viaggio a 360° nella cultura spagnola.

INFO; www.fico.it

A Roma per l’International Streetfood Festival

Dal 9 al 12 settembre, arriva a Roma la XVI tappa della V edizione dell’International Streetfood Festival, la più importante manifestazione d’’Italia dedicata alla cucina regionale e internazionale. In Piazza San Giovanni Bosco ci saranno 25 stand, 20 di food e 5 di birra artigianale.

Si potranno gustare gli arrosticini abruzzesi, le bombette pugliesi, il lampredotto toscano, il coppo di pesce napoletano, l’hamburgheria italiana con carne di scottona e chianina, la puccia potentina e i prodotti siciliani. Non mancheranno nemmeno le prelibatezze dello street food internazionale, come la paella valenciana, la cucina messicana e argentina. Oltre ai birrifici italiani ci saranno anche quelli provenienti da Germania, Inghilterra e Repubblica Ceca.

INFO: www.facebook.com/ilsalottodelgustostreetfood/

A Caserta le eccellenze del Made in Italy

Dal 9 al 12 settembre, all’ombra della Reggia di Caserta, in Piazza Antonio Gramsci, sbarca Gusto Italia, il meglio del Made in Italy, proveniente da tutto il centro sud. Per quattro giorni si potranno conoscere dal vivo i produttori, acquistare e degustare il meglio dei prodotti italiani. Tra le eccellenze: l’Aglianico del Sannio Dop, il Solopaca Rosso Superiore Sannio Dop e il Barbera Sannio Dop.

Dal Lazio arrivano i pregiati tartufi, dalla Campania salumi e formaggi artigianali, ma anche gioielli e borse artigianali. Dall’Irpinia il cioccolato, i liquori artigianali, ma anche i cristalli profumati per l’aromaterapia. Da Napoli arrivano invece, per la gioia dei più piccoli, caramelle e lecca lecca. Dalla Puglia olive, frutta secca e sott’oli. Insomma, di tutto un po’ per scoprire le eccellenze della nostra Italia in un weekend tutto da gustare e scoprire.

INFO: www.facebook.com/GustoItalia.inTour/




Gli eventi del weekend, tra viaggi nella storia e nel gusto, fiere e performance

Nel primo weekend di settembre, quello del 4 e del 5 si moltiplicano gli eventi in tutta Italia. Ecco allora quelli, secondo noi, da non perdere per chi ha già nostalgia delle vacanze.

Un viaggio nella storia sulla Novara-Varallo

Domenica 5 settembre, ripartono i viaggi sul trenino storico trainato da una locomotiva a vapore sulla linea Novara-Varallo, negli splendidi scenari della Valsesia, nell’ambito del progetto “Binari senza tempo”. Il treno parte dalla stazione di Novara alle 9.45 e arriva a Varallo alle 12.30 con fermate a Romagnano Sesia (10.43) e Borgosesia (11.45). Si riparte da Varallo alle 16,50 e si arriva a Novara alle 19.28. La quota di partecipazione è di € 22 per gli adulti e di € 16 da 4 a 12 anni, minori di 4 anni gratis.

È inclusa una visita guidata a scelta tra quella alla chiesa di Santa Maria delle Grazie e al Sacro Monte di Varallo, Patrimonio UNESCO, oppure visita alla citta con le sue contrade storiche e le botteghe artigianali con prodotti tipici ed enogastronomici, monumenti principali e musei, in particolare la Pinacoteca al costo di € 2 aggiuntivi. I posti a sedere saranno contingentati e disposti a scacchiera, a bordo è obbligatoria la mascherina. Prenotazione obbligatoria.

INFO: www.museoferroviariovalsesiano.it, tel 338/9252791, info@museoferroviariovalsesiano.it

A Modena torna Play, il Festival del Gioco

Dal 3 al 5 settembre, dopo un anno di stop, torna nei padiglioni del quartiere fieristico di Modena Play, il Festival del gioco, il cui tema di quest’anno sarà “Rivincita!”. Ricchissimo il calendario, tra seminari, tornei, tra giochi di carte, di ruolo e dal vivo. Senza dimenticare la ricca mostra mercato che da sola attira visitatori da tutta Italia. Fil rouge di questa edizione sarà la Storia come fonte di ispirazione del gioco e come strumento di comprensione delle vicende umane.

A dettare l’agenda anche gli importanti anniversari di questo 2021: i 200 anni dalla morte di Napoleone Bonaparte, i 700 anni dalla scomparsa di Dante e la scomunica di Martin Lutero, che hanno ispirato diverse proposte di giochi sia da tavolo che di ruolo. Ospite d’onore l’autore statunitense Cole Wehrle, che riceverà il premio “Goblin Magnifico”. In questa 12° edizione non mancheranno i tornei di giochi di carte e di ruolo, come il sempreverde Dungeons & Dragons, nato nel 1974.

Ben 15 i tornei di giochi da tavolo, mentre nei giochi dal vivo i partecipanti potranno interpretare e vivere le avventure dei personaggi di una storia. A dare una mano a creare il proprio costume ci sarà Gabriele Stazi, in arte The Leprechaun, costumista dei Pirati dei Caraibi. I biglietti si possono acquistare solo on line sul sito dell’evento e per l’accesso è richiesto il Green Pass.

INFO: www.play-modena.it

A Bertinoro (FC) per la Festa dell’Ospitalità

Dal 2 al 5 settembre torna a Bertinoro, splendido borgo in provincia di Forlì-Cesena, la Festa dell’ospitalità, tra musica, spettacoli e proposte enogastronomiche. La festa ha origine da un antico rito, come testimonia la Colonna delle Anella che si trova nel centro del paese. È stata eretta nel 1200 e ha 12 anella tutte uguali.

A ognuna corrisponde una delle casate disposte a ospitare un viaggiatore che, arrivando in città, vi legasse il proprio cavallo. Il rito viene rievocato ogni anno, da secoli, la prima domenica di settembre, quando lo splendido centro medievale fa rivivere quella tradizione, tra concerti, spettacoli, stand gastronomici, mostre e cene a tema. Quest’anno, molti eventi sono dedicati a Dante nei 700 anni della morte del Sommo Poeta. Navetta gratuita per il centro dai parcheggi di via Allende e via Badia.

INFO: www.visitbertinoro.it

A Roma c’è il Wave Market Fair

Nel weekend del 4 e 5 settembre, il PratiBus District, in viale Angelico 52, ospita dalle 10 alle 21 il Wave Market Fair, la fiera dedicata ai nuovi talenti, ai creativi e ai brand emergenti nel campo dell’avanguardia dell’artigianato e dei design indipendente. Ci saranno più di 150 brand e oltre mille oggetti e prodotti unici, in uno spazio espositivo di più di 5 mila metri quadrati, tra imprese artigiane, designer, case editrici, illustratori, produttori enogastronomici provenienti da tutto il territorio nazionale.

Per un intero weekend, il meglio del Made in Italy si potrà trovare nel centro di Roma per poter ammirare ed acquistare prodotti unici direttamente dai loro creatori. L’ingresso per l’intero weekend è di € 7 per il biglietto singolo, genitore con bambini € 6, gratuito per minorenni, disabili e accompagnatori, studenti. I biglietti si possono acquistare sia alle casse che sul sito dell’evento.

INFO: www.wavemarketfair.com

L’Inferno di Dante nelle Grotte di Castellana (BA)

Nell’anno di Dante, sia sabato 4 che domenica 5 settembre, alle 21, si può assistere allo spettacolo unico nel suo genere Hell in the Cave, liberamente tratto dell’Inferno di Dante, nel suggestivo scenario delle Grotte di Castellana, a 70 metri di profondità.

Si tratta di uno spettacolo sensoriale, che unisce danza, suoni, voci e luci, sfruttando le Grotte della Castellana come spazio scenico. In ogni scena e in ogni replica, attori, ballerini e performer regalano al pubblico una raffigurazione suggestiva dei versi di Dante.

I Canti scelti sono tra i più famosi e si potranno “incontrare” Beatrice, Ulisse, Brunetto Latini, il Conte Ugolino, Minosse, Pier delle Vigne, Ciacco, Paolo e Francesca, Minosse e Lucifero. Il biglietto intero costa € 22, € 17 per i minori di 18 anni. Possibilità di abbinare lo spettacolo alla visita guidata alle Grotte di Castellana a € 32. Prenotazione obbligatoria, richiesto il Green Pass.

INFO: www.hellinthecave.it, tel 339/1176722, anche WhatsApp.

Al Palagiotto c’è la Palermo Tattoo Convention

Dal 2 al 5 settembre al PalaGiotto di Palermo torna per la settima edizione la Palermo Tattoo Convention, una grande kermesse dedicata agli appassionati di tatuaggi, ma non solo. Ci saranno anche spettacoli, sfilate di tatuati, serate di show sportivi, training di autodifesa per adulti e bambini, wrestling acrobatico, giochi a premi, musica dal vivo, dj set, e, naturalmente, tatuatori e tatuatrici provenienti da tutto il mondo, dai quali ci si potrà anche fare tatuare con appuntamento.

Ricchissima anche l’area Food & Beverage con chioschetti di street food, bakery decorativa e birre artigianali. Ci saranno poi gli stand di merchandising, curiosità e shopping. E per chi vuole venire in fiera con l’amico a quattro zampe, c’è anche il servizio di dog sitting e dog care.

Il biglietto per una sola giornata o per tutte e quattro le giornate si può acquistare direttamente al botteghino. Comprende oltre all’ingresso, una consumazione beverage e tutti gli spettacoli in programma per quella giornata. Biglietto per giovedì 2 settembre e 5, per tutti gli altri € 10 con consumazione e spettacoli. Abbonamento 4 giorni € 25 con 3 consumazioni.

INFO: www.palermotattooconvention.com




Weekend Premium in Calabria: da Cosenza fino in Sila al volante della Bmw 440i

La Redazione di Weekend Premium ha deciso di partire alla scoperta della Calabria attraverso uno speciale itinerario vissuto al volante della nuova ed entusiasmante coupé teutonica Bmw 440i. In questo viaggio abbiamo apprezzato le bellezze dell’antica città di Cosenza, capoluogo di provincia posizionato al nord della regione, e da li ci siamo spinti fin sulle montagne della Sila.

Cosenza: la città di Re Alarico

Cosenza
Uno scorcio del centro storico di Cosenza (immagini prese dal web)

Circondata da sette colli, proprio come la celebre Roma, Cosenza è bagnata dai fiumi Crati e Busento. Secondo la leggenda, nel luogo dove confluiscono questi due fiumi sarebbe stato sepolto, con tutte le sue ricchezze, Re Alarico, re dei Visigoti.

Una vista del Castello Svevo che si erge sopra il Centro Storico della città (immagini prese dal web)

Nel 1059 arrivano i Normanni che reggono un maestoso castello, ricostruito successivamente dagli Svevi e dall’imperatore Federico II, che vi soggiorna fino al 1270. Il Castello svevo sovrasta il meraviglioso centro storico di Cosenza dove sorge l’imponente Duomo costruito nel 1150. Un’altra importante attrazione della città si trova nell’attuale centro urbano, ovevro nella via del passeggio chiamata Corso Mazzini dove fa bella mostra di sé il primo e unico museo all’aperto del nostro Paese.

san_giorgio_e_drago
La statua di San Giorgio e il Drago di Salvador Dalì (immagini prese dal web)

Sul Corso è infatti possibile ammirare alcune meravigliose opere lasciate alla città dal Mecenate Carlo Bilotti: parliamo di opere realizzate da artisti del Calibro di Salvador Dalì, Giorgio De Chirico, Mimmo Rotella, Pietro Consagra, Giacomo Manzù e molti altri. Non si può inoltre tralasciare la storia dei Fratelli Bandiera, fucilati a Cosenza il 25 luglio 1844, in seguito alla sentenza della corte marziale del Regno delle Due Sicilie. I due Patrioti furono giustiziati dopo un fallito tentativo di sollevare la popolazione calabrese contro il regno di Ferdinando II in vista dell’unificazione nazionale italiana. Cosenza è anche uno dei centri culturali più importanti del sud, infatti a pochi chilometri dalla città sorge l’Università della Calabria, ovvero il secondo campus più grande d’Europa in estensione.

La Sila: l’alto piano più grande d’Europa

Lago_Cecita_2
Una vista del lago Cecita che si trova in Sila (immagini prese dal web)

Dopo aver visitato le bellezze più o meno nascoste della città di Cosenza, siamo saliti a bordo della nostra Bmw 440i per inerpicarci sulle tortuose strade che portano fino alle montagne della Sila.

La Sila si estende per 150.000 ettari (è il più grande altopiano d’Europa) e attraversa le province di Cosenza, Crotone e Catanzaro. Con decreto del presidente della Repubblica del 14 novembre 2002 sono stati istituiti il Parco Nazionale della Sila ed il relativo Ente con l’obiettivo di tutelare le aree di rilevante interesse ambientale che si estendono per ben 73.695 ettari. Per raggiungere Il Parco Nazionale della Sila da Cosenza è necessario percorrere la strada statale 107 Silana /crotonese per circa 67 km.

Al volante della Bmw 440i xDrive

La Bmw 440i scatena i suoi 374 CV sulle starde di montagna

Si tratta di una super strada ricca di curve, molto divertente, ma altrettanto pericolosa. In questo percorso abbiamo potuto apprezzare al meglio le doti dinamiche della Bmw 440i X.Drive. La vettura è equipaggiata con il potentissimo 6 cilindri 3.0 litri bi-turbo (abbinato al sistema mild hybrid a 48V) da 374 CV e 500 Nm – si ha la sensazione di guidare una comoda Gran Turismo in grado di offrire confort e piacere di guida. Se si opta però per la modalità Sport o Sport Plus, la vettura cambia totalmente carattere trasformandosi in una supercar dal carattere aggressivo. In questa modalità le cambiate dell’automatico 8 rapporti diventano fulminee, lo sterzo precisissimo, le sospensioni adattive incollano l’auto all’asfalto e le prestazioni diventano da urlo. Come se non bastasse, la trazione integrale intelligente offre la massima sicurezza senza però tarpare le ali alla dinamica di guida. La vettura si dimostra quindi sempre a suo agio in ogni situazione, offrendo quindi tutte le caratteristiche che fanno di lei una perfetta weekend car.

I Giganti della Sila e i Laghi

I Giganti della Sila che si trovano nel Parco Naturale (immagini prese dal web)

All’interno del Parco ci sono nove riserve naturali biogenetiche, tra cui troviamo “I Giganti della Sila” di Fallistro. Si tratta di ben 50 colossali alberi di pino e 5 di acero montano con oltre 500 anni di età. Degna di nota anche la Riserva “Golia-Corvo”, area di diffusione e ambientamento dei cervi, dove ne vivono circa 150 esemplari. Le altre riserve naturali statali biogenetiche sono: “Gallopane”, “Tasso-Camigliatello”, “Poverella-Villaggio Mancuso”, “Coturelle-Piccione”, “Gariglione-Pisarello”, “Macchia della Giumenta – S. Salvatore”, “Trenta Coste”, tutte istituite con Decreto del Ministro dell’Agricoltura e delle Foreste del 13 luglio 1977.

A partire dal 1920, in Sila, sono stati creati dei laghi artificiali che si sono perfettamente integrati nella fauna e nella flora che li circonda. Realizzati per sfruttare l’energia idroelettrica, questi laghi sono diventati una vera e propria attrazione turistica del luogo. I laghi artificiali più importanti della Sila sono: Ampollino, Arvo ed Cecita.

Dove Mangiare

Ristorante Calabria Bella

Indirizzo: Piazza Duomo 20

Tel: +39 0984 793531

Sito Web: http://www.ristorantecalabriabella.it/

Hosteria De Mendoza

indirizzo: Piazza degli Eroi, 3, 87036 Rende CS

Tel: +39 0984 444022

Dove Dormire

Italiana Hotels Cosenza (4 Stelle)

Indirizzo: Via Panebianco 452, 87100 Cosenza

Tel: +39 0984 175 8042

Sito Web: https://www.hicosenza.it/

 

 




Che cosa fare nel weekend, tra gusto, terme, mostre e visite guidate

Torna il nostro appuntamento con la rubrica dedicata agli eventi del weekend, da nord a sud. È il momento delle fiere del gusto, ma continuano anche le visite guidate e le mostre. Ecco gli eventi, secondo noi da non perdere, che abbiamo selezionato per voi per il 28 e 29 agosto.

Al Mottarone (NO) torna il Lago d’Orta Wine Festival

Domenica 29 e lunedì 30 agosto si rinnova la tradizione del Lago d’Orta Wine Festival. Quest’anno l’evento si tiene in cima al Mottarone, nel piazzale accanto all’albergo Eden, per sostenere le attività commerciali che hanno subito disagi dopo la tragedia avvenuta lo scorso maggio. Si potrà passeggiare tra gli stand, a ingresso libero e acquistare i vini a prezzo di cantina. Saranno presenti le migliori cantine dell’Alto Piemonte, con possibilità di degustare non solo vino, ma anche gorgonzola e prodotti tipici. Il ticket degustazione, compreso il calice, costa 15 euro. Musica con Dj set ad accompagnare l’evento, che si tiene dalle 12 alle 20.

INFO: www.lagodorta.piemonte.it

A Padova una visita guidata all’Orto Botanico

Domenica 28 agosto, si può prendere parte a una visita guidata con una guida naturalistico ambientale all’Orto botanico dell’Università di Padova (in via Orto Botanico 15), il più antico del mondo occidentale ancora nella sua forma e ubicazione originaria e Patrimonio dell’Umanità UNESCO. Risale, infatti, al 1545 e, nei secoli, si sono aggiunte aree moderne ed esemplari rari. La visita include anche una sosta alle moderne serre nel giardino della biodiversità.

L’appuntamento è per le ore 11, la durata della visita è di circa 1 ora e 45 minuti. La prenotazione è obbligatoria e la visita è a numero chiuso. Inoltre, è necessario il Green Pass e la comunicazione dei dati per la tracciabilità. Durante la visita è obbligatorio indossare la mascherina e mantenere il distanziamento interpersonale sia all’aperto che al chiuso. Quota di partecipazione: € 13 adulti, € 10 ragazzi 15-25 anni, € 7,5 bambini 6-14 anni, gratis fino a 5 anni.

INFO: www.assoarka.it, tel 347/2103368 o 377/8407205

In Emilia Romagna arriva la Notte Celeste

Dal 27 al 29 agosto torna per la nona edizione la Notte Celeste, la più bella festa italiana dedicata alle terme, alle acque curative e al benessere naturale. Saranno 12 le località termali della regione coinvolte con 14 centri termali aperti, da Salsomaggiore, in provincia di Parma, a Riccione, con decine di appuntamenti, musica, momenti di benessere, passeggiate all’alba, spettacoli di comici e piscine aperte la sera. Il tema del 2021 è “Benvenuti nella terra dello star bene!”. Le località termali coinvolte sono: Salsomaggiore Terme (Pr), Monticelli Terme (Pr), Sassuolo (Mo), Castel San Pietro Terme (Bo), Monterenzio (Bo), Alto Reno Terme (Bo), Riolo Terme (Ra), Castrocaro Terme (Fc), Bertinoro (Fc) e Bagno di Romagna (Fc). Oltre ai trattamenti termali, è in programma un ricco cartellone con musica, intrattenimento, magia e spettacoli.

Per esempio, nel bolognese, a Castel San Pietro Terme, splendido borgo storico, il parco termale ospiterà spettacoli e laboratori di musica e percussioni per bambini, fontane danzanti, bancarelle di street food, un’esposizione di auto storiche e “Notte Celeste Radio”, che trasmetterà per tutta la notte in diretta. Per tutto il weekend, poi, si può prendere parte a passeggiate guidate.

A Monterenzio le Terme dell’Agriturismo rimarranno aperte tutta la notte con l’evento Aquapark Blue Night con possibilità di pernottamento nei piccoli casali dell’albergo diffuso. Alle Terme dell’Alto Reno e di Porretta il calendario prevede un concerto tributo a Lucio Dalla, due escursioni guidate, sabato 28, a Granaglione e alla Croce del Cigno. Domenica 29 visita guidata a Porretta e ai suoi luoghi termali.

INFO: www.lanotteceleste.it

A Cinecittà (Roma) visita guidata alla mostra “Abiti da sogno”

Domenica 29 agosto, presso i Cinecittà Studios di via Tuscolana 1055, a Roma, si può prendere parte a una splendida visita guidata alla scoperta dei costumi del cinema italiano “Abiti da sogno”. La visita si tiene alle ore 11 nell’ambito della rassegna “Alla Luce dell’Estate” targata Luce Cinecittà. Si potranno così ammirare gli abiti di scena originali che raccontano la storia del cinema italiano e il grandioso lavoro dei costumisti di fama internazionale che li hanno realizzati.

Un’occasione unica che permette anche di scoprire i nuovi costumi allestiti quest’anno in occasione del centenario di tre grandi artisti del nostro cinema: Alida Valli, Nino Manfredi e Giulietta Masina. La quota di partecipazione è di € 15 per gli adulti, di € 7 per i bambini dai 5 ai 12 anni. Sotto i 4 anni gratis.

INFO: www.cinecittasimostra.it

Ad Alberobello (BA), i trulli si illuminano con le Summer Lights

Chi si trova nella zona di Alberobello per il weekend non può perdersi lo spettacolo unico dei trulli illuminati in occasione del “Summer Lights Festival 2021, quest’anno dedicato a Dante per i 700 anni della morte con installazioni a tema. Fino alla fine di settembre le meravigliose abitazioni dall’inconfondibile forma a cono, Patrimonio dell’Umanità UNESCO si accenderanno di mille colori e giochi di luce che renderanno Alberobello davvero magica. Le luci illumineranno i trulli della zona Monti, il Trullo Sovrano e il Belvedere.

A Olbia per la Festa del Gusto

Dal 26 al 29 agosto a Olbia, nella splendida Sardegna, torna la Festa del Gusto, con il meglio dello street food sardo, nazionale e internazionale. Si tratta di una vera e propria fiera con tanti food trucks, cioè ristoranti su due ruote che aprono tutti insieme per un lungo weekend in piazza Caduti di Nassiryia. Oltre al miglior cibo di strada ci saranno menù di tutte le cucine e per tutte le tasche. Per esempio, si potrà gustare l’American Serial Griller, con il maxi hamburger da 250 gr cotto a basse temperature e il grilled pork affumicato.

Dall’Argentina arrivano ben 24 metri di arrosti tra cui l’Asado argentino e il parrillero. Dal Brasile arriva la picanha, mentre da Cuba i cocktail caraibici. Tante anche le specialità italiane, a cominciare dai primi piatti della tradizione ligure con anche la focacceria; dalla Sicilia ecco i golosi cannoli, ma anche le arancine e i dolci di pasta di mandorla, dalla Puglia arriva il vero panzarotto, mentre dal Lazio la friggitoria romana. Naturalmente, a fare gli onori di casa sarà la gustosa cucina sarda, di terra e di mare, senza dimenticare i dolci. Per partecipare non occorre il Green Pass, trattandosi di ristorazione all’aperto.