Peugeot Boxer 4×4 Concept: inarrestabile camper van per Weekend Premium nel rispetto della natura

Secondo l’esperienza maturata dalla nostra Redazione, il Peugeot Boxer 4×4 Concept, svelato lo scorso anno in anteprima mondiale, rappresenta il camper van ideale in grado di garantire Weekend premium e vacanze avventurose all’aria aperta, il tutto condito da una particolare attenzione all’ambiente che ci circonda.

Non si ferma davanti a nessun ostacolo

boxer
. Il veicolo dispone di trazione integrale 4×4 DANGEL, di pneumatici specifici e di una distanza dal suolo aumentata.

Il Peugeot Boxer 4×4 si presenta come il veicolo perfetto se si desidera visitare suggestivi luoghi invernali, magari per una piacevole giornata sugli sci o per rilassarsi tra le bellezze della natura. IL camper van del Leone non deluderà nemmeno durante il periodo estivo, durante il quale ci si potrà avventurare verso spiagge sperdute o incantevoli boschi.   Questo perché è stato sviluppato per ampliare il raggio di azione anche su terreni insidiosi. Il veicolo dispone infatti di trazione integrale 4×4 DANGEL, di pneumatici specifici e di una distanza dal suolo aumentata.

Non teme il buio

L’esplorazione notturna sarà illuminata da 8 moduli LED

Viaggiare di notte sarà un’esperienza nuova e sarà possibile raggiungere il bivacco in piena oscurità come se fosse pieno giorno: l’esplorazione notturna sarà illuminata da 8 moduli LED derivati dalla PEUGEOT 508 e integrati direttamente nella carrozzeria, sopra il parabrezza.

Comodo come un appartamento di lusso

Sono state ricavate 4 zone distinte, con cucina e soggiorno, una zona letto, un bagno e il posto di guida.

Costruito su un PEUGEOT BOXER L3, i suoi 6 m di lunghezza sono stati ottimizzati per offrire agli avventurieri uno spazio da vivere di 10 m2, idealmente progettato per 3 persone. Sono state ricavate 4 zone distinte, con cucina e soggiorno, una zona letto, un bagno e il posto di guida. I numerosi vani portaoggetti permetteranno di portare con sé tutto il necessario per gli sport estremi e per la vita quotidiana. L’interno è come fosse un bozzolo rigenerante, i cui toni chiari rilassanti contrastano con l’esterno. L’ambiente è reso più caldo dalla boiserie, mentre la selleria e i rivestimenti sono specifici per questo concept.

Materiali riciclati per rispettare l’ambiente

%. I 50 kg di plastica riciclata che lo compongono permettono di risparmiare 75 kg di CO2

Le plastiche utilizzate sono realizzate riciclando serbatoi di auto per l’85%, bottiglie di latte per il 10% e bottiglie bianche (ad esempio, flaconi di sapone) per il restante 5%. I 50 kg di plastica riciclata che lo compongono permettono di risparmiare 75 kg di CO2 rispetto a un pavimento di plastica standard. Quest’applicazione, a lungo termine, permette di evitare che la plastica sia riciclata in un nuovo oggetto monouso.




Land Rover Defender: l’iconico 4×4 trasformato in un Camper Van per avventurosi Weekend Premium

La Land Rover Defender, sostituita nel 2019 da una generazione tutta nuova e molto tecnologica, rappresenta una dei fuoristrada più iconici ed inarrestabili di tutti i tempi, grazie anche alla sua celebre affidabilità e semplicità costruttiva. Ora però, tutti gli amanti o i possessori dello storico off-road potranno divertirsi a trasformarlo in un inarrestabile Camper Van, particolarmente ideale per avventurosi Weekend Premium.

Dormire nella natura incontaminata

Defender_camper
Felix Collier ha trasformato un Defender in un Camper Van inarrestabile,

Felix Collier ha infattiappositamente personalizzato un Land Rover Defender come una particolarissima casa su quattro ruote (integrali), in grado di portare i propri passeggeri nella natura più selvaggia e incontaminata, regalando così un indimenticabile soggiorno.

Finiture e dotazione al Top

defender
Il legno di pino e sequoia riveste il piano di lavoro e il pannello posteriore

 

Collier ha equipaggiato questo Defender 90 di tutto punto e con materiali esclusivi, come ad esempio il legno di pino e sequoia che riveste il piano di lavoro e il pannello posteriore. Non manca inoltre la presenza del Valchromat nero, ovvero un compensato colorato ignifugo capace di resistere all’umidità.

Letto a scomparsa

defender
E’ possibile dormire su un comodo letto matrimoniale posizionato sul tetto

Per il meritato riposo si può fare affidamento su un comodo letto matrimoniale posizionato sul tetto: si tratta del classico tetto “a soffietto” che si alza quando si deve dormire. L’elettricità necessaria viene offerta dalla batteria da 110 ampere-ora dotata di sistema di ricarica CTEK. Di notte, l’abitacolo viene riscaldato da sistema a gasolio da 2 kW con un serbatoio da cinque litri. Non mancano infine vari l’abitacolo vari cassetti portautensili e un comodo materasso di gommapiuma.

Per l’off-road duro e puro

Questo speciale Defender è stato allestito per affrontare i percorsi più aspri ed inaccessibili.

Dal punto di vista estetico e meccanico, questo speciale Defender è stato allestito per affrontare i percorsi più aspri ed inaccessibili. Per ottenere questo risultato sono state adottati sospensioni rialzate e pneumatici BF Goodrich All-Terrain. A questi si aggiungono uno snorkel per superare i guadi più profondi e una piastra sottoscocca anteriore per proteggere il motore.

 




Camperizzazione: i consigli per acquistare e allestire il Camper Van dei propri sogni

Come aveva ampiamente predetto la Redazione di Weekedn Premium,  Quest’anno l’Italia ha registrato un boom di richieste di viaggi in camper senza precedenti.  Sempre più persone cominciano a familiarizzare con l’idea che acquistare un van o un furgone e convertirlo in camper, in base al proprio gusto e alle proprie esigenze. Allestire il Camper Van dei propri sogni per vivere viaggi e Weekend Premium indimenticabili   potrebbe essere una soluzione davvero succulenta per chi ama i viaggi in libertà.

Bisogna però essere ben consapevoli che questa scelta richiede motivazione, tempo e creatività, ma anche riflessioni ponderate e realistiche per non inciampare in sogni hippie d’antan. Per fortuna, in  nostro aiuto arriva Yescapa, piattaforma leader in Europa nella condivisione camper, van e furgoni camperizzati tra privati, che ha voluto stilare 5 consigli che permetteranno agli amanti del genere di avvicinarsi nel modo giusto alla scelta di acquisto di un van e realizzare così il proprio sogno.

Perché camperizzare il furgone?

Yescapa_Van di Laia
Ambiente interno di un furgone camperizzato

Un progetto di questa portata deve poggiare su basi concrete, realizzabili e rispondere con chiarezza ad alcuni criteri essenziali: la mobilità, la vita a bordo e il budget. Il camper sarà il mezzo di fuga per dei weekend di evasione oppure si sta progettando di sperimentare la vita da nomade digitale a bordo della casa viaggiante? Si viaggerà da soli, in coppia o in compagnia della famiglia, cane o gatto incluso? Il furgone avrà un suo parcheggio custodito oppure si dovranno considerare i costi di un parcheggio/rimessaggio o il marciapiede sotto casa?  Questi interrogativi sono invece fondamentali per gettare le basi per un progetto di camperizzazione.

Quanto costa camperizzare un furgone?

La domanda non ha una risposta univoca e definitiva, perché quando si decide di addentrarsi nel fantastico mondo della camperizzazione homemade, è difficile avere già una lista dettagliata di spesa.

Quello che è possibile fare in un primo momento, è stimare un preventivo di spesa massimo che rispecchi le risorse economiche e di tempo a disposizione. Solo a questo punto si può optare per diverse soluzioni appetibili: con una camperizzazione amovibile infatti è possibile contenere la spesa fino a 1.000 euro. Se invece si decide di optare per un allestimento più completo si potrebbero ottenere risultati discreti già con un budget medio di 3.500 euro. Affidandosi nelle mani di allestitori professionisti e scegliendo per il veicolo attrezzature e strutture più complesse e complete, il prezzo della conversione del furgone potrebbe oscillare da 5.000 a 10.000 euro.

Burocrazia della camperizzazione

Yescapa_Furgonato di Jesse
Uno scorcio degli interni di un camper van

Prima di procedere nella progettazione del proprio furgone camperizzato è fondamentale avere le idee chiare circa la sua burocrazia. A differenza di altri paesi infatti, l’omologazione di un furgone camperizzato in Italia non è perfettamente inquadrata. La soluzione più semplice e veloce è quella di predisporre un allestimento mobile che non modifichi le caratteristiche funzionali del mezzo.

Se invece si vuole procedere in modo radicale alla conversione del veicolo e alla conseguente omologazione dello stesso, si possono percorrere due strade:

  • La prima è quella di acquistare un furgone già omologato in autocaravan, smontare tutto e rifare la camperizzazione secondo le proprie esigenze e gusti
  • La seconda è acquistare un furgone all’estero (es: Germania, Francia, ecc) e immatricolare il mezzo in Italia solamente dopo aver omologato il furgone nel paese di origine. Bisogna anche ricordare che ci sono diversi allestitori professionali in Italia che offrono consulenza e un accompagnamento nella prassi da rispettare.

Quale furgone scegliere per la camperizzazione?

Per trovare il Camper van adatto ai propri gusti c’è solo l’imbarazzo della scelta

Arrivato il momento dell’acquisto, tra i diversi modelli esistenti è possibile scegliere tra tre categorie:

  • Furgone ultra-compatto, con dimensioni simili a quelle di un’autovettura, perfetto per muoversi in città e semplice da camperizzare, anche con un semplice kit da camperizzazione amovibile
  • Furgone compatto, ottimo compromesso tra spazio a bordo e autonomia di movimento che consente di adattare l’allestimento interno in funzione delle proprie esigenze.
  • Furgone di grandi dimensioni che consente di ricostruire un camper completamente attrezzato e sentirti così come a casa propria.

Dopo aver selezionato il modello più il linea con le proprie esigenze, è importante determinare il giusto prezzo. Ci sono molti siti che comparano i prezzi in base al modello, l’anno di immatricolazione e il numero di chilometri percorsi. Ad esempio, su AutoScout24 in cui si trovano offerte sull’usato sia italiane sia europee. Stabilito il prezzo bisogna considerare altri tre criteri fondamentali quali l’altezza, la lunghezza e la motorizzazione. Oltre a questo è importante considerare il numero di km e informarsi il più possibile sulla storicità del veicolo, per evitare sorprese dell’ultimo minuto.

Idee di allestimento furgoni camperizzati

Yescapa_Furgonato di Jesse_1
Zona letto di un camper van

Prima di addentrarsi nella vera e propria opera di conversione e allestimento di un furgone è sempre consigliabile preparare una bozza del progetto di #vanconversion. Per fare questo è necessario prendere le misure del veicolo e tracciare nell’abitacolo la disposizione del futuro allestimento interno: letto, cucina, bagno, gavone. La tappa successiva sarà quella di trovare la giusta ispirazione! In Europa sono moltissimi i progetti di camperizzazione fai-da-te da cui si può trarre spunto. In alternativa è sempre possibile recarsi presso un’officina di allestimento di camper e furgoni, dove richiedere l’opportuna consulenza.

 

 




Vacanze invernali con il Camper VAN? Il Mercedes Sprinter Storyteller Overland è l’ideale per Weekend Premium senza confini

Se avete intenzione di passare qualche giorno di svago in totale libertà durante questo inverno, abbiamo scelto il Camper Van giusto per le vostre esigenze.  Stiamo parlando del Mercedes Sprinter preparato dagli specialisti della Storyteller Overland, in grado di regalarvi un Weekend Premium in luoghi incontaminati e non raggiungibili da tutti.

Tre versioni per ogni esigenza

storyteller-overland-camper-
Il Mercedes Sprinter Storyteller permette di raggiungere i luoghi più sperduti

Per essere più precisi, l’allestitore americano ha realizzato ben tre speciali versioni dello Mercedes Sprinter Storyteller Overland (Classic, Beast e Stealth). Così è stato centrato l’obiettivo di accontentare i gusti e le esigenze più disparate. L’allestimento Classic può contare su maggior numero di letti ribaltabili, inoltre questa versione offre un confort più elevato grazie all’uso di un climatizzatore più efficiente, nuove illuminazioni a LED e altri gadget interessanti.

Inarrestabile su ogni terreno

Il Mercedes Sprinter Storyteller in versione off-road

Chi ama avventurarsi con la propria casa su ruote in luoghi poco accessibili ed incontaminati può invece optare per la versione Beast. Ques’ultima risulta equipaggiata con il pacchetto RIP Agile Offroad (sospensioni rinforzate per il fuoristrada). Questa variante vanta inoltre la presenza di cerchi Black Rhino, ruota di scorta esterna, luci supplementari, compressore di bordo, trombe acustiche potenziate e una livrea esterna personalizzata da nuove grafiche.

Spazio alle personalizzazioni

Uno scorcio degli interni

La terza variante denominata Stealth Mode regala un effetto scenico meno vistoso, ma comunque di sicuro effetto. Esteticamente sfoggia una colorazione grigio scuro abbinata a cerchi neri da 18 pollici. Degni di nota i rivestimenti ultra resistenti e idrorepellenti, mente non mancano grafiche personalizzate e il badge identificativo.

 

 




Viaggiare in Van in inverno? Un’esperienza da provare, e vi diciamo dove

Viaggiare in Van in inverno può essere un’esperienza nuova e divertente. Ecco alcune mete ideali per una pausa relax nei mesi freddi.

Testo di Marina Cioccoloni

Natura, aria aperta e distanziamento. Non solo in estate, ma anche in inverno. Tanto più ora, che l’emergenza sanitaria incalza. Del resto anche i mesi freddi regalano occasioni magiche per viaggiare in Van: il foliage con i suoi panorami da cartolina; il profumo del tartufo; la neve che imbianca i boschi… Ecco allora alcune mete ideali per una pausa relax in totale libertà e sicurezza (lockdown permettendo).

Valle d’Aosta

A Cogne, alle porte del Parco Nazionale del Gran Paradiso. Per camminare nella bellissima Valnontey e – se si è fortunati – osservare gli animali selvatici al pascolo. Magari inerpicarsi lungo il Sentiero Reale e arrivare fino al Rifugio Sella per vedere da vicino gli stambecchi nel periodo della riproduzione (attenzione però: il rifugio è chiuso fino al prossimo marzo, quindi bisogna portare con sé acqua e viveri). Gli indirizzi giusti? Il Camping Margherita a Gressoney St. Jean oppure il Dalai Lama Village in frazione Promiod a Chatillon.

viaggiare in van in inverno
Il Villaggio di Natale Flover a Bussolengo.

Veneto

A Bussolengo per scoprire la magia del Natale nel Villaggio di Natale Flover ripensato per garantire una visita in piena sicurezza, con la novità di un vero e proprio cartoon–animazione del libro Incanto di Natale trasmesso in vari punti del Villaggio. Per la sosta: il Camping Village Piantelle a Moniga, sul Lago di Garda.

Altrimenti a Venezia, alla scoperta di angoli insoliti come Campo San Leonardo a Cannaregio, un caratteristico sestiere abitato da veneziani doc. Imperdibile una tappa alla Locanda Cipriani, un tempo frequentata da Hemingway. L’indirizzo: il Camping Union Lido 5 stelle del Lido di Cavallino o il Campeggio del Sole a Punta Sabbioni.

viaggiare in camper in inverno
Un panorama autunnale dei boschi del Trentino Alto Adige.

Trentino – Alto Adige

A San Candido per una pedalata sulla ciclabile San Candido-Lienz: 42 km quasi tutti in piano. Con una sosta a Heinfels per acquistare i wafers Loacker direttamente in fabbrica. Una volta arrivati a Lienz, per rientrare si possono caricare le bici sul treno. Per chi preferisce lo sci alla bici, ci sono gli oltre 100 km di piste del comprensorio delle Dolomiti di Sesto e di Plan de Corones. Per la sosta, il Caravan Park Sexten offre tutto il meglio che si possa desiderare (Spa compresa).

Friuli Venezia Giulia

A Trieste per conoscere questa città dall’anima cosmopolita, ponte di culture, con quella scontrosa grazia così ben descritta da uno dei suoi cittadini più illustri, Umberto Saba. Trieste ha esercitato un fascino speciale anche su Stendhal e Joyce, che qui è ricordato da una statua sul lungofiume. Sosta al Camping Alpin Park nel comprensorio sciistico di Sappada, oppure al Bella Italia Efa Village Sport & Family di Lignano Sabbiadoro.

viaggiare in Van in inverno
Piazza dell’Unità a Trieste.

Toscana

A Firenze per visitare gli Uffizi, il Duomo e il Battistero. Poi tappa alla Loggia del Porcellino (che in realtà è un cinghiale) per strofinargli il naso e mettergli una moneta in bocca. Se la moneta cadendo oltrepasserà la grata sull’acqua, il porcellino porterà fortuna. Da non mancare il foliage sulle colline del Chianti e una visita alla casa vinicola Barone Ricasoli.  Per la sosta il Campeggio Mareblu di Cecina, uno dei 10 che hanno ottenuto il certificato di Eccellenza KoobCamp 2020; oppure il Capalbio Glamping, affacciato sul mare.

Lazio

A Roma per sbirciare il cupolone dalla serratura della villa del Priorato di Malta sull’Aventino e visitare il quartiere Coppedè, mix di arte Liberty e Decò. Da non perdere il Villino delle fate, la Palazzina del Ragno e la Fontana delle Rane, dove i Beatles dopo un concerto al Piper fecero il bagno vestiti. Per la sosta il Camping Village Roma, segnalato come miglior camping romano nella classifica mondiale di El Mundo.

Abruzzo

Nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga per ammirare gli imponenti scenari di Campo Imperatore, il piccolo Tibet d’Italia. Degustazione di arrosticini di pecora cotti sulla brace prima di scendere verso Castelli, il paese delle ceramiche; oppure verso Castel del Monte e la scenografica Rocca Calascio, definita da National Geographic uno dei manieri più belli del mondo. L’indirizzo è il Camping del Sole.

viaggiare in van in inverno
Uno dei caratteristici presepi napoletani.

Campania

A Napoli per ammirare il golfo dall’alto della Certosa di San Martino. In fondo si erge maestoso il Vesuvio, e ai suoi piedi Pompei. Una passeggiata sul lungomare fino a Castel dell’Ovo, e poi in Piazza del Plebiscito per un caffè e una sfogliatella da Gambrinus. Prima di prendere il traghetto per Ischia, dove rilassarsi alle terme. Sosta all’EuroCamping dei Pini.

 Puglia

In Puglia per ammirare la natura ricca di contrasti del Gargano e poi le cittadine affacciate sul mare come Barletta, Trani, Molfetta. E Castel del Monte, dove Federico II si dedicava all’arte della falconeria. Poi giù in Salento, per scoprire Lecce e il suo Barocco. Per finire Santa Maria di Leuca, con il santuario affacciato sulla punta dove lo Ionio si incontra con l’Adriatico. Per la sosta il glamping La Masseria a Gallipoli, con una piscina tra le più grandi del sud Italia.

 

viaggiare in van in inverno
Lo spettacolare Barocco di Lecce, in Puglia.

Sicilia

Tour tra le città del Barocco fino a Modica, dove fare scorta di cioccolato. E poi a Porto Palo, per gustare i caratteristici pomodori di Pachino. Il posto migliore per ammirare il tramonto è Isola delle Correnti, dove Ionio e Mediterraneo si abbracciano. Alla vecchia tonnara di Marzamemi si può comprare da Campisi il miglior tonno dell’isola, e ad Avola le mandorle più pregiate d’Italia.  Per il campeggio lo Scarabeo Camping a Punta Braccetto. Altri camping aperti d’inverno: il Camping Luminoso a Santa Croce Camerina e il Camping Jonio a Catania.




Camper, pulizia e controlli autunnali: i segreti per prendersi cura del proprio nido su ruote

Molte persone approfittano dei mesi autunnali per effettuare pulizie e controlli di routine per il proprio camper o caravan, in attesa di “mettere a riposo” il veicolo durante il periodo invernale. Nel difficile periodo di emergenza sanitaria globale che tutti noi stiamo vivendo, la pausa dal proprio camper è diventata forzata per tutti, anche per chi di solito preferisce in viaggi in libertà anche nei mesi più freddi. A questo punto perché non sfruttare questi momenti per regalare cure ed attenzioni al proprio amato “nido su ruote”, in attesa di poter finalmente ricominciare a viaggiare.

Prendersi cura del proprio mezzo in questo periodo può rivelarsi fondamentale per ritrovarlo pronto a rimettersi in viaggio in primavera o appena le condizioni lo rendano possibile. Per alcuni interventi è consigliato rivolgersi ai tecnici specializzati, ma ci sono delle piccole e semplici accortezze che noi stessi possiamo adottare senza problemi. Per quanto riguardano queste ultime operazioni, cerchiamo in questa breve e utile guida di fare chiarezza sui vari lavori che si possono effettuare in sicurezza ed autonomia.

Partire dalle pulizie

“Chi ben inizia è a metà dell’opera”: senza ombra di dubbio questo è uno dei detti che meglio si addice alla pulizia e ai controlli autunnali per il Camper.  Per iniziare bene, bisogna quindi svuotare il camper di tutti gli oggetti e dispositivi presenti al suo interno, in questo modo si potrà procedere ad una pulizia e ad un controllo minuzioso di tutti i componenti presenti nel veicolo.

Controlli minuziosi

Liberati armadi, dispense e cassetti, è possibile verificare il buon funzionamento dei sistemi di chiusura e la presenza di eventuali piccoli danni procurati durante le vacanze. A questo punto siamo pronti per passare alla pulizia utilizzando possibilmente prodotti specifici, o in alternativa acqua e sapone neutro per evitare  di rovinare le diverse superfici. Per il frigo si può ricorrere anche a una soluzione di acqua e aceto, che elimina gli odori. Ricordatevi di lasciare poi lo sportello del frigo aperto. Mentre si passano spugna e aspirapolvere, consigliamo di controllare che sia tutto perfetto anche nelle guarnizioni e nei meccanismi di apertura-chiusura di porte, finestre, zanzariere e tendine. Concluso il lavoro all’interno, si può passare con tutta tranquillità al controllo e alla pulizia dell’esterno.

Non bisogna inoltre dimenticare di svuotare e pulire i serbatoi, soprattutto quello destinato alle acque bianche. Per stare più tranquilli è bene controllare anche la stufa, verificando il suo corretto funzionamento. Stesso discorso per quanto riguarda il boiler dell’acqua calda, controllando presa d’aria e scarico, così come risulta necessario controllate la corretta chiusura della bombola del gas.

Attenzione alla meccanica

Anche se non lavoriamo per officine specializzate, è possibile effettuare un check di alcune parti meccaniche e strutturali del nostro camper, a partire dal suo sottoscocca che va controllato con una torcia adeguata per verificare che non abbia riportato danni o perdite nelle ultime vacanze. I più smaliziati possono verificare lo stato di ammortizzatori, sospensioni, semiassi, freni e frizione, inoltre è bene staccare le batterie, per non ritrovarle scariche in primavera, così come è buona norma controllare la quantità dei liquidi del motore, come acqua e olio. Per interventi più complicati, consigliamo vivamente di rivolgersi a meccanici preparati o a centri specializzati che avranno il compito di garantire il perfetto funzionamento del nostro amato veicolo.

 

 

 




Camper Sharing, la felicità è vera solo se condivisa

Come abbiamo dichiarato più volte su questo magazine, i Camper van si presentano come le weekend car per eccellenza per tutti coloro che prediligono i viaggi all’aria aperta, vissuti nella massima sicurezza, cosa fondamentale in questo difficile periodo di emergenza sanitaria. Questo tipo di veicoli però molto spesso hanno un elevato costo di acquisto, inoltre anche i costi di gestione e manutenzione possono risultare importanti e pesare negativamente sul proprio budget.

Lo sharing come filosofia di vita

Una soluzione a questi problemi arriva dall’ultima tendenza del mercato chiamata “Camper Sharing”, nata sulla falsa riga dei servizi di car sharing, proposti da numerose aziende nelle più grandi città italiane. Nell’era della condivisione anche l’idea di mettere in sharing il proprio camper è diventata ormai una realtà concreta. Se la casa a quattro ruote era considerata appannaggio di nicchia, l’estate 2020 ha segnato il suo passaggio ad un bene di larga attrattiva, consentendo a sempre più neofiti e curiosi di avvicinarsi all’esperienza del viaggio on the road e godere del senso di libertà, sicurezza e contatto con la natura che solo questa esperienza consente.

Cosa vuol dire esattamente condividere il proprio mezzo? Quali sono i passaggi e dubbi da sciogliere per decidere, in completa sicurezza, di affidarsi ad una piattaforma digitale di camper sharing? A questi interrogativi risponde Yescapa, leader europeo nella condivisione tra privati di camper, van e furgoni camperizzati, spiegando tutti i passaggi per comprendere la condivisione e attuarla nel modo migliore.

Camper sharing: perché distinguerlo dal noleggio tradizionale

In un contesto socio-culturale in cui la proprietà comincia ad essere intesa come accesso ad un bene e non più soltanto come espressione del suo possesso, anche il camper, da bene privato e personalissimo per i suoi proprietari, si sta trasformando in un mezzo sempre più passibile di condivisione. Chi sceglie il camper come mezzo per viaggiare sa che la conoscenza dell’altro e la condivisione con l’altro sono la sostanza di una vera esperienza di viaggio. Poter mettere a disposizione il proprio veicolo non vuol dire soltanto “affittare” ma raccontare una storia fatta di chilometri, ricordi e di vita, spiega Dario Femiani, country manager Italia per Yescapa.

Tutti i proprietari privati possono mettere a disposizione il proprio mezzo  ma, a differenza del noleggio tradizionale, è necessario sia fatto per un periodo di tempo limitato – massimo 30 giorni consecutivi – e con tariffe inferiori,  corrispondenti a un rimborso per l’utilizzo del mezzo”, conclude Femiani.

Ammortizzare le spese di manutenzione del veicolo nei mesi di non utilizzo

Per gli appassionati, il camper è un bene ad altissimo valore affettivo. Tuttavia si stima che l’utilizzo medio di un veicolo ricreazionale sia di 70 giorni l’anno, ovvero il 20% del suo intero ciclo di vita. I costi annui, suddivisi tra bollo, assicurazione, revisione e manutenzione varia possono raggiungere anche i 4.000 euro. Per ammortizzare in gran parte il costo di mantenimento annuale del veicolo sarebbero sufficienti 6 settimane di condivisione del proprio camper. Il compenso medio di un proprietario attraverso la piattaforma di camper sharing è di circa 575 euro a settimana, quelli annui si aggirano intorno ai 3mila euro.

Ammortizzare il costo d’acquisto di un camper nuovo

Il camper sharing inoltre si afferma anche come una formula appetibile per rilanciare il settore dei veicoli ricreazionali e di autofinanziamento del nuovo. La spesa per acquistare un camper appartenente al modello di fascia più bassa è di almeno 45.000 euro. Facile intuire come lo sharing potrebbe considerarsi come un valido supporto e incentivo per procedere al progetto d’acquisto.

Il contratto di condivisione

Perché la formula del camper sharing abbia validità è necessario siglare un contratto di condivisione. Yescapa come agente intermediario non prende parte all’atto di condivisione ma supporta i propri utenti fornendo un contratto preintestato. Insieme a questo verrà fornita anche una scheda di ispezione del veicolo, necessaria per garantire le condizioni del veicolo stesso e la lista dell’equipaggiamento fornito. Il contratto, con valenza di comodato d’uso modale, sarà un accordo non professionale per l’utilizzo condiviso di un veicolo.

Il camper sharing è un reddito extra da dichiarare

I proprietari privati presenti con il loro mezzo su sito www.yescapa.it non saranno tenuti ad aprire la partita IVA se la condivisione sarà saltuaria. Ai fini fiscali Yescapa come intermediario del servizio non interviene in alcun modo come sostituto d’imposta, quindi i compensi percepiti dovranno essere considerati redditi-extra. Questo perché derivanti da prestazioni occasionali e non professionali ed essere inseriti nella dichiarazione dei redditi perché soggetti a tassazione.

Garanzia assicurativa per condividere in completa sicurezza

In costante collaborazione con il partner Nobis Assicurazioni, Yescapa fornisce un’innovativa copertura assicurativa creata ad-hoc per il camper-sharing. Si tratta di una polizza temporanea, valida per tutto il periodo di condivisione, sottoscritta automaticamente ogni qual volta una prenotazione viene confermata sulla piattaforma.

Per garantire un viaggio sicuro e proteggere il veicolo condiviso, Yescapa fornisce una copertura Kasko, incluso furto, incendio e atti vandalici. Queste garanzie si integrano all’assicurazione RC-Auto del proprietario, proteggendo il suo bonus-malus; ciò significa che in caso di incidente causato dal viaggiatore durante la condivisione, il premio assicurativo del proprietario non aumenterà. Inoltre in caso di bisogno, la piattaforma fornisce un’assistenza stradale che interviene in tutta Europa 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

 




Weekend Premium Awards: il Ford Transit Custom Nugget eletto vincitore del “Weekend in Van 2020”

Compatti, agili e maneggevoli, ma anche spaziosi e sempre più rispettosi dell’ambiente. Sono queste le doti che rendono i Camper van le weekend car per eccellenza per tutti coloro che prediligono i viaggi all’aria aperta.

i Camper VAN, conosciuti anche con il nome di furgonati, sono stati capaci di registrare un aumento esponenziale delle vendite, ma anche nel campo del noleggio. Questa tendenza di mercato è stata ampiamente prevista dalla Redazione di Weekend Premium che può vantare di aver organizzato ormai da tempo l’ambito riconoscimento “Weekend in Van 2020”, assegnato nel corso dei “Weekend Premium Awards”.

Quest’anno ha trionfato nella fitta concorrenza il nuovo Ford Transit Custom Nugget, Van camperizzato dal carattere versatile e poliedrico in grado di aver calamitato l’attenzione dei lettori di Weekend Premium. Subito dietro l’apprezzatissimo furgonato della Casa dell’Ovale blu si è posizionato il Volkswagen Gran California, versione di punta dell’offerta della Casa di Wolfsburg, mentre sul terzo gradino del podio troviamo il Camper Van francese Citroen Campester.

Ford Transit Custom Nugget

Protagonista indiscusso del Salone del Camper 2020 e ora anche eletto vincitore del riconoscimento “Weekend in Van 2020”, il nuovo Ford Transit Custom ha conquistato il cuore degli appassionati dei viaggi in libertà, grazie alle sue numerose qualità che scopriremo insieme in questo articolo.

Il nuovo Ford Transit Custom Nugget è frutto della collaborazione tra la Casa dell’Ovale Blu e Westfalia azienda tedesca leader nel settore della camperizzazione. Il passo più generoso ha messo a disposizione ben 35 cm in più che hanno consentito di ospitare all’interno del veicolo anche un WC e un piccolo lavandino pieghevole.

L’abitacolo vanta una pianta a “L” e permette di ospitare un piccolo angolo cottura, inoltre offre un’ottima seprazione tra la zona giorno e quella notta. Quest’ultima concentrata sul tetto, dove troviamo la tenda a scomparsa che ospita un letto matrimoniale ancora più spazioso grazie ai centimetri in più del veicolo. La dotazione comprende serbatoi per acqua dolce e di scarico, entrambi con una capienza da 42 litri.

Il Ford Transit Custom Nugget è già ordinabile in concessionaria, mentre le prime consegne partiranno nel corso del primo trimestre del prossimo anno. La gamma motorizzazioni comprende l’affidabile ed economo motore diesel EcoBLue da 2.0 litri. Questa unità è declinata nelle varianti da 128 e 182 CV ed è abbinabile al cambio manuale o automatico a sei rapporti.

Volkswagen Gran California

Il Volkswagen Grand California, perfetto connubio di compattezza e funzionalità, unico camper del mercato ad essere interamente prodotto dalla propria casa madre. Basato su Crafter, il Gran California è di conseguenza più lungo, più largo e più alto del noto California. Il maggiore spazio disponibile è stato utilizzato per dotare il veicolo di un bagno, un letto più grande nella parte posteriore del mezzo.  A questi dettagli si aggiungono una cucina completa e una zona giorno luminosa, elegante e, soprattutto, alta. Affinché il Grand California possa soddisfare le differenti esigenze di libertà durante i viaggi, il modello viene offerto con due varianti di passo e altrettante tipologie di tetto nonché, a richiesta, con trazione integrale 4MOTION anziché trazione anteriore.

Citroen Campster

Basato sul noto SpaceTourer, il Citroen Campster si presenta come un camper van in grado di soddisfare ogni esigenza di viaggio. I lunghi tragitti o le brevi gite possono diventare momenti di puro relax e condivisione con i nostri compagni di viaggio. Proposto con il doppio portellone laterale, Campster porta in dote delle vere unicità per questo genere di veicolo. La più sorprendente è quella di poter rimuovere la cucina facendola scendere dal portellone lato guida.




Voglia di un Weekend Premium indimenticabile? Ecco le mete italiane più stuzzicanti da raggiungere con i Camper Van

Come abbiamo ribadito più volte nelle pagine del magazine Weekend Premium, quella del 2020 è stata un’estate a tutto camper. Il turismo in libertà ha conquistato la penisola, con i mezzi ricreazionali a farla da padrone sulle strade italiane grazie alla possibilità di garantire sicurezza sanitaria unita alla possibilità di spostarsi e sostare scegliendo dove e quando farlo in completa autonomia. Ora con l’arrivo dell’autunno vogliamo farvi scoprire la ricetta perfetta per nuovi Weekend Premium, da vivere in alcune delle mete italiane più suggestive e coinvolgenti che possono essere raggiunte a bordo di un Camper Van

I posti Top del Nord Italia

Valle d’Aosta

Se si pensa ad un Weekend Premium, nonsi può che nominare Cogne, borgo incastonato tra le montagne della Valle d’Aosta, alle porte della più antica e celebre area protetta d’Italia, il Parco Nazionale del Gran Paradiso. L’idea è pedalare sui tracciati che in inverno ospitano le gare di sci di fondo, vedere i camosci e andare, oltre la frazione di Valnontey, sul Sentiero Reale che porta al Rifugio Sella alla ricerca degli stambecchi. Per sostare il Camping Margherita a Gressoney St. Jean oppure il Dalai Lama Village in Frazione Promiod a Chatillon, un glamping con zona campeggio, maisonnette, ristorante, area wellness aperto tutto l’anno ad esclusione del mese di novembre.

Lombardia

In provincia di Brescia per seguire la 38° edizione della 1000 Miglia che si svolgerà da giovedì 22 a domenica 25 ottobre. Saranno circa 400 gli equipaggi provenienti da una trentina di paesi del mondo con auto costruite fra il 1927 e il 1957 che si ritroveranno per dare vita a un corteo di auto storiche che partirà da Brescia e si spingerà fino a Roma per ritornare a Brescia.

Per la sosta da segnalare il Camping Village Piantelle a Moniga sul Lago di Garda che offre tutto il meglio per una sosta rilassante.

Alto Adige

Per un Weekend PRemium all’ìinsegna della natura, si può optare per San Candido dove fare un piacevole giro in bici dall’altra parte del confine lungo la ciclabile San Candido-Lienz, uno degli itinerari preferiti dagli amanti delle due ruote. Sono 42 km in tutto con una piacevole sosta a Heinfels, appena dopo Sillian, per acquistare wafers Loacker direttamente nel negozio della fabbrica e recuperare le energie spese nella biciclettata.

Per la sosta il Caravan Park Sexten immerso nella natura di un paesaggio incontaminato offre tutto il meglio che si possa desiderare a cominciare dalla SPA dove farsi coccolare per finire con il raffinato ristorante.

Veneto

A Venezia per andare alla scoperta di angoli insoliti e sconosciuti, lontana dai classici itinerari turistici, tra calli, ponti e canali. Cominciare da Cannareggio, un sestriere tranquillo abitato da veneziani doc e poi andare ad ascoltare le onde che si infrangono sulle sponde del cotto a spina di pesce del Campo dell’Abbazia, con le facciate di Santa Maria in Valverde e della Scuola Vecchia per finire davanti ai leoni dell’ingresso dell’Arsenale e sentirsi piccoli piccoli. Con il vaporetto raggiungere Murano per scoprire l’arte del vetro e le case colorate di Burano.

Si sosta al Camping Union Lido 5 stelle del Lido di Cavallino e si raggiunge Venezia comodamente in mezz’ora di battello da Punta Sabbioni.

…e quelli del SUD Italia

Toscana

A Firenze per dedicare una giornata alla visita degli Uffizi, al Duomo e al Battistero prima di arrivare alla Loggia cinquecentesca del porcellino. Un seguito è “obbligatorio” andarsene ad ammirare il foliage sulle morbide colline del Chianti per visitare una delle più antiche case vinicole del mondo e la più grande del terroir del Chianti Classico, la casa vinicola Barone Ricasoli nel Castello di Brolio a Gaiole in Chianti.

Per la meritata sosta spostarsi al Campeggio Mareblu di Cecina, tra i 10 campeggi che hanno ottenuto il certificato di Eccellenza KoobCamp 2020.

Abruzzo

Nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga per una full immersion negli imponenti scenari abruzzesi. Si sale verso l’altopiano di Campo Imperatore, detto il piccolo Tibet d’Italia per la sua conformazione che ricorda le steppe mongole, mentre la vastità dell’immensa pianura, dove svetta imponente la mole del Corno Grande, lascia stupefatti.

Sosta al Camping del Sole.

Campania

A Napoli per guardare la città e il golfo dall’alto della Certosa di San Martino. Si sale con la funicolare e dopo aver ammirato quel capolavoro che è il Presepe Cuciniello ci si affaccia per contemplare lo spettacolo unico della città, a cominciare dal Corso Umberto, e l’intrico di vicoli dei quartieri spagnoli. In fondo si erge maestoso il Vesuvio, con ai piedi Pompei rimasta ferma alla drammatica eruzione del 79 d.C. Una passeggiata sul lungomare Caracciolo fino a Castel dell’Ovo e poi in Piazza del Plebiscito per un caffè da Gambrinus, prima di prendere il traghetto per Ischia, dove rilassarsi alle terme.

Sosta all’EuroCamping dei Pini.

Puglia

In Puglia per ammirare la natura ricca di contrasti del Gargano e delle Isole Tremiti e poi inanellare cittadine ricche di storia affacciate sul mare come Barletta, Trani, Molfetta e castelli imponenti che hanno fatto la storia, come Castel del Monte dove Federico II amava dedicarsi all’arte della falconeria. Poi giù verso il Salento, per scoprire Lecce e il suo magnifico barocco e poi Otranto, la Grotta Zinzulusa, Torre dell’Orso, per finire a Santa Maria di Leuca.

Sosta al glamping La Masseria a Gallipoli, aperto tutto l’anno con una piscina tra le più grandi del sud Italia.

Sicilia

Un tour in Sicilia, l’isola dalla storia millenaria amata da Goethe, tra le città del Barocco, Ragusa Ibla, Scicli, Noto, Catania, Siracusa e per finire Modica, dove fare scorta di ottima cioccolata. E poi giù, verso Porto Palo, per gustare i pomodori di Pachino e successivamente finire ad ammirare il tramonto ad Isola delle Correnti.

Per la sosta, da segnalare lo Scarabeo Camping a Punta Braccetto, Ragusa.




Mercedes Classe V e Marco Polo ACTIVITY, con il sistema MBUX i Weekend Premium diventano super tecnologici

Per viaggiare in prima classe e vivere un Weekend Premium all’insegna dell’avventura e della libertà è necessario scegliere un veicolo dalle caratteristiche versatili, dotato di finiture lussuose e di un corredo tecnologico di primo livello. Tutte queste caratteristiche sono racchiuse nei nuovi modelli Mercedes Classe V e Marco Polo ACTIVITY, aggiornati secondo canoni ancora più efficienti e sofisticati, grazie all’introduzione di una serie di novità, come ad esempio il nuovo sistema multimediale MBUX dotato di intelligenza artificiale.

Mercedes Classe V

Appena cinque anni fa, la Mercedes Classe V ridefiniva gli standard nel segmento delle monovolume grazie al suo design, alla sua qualità percepita, al suo livello di comfort ed ai suoi sistemi di sicurezza ed assistenza che rendevano questo modello un mezzo ideale per affrontare viaggi degni di una business class.

Ora, la Casa della Stella a tre punte è stata protagonista di un interessante restyling che punta a valorizzare ulteriormente queste qualità, rendendo così ancora più attraente e appetibile questo modello versatile, lussuoso e confortevole.

Design affinato e confort migliorato

Lo stile e la qualità percepita della Classe V aprono nuovi orizzonti nel settore delle monovolume. I designer di Stoccarda hanno rinnovato il look alla Classe V con una serie di interventi mirati ed in linea con il linguaggio stilistico degli attuali modelli di autovetture della Stella.

Grazie alle novità introdotte con questo restyling, i passeggeri posteriori potranno beneficiare di maggior comfort, paragonabile a quello offerto dall’ammiraglia Classe S, grazie ai sedili di lusso per la prima fila (disponibili a richiesta), che integrano funzione riposo, massaggio alla schiena e climatizzazione. I viaggi a bordo della nuova Classe V offrono un’esperienza rilassante e di puro benessere.

Sistema MBUX

Anche gli autocaravan ed i veicoli per il tempo libero Marco Polo ACTIVITY e Marco Polo HORIZON beneficiano delle novità introdotte a bordo della Classe V, come ad esempio il sistema di infotainment MBUX, capace di sfruttare la tecnologia dell’intelligenza artificiale per offrire a guidatore e passeggeri un’esperienza multimediale ultra-connessa.

L’elemento centrale del sistema multimediale MBUX è rappresentato dal suo intuitivo concept di comando e, soprattutto, dal suo sistema di comando vocale. Questo riconosce praticamente ogni frase possibile con riferimento ad infotainment e comando del veicolo. Per esempio, frasi come “Accendi la radio” e “Accendi il riscaldamento sedili”. È, inoltre, in grado di comprendere frasi come “Ho freddo”. Il sistema di comando vocale viene attivato mediante un pulsante sul volante oppure pronunciando la parola chiave ‘Hey Mercedes’. Il sistema di comando vocale è inoltre in grado di apprendere, si adatta all’utente ed alla sua voce e comprende anche le espressioni più colloquiali.

Oltre che dal sistema di comando vocale, MBUX può anche essere comandato mediante il display centrale ad alta risoluzione da 7″ o touchscreen da 10,25″ o il touchpad sulla consolle centrale. Attraverso i comandi touch, è possibile ingrandire o spostare il contenuto visualizzato, una funzione che risulta particolarmente utile quando si desidera maggiore precisione per la mappa di navigazione. Il touchpad è inoltre in grado di riconoscere la scrittura a mano. MBUX coniuga questa modalità di funzionamento intuitiva e intelligente con le funzioni di previsione, che consentono al sistema di riconoscere qual è la prossima azione che il guidatore vorrebbe compiere.

L’MBUX è anche dotato dell’innovativo modulo d’interfaccia Mercedes-Benz Advanced Control (o MBAC), che rende il Marco Polo una vera e propria “smart home” su ruote. MBAC permette di connettere numerosi componenti nell’area living del Marco Polo (frigorifero, serbatoio acqua, riscaldamento supplementare, etc.), comodamente controllabili da un’unica posizione.

Mercedes Marco Polo ACTIVITY

Il nuovo Mercedes Marco Polo ACTIVITY si presenta come il mezzo ideale per conoscere, visitare ed apprezzare le bellezze paesaggistiche che ci circondano, ma anche le città d’arte e di cultura, grazie alle sue forme compatte – paragonabili a quelle di una normale monovolume – che nascondo un vero e proprio appartamento in miniatura.

La nostra Redazione ha da sempre un debole per i Camper Van e in particolare per il Marco Polo, non è infatti un caso che questo modello della Casa di Stoccarda sia uno dei finalisti dell’ambito riconoscimento “Weekend in Van 2020”, pronto ad essere assegnato il prossimo mese nel corso dei “Weekend Premium Awards”.

Si riconosce per il look minimal

Dal punto di vista estetico, la Mercedes Marco Polo ACTIVITY si riconosce per i paraurti in plastica nera non verniciata, che risultano decisamente più pratici e soprattutto resistenti quando si parcheggia la vettura. Di nuova concezione la griglia frontale che ospita la grande stella, simbolo del marchio tedesco. A richiesta è possibile ordinare la mascherina cromata.

Ancora più divertimento

Il nuovo Marco Polo ACTIVITY non è solo più dinamico, efficiente nei consumi e sicuro, ma vanta anche importanti aggiornamenti all’interno. Il modello offre così la ricezione radio digitale (DAB+). Già la predisposizione per autoradio di serie può essere configurata a richiesta con DAB+. In questo modo, i campeggiatori possono godersi una ricezione radio chiara e senza interferenze, dal sedile tre posti/divanetto posteriore di serie o dal letto integrato nel tetto sollevabile, che ci si trovi sulla sulle Alpi italiane o nel Salento. Il sistema Audio 10 comprende inoltre un’interfaccia Bluetooth con funzione vivavoce, utile anche per lo streaming musicale. I sistemi infotainment Audio 30 ed Audio 40 offrono poi un touchscreen da 7 pollici con integrazione per smartphone tramite Apple CarPlay ed Android Auto.

Basato su Vito, Marco Polo ACTIVITY è il modello d’accesso nella famiglia Marco Polo e si contraddistingue soprattutto per l’elevata molteplicità di varianti a livello di motore e trazione e per la massima variabilità all’interno. Per quanto riguarda la dotazione di sedili, si va dai cinque posti di serie ai sette. I sedili possono essere spostati in avanti lungo le apposite guide. In questo modo, in pochi secondi si può contare su un bagagliaio con capacità di carico più che raddoppiata. Per la notte si può ricorrere al letto integrato nel tetto sollevabile o al sedile tre posti/divanetto. Marco Polo ACTIVITY è quindi rivolto alle famiglie giovani con due o più bambini che amano una vita attiva ed alle persone sempre in movimento che hanno bisogno di spazio per le attrezzature sportive e le attività all’aperto, alla ricerca della massima indipendenza.

Marco Polo HORIZON

Anch’esso basato su Vito, Mercedes Marco Polo Orizon è versatile per quanto riguarda la configurazione dei sedili ed offre fino a cinque posti letto. Ma il modello colpisce soprattutto dal punto di vista del design perché richiama da vicino il suo veicolo base, ovvero Classe V. Con la sua ampia scelta di equipaggiamenti a richiesta, come per esempio AMG Line, Marco Polo HORIZON è perfetto per tutti i gusti. Il modello è destinato ai clienti attenti alle nuove tendenze, che sono alla ricerca di un veicolo versatile e funzionale per brevi vacanze ed attività all’aperto e, al contempo, non vogliono rinunciare ad un look elegante nella vita di tutti i giorni.

Arriva il nuovo motore da 239 CV

Marco Polo viene proposto in una nuova e potente versione da 239 CV e 500 Nm di coppia, in grado di offrire prestazioni di assoluto rilievo per una guida sicura e divertente. Il resto della gamma comprende le altre varianti di potenza da 136, 163 e 190 CV. Come unità entry-level il motore 1.7 litri con  trazione anteriore e cambio manuale a 6 marce, mentre le altre versioni possono contare sul sofisticato automatico 9G-Tronic e sulla trazione posteriore.

Assetto variabile

Degno di nota le sospensioni pneumatiche Airmatic che permettono di modificare anche con un’escursione fino a 4,5 cm, inoltre quando si superano 100 km/h il veicolo si abbassa automaticamente di 1 cm per migliorare l’aerodinamica.

 




I migliori Camper VAN scelti da Weekend Premium per viaggi in assoluta libertà

L’estate 2020 è stata senza ombra di dubbio la stagione dei camper, dei caravan e dei camper VAN: tantissimi italiani hanno infatti scoperto durante questi ultimi mesi la bellezza del turismo in libertà offerta dall’uso di questi veicoli ricreazionali, in grado di garantire la massima sicurezza sanitaria e la più totale autonomia di movimento, in un periodo tristemente segnato dalla Pandemia globale provocata dal Coronavirus.

Il mercato dei camper e dei camper van sta vivendo un successo senza precedenti e soprattutto in controtendenza, come sottolineano i numeri realizzati dopo il lockdown: a maggio, pur partendo in ritardo, sono state eguagliate le immatricolazioni del maggio scorso, a giugno è stato registrato un +50% rispetto allo stesso mese del 2019, a luglio +114% e ad agosto +104%. Praticamente in un solo mese sono state recuperate tutte le perdite registrate durante il lockdown.

I modelli più apprezzati di questo segmento di veicolo sono stati i Camper VAN, conosciuti anche con il nome di furgonati, capaci di registrare un aumento esponenziale delle vendite, ma anche nel campo del noleggio. Questa tendenza di mercato è stata ampiamente prevista dalla Redazione di Weekend Premium che può vantare di aver organizzato ormai da tempo l’ambito riconoscimento “Weekend in Van 2020”, pronto ad essere assegnato il prossimo mese nel corso dei “Weekend Premium Awards”.

Il successo dei camper VAN è scaturito dalle numerose qualità intrinseche che portano in dote questi modelli. Innanzi tutto le dimensioni di questi veicoli risultano molto più compatte rispetto ad un camper tradizionali, infatti gli ingombri esterni sono paragonabili a quelli di una monovolume di grandi dimensioni.

 

Nonostante le loro dimensioni compatte, all’interno di questi furgonati è possibile trovare comodità di ogni genere, grazie a soluzioni intelligenti che permettono di sfruttare al meglio lo spazio disponibile. Ad esempio, molti modelli offrono un letto matrimoniale posizionato all’interno del tetto, con quest’ultimo che vanta un’apertura a soffietto. Non mancano inoltre le versioni con letto matrimoniale trasversale e quelle con doppio letto matrimoniale a castello, oppure la soluzione con letti singoli gemellati. Altri modelli, come il Ford Transit Nugget Custom ospitano persino un piccolo bagno dotato di lavandino.

Di seguito parleremo di 5 nuovi modelli di  Camper van capaci attirare la curiosità di tutta la nostra Redazione, sempre pronta a partire per una nuova ed emozionante avventura.

Opel Zafira Life Crosscamp

Nella vasta scelta di Camper e caravan spicca il nuovo Opel Zafira Life Crosscamp, camper 4 posti compatto e versatile che ama anche l’off road grazie ad una dotazione specifica disponibile a richiesta. a Opel Zafira Life può essere paragonata – per versatilità e utilità – ad un coltellino svizzero. Basti pensare che la monovolume tedesca risulta disponibile in tre lunghezze e con interni modulari. Come opzione, le porte scorrevoli si aprono e si chiudono elettricamente, mentre il raggio di sterzata stretto, la visibilità a 360 gradi e la buona maneggevolezza rendono la Zafira Life ideale per i viaggi con la famiglia. Ora però, la Zafira diventa ancora più ideale per i lungi viaggi e per le vacanze all’insegna dell’avventura. Gli specialisti di della Crosscamp hanno infatti realizzato una fantastica versione camper quattro posti del modello della Casa del Fulmine.

L’Opel Zafira Life Crosscamp è lunga 4,95 metri e si presenta come un camper completamente attrezzato per ospitare quattro comodi posti letto. Il veicolo risulta dotato di tetto rialzato, un letto, armadi a muro e un angolo cottura. I mobili hanno una finitura elegante, monocromatica e particolarmente robusta con effetto pietra. L’elevata flessibilità consente un uso praticamente illimitato come autovettura: grazie all’altezza di soli 1,99 m, la maggior parte dei parcheggi sono completamente accessibili.

Come se non bastasse, gli amanti della natura estrema e dell’off road potranno optare per il pacchetto fuoristrada opzionale. Questo pacchetto include un assetto rialzato di 25 cm, protezioni sottoscocca e ruota di scorta di dimensioni standard. La vettura può contare sul sistema di trazione Opel IntelliGrip che garantisce la massima aderenza su ogni tipo di superficie.

Ford Transit Custom Nugget

Il nuovo Ford Transit Custom Nugget è una Van camperizzato dal carattere versatile e poliedrico che può vantare di aver calamitato l’attenzione dei visitatori e degli addetti ai lavori presenti al Salone del Camper che si è svolto a Parma nel mese di settembre.

Il nuovo Ford Transit Custom Nugget è frutto della collaborazione tra la Casa dell’Ovale Blu e Westfalia azienda tedesca leader nel settore della camperizzazione. Il modello targato Ford rinnova quindi la sua sfida a giganti del calibro di Mercedes Marco Polo e Volkswagen Transporter, basandosi ora sul più spazioso Transit Custom dotato di passo lungo.

Il passo più lungo ha messo a disposizione ben 35 cm in più che hanno consentito di ospitare all’interno del veicolo anche un WC. A questo si aggiunge un piccolo lavandino pieghevole, ed entrambi sono installati sul retro. La privacy è garantita dalla presenza di un pannello divisorio, inoltre sottolineiamo il fatto che la presenza di un lavabo posteriore consente di utilizzare quello principale esclusivamente per la cucina.

L’abitacolo vanta una pianta a “L” e permette di ospitare un piccolo angolo cottura, inoltre offre un’ottima separazione tra la zona giorno e quella notta. Quest’ultima concentrata sul tetto, dove troviamo la tenda a scomparsa che ospita un letto matrimoniale ancora più spazioso grazie ai centimetri in più del veicolo. La dotazione comprende serbatoi per acqua dolce e di scarico, entrambi con una capienza da 42 litri.

La gamma motorizzazioni comprende l’affidabile ed economo motore diesel EcoBLue da 2.0 litri. Questa unità è declinata nelle varianti da 128 e 182 CV ed è abbinabile al cambio manuale o automatico a sei rapporti. Entrambe le versioni vantano consumi di carburante decisamente convenienti, si parla infatti di medie fino a 22km/litro.

Fiat Ducato MY2020

Secondo la rivista specializzata Promobil, il Fiat Ducato è la “Miglior base per i camper 2020” in quanto risulta versatile, modulare e personalizzabile in ogni suo spazio, in grado di offrire differenti soluzioni per scegliere le sue dimensioni. Sono disponibili 4 lunghezze, 3 altezze e 3 passi in base alle proprie esigenze.

Anche la miglior base per i camper dell’anno non poteva che seguire le ultime tendenze e abbracciare l’elettrificazione. Ducato, infatti, è leader del settore negli ultimi 10 anni e conta ormai più di 500.000 famiglie che hanno deciso di viaggiare a bordo di van allestiti sulla sua base. Perciò Ducato vuole affermarsi anche nel panorama dei van elettrici.

La variante 100% green del van Fiat è disponibile in tutte le varianti di carrozzeria con la stessa volumetria di carico del Ducato tradizionale, da 10 a 17 metri cubi, ed una portata massima di 1.950 chilogrammi.

Nissan E-NV200

l van della casa giapponese nasce dall’incontro di Nissan NV200 e la tecnologia 100% green già adottata su Leaf. In questo modo e-NV200 diventa il giusto compagno di viaggio per esplorare i borghi d’Italia e raggiungere le mete immerse nella natura a zero emissioni. Inoltre, permette di accedere liberamente ai centri cittadini e in tutte quelle zone dove vi sono restrizioni dovute alle emissioni. Il van ha, infatti, un’autonomia di 301 km su ciclo urbano (Wltp) e una batteria da 40 kWh.

La lunghezza di Nissan e-NV200 è 4,56 metri, mentre la larghezza è 1,75 metri e il passo è di 2,72 metri. Le sue dimensioni permettono di muoversi abbastanza agilmente e agevolmente anche quando siete in città. Il suo design ha risentito inevitabilmente della mancanza di un motore tradizionale. Infatti, è assente la griglia di respirazione, sostituita dal logo della casa madre. Proprio qui sul frontale è presente il bocchettone di ricarica, che può avvenire in tre differenti modalità: da un’ora fino a nove con presa domestica.

Sono tre gli allestimenti a disposizione su questo van: Courier, Business e Exclusive. Il van camperizzato Nissan ospita fino a quattro persone e possiede al suo interno un piccolo angolo cottura con frigorifero, lavello e tavolo per pranzare. È presente anche un portabiciclette per affrontare delle avventure all’insegna dello sport.

Volkswagen California 6.1

California è il camper Van della casa tedesca per i viaggi e il tempo libero disponibile nelle versioni “Beach”, “Ocean”, “Beach Edition” e “Ocean Edition”. L’ultima versione del Bulli, su cui si basa California é il 6.1. Tra le novità a bordo troviamo innumerevoli sistemi di assistenza, per la prima volta una strumentazione digitale e sistemi di infotainment Volkswagen di ultima generazione.

Il van si trasforma in camera da letto in grado di ospitare 4 persone grazie al tetto sollevabile regolabile manualmente. La cucina è attrezzata con un box frigorifero, e un blocco fornello-lavello con numerosi scomparti. California è in grado di estendersi anche esternamente, grazie a un tavolo da campeggio con sedie facili da montare e riponibili in un apposito vano. Il serbatoio dell’acqua per la doccia è situato nella parte posteriore.

Il California 6.1 è disponibile sia con trazione anteriore che con quella integrale, mentre la gamma motori si amplia con il nuovo propulsore diesel 2.0 TDI omologato Euro 6d-Temp. Tra i sistemi di assistenza alla guida troviamo: Lane Assist, il Park Assist, il Cross Wind Assist e il Trailer Assist.




Ford Transit Custom Nugget: è lui il Re incontrastato del Salone del Camper?

Tra i protagonisti del Salone del Camper 2020 spicca il nuovo Ford Transit Custom Nugget, Van camperizzato dal carattere versatile e poliedrico in grado di aver calamitato l’attenzione dei visitatori e degli addetti ai lavori presenti all’evento che si è svolto a Parma.

 

Le qualità di questo Van non sono sfuggite nemmeno alla Redazione di Weekend Premium, come dimostra la presenza di questo modello nella classifica finale dei veicoli che si contenderanno l’ambito riconoscimento “Weekend in Van 2020”, pronto ad essere assegnato il prossimo mese nel corso dei “Weekend Premium Awards”.

Realizzato con Westfalia

Il nuovo Ford Transit Custom Nugget è frutto della collaborazione tra la Casa dell’Ovale Blu e Westfalia azienda tedesca leader nel settore della camperizzazione. Il modello targato Ford rinnova quindi la sua sfida a giganti del calibro di Mercedes Marco Polo e Volkswagen Transporter, basandosi ora sul più spazioso Transit Custom dotato di passo lungo.

C’è anche il bagno

Il passo più lungo ha messo a disposizione ben 35 cm in più che hanno consentito di ospitare all’interno del veicolo anche un WC. A questo si aggiunge un piccolo lavandino pieghevole, ed entrambi sono installati sul retro. La privacy è garantita dalla presenza di un pannello divisorio, inoltre sottolineiamo il fatto che la presenza di un lavabo posteriore consente di utilizzare quello principale esclusivamente per la cucina.

L’abitacolo vanta una pianta a “L” e permette di ospitare un piccolo angolo cottura, inoltre offre un’ottima seprazione tra la zona giorno e quella notta. Quest’ultima concentrata sul tetto, dove troviamo la tenda a scomparsa che ospita un letto matrimoniale ancora più spazioso grazie ai centimetri in più del veicolo. La dotazione comprende serbatoi per acqua dolce e di scarico, entrambi con una capienza da 42 litri.

Meccanica efficiente e consumi da record

Il Ford Transit Custom Nugget è già ordinabile in concessionaria, mentre le prime consegne partiranno nel corso del primo trimestre del prossimo anno. La gamma motorizzazioni comprende l’affidabile ed economo motore diesel EcoBLue da 2.0 litri. Questa unità è declinata nelle varianti da 128 e 182 CV ed è abbinabile al cambio manuale o automatico a sei rapporti. Entrambe le versioni vantano consumi di carburante decisamente convenienti, si parla infatti di medie fino a 22km/litro.

 

Vota anche tu il miglior van/camper del 2020!!

Crea la tua indagine per il feedback degli utenti




Weekend in Van 2020: chi vincerà il premio di van dell’anno?

Ci siamo quasi, tra meno di un mese verrà decretato il vincitore di “Weekend in Van 2020”. Si tratta del riconoscimento dei Weekend Premium Awards, dedicato al van che più di tutti rappresenta l’essenza dell’outdoor. Un vero compagno di avventura in grado di accompagnarvi comodamente verso i migliori agriturismi e i Top Glamping alla scoperta della natura.

La scorsa edizione il premio era andato al lussuoso e versatile Mercedes Marco Polo. Chi sarà invece il vincitore di quest’anno?

I 10 concorrenti di Weekend in Van 2020

  • Citroen Campster
  • Fiat Ducato My2020
  • Ford Transit Custom Nugget
  • Mercedes-Benz EQV
  • Nissan E-NV200
  • Opel Zafira Life Crosscamp
  • Peugeot Expert Klubber
  • Renault TRAFIC  Camping-Car
  • Volkswagen California 6.1
  • Volkswagen Gran California

Ad oggi, in testa al sondaggio troviamo Volkswagen California 6.1, ma i giochi sono ancora aperti. Avrete tempo fino al 10 ottobre per esprimere la vostra preferenza!

 

Iscriviti alla Newsletter per rendere valido il voto!

Controlla la tua mail per confermare l’iscrizione


Vota anche tu il miglior van/camper del 2020!!

Crea la tua indagine per il feedback degli utenti




Vacanze on the road: le regole d’oro per scegliere il camper perfetto

L’organizzazione di un viaggio segna l’inizio emozionante di una nuova avventura: cosa visitare e mangiare, dove dormire, cosa portare e, ovviamente, scegliere le persone con cui condividere l’esperienza. Che sia in coppia, con amici o addirittura in solitaria, la scelta della soluzione di viaggio dipende molto dalla compagnia e dall’obiettivo della vacanza.

Un viaggio “on the road” può essere impegnativo, specialmente se comporta numerose ore in auto per raggiungere una destinazione. Scegliendo un camper per percorrere l’itinerario, il viaggio si fonde con la meta e la guida diventa un’esperienza piacevole. Questo aspetto, insieme alla voglia di viaggiare in sicurezza, ha fatto sì che il camper diventasse una delle tendenze di quest’estate.

[Gira pagina per scoprire le ultime tendenze sulle Vacanze in camper]

Vacanze in camper: una tendenza in forte crescita

Secondo una ricerca portata avanti da Indie Campers, tra le principali piattaforme di noleggio camper in Italia e Europa, il mese di Luglio si sta chiudendo in positivo con +250% di tasso di turismo domestico. Tra i clienti italiani che hanno deciso di passare le vacanze nel Belpaese, più di un terzo è in partenza da Milano, seguita da Roma al 26%. C’è invece chi opta per le isole, con Olbia al terzo posto delle prenotazioni estive Indie Campers, senza dimenticare chi sceglie di vivere la Sicilia on the road partendo da Catania.

[Gira pagina per scoprire il camper più adatto alle proprie esigenze]

Come scegliere il camper più adatto alle nostre esigenze?

Per la buona riuscita del viaggio, è fondamentale trovare il modello di camper adatto alle proprie esigenze. Grazie a un’offerta sempre più ampia, fare la scelta giusta è diventato semplice e sicuro. L’indipendenza del van, la praticità del furgonato o la comodità di un camper semintegrale: quale modello scegliere per partire on the road?

Sogni un viaggio epico in solitaria (e non solo), in pieno contatto con la natura e con il tuo io interiore? Andrai sul sicuro con la versione moderna del classico Volkswagen Bulli, per ricreare la giusta atmosfera di indipendenza e libertà. Punto a favore del van California è la guida, non molto diversa da un’auto: le sue dimensioni ridotte renderanno più facile l’accesso a quelle location da sogno nascoste che avevi sempre sognato. Il furgone camperizzato, viaggio facile tutto-in-uno. Il modello per chi non riesce a decidersi tra comodità e praticità. Quasi sempre costruito sulla base di un Fiat Ducato, un furgone camperizzato permette di vivere uno spazio completo di cucina, bagno e zona relax per sentirsi indipendenti sulla strada senza dover avere a che fare con veicoli ingombranti. Molto spesso non hanno bisogno di un’alimentazione elettrica esterna, l’ideale per passare la notte in luoghi più lontani. Comfort a cinque stelle con il semintegrale.

Se il viaggio on the road è una vacanza in famiglia, optare per più spazio e servizi completi sarà la scelta giusta. In questo caso, un camper semintegrale è una garanzia di comodità su quattro ruote. Piccoli dettagli come porte USB posizionate in tutto il veicolo e armadietti strategici, permettono di partire senza pensieri e con tutto il necessario a portata di mano. La maggior parte dei semintegrali come il modello Atlasoffre soluzioni spaziose e permette di viaggiare con una patente standard categoria B.




Viaggi in camper: ecco le 5 regole d’oro per un Weekend Premium perfetto

Giunti nel cuore dell’estate siamo ormai convinti che nella  vacanza post-covid ci si muoverà per distanze e periodi più brevi, ma come? La risposta è senza ombra di dubbio “il camper”, infatti ora è possibile approfittare di un’offerta sempre più ampia e completa, fatta di modelli e servizi extra per tutte le esigenze. La popolarità in aumento di questa formula, in particolare nel mercato domestico, è stata ampiamente documentata nelle ultime settimane: oltre al senso di libertà, le ragioni che oggi portano a scegliere un camper sono legate a sicurezza, elevati standard di igiene e possibilità di distanziamento sociale.

Una tendenza in rapida crescita

Una soluzione che sta suscitando l’interesse di un pubblico sempre più vasto, soprattutto tra i camperisti alle prime armi. Ad esempio, Indie Campers, tra le principali piattaforme di noleggio di camper in Italia e in Europa, conferma la tendenza dei nuovi viaggiatori on the road: “Dei nostri oltre 100.000 clienti, da sempre circa il 70% è al primo viaggio in camper. Il mese di maggio non solo ha dato inizio a un aumento costante di prenotazioni, ma anche all’interesse di persone estranee a questo mondo. Chi prima guardava solo a hotel o case in affitto, ora valuta l’avventura in camper – queste le parole di Edoardo Barge, Country Manager per Italia e Croazia di Indie Campers che ha inoltre aggiunto – Chi sceglie la vacanza itinerante è una persona che progetta, si informa e studia cosa fare. Per questo motivo, cerchiamo sempre di venire incontro ai viaggiatori con consigli prima della partenza. Quest’anno abbiamo anche inaugurato una sezione itinerari con diversi tipi di viaggi e suggerimenti su dove dormire, mangiare e cosa visitare.”

Piacevole alternativa alla vacanza tradizionale

E così il camper diventa una piacevole alternativa alla vacanza tradizionale, un modo unico di passare il tempo libero in compagnia di famiglia o amici. Per pianificare al meglio la prima avventura su strada, basterà seguire le cinque regole d’oro della vacanza on the road e rendere la prima esperienza indimenticabile.

[Gira la pagina per scoprire le 5 regole d’oro per un viaggio in camper perfetto]

Di seguito elenchiamo le 5 regole d’oro che aiuteranno i camperisti a realizzare il sogno di un viaggio indimenticabile e senza intoppi

  • Studiare: Prima di mettersi in viaggio, è fondamentale chiarire eventuali dubbi sul funzionamento del camper. Fare tutte le domande del caso al ritiro del veicolo e usufruire di un servizio di assistenza stradale sarà di aiuto per viaggiare tranquilli. Indie Campers, ad esempio, offre un supporto digitale con una serie di video tutorial dedicati ad ognuno dei suoi modelli.
  • Pianificare: Partire senza una meta precisa è il bello di viaggiare in camper. Se invece avete già stabilito una serie di tappe più o meno definite e un budget da rispettare, fare affidamento a siti come Viamichelin sarà una buona soluzione per calcolare in anticipo i chilometri da percorrere e costi legati a pedaggi e carburante.
  • Soggiornare: La flessibilità è sicuramente uno dei maggiori vantaggi della vacanza en plein air, tuttavia, avere un’idea chiara delle possibili aree di sosta e campeggi non guasta. Usare app come Park4Night o Campercontact aiuterà a partire senza pensieri. Il bello sarà poter modificare e personalizzare l’itinerario durante il viaggio!
  • Organizzare: Viaggiare in camper aiuta ad essere essenziali e partire leggeri. Fate una lista di ciò che dovrete portare. Non dimenticate snack, acqua, torcia, repellente per insetti e altri oggetti necessari per un soggiorno in mezzo alla natura.
  • Informarsi: C’è stato un chiaro aumento nella domanda di viaggi domestici. Ciò non toglie che, progressivamente, si riprenderà a viaggiare in paesi limitrofi. È importante sapere che ogni paese ha regole specifiche per quanto riguarda il turismo itinerante: informarsi in merito ad eventuali restrizioni importanti sul viaggio in camper sarà utile per evitare spiacevoli imprevisti.

Ora non ci resta che partire, augurandoci di vivere una delle esperienze più belle e istruttive della nostra vita, rigorosamente “on the road”.




Weekend In Van 2020: Chi preferite tra le 10 fantastiche finaliste?

Puntuali come ogni anno tornano i Weekend Premium Awards, gli ambiti riconoscimenti dedicati alle eccellenze italiane del mondo dei weekend. Tra le varie categorie in gara spicca “Weekend In Van 2020” che punta a identificare i migliori van che permetteranno di vivere una imperdibile avventura outdoor, perché adatti a raggiungere agriturismi e glamping dove soggiornare comodamente a contatto con la natura. Ricordiamo che nella scorsa edizione del premio Weekend In Van ha primeggiato il lussuoso e versatile Mercedes Marco Polo.

La Redazione di Weekend Premium chiede quindi a tutti i suoi lettori di segnalare le proprie preferenze, per designare anche quest’anno il miglior van/camper per i weekend all’aria aperta. Andiamo a scoprire tutti i concorrenti, in fondo all’articolo avrete la possibilità di dire la vostra, votando uno dei 10 concorrenti.

Di seguito la lista dei 10 Van da votare:

  • Citroen Campster
  • Fiat Ducato My2020
  • Ford Transit Custom Nugget
  • Mercedes-Benz EQV
  • Nissan E-NV200
  • Opel Zafira Life Crosscamp
  • Peugeot Expert Klubber
  • Renault TRAFIC  Camping-Car
  • Volkswagen California 6.1
  • Volkswagen Gran California

Andiamo a scoprire nello specifico le 10 vetture in corsa per il titolo di Weekend in van 2020!

Citroen Campster

Ispirato a SpaceTourer, Citroen e l’azienda Campster hanno portato alla luce un camper in grado di soddisfare ogni esigenza di viaggio: lunghi tragitti o brevi gite possono diventare momenti di puro relax e condivisione con i nostri compagni di viaggio.

Fiat Ducato My2020

Secondo la rivista specializzata Promobil Ducato è la “Miglior base per i camper 2020” in quanto risulta versatile, modulare e personalizzabile in ogni suo spazio, in grado di offrire differenti soluzioni per scegliere le sue dimensioni. Sono disponibili 4 lunghezze, 3 altezze e 3 passi in base alle proprie esigenze.

Ford Transit Custom Nugget

il van camperizzato di casa Ford vanta un design intelligente degli spazi interni, ma anche un portabici posteriore per trasportare in sicurezza le biciclette sul retro del veicolo.

Mercedes EQV

Mercedes-Benz Vans ha presentato la sua prima monovolume premium con trazione esclusivamente elettrica. Battezzato Mercedes EQV, il veicolo garantisce un’autonomia fino a 417-418 km (consumo di corrente nel ciclo combinato: 26,4-26,3 kWh/100 km; emissioni di CO2 nel ciclo combinato: 0 g/km).

Nissan E-NV200

Il van della casa giapponese nasce dall’incontro di Nissan NV200 e la tecnologia 100% green già adottata su Leaf. L’E-NV200 vanta Il van un’autonomia nel ciclo urbano di 301 km (Wltp) garantita dalla batteria da 40 kWh.

Opel Zafira Life Crosscamp

Gli specialisti della Crosscamp hanno realizzato una fantastica versione camper quattro posti basato sul celebre modello della Casa del Fulmine. La Opel Zafira Life Crosscamp è lunga 4,95 metri e si presenta come un camper 4 posti compatto e versatile che ama anche l’off road grazie ad una dotazione specifica disponibile a richiesta.

Peugeot Expert Klubber

il van del Leone allestito da Klubber è dotato di tenda a soffietto sulla parte superiore ed è in grado di accogliere a bordo 5 persone durante la guida, o 4 durante la notte. Tre le configurazioni dell’abitacolo: Road (fino a 7 passeggeri), Camping (5 passeggeri) e Night (4).

Renault TRAFIC Camping-Car

Linee dinamiche e robuste, design interno completamente riprogettato. Nuovo anche il motore turbo diesel 2.0 Dci da 170cv dotato anche di cambio automatico EDC6 a doppia frizione.

Volkswagen California 6.1

Sinonimo di libertà allo stato puro. Con i suoi confortevoli allestimenti interni e i dettagli accuratamente studiati, questo van camperizzato trasforma ogni viaggio in un’avventura indimenticabile.

Volkswagen Gran California

Si tratta della versione più grande di California, una casa per vacanze completamente equipaggiata, in grado di offrire più spazio, più comfort e più libertà.

Vota anche tu il miglior van/camper del 2020!!

Crea la tua indagine per il feedback degli utenti