Salone del Camper 2020: tutto quello che c’è da sapere sul tempio del turismo in libertà

In un periodo senza ombra di dubbio difficile e tormentato, a causa dell’emergenza sanitaria causato dal Coronavirus, tantissimi italiani hanno scoperto il gusto di viaggiare in modo alternativo e differente dal solito, ovvero utilizzando camper e caravan per vivere una nuova esperienza di viaggi all’insegna della sicurezza e libertà.

Secondo i dati diffusi dalla piattaforma di camper sharing, “Yescapa”, i viaggi in camper sono stati gettonatissimi. Le cifre di giugno lo preannunciavano, i dati di chiusura del mese di agosto lo hanno confermato: è stato il camper la scelta degli italiani per viaggiare in sicurezza e libertà nell’estate 2020. Tra giugno e agosto 2020 infatti le richieste di prenotazione sulla piattaforma europea sono arrivate a toccare punte del 150% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Ora per tutto il popolo di camperisti, sia neofiti che esperti, si avvicina una data molto importante: dal 12 al 21 settembre si svolgerà l’attesissimo Salone del Camper di Parma 2020, ovvero la manifestazione di riferimento per tutti gli appassionati del settore, ma non solo.

Informazioni generali ed espositori

In occasione del Salone del Camper 2020 sarà possibile ammirare sai veicoli più recenti fino alle tende e alle attrezzature per il campeggio; tutte le destinazioni ideali per il turismo in libertà, le eccellenze della tradizione enogastronomica italiana, e tanto altro ancora.

Agli appassionati che parteciperanno al Salone del Camper 2020 non resterà che spaziare in un’esposizione di Veicoli Ricreazionali davvero unica per numero di mezzi esposti e ampiezza di gamma e tipologia. Dal motorhome al classico mansardato, dagli integrali fino ai van amati dal pubblico più giovane e dinamico, il Salone del Camper offre una rappresentazione completa ed esauriente di tutta l’industria europea.

I più prestigiosi brand nazionali e internazionali hanno già confermato la propria presenza e presenteranno proprio a Parma la gamma di proposte per il 2020 e le loro ultime novità. Tra questi, solo per citarne alcuni, Elnagh, McLouis, Mobilvetta, CI, Roller Team, Font Vendôme, Arca, Benimar, Knaus, Challenger, Chausson, Euramobil, Rimor, XGo, Autostar, Adria, Rapido, Fleurette, Westfalia, Giottiline, Carthago e Malibù.

Aree tematiche

Naturalmente, come sempre al Salone, non mancheranno le aree tematiche che arricchiscono la già notevole offerta per i visitatori: “La Strada dei Sapori” (pad. 3, vetrina di eccellenze artigianali della tradizione regionale italiana); il Baby Parking (pad. 3, area di custodia e intrattenimento attivo tutti i giorni, con la presenza di educatori professionali); Area Amici a 4 Zampe (di fronte al pad. 3, attività ludiche e sportive da svolgere insieme ai fedeli amici dell’uomo.

Prove guidate e consigli di istruttori esperti); Educazione stradale – a cura della Polizia Municipale di Parma (pad. 3, attività per adulti e bambini volte a fornire le conoscenze di base sulle regole che disciplinano la circolazione nelle strade, attraverso video lezioni relative agli aggiornamenti del Codice della Strada che riguardano anche l’uso di monopattini elettrici e camper per gli adulti. Per i più piccini una tombola sull’educazione stradale e  lavoretti manuali come la costruzione di un disco orario, di una paletta da agente di polizia locale, e altri); Pista Bike – Pumptrack e MTB (percorso esterno di pumptrack e mtb adatto a tutti, dai baby bikers fino ai ciclisti più esperti, che vogliono migliorare la loro abilità alla guida della propria bike). Non mancherà la Shopping Area (pad. 3, un grande spazio supermarket dedicato allo shopping, dove trovare tutto il necessario per il campeggio e il tempo libero); Food Court – Street food quality Parma (di fronte al pad. 3, proposte di qualità a cura dei Food Truck selezionati.

Il primo Salone COVID-free

Gli organizzatori del Salone del Camper 2020 si sono impegnati al massimo per realizzare un evento completamente sicuro. Grazie agli sforzi è stato ottenuto il primo salone considerato “COVID-free” da quando è iniziata la pandemia. Saranno infatti rispettate le misure per il distanziamento sociale e l’uso della mascherina. Non mancheranno inoltre la sanificazione dei padiglioni, dei veicoli e delle strutture presenti. L’organizzazione avrà inoltre premura a distribuire gel disinfettanti e mascherine a tutte le persone che ne avranno bisogno.

Biglietti

l ticket per accedere all’evento potranno essere acquistati direttamente alle biglietterie presenti all’ingresso della Fiera del Camper 2020 o in alternativa potranno essere acquistati on-line sul sito web del Salone. Sarà inoltre possibile prenotare anche una piazzola di sosta per il proprio camper.

Il prezzo intero per l’ingresso giornaliero è di 10 euro, mentre il pacchetto weekend costa 18 euro. I bambini al di sotto dei 12 anni e i disabili entrano gratuitamente. I cani sono i benvenuti, ma devono essere dotati di museruola e portati al guinzaglio. I titolari delle card APC Gold Card e tessera del Club del PleinAir – dopo aver acquistato un biglietto intero – avranno diritto ad un ticket omaggio da utilizzare esclusivamente nei giorni feriali.

L’APP gratuita Salone del Camper

Disponibile su Google Play ed Apple Store l’edizione 2020 dell’app dedicata agli appassionati del turismo all’aria aperta.  L’app gratuita “Salone del Camper” è pensata come risorsa indispensabile per i vostri viaggi all’aria aperta. L’app mette a disposizione una mappatura completa e interattiva di tutte le aree di sosta. Inoltre risulta aggiornata in collaborazione con le pubblicazioni Il Portolano e AgriPleinAir ed integrata con le funzionalità di Google Maps. Ogni risorsa è catalogata e completa di schede informative con il dettaglio dei servizi messi a disposizione, dei contatti, dei costi.

Contatti

  • Indirizzo: Fiere di Parma Viale delle Esposizioni, 393A
  • 43126 – Parma
  • Telefono: +39 (0) 0521 9961
  • Mail: info@fiereparma.it
  • Sito web: www.salonedelcamper.it



Land Rover Defender: con la tenda da tetto AUTOHOME la vacanza non ha più confini

La bella stagione ci regala ogni anno una crescita del desiderio di libertà e di esplorazione di posti remoti, nuovi ed emozionanti. Ovviamente, mai come quest’anno, è necessario seguire alcuni must che caratterizzano una stagione dai toni peculiari: privacy, sicurezza e distanze. Land Rover offre la soluzione ideale per la vacanza perfetta, grazie alla nuova tenda da tetto, creata per la nuova Land Rover Defender 110, in collaborazione con l’azienda specializzata Autohome.

Ideale per romantici e avventurosi viaggi di coppia

Ideale per un viaggio di coppia, la tenda consente di godere, in assoluto comfort, le notti di viaggi brevi o lunghi. Progettata per chi ama la scoperta e l’avventura, può ospitare due adulti su materassi in cotone full-size ed è dotata di cuscini, luce LED interna e retina portaoggetti. L’ingresso è possibile da entrambi i lati del veicolo, grazie ad una scala estensibile in alluminio che può essere riposta nella tenda quando non serve.

Robusta e confortevole

Robusta e capace come il veicolo per il quale è stata creata, la tenda da tetto è facile da usare e impiega materiali di alta qualità testati nei climi più avversi. Una leggera custodia in vetroresina protegge la tenda ripiegata e ne consente l’allestimento in pochi secondi, con una sola mano. Durante gli spostamenti, la tenda è ripiegata per la migliore stabilità ed efficienza aerodinamica. In posizione eretta misura cm 230 x 130 x 150 di altezza.

Inarrestabile Defender

La nuova Defender è oggi la Land Rover più capace e connessa: eccellente geometria off-road e tecnologia software-over-the-air, che scarica istantaneamente i più recenti aggiornamenti. Grazie a questo modello unico, sarà possibile scoprire le perle paesaggistiche più difficili da raggiungere e, da oggi, si avrà anche la possibilità di trascorrere intere giornate a contatto con la natura, comodamente sdraiati sul tetto della propria auto.

Prezzi

La tenda è disponibile al prezzo di 3.081 euro (Iva esclusa) e può essere ordinata direttamente presso Autohome. In alternativa è possibile rivolgersi ai Concessionari Land Rover che faranno l’ordine a Autohome.




Salone del Camper 2020: un’estate all’insegna del turismo premium in libertà

Cresce l’attesa per il Salone del Camper 2020, confermato alle Fiere di Parma dal 12 al 20 settembre. Non si può nascondere che ci sia grande curiosità attorno a quella che si preannuncia come una delle poche esposizioni “live” a cui si potrà assistere in questo anno così particolare, nonché la prima in assoluto di questa stagione nel complesso fieristico parmense.

Bisogna infatti sottolineare che l’evento si svolgerà in un contesto atipico fortemente influenzato dall’emergenza sanitaria provocata dalla diffusione del Coronavirus. Quest’ultimo infatti sta inevitabilmente avendo fortissime ripercussioni sul settore del turismo.

Un Salone ricco di novità

Agli appassionati che parteciperanno al Salone del Camper 2020 non resterà che spaziare in un’esposizione di Veicoli Ricreazionali davvero unica per numero di mezzi esposti e ampiezza di gamma e tipologia. Dal motorhome al classico mansardato, dagli integrali fino ai van amati dal pubblico più giovane e dinamico, il Salone del Camper offre una rappresentazione completa ed esauriente di tutta l’industria europea.

I più prestigiosi brand nazionali e internazionali hanno già confermato la propria presenza e presenteranno proprio a Parma la gamma di proposte per il 2020 e le loro ultime novità. Tra questi, solo per citarne alcuni, Elnagh, McLouis, Mobilvetta, CI, Roller Team, Font Vendôme, Arca, Benimar, Knaus, Challenger, Chausson, Euramobil, Rimor, XGo, Autostar, Adria, Rapido, Fleurette, Westfalia, Giottiline, Carthago e Malibù.

Saranno naturalmente presenti anche produttori di accessori, componenti e tecnologie, per la necessità di essere sempre connessi e godere di tutto il comfort domestico anche in vacanza.

Il successo dell’Outdoor Premium

Per questo motivo le nostre concezioni di viaggio e di vacanza risultano destinate ad evolversi e ad adattarsi alla situazione attuale. Le spiagge affollate, i locali stracolmi di gente e le città piene di turisti stanno facendo posto a vacanze all’Outdoor premium: questo tipo di villeggiatura “in libertà” sta infatti conoscendo un successo senza precedenti.

Basti pensare agli incoraggianti dati diffusi dall’APC (Associazione Produttori Caravan e Camper), primo partner di Fiere di Parma nell’organizzazione della kermesse, secondo cui per quest’estate circoleranno nelle strade del nostro Paese almeno 1.200.000 camperisti (800.000 italiani e 400.000 stranieri circa).

Come se non bastasse, le immatricolazioni di camper in questi primissimi mesi post-lockdown sono tornate a fare numeri eccellenti con un maggio uguale a quello del 2019, ma con un +17% per i camper a noleggio, e addirittura un giugno che ha fatto registrare +50% sull’omologo dell’anno scorso. Dati che non fanno altro che confermare come l’estate 2020 sia veramente all’insegna del Turismo in Libertà e che non si possa trovare conclusione migliore nell’evento clou per gli appassionati, il Salone di Parma, manifestazione di settore tra le due più importanti del mondo.

La scoperta dei Camping Premium

Ad accentuare questo successo ha contribuito anche la scoperta da parte di molti turisti e camperisti dei Camping Premium sparsi in tutto lo stivale.

Tra gli Awards, i riconoscimenti dedicati alle eccellenze italiane attribuiti da Weekend Premium, non mancano infatti i Top Glamping. Ricordiamo che sono ben 8 le strutture che abbiamo selezionato in giro per l’Italia, ma siete voi a scegliere e votare quella che secondo voi rispecchia a pieno l’essenza del Glamping.

TOP GLAMPING: I FINALISTI

  • Agriturismo la Piantata (VT)
  • Be Vedetta (GR)
  • Glamping Canonici San Marco (VE)
  • Glamping Il Sole (GR)
  •  Vacanza Glamping Boutique (BS)
  •  Orlando in Chianti Glamping Resort (AR)
  •  Vallicella Glamping Resort (GR)
  •  The Lazy Olive Glamping (SI)

 

 




Vacanze on the road: le regole d’oro per scegliere il camper perfetto

L’organizzazione di un viaggio segna l’inizio emozionante di una nuova avventura: cosa visitare e mangiare, dove dormire, cosa portare e, ovviamente, scegliere le persone con cui condividere l’esperienza. Che sia in coppia, con amici o addirittura in solitaria, la scelta della soluzione di viaggio dipende molto dalla compagnia e dall’obiettivo della vacanza.

Un viaggio “on the road” può essere impegnativo, specialmente se comporta numerose ore in auto per raggiungere una destinazione. Scegliendo un camper per percorrere l’itinerario, il viaggio si fonde con la meta e la guida diventa un’esperienza piacevole. Questo aspetto, insieme alla voglia di viaggiare in sicurezza, ha fatto sì che il camper diventasse una delle tendenze di quest’estate.

[Gira pagina per scoprire le ultime tendenze sulle Vacanze in camper]

Vacanze in camper: una tendenza in forte crescita

Secondo una ricerca portata avanti da Indie Campers, tra le principali piattaforme di noleggio camper in Italia e Europa, il mese di Luglio si sta chiudendo in positivo con +250% di tasso di turismo domestico. Tra i clienti italiani che hanno deciso di passare le vacanze nel Belpaese, più di un terzo è in partenza da Milano, seguita da Roma al 26%. C’è invece chi opta per le isole, con Olbia al terzo posto delle prenotazioni estive Indie Campers, senza dimenticare chi sceglie di vivere la Sicilia on the road partendo da Catania.

[Gira pagina per scoprire il camper più adatto alle proprie esigenze]

Come scegliere il camper più adatto alle nostre esigenze?

Per la buona riuscita del viaggio, è fondamentale trovare il modello di camper adatto alle proprie esigenze. Grazie a un’offerta sempre più ampia, fare la scelta giusta è diventato semplice e sicuro. L’indipendenza del van, la praticità del furgonato o la comodità di un camper semintegrale: quale modello scegliere per partire on the road?

Sogni un viaggio epico in solitaria (e non solo), in pieno contatto con la natura e con il tuo io interiore? Andrai sul sicuro con la versione moderna del classico Volkswagen Bulli, per ricreare la giusta atmosfera di indipendenza e libertà. Punto a favore del van California è la guida, non molto diversa da un’auto: le sue dimensioni ridotte renderanno più facile l’accesso a quelle location da sogno nascoste che avevi sempre sognato. Il furgone camperizzato, viaggio facile tutto-in-uno. Il modello per chi non riesce a decidersi tra comodità e praticità. Quasi sempre costruito sulla base di un Fiat Ducato, un furgone camperizzato permette di vivere uno spazio completo di cucina, bagno e zona relax per sentirsi indipendenti sulla strada senza dover avere a che fare con veicoli ingombranti. Molto spesso non hanno bisogno di un’alimentazione elettrica esterna, l’ideale per passare la notte in luoghi più lontani. Comfort a cinque stelle con il semintegrale.

Se il viaggio on the road è una vacanza in famiglia, optare per più spazio e servizi completi sarà la scelta giusta. In questo caso, un camper semintegrale è una garanzia di comodità su quattro ruote. Piccoli dettagli come porte USB posizionate in tutto il veicolo e armadietti strategici, permettono di partire senza pensieri e con tutto il necessario a portata di mano. La maggior parte dei semintegrali come il modello Atlasoffre soluzioni spaziose e permette di viaggiare con una patente standard categoria B.




Viaggi in camper: ecco le 5 regole d’oro per un Weekend Premium perfetto

Giunti nel cuore dell’estate siamo ormai convinti che nella  vacanza post-covid ci si muoverà per distanze e periodi più brevi, ma come? La risposta è senza ombra di dubbio “il camper”, infatti ora è possibile approfittare di un’offerta sempre più ampia e completa, fatta di modelli e servizi extra per tutte le esigenze. La popolarità in aumento di questa formula, in particolare nel mercato domestico, è stata ampiamente documentata nelle ultime settimane: oltre al senso di libertà, le ragioni che oggi portano a scegliere un camper sono legate a sicurezza, elevati standard di igiene e possibilità di distanziamento sociale.

Una tendenza in rapida crescita

Una soluzione che sta suscitando l’interesse di un pubblico sempre più vasto, soprattutto tra i camperisti alle prime armi. Ad esempio, Indie Campers, tra le principali piattaforme di noleggio di camper in Italia e in Europa, conferma la tendenza dei nuovi viaggiatori on the road: “Dei nostri oltre 100.000 clienti, da sempre circa il 70% è al primo viaggio in camper. Il mese di maggio non solo ha dato inizio a un aumento costante di prenotazioni, ma anche all’interesse di persone estranee a questo mondo. Chi prima guardava solo a hotel o case in affitto, ora valuta l’avventura in camper – queste le parole di Edoardo Barge, Country Manager per Italia e Croazia di Indie Campers che ha inoltre aggiunto – Chi sceglie la vacanza itinerante è una persona che progetta, si informa e studia cosa fare. Per questo motivo, cerchiamo sempre di venire incontro ai viaggiatori con consigli prima della partenza. Quest’anno abbiamo anche inaugurato una sezione itinerari con diversi tipi di viaggi e suggerimenti su dove dormire, mangiare e cosa visitare.”

Piacevole alternativa alla vacanza tradizionale

E così il camper diventa una piacevole alternativa alla vacanza tradizionale, un modo unico di passare il tempo libero in compagnia di famiglia o amici. Per pianificare al meglio la prima avventura su strada, basterà seguire le cinque regole d’oro della vacanza on the road e rendere la prima esperienza indimenticabile.

[Gira la pagina per scoprire le 5 regole d’oro per un viaggio in camper perfetto]

Di seguito elenchiamo le 5 regole d’oro che aiuteranno i camperisti a realizzare il sogno di un viaggio indimenticabile e senza intoppi

  • Studiare: Prima di mettersi in viaggio, è fondamentale chiarire eventuali dubbi sul funzionamento del camper. Fare tutte le domande del caso al ritiro del veicolo e usufruire di un servizio di assistenza stradale sarà di aiuto per viaggiare tranquilli. Indie Campers, ad esempio, offre un supporto digitale con una serie di video tutorial dedicati ad ognuno dei suoi modelli.
  • Pianificare: Partire senza una meta precisa è il bello di viaggiare in camper. Se invece avete già stabilito una serie di tappe più o meno definite e un budget da rispettare, fare affidamento a siti come Viamichelin sarà una buona soluzione per calcolare in anticipo i chilometri da percorrere e costi legati a pedaggi e carburante.
  • Soggiornare: La flessibilità è sicuramente uno dei maggiori vantaggi della vacanza en plein air, tuttavia, avere un’idea chiara delle possibili aree di sosta e campeggi non guasta. Usare app come Park4Night o Campercontact aiuterà a partire senza pensieri. Il bello sarà poter modificare e personalizzare l’itinerario durante il viaggio!
  • Organizzare: Viaggiare in camper aiuta ad essere essenziali e partire leggeri. Fate una lista di ciò che dovrete portare. Non dimenticate snack, acqua, torcia, repellente per insetti e altri oggetti necessari per un soggiorno in mezzo alla natura.
  • Informarsi: C’è stato un chiaro aumento nella domanda di viaggi domestici. Ciò non toglie che, progressivamente, si riprenderà a viaggiare in paesi limitrofi. È importante sapere che ogni paese ha regole specifiche per quanto riguarda il turismo itinerante: informarsi in merito ad eventuali restrizioni importanti sul viaggio in camper sarà utile per evitare spiacevoli imprevisti.

Ora non ci resta che partire, augurandoci di vivere una delle esperienze più belle e istruttive della nostra vita, rigorosamente “on the road”.




Weekend In Van 2020: Chi preferite tra le 10 fantastiche finaliste?

Puntuali come ogni anno tornano i Weekend Premium Awards, gli ambiti riconoscimenti dedicati alle eccellenze italiane del mondo dei weekend. Tra le varie categorie in gara spicca “Weekend In Van 2020” che punta a identificare i migliori van che permetteranno di vivere una imperdibile avventura outdoor, perché adatti a raggiungere agriturismi e glamping dove soggiornare comodamente a contatto con la natura. Ricordiamo che nella scorsa edizione del premio Weekend In Van ha primeggiato il lussuoso e versatile Mercedes Marco Polo.

La Redazione di Weekend Premium chiede quindi a tutti i suoi lettori di segnalare le proprie preferenze, per designare anche quest’anno il miglior van/camper per i weekend all’aria aperta. Andiamo a scoprire tutti i concorrenti, in fondo all’articolo avrete la possibilità di dire la vostra, votando uno dei 10 concorrenti.

Di seguito la lista dei 10 Van da votare:

  • Citroen Campster
  • Fiat Ducato My2020
  • Ford Transit Custom Nugget
  • Mercedes-Benz EQV
  • Nissan E-NV200
  • Opel Zafira Life Crosscamp
  • Peugeot Expert Klubber
  • Renault TRAFIC  Camping-Car
  • Volkswagen California 6.1
  • Volkswagen Gran California

Andiamo a scoprire nello specifico le 10 vetture in corsa per il titolo di Weekend in van 2020!

Citroen Campster

Ispirato a SpaceTourer, Citroen e l’azienda Campster hanno portato alla luce un camper in grado di soddisfare ogni esigenza di viaggio: lunghi tragitti o brevi gite possono diventare momenti di puro relax e condivisione con i nostri compagni di viaggio.

Fiat Ducato My2020

Secondo la rivista specializzata Promobil Ducato è la “Miglior base per i camper 2020” in quanto risulta versatile, modulare e personalizzabile in ogni suo spazio, in grado di offrire differenti soluzioni per scegliere le sue dimensioni. Sono disponibili 4 lunghezze, 3 altezze e 3 passi in base alle proprie esigenze.

Ford Transit Custom Nugget

il van camperizzato di casa Ford vanta un design intelligente degli spazi interni, ma anche un portabici posteriore per trasportare in sicurezza le biciclette sul retro del veicolo.

Mercedes EQV

Mercedes-Benz Vans ha presentato la sua prima monovolume premium con trazione esclusivamente elettrica. Battezzato Mercedes EQV, il veicolo garantisce un’autonomia fino a 417-418 km (consumo di corrente nel ciclo combinato: 26,4-26,3 kWh/100 km; emissioni di CO2 nel ciclo combinato: 0 g/km).

Nissan E-NV200

Il van della casa giapponese nasce dall’incontro di Nissan NV200 e la tecnologia 100% green già adottata su Leaf. L’E-NV200 vanta Il van un’autonomia nel ciclo urbano di 301 km (Wltp) garantita dalla batteria da 40 kWh.

Opel Zafira Life Crosscamp

Gli specialisti della Crosscamp hanno realizzato una fantastica versione camper quattro posti basato sul celebre modello della Casa del Fulmine. La Opel Zafira Life Crosscamp è lunga 4,95 metri e si presenta come un camper 4 posti compatto e versatile che ama anche l’off road grazie ad una dotazione specifica disponibile a richiesta.

Peugeot Expert Klubber

il van del Leone allestito da Klubber è dotato di tenda a soffietto sulla parte superiore ed è in grado di accogliere a bordo 5 persone durante la guida, o 4 durante la notte. Tre le configurazioni dell’abitacolo: Road (fino a 7 passeggeri), Camping (5 passeggeri) e Night (4).

Renault TRAFIC Camping-Car

Linee dinamiche e robuste, design interno completamente riprogettato. Nuovo anche il motore turbo diesel 2.0 Dci da 170cv dotato anche di cambio automatico EDC6 a doppia frizione.

Volkswagen California 6.1

Sinonimo di libertà allo stato puro. Con i suoi confortevoli allestimenti interni e i dettagli accuratamente studiati, questo van camperizzato trasforma ogni viaggio in un’avventura indimenticabile.

Volkswagen Gran California

Si tratta della versione più grande di California, una casa per vacanze completamente equipaggiata, in grado di offrire più spazio, più comfort e più libertà.

Vota anche tu il miglior van/camper del 2020!!

Crea la tua indagine per il feedback degli utenti




Vacanze avventurose con il nuovo ed inarrestabile camper 4 posti Opel Zafira Life Crosscamp

Dopo il difficile periodo di lockdown che ha costretto in casa tutti noi, finalmente possiamo riprenderci la nostra libertà e pensare alle agognate vacanze puntando all’immenso piacere che solo la libertà ci sa regalare.

Per questo motivo, le vacanze on the road in Camper sembrano a dir poco perfette per celebrare la nostra ritrovata libertà. Nella vasta scelta di Camper e caravan spicca il nuovo Opel Zafira Life Crosscamp, camper 4 posti compatto e versatile che ama anche l’off road grazie ad una dotazione specifica disponibile a richiesta.

Pratica come un coltellino svizzero

La Opel Zafira Life può essere paragonata – per versatilità e utilità – ad un coltellino svizzero. Basti pensare che la monovolume tedesca risulta disponibile in tre lunghezze e con interni modulari. Come opzione, le porte scorrevoli si aprono e si chiudono elettricamente, mentre il raggio di sterzata stretto, la visibilità a 360 gradi e la buona maneggevolezza rendono la Zafira Life ideale per i viaggi con la famiglia. Ora però, la Zafira diventa ancora più ideale per i lungi viaggi e per le vacanze all’insegna dell’avventura. Gli specialisti di della Crosscamp hanno infatti realizzato una fantastica versione camper quattro posti del modello della Casa del Fulmine.

Per vacanze avventurose

L’ Opel Zafira Life Crosscamp è lunga 4,95 metri e si presenta come un camper completamente attrezzato per ospitare quattro comodi posti letto. Il veicolo risulta dotato di tetto rialzato, un letto, armadi a muro e un angolo cottura. I mobili hanno una finitura elegante, monocromatica e particolarmente robusta con effetto pietra. L’elevata flessibilità consente un uso praticamente illimitato come autovettura: grazie all’altezza di soli 1,99 m, la maggior parte dei parcheggi sono completamente accessibili.

Molte delle opzioni di Crosscamp Life sono ordinabili singolarmente, in modo che ogni utente possa configurare il veicolo in base alle proprie esigenze. L’ampia gamma di sistemi di assistenza opzionali comprende l’assistenza al parcheggio, l’allerta per la sonnolenza, il mantenimento della corsia e il riconoscimento dei segnali stradali con il sistema di controllo automatico della velocità semi-adattivo, nonché l’avviso di collisione frontale con l’assistente alla frenata di emergenza.

Efficiente e affidabile

La Crosscamp Life è disponibile con l’intera gamma motori diesel e trasmissioni proposti sulle altre Zafira. Equipaggiati con la tecnologia di post-trattamento dei gas di scarico SCR, tutti i motori sono conformi a Euro 6d-TEMP, offrendo così una mobilità senza restrizioni.

Non ha paura dell’off road

Come se non bastasse, gli amanti della natura estrema e dell’off road potranno optare per il pacchetto fuoristrada opzionale. Questo pacchetto include un assetto rialzato di 25 cm, protezioni sottoscocca e ruota di scorta di dimensioni standard. La vettura può contare sul sistema di trazione Opel IntelliGrip che garantisce la massima aderenza su ogni tipo di superficie.

 




Top camping per l’estate 2020: i migliori campeggi di centro e sud Italia

Settimana scorsa vi abbiamo parlato dei Top Camping del Nord Italia, dove trascorrere le vacanze estive. Ma per quanto riguarda il mare? Dove possiamo andare al mare in un campeggio di alto livello che ci dia la sicurezza di avere tutti i servizi e le comodità che cerchiamo?

Oggi andiamo alla scoperta dei Top Camping del centro e sud Italia!

Union Lido Park Resort

Sicuramente all’ Union Lido Park Resort di Cavallino, campeggio a 5 stelle in provincia di Venezia, che nel 2019 si è aggiudicato il Green Travel Awards della Federazione Italiana della Stampa come Miglior Villaggio Eco-Sostenibile e Responsabile. Immerso in 60 ettari di verde con un’area naturalistica dove si ripopolano alcune specie animali, ha un’offerta che spazia a 360° affinché ognuno possa liberamente decidere come vivere la propria vacanza.

Glamping, park resort, campeggio, l’Union Lido racchiude in sé una somma di record: ha una tra le spa più belle d’Italia con ben 9 tra vasche e piscine per la talassoterapia (con i benefici dell’acqua che viene dal mare, ideale per chi ha problemi all’epidermide o alla circolazione venosa) e due parchi acquatici di cui uno è il primo in Europa, con una vasta laguna e piscine con il fondo sabbioso, l’ultimo must. Da provare anche il W10, con piscina coperta, vasche idromassaggio e centro hammam. E poi il golf, il maneggio, il tennis, windsurf, vela, immersioni e il sup, che da quest’anno spopola. Denominatore comune: l’attenzione per l’ospite che è protagonista assoluto, coccolato, vezzeggiato e atteso da persone motivate, che ci mettono la faccia.

Argentario Camping Village

Sempre mare ma più al sud, in Toscana. Ad Albinia troviamo l’Argentario Camping Village, un campeggio storico nato nel 1954 e immerso in una vasta pineta direttamente sul mare, di fronte all’isola del Giglio, di Giannutri e di Montecristo. Il campeggio si trova sulla lingua di terra che unisce il promontorio dell’Argentario alla terraferma.

Tranquillità e relax sono le caratteristiche principali offerte dal campeggio, uniti al piacere dello sport e del divertimento, assicurati dallo staff dell’animazione. Tra i servizi del campeggio, oltre alla grande piscina su tre livelli, la piscina per bambini e la vasca idromassaggio, c’è un comodo attracco per le barche con pontile galleggiante illuminato e custodito 24 ore su 24 con scivolo per alaggio. Vi possono accedere anche barche a vela con deriva mobile.

Camping Baia Domizia

Ancora più verso sud eccoci a Baia Domizia, dove troviamo l’omonimo Camping Baia Domizia, classificato cinque stelle dall’ADAC, l’Automobil Club Tedesco.  Situato all’interno del Parco del Garigliano, nella splendida cornice del Golfo di Gaeta, si sviluppa a ridosso di una spiaggia sabbiosa che si estende per oltre 1 km. Piscine, animazione, ristoranti, market, shopping, palestra attrezzata, campi da tennis, da basket, da calcio, da beach-volley e da ping-pong e molto altro ancora sono i servizi offerti dal campeggio per una vacanza all’insegna della tranquillità e del relax. L’ampia scelta fra le piazzole ombreggiate risponde ad ogni tipo di esigenza e permette di vivere il contatto con la natura.

Camping Resort Riva di Ugento

In Puglia, e per la precisione in Salento, a Ugento, su 32 ettari di pineta e macchia mediterranea si estende il Camping Resort Riva di Ugento, un quattro stelle affacciato direttamente su una spiaggia di fine sabbia bianca che si sviluppa per chilometri lungo uno dei tratti più suggestivi della costa salentina.

Luogo ideale per famiglie con bambini offre mille piazzole ombreggiate e vaste con blocchi servizi ben distribuiti e non distanti dalle piazzole. Ristorante- pizzeria, bar, market, bazar, piscine, parco-giochi, centro estetico, tennis, calcetto, windsurf, animazione con cinema sotto le stelle, corsi di yoga, percorso fitness, noleggio bici e attrezzature nautiche, escursioni, ecc. completano la ricca offerta del campeggio.

continua a leggere nella pagina successiva…

Centro Vacanze-Camping Isuledda

E la Sardegna? A Cannigione, a due passi dall’Arcipelago della Maddalena e dalla Costa Smeralda, che costituiscono le zone più esclusive e rinomate dell’isola, il Centro Vacanze-Camping Isuledda offre una vacanza nella natura e tra le acque cristalline del Golfo di Arzachena. Eco-friendly, il campeggio punta alla protezione e conservazione del territorio attraverso energie rinnovabili, sistemi fotovoltaici e smaltimento dei rifiuti sostenibile.

Si trova direttamente sulla spiaggia e offre Spa vista mare, centro benessere, centro velico e diving con lezioni di vela su piccoli cabinati, servizio club per bambini con personale qualificato, intrattenimento light, basic e super fino a tarda ora, animazione serale, zona riservata agli animali domestici. Inoltre ristorante con cucina locale e internazionale, servizio di asporto, risto-pub, beach cafè e lounge-bar, market con frutta e verdura fresca locale e selezione di prodotti per chi è intollerante o allergico a determinati alimenti.

Tra le novità 2020 le nuove piazzole premium, direttamente sul mare, con servizio di bagno privato e 16 ampere di elettricità, per l’efficace distanziamento tanto auspicato in questo momento.

I 10 consigli per scegliere il campeggio giusto

1) Per una scelta ponderata fare una ricerca su internet o sulle numerose guide cartacee che offrono una lunga lista di campeggi tra cui scegliere, divisa per regioni

2) Nella scelta del campeggio verificare che sia in una posizione comoda, facilmente raggiungibile e non distante dai servizi essenziali

3) Controllare che offra tutto quello che riteniamo necessario per noi

4) Informarsi sull’orario di apertura della reception.  In un buon campeggio il personale di ricevimento è a disposizione dalla mattina fino alla sera inoltrata.

5) Se per noi il wifi è importante, verificare che la copertura sia ben diffusa in tutta l’area del camping

6) Dopo la scelta prima di prenotare se ci sono amici che ci sono già stati chiedere la loro opinione. Non è indispensabile ma può essere utile per prendere una decisione ponderata

7) Se si sceglie un campeggio al mare informarsi sull’accesso alla spiaggia

8) Se si sceglie un campeggio in montagna informarsi sul tipo di terreno, se pianeggiante o in pendenza

9) Non arrivare mai di sera ma durante le ore di luce. In questo modo ci si potrà sistemare nel modo migliore più facilmente.

10) Informarsi su quali servizi accessori (piscina, tennis, babypark, lettini, ecc.) sono compresi nel prezzo per evitare sorprese al momento del conto.

La nostra Top Ten per scegliere il Top Camping  da nord a sud:

Camping Caravan Park Sexten (BZ)

Camping Olympia, Dobbiaco

Camping Vidor, Pozza di Fassa

Camping San Francesco, Desenzano (BS)

Camping Baia Verde, Manerba del Garda (BS)

Union Lido Park Resort, Cavallino Tre porti

Argentario Camping Village, Albinia

Camping Village Baia Domizia (CE)

Camping Resort Riva d’Ugento, Ugento

Centro Vacanze-Camping Isuledda, Arzachena

 

 




Top camping per l’estate 2020: i migliori campeggi del Nord Italia

 

di Marina Cioccoloni

Outdoor, natura, vita all’aria aperta, campeggi. Non c’è dubbio che  i weekend e le vacanze 2020 si declinano secondo queste parole chiave. Il trend già si è già confermato dall’impennata che hanno registrato le vendite e le richieste di noleggio di van e camper. Ora bisogna capire quali sono le mete migliori, al mare e in montagna. Quali saranno i campeggi preferiti dai nuovi neofiti della vacanza outdoor in tutta sicurezza? Come orientarsi nella scelta e che servizi privilegiare?

Esiste il campeggio ideale?

Una domanda: esiste il campeggio ideale? Vediamo di capire innanzitutto cosa vogliamo da un campeggio e quali sono i servizi che ci interessano, perché sono variabili estremamente personali. Tanto per dirne una, se l’animazione è in cima alle preferenze di alcuni, altri la evitano come la peste.

Considerato il particolare momento storico saranno in molti a valutare l’importanza della posizione del campeggio da scegliere. Spesso però se il campeggio è immerso in piena natura può accadere che sia lontano dai servizi esterni e dal centro cittadino.  Per molti questo non sarà un problema e inforcheranno le bici, facendo anche del moto supplementare, ma altri scarteranno a priori l’opzione. Il blocco servizi, con docce di ultima generazione e impianti sanificati più volte al giorno saranno graditi, meglio se distribuiti in più punti dell’area per averli a portata di mano e non troppo distanti.

Chi non vuole cucinare prediligerà quei campeggi che offrono ristoranti al suo interno, mentre gli amanti della cucina fai-da-te gradiranno la presenza di un market ben fornito con prodotti di qualità, meglio se a km. 0.  Che dire poi se mancasse il wifi? C’è chi questa assenza la considererà una benedizione, sintomo della vera vacanza in pace e fuori dal mondo, ma al contrario altri scapperanno a gambe levate perché non potrebbe vivere un’ora senza essere connessi.

Quindi torniamo alla domanda iniziale: qual è il campeggio ideale?  Sicuramente quello che risponde a tutte le nostre esigenze e ci offre quei servizi che noi consideriamo importanti per vivere serenamente la nostra vacanza.

Vediamo allora di districarci nella scelta tra i campeggi migliori in Italia, i più green, i meno affollati, i più organizzati, sia al mare che in montagna.  Naturalmente parliamo di strutture dove sono stati avviati tutti i protocolli di sicurezza e igiene che il momento richiede.

Camping Caravan Park Sexten.

In un percorso ideale da nord a sud eccoci a Sesto, in Val Pusteria, dove troviamo l’ottimo campeggio 5 stelle Camping Caravan Park Sexten.
Ecosostenibile, è il campeggio più premiato d’Europa, con la piscina in pietra in parte coperta e parzialmente all’aperto, riscaldata in inverno, quando si può uscire dall’acqua calda, rotolarsi nella neve e rientrare in acqua.

Situato nel cuore di un paesaggio incontaminato con vista sulle Dolomiti e la sensazione di essere un tutt’uno con la natura il campeggio si colloca sempre al top nelle recensioni dei frequentatori. Gli amici a quattro zampe sono i benvenuti e per loro è a disposizione un servizio di dog sitting. L’area wellness si sviluppa in un ambiente di idee innovative e bio-architettura, dove la pietra naturale si fonde con il legno e circondati dalla natura si può sentire intensamente la forza degli elementi.

Numerose le attività possibili, a cominciare dalle arrampicate e le escursioni nel magnifico paesaggio montano. Per gli appassionati di mountain bike o semplicemente bici, oltre ai percorsi segnalati poco distante c’è la ciclabile della Drava, 44 chilometri da San Candido a Lienz, in Austria, lungo il fiume, adatta anche ai principianti e alle famiglie con bambini.  Il ritorno si fa in treno attrezzato appositamente con vagoni per le biciclette. Ovviamente da non dimenticare il documento d’identità per l’attraversamento del confine.

Dove: ST.-JOSEF-STRASSE, Moso, 54, 39030 Sesto BZ
Sito internetwww.caravanparksexten.it

Camping Olympia

In Val Pusteria un altro camping 4 stelle lo troviamo a Dobbiaco. Si tratta del Camping Olympia. Anche questo è un campeggio per “sentirsi a casa” con servizi di altissimo livello. Inoltre è un “glamping”, termine nuovo molto in voga che nasce dalla fusione di due termini, Glamour e Camping. Un campeggio quindi che offre il massimo comfort e ogni comodità ma senza tralasciare l’esperienza del contatto con la natura. Piscina riscaldata e area wellness con un’ampia gamma di servizi, a cominciare dai massaggi per finire con l’impianto Kneipp Indoor, il mini zoo e l’animazione specifica per bambini completano la ricca offerta di questo campeggio al top dell’Alto Adige.

Dove: Camping 1, 39034 Villabassa BZ
Sito internetwww.camping-olympia.com

Camping Vidor

Sempre in montagna, questa volta in Val di Fassa, troviamo il Camping Vidor, un campeggio 4 stelle a conduzione familiare, come dice il nome: “Family and Wellness Resort”, in un paesaggio mozzafiato nel cuore delle Dolomiti tra alberi secolari. Il campeggio, dotato di tutti i servizi, dal ristorante al supermercato interno, è adatto alle famiglie con bambini proprio per la caratteristica di ambiente tranquillo con numerose aree verdi e spazi sicuri per il gioco e personale specializzato per impegnare i piccoli con le diverse attività di animazione e intrattenimento, in particolare nel park acquatico con tre scivoli.

L’area wellness di 4mila mq. si sviluppa in un ambiente caratterizzato da materiali naturali come quarziti, legno e graniti. Le ampie vetrate si affacciano sul bosco e danno l’impressione di essere immersi nella natura. Sauna finlandese, biosauna, bagnoturco, percorso Kneipp, docce emozionali, materassi ad acqua con la cromoterapia e zona relax con sdraio o lettini. A disposizione degli ospiti angolo tisane con the e bevande fresche.

Dove: Strada Ruf De Ruacia, 15, 38036 Sèn Jan di Fassa, TN
Sito internetwww.campingvidor.it

Camping San Francesco

Sul lago di Garda, a Desenzano, troviamo il Camping San Francesco, un altro quattro stelle con comode piazzole lungolago e numerosi servizi, tra cui piscina, ristorante, take away, market, sala giochi, spiaggia, animazione, e numerosi campi da gioco e possibilità di sport. Tornei di calcio, pallavolo, tennis, ping-pong, pallacanestro, acqua gym, passegiate nelle aree verdi, ecc.

Dove: Strada Vicinale San Francesco – Desenzano Del Garda
Sito internet: www.campingsanfrancesco.com

 Camping Baia Verde

A Manerba del Garda c’è il Camping Baia Verde, un campeggio dog friendly nato dall’idea di creare uno spazio verde immerso nella natura senza però dimenticare di offrire tutte le comodità per una vacanza serena. Ben curato nello splendido scenario del Lago di Garda con possibilità di accesso diretto alla spiaggia ed alla camminata lungo lago. La nuova area natural green offre piazzole spaziose e comode all’accesso al lago con antistante spiaggia di sassi. Ideale per famiglie con bambini grazie a servizi eccellenti studiati per tutte le età. Tra i servizi anche boe per ormeggiare le barche sul lago e parcheggio per carrelli in zona dedicata. Il campeggio dedica particolare attenzione alla natura e alla tutela del territorio.

Dove: Via dell’Edera 19, Manerba del Garda
Sito internetwww.campingbaiaverde.it

 

Martedì prossimo scopriremo i top glamping del Centro e del Sud Italia!
Seguiteci su Facebook e rimanete aggiornati con la nostra newsletter.




Un nuovo modo di vivere l’estate con il turismo Open Air e i camper

Sicuramente ci ricorderemo l’estate 2020 come una delle più insolite degli ultimi anni. La convivenza con il Coronavirus ci costringe di fatto a modificare le nostre abitudini di viaggio, prediligendo mete tutte italiane e sempre più vicine a casa. Si parla, infatti, di vacanze di prossimità che garantiscano sicurezza e il rispetto delle norme vigenti.

Sarà quindi l’occasione per mettersi a bordo di un van o di un camper e scoprire le bellezze del nostro paese tramite il turismo open air. Si tratta di un settore frutto di un percorso in continua crescita da ormai diversi anni che si pone come valida alternativa alle classiche modalità che conoscevamo fino ad ora.

Human Company, gruppo fiorentino attivo nel ricettivo e ristorativo e leader in Italia nell’ospitalità open air, ha realizzato una ricerca volta a fornire un’analisi del turismo all’aria aperta in Italia. Lo studio è stato realizzato attraverso un metodo quali-quantitativo su un campione rappresentativo della popolazione italiana. Ecco un po’di dati forniti dalla ricerca.

TURISMO OUTDOOR DOMESTICO

Secondo le stime dell’Istituto Piepoli il fatturato del turismo all’aria aperta nel 2019 si attesta intorno a 8,5 miliardi di euro (di cui 5,2 miliardi di euro per servizi ricettivi e 3,3 miliardi di euro per servizi di ristorazione), con una quota di viaggi in Italia che si aggiudica il 25% del totale: dei quasi 80 milioni di viaggi degli italiani in Italia e all’estero lo scorso anno (Istat, febbraio 2020), 20 milioni sono stati outdoor (stima sui soggiorni in villaggi e camping e viaggi itineranti effettuati con caravan e simili) per un totale di 92 milioni di pernottamenti, pari al 23% del totale.

Secondo il campione intervistato da Istituto Piepoli le vacanze outdoor più lunghe nell’ultimo anno sono estive in otto casi su dieci (da giugno a settembre), svolte in Italia per la medesima quota, con rilevanza di Puglia (13%), Toscana (11%) e Sicilia (10%). Per il 69% sono state vacanze prevalentemente balneari e fatte in coppia (53%) o con tutta la famiglia (34%). A scegliere la montagna è stato il 16%, seguito dalle città e località d’arte con il 12%.

LA STAGIONE 2020

Le recentissime stime di Istat indicano che, solo nel periodo marzo-maggio, l’emergenza Covid-19 ha bruciato una quota pari al 18,5% delle presenze dell’intero anno turistico (Istat, aprile 2020).

Secondo l’indagine di Istituto Piepoli il 41% degli intervistati afferma che l’emergenza sanitaria non ha modificato i programmi di vacanza, il 16% che ha dovuto annullare le vacanze a febbraio-marzo, il 39% ha cancellato i viaggi programmati ad aprile-maggio e il 3% le vacanze estive. Non manca chi dice che non andrà in vacanza (3%) e chi aspetta l’evoluzione (4%). È comunque il 69% gli italiani che dichiara l’intenzione di andare in vacanza nei prossimi 12 mesi e, sebbene la quota sia di -14 punti percentuali rispetto a un’analoga rilevazione svolta un anno fa, si osserva comunque un forte desiderio di ritorno alla normalità, di cui le vacanze sono parte importante. La propensione alle vacanze aumenta decisamente (77%) tra quanti sono andati in vacanza lo scorso anno, e cresce ancora di più tra quanti hanno fatto una vacanza outdoor in villaggio, camping o viaggio on the road nell’ultimo anno (80%).

POSIZIONAMENTO DELLA VACANZA OUTDOOR

La ricerca restituisce una descrizione del turismo open air come un settore che ha avuto una forte crescita negli ultimi dieci anni e che per certi versi ha guidato una sorta di rivoluzione culturale nella percezione collettiva del turismo stesso in generale.

Nell’open air si ritrova consolidata e amplificata la forma più attuale di turismo, il turismo esperienziale, intimamente legato al territorio e capace di fare vivere soggiorni unici e gratificanti in termini di un arricchimento personale e relazionale. Nel desiderio di un’esperienza turistica all’aria aperta di questo tipo è cresciuta la voglia di “qualità”, elemento che ha stimolato un’evoluzione quantitativo (è a sua volta aumentata) che qualitativa (gli standard del servizio offerto sono notevolmente migliorati).

Secondo i dati dell’Osservatorio quasi metà degli intervistati (49%) aspira a una vacanza outdoor: per il 35% si tratta di persone che già oggi soggiornano in strutture all’aria aperta e il 14% di turisti che fanno vacanze di tipo diverso.  Fra le diverse tipologie di vacanza open air, il villaggio riceve il gradimento più alto, poiché piace a ben il 58% degli intervistati, seguito subito dopo dal viaggio on the road (44%) e dalla casa mobile (42%). 

IL TURISMO SOSTENIBILE

Lo sviluppo sostenibile del settore turistico è diventato una necessità inderogabile, oltre che un bisogno sempre più sentito: significa rispetto per l’ambiente e il territorio, nonché sviluppo equo

e diffuso nella comunità. La crescita inesorabile del turismo mondiale ha determinato una pressione ambientale e sulle comunità che necessitano di intervento coordinato tra autorità e privati, affinché si concretizzi una crescita più attenta e inclusiva. Ma quanto davvero gli italiani sarebbero disposti a sacrificare per il turismo sostenibile? Sappiamo che la sostenibilità è un tema che raccoglie un consenso sempre più ampio e forte, ma sono ancora davvero pochi coloro che traducono l’interesse per la sostenibilità in comportamenti concreti.

La ricerca di Istituto Piepoli rileva un’area di favore per il turismo sostenibile del 75%, corrispondente a quanti dichiarano che sarebbero certamente (17%) o probabilmente propensi (58%) a pagare di più per una vacanza sostenibile. Si tratta di un’area di propensione molto ampia, che tuttavia si stima essere effettivamente pari a una quota minore e pari al 27% sul totale degli italiani (quota calcolata con stima Agostini, che assegna probabilità differenziata a seconda delle risposte di propensione). Quanti hanno fatto vacanze outdoor nell’ultimo anno mostrano una sensibilità maggiore con un indice del 34%.

COME AFFITTARE UN CAMPER

Chi vuole mettersi in viaggio a bordo di un camper, deve assolutamente leggere la nostra “Guida alle vacanze in camper 2020: le 10 cose che devi sapere”.
Affittare un camper o un van è davvero molto semplice, esistono numerosi portali dedicati al camper sharing, tra cui: Yescapa, Goboony oppure dedicati al noleggio come Campanda. Trovare un camper attraverso queste piattaforme è davvero facile e intuitivo, sarà necessario scrivere la vostra località, la data di partenza e quella di ritorno e con un click troverete subito numerose proposte di vetture e prezzi.

camper

I prezzi variano dalla tipologia di van o camper che si desidera e dalla durata del viaggio, oltre che dal periodo. Per esempio, se volessimo affittare un van compatto per metterci in viaggio con altre 3 persone, il prezzo settimanale in bassa stagione si aggirerebbe tra i 400 e i 1000 euro, mentre in alta stagione varierebbe da 600 ai 1400 euro. Se volete mettervi in viaggio con gli amici e avete necessità di un mezzo in grado di ospitare almeno 7 persone, i prezzi vanno da 600 a mille euro per la bassa stagione e da 600 ai 1200 euro per l’alta stagione




Guida vacanze in camper 2020: le 10 cose che devi sapere

   di Marina Cioccoloni

La vacanza in camper per molti è un’esperienza tutta nuova ma che in questo particolare momento storico in cui tutti noi siamo alla ricerca di sicurezza e distanziamento sociale consente di viaggiare in tutta tranquillità all’interno di un guscio tutto nostro, nel quale ci siamo solo noi e la nostra famiglia e abbiamo la sicurezza che tutto quello che tocchiamo è sanificato da noi.

Ma come funziona la vacanza in camper?

Per i neofiti che pensano all’acquisto di un camper sarà molto meglio prima di procedere noleggiare il mezzo per capire se questo tipo di vacanza fa al caso nostro e quale tipologia di camper sia adatto a noi, considerando chi siamo, una famiglia (e allora ci vorrà un camper grande) o una coppia (e allora basterà anche un furgonato), e che tipo di vacanze vogliamo fare, al mare, in montagna, con bici al seguito, trekking, avventura, ecc.

Qual è il camper che fa per noi? Quale noleggiare?

Diciamo subito che le tipologie di mezzi sono quattro: i camper puri, cioè furgoni veri e propri attrezzati che all’interno sono stati modificati per consentire una buona abitabilità. Compatti, hanno dalla loro la maneggevolezza ma per contro gli spazi interni sono limitati. Poi ci sono i mansardati che sono autocaravan con una cellula abitativa installata su un telaio, con una penisola chiamata mansarda che svetta sopra la cabina. Hanno ampi spazi interni e una certa “mole” esterna.  Molti hanno ampi gavoni-garage dove riporre le bici. Li seguono i semintegrali, che sono autocaravan ai quali non è stata aggiunta la mansarda, per cui in marcia sono molto aerodinamici. Per ultimo ci sono i motorhome che hanno la cellula abitativa integrata alla cabina guida. In pratica mantenendo il motore viene riallestita l’intera struttura. Hanno ampi spazi interni e un vasto panorama anteriore. Il loro punto debole è l’alto costo e le dimensioni generose.

La disposizione interna classica di un camper comprende la parte cucina, con i fuochi, il lavello e il frigorifero (alcuni hanno in dotazione anche il forno), la zona dinette e la zona notte, il vano toilette con o senza la doccia separata. Serbatoi, scarichi, riscaldamento, completano i servizi. Molto diffusi i pannelli solari per l’autonomia dei servizi.

Le meccaniche più usate sono: Fiat Ducato, Ford Transit, Iveco Turbo Daily, Mercedes Sprinter, Renault Master, Volkswagen Transporter.

Noleggiare un camper

Per il noleggio ci si rivolge a rivenditori specializzati e concessionari, che si occupano anche della vendita del nuovo e dell’usato.  I concessionari si sono organizzati con sistemi all’avanguardia di sanificazione dei mezzi e danno la sicurezza di avere camper sicuri e puliti e con tutte le garanzie in caso di problemi sia meccanici che di altro tipo.  Per l’acquisto invece oggi il gruppo Hymer la fa da padrone raggruppando sotto la sua bandiera i marchi più conosciuti, come Hymer, Laika, LMC, Carado, Dethleffs, Bürstner, Niesmann Bischoffs, Sunlight, ecc. Altre marche di camper molto note sono Adria, Elnagh, Carthago, Frankia, Pilote, Rimor, Morelo, Wingamm e tanti altri. Non sono da dimenticare i piccoli allestitori che fanno camper su misura anche su disegno del cliente. Tra questi Ark Design, Papillon, Pössl, Florencecamper, ecc.  Una fitta rete di concessionari dei marchi citati è presente in tutta Italia.

Ma quanto può costare noleggiare un camper?

Per i furgonati, o van, si va dalle 70 euro al giorno fino ai 200€ per un weekend. Salgono a 80€ per un semintegrale e 90€ per un mansardato, sempre al giorno, mentre per un weekend in semintegrale i costi salgono a 250€ e a 270€ per un mansardato. Per vacanze lunghe ci sono dei forfait e offerte mirate da parte dei noleggiatori.

E comprare un camper quanto costa?  Per un buon usato si parte dai 20mila euro in su, per il nuovo, gli entry level si attestano sui 45mila euro poi si sale fino ad arrivare anche ai 200mila euro per i camper e le marche più blasonate. Per comprare un camper usato valgono le stesse regole di quando si vuole comprare un’auto di seconda mano. Lo si può comprare da un privato o da un rivenditore. Con quest’ultimo si avrà la sicurezza di un camper revisionato e una garanzia su eventuali anomalie che si dovessero presentare. E non ultimo la possibilità di un eventuale finanziamento.

Che controlli bisogna fare prima di noleggiare o comprare un camper?

Ovviamente, come quando si compra una macchina, che la meccanica e la carrozzeria siano a posto, e che tutto funzioni perfettamente, a cominciare dalla batteria dei servizi, la pompa dell’acqua, e le dotazioni interne. E poi, in particolare quando si acquista l’usato, che tutto sia in regola riguardo proprietà e revisioni.

Ed ora che abbiamo preso il nostro camper, lo abbiamo caricato con i nostri effetti personali (abbigliamento, guide, cibo e bevande) e siamo pronti alla partenza prima di mettere in moto controlliamo che siano chiusi porta, finestre, oblò, frigorifero, porte interne, mobiletti e non ci sia nulla lasciato incustodito in giro che, in particolare in caso di frenata, può trasformarsi in un pericoloso oggetto contundente. Assicuriamoci anche che la bombola del gas sia ben chiusa. Quindi mettiamoci alla guida, allacciamo le cinture e partiamo per la nostra vacanza.

Quali sono le regole da rispettare e come comportarci?

Ricordiamoci che il camper è un automezzo a tutti gli effetti e come tale vige anche per lui il codice stradale, quindi rispettiamo le regole e la segnaletica come ogni bravo automobilista e in ogni occasione ambigua usiamo il buon senso. Non dimentichiamoci che il camper, ad esclusione dei furgoni, è comunque un mezzo ingombrante per cui in caso di segnalazione di ponti bassi, strettoie e limiti di altezze o larghezze regoliamoci e se le misure del nostro mezzo non consentono di proseguire torniamo indietro e cerchiamo un’altra strada. Continuando andremmo solo a ficcarci nei problemi. Un’altra cosa da evitare è che i nostri compagni di viaggio si muovano per il veicolo durante la marcia.

Clicca sulla seconda pagina per sapere le 10 cose da sapere…

Informazioni per la sosta

Per sostare parcheggiamo solo dove consentito e nelle aree di sosta a noi dedicate, private o messe a disposizione dal comune dove ci troviamo. Rammentiamo di mantenerci negli stalli a noi riservati senza invadere le piazzole altrui e senza disturbare con schiamazzi e altri mezzi sonori, e teniamo al guinzaglio gli animali di compagnia. Se ci sono cartelli che permettono la sosta ma indicano chiaramente che è vietato il campeggio non tiriamo fuori tendalini, sdraie, attrezzature esterne o addirittura barbecue. Questo è consentito soltanto nelle aree di sosta attrezzate e nei campeggi.

Allo stesso modo è vietato lo scarico selvaggio, che tra l’altro è soggetto a sanzioni, e per il carico dell’acqua e lo scarico sono da utilizzare i pozzetti e le fontanelle apposite. Insomma cerchiamo di essere graditi ospiti dei luoghi senza deturpare, rispettando le regole e lasciando un buon ricordo del nostro passaggio.  E se invece che in un campeggio ci siamo fermati in un parcheggio libero a completo contatto con la natura e nel quale ci sentiamo in sicurezza ricordiamoci di lasciare il posto pulito come lo abbiamo trovato senza tracce del nostro passaggio. Un ultimo suggerimento: non portiamoci tutto da casa ma facciamo i nostri acquisti presso i commercianti del luogo, sarà per noi un’occasione per scoprire e apprezzare le specialità locali, dimostrandoci clienti graditi che viaggiano in ogni periodo dell’anno portando reddito e rispettando i luoghi.

Sostare in un glamping

In alternativa potete recarvi presso uno dei numeri glamping presenti in Italia. Si tratta di strutture che nascono dalla rivisitazione del tradizionale campeggio in chiave premium e permettono di vivere la libertà e l’avventura senza rinunciare al lusso fornito da un hotel.

Scopri le le migliori strutture in Italia per un weekend premium in Glamping.

E a questo punto non ci resta che augurarvi buona vacanza, in camper naturalmente!

TOP TEN per il primo viaggio in camper/VAN

  • Al momento del ritiro seguire con attenzione le spiegazioni su come funziona il camper da parte del concessionario
  • Stampare una lista di cosa da portare con sé per non rischiare di dimenticare qualcosa di necessario.
  • Scaricare un’app di navigazione off line per creare un itinerario personalizzato. Non sarebbe comunque male portare anche una mappa cartacea
  • Avere con sé una lista di aree di sosta o un’applicazione sul cellulare. Ottima quella di camperonline
  • Non dimenticare l’attrezzatura per la spiaggia se si va al mare e scarponi per il trekking se si va in montagna
  • Tra il materiale utile da portare cavetti per la ricarica del cellulare e spine supplementari
  • Avere a bordo anche un paio di cunei per eventuali livellamenti in caso di sosta in pendenza
  • Torce e batterie supplementari insieme ad un ombrello per eventuali giornate di pioggia
  • Fare un giro di prova per abituarsi alla mole del mezzo.
  • Partire con la curiosità di scoprire un nuovo modo di viaggiare e godersi la vacanza



Nel cuore verde dell’Umbria con un SUV davvero speciale

di Elena Tedeschi

Il mezzo: Peugeot 5008, 130 cv

Fuggire, evadere dal consueto. Scoprire le infinite sfaccettature delle regioni italiane, la bellezza dello Stivale da nord a sud. Ripartire dall’Italia con amore e cautela  e (perché no?) vagliare nuove possibilità di viaggio seguendo un nuovo modo di spostarsi in auto, a bordo di una Peugeot 5008 in viaggio verso l’Umbria.

Suv di 1500 cc di cilindrata a gasolio, 130 cavalli di potenza, scelto dopo innumerevoli confronti con 4×4 e furgonati di vario tipo, testati in viaggio. Si richiedeva un’auto dalla duplice funzione: mezzo per campeggiare e auto da tutti i giorni, da poter parcheggiare sotto l’ufficio durante la settimana e spingere su sterrati e autostrade per viaggi in Italia e in Europa, dormendovi all’interno. Alla fine ha vinto questa creazione targata Peugeot grazie alla sua sportività e al carattere poliedrico.

La camperizzazione: semplice ed economica

Per non stravolgere bellezza e eleganza della vettura, abbiamo evitato di installare la classica struttura in legno a pannelli estraibili, optando per una camperizzazione “a scomparsa” . Nel grande bagagliaio, dalla capacità di 702 litri, abbiamo collocato un materasso pieghevole nato per un’altra tipologia di veicolo (VolksWagen Caddy) e che calza alla perfezione anche nel Peugeot. Niente di spartano: materasso di ottima fattura a una piazza e mezza, spesso otto centimetri, interni in schiuma fredda per garantire il massimo comfort e per distribuire equamente il peso (Vita-Line Caddy Combi, 186€). Gli esterni sono sfoderabili, lavabili e idrorepellenti. Per dormire si abbassano i sedili posteriori creando così una superficie pressoché piatta e livellata sulla quale è possibile distendere il materasso.

Peugeot 5008
Peugeot 5008 pronta per passare la notte al Camping Monteluco

Ulteriore comodità di tale scelta, al posto della struttura rialzata di pannelli in legno, è la collocazione bassa del letto che permette di rimanere comodamente seduti senza battere la testa al soffitto una volta che il materasso è disteso. La borsa-contenitore del materasso  risulta inoltre utile per separare la “zona notte” dai sedili anteriori garantendo riservatezza e privacy ed evitando l’acquisto di una tenda oscurante. Per mangiare ci siamo dotati di un fornellino portatile Camping Gaz (30€) e di sedie e tavolino da campeggio acquistati da Decathlon e trasportati sul box da tetto. Oltre a questo, ci siamo forniti  anche di una doccia portatile da appendere a qualsiasi supporto… alberi compresi.

In viaggio verso l’Umbria

Abbiamo scelto l’offerta naturalistica e culturale dell’Umbria e scendiamo lungo l’A1 direzione Arezzo e Perugia. Il volante della nostra Peugeot 5008 è fluido, la guida agile, i numerosi optional  tra i quali cruise control, mantenimento della corsia  e il controllo/ripartizione automatico della trazione permettono una guida rilassata e senza sbalzi.

Dalla strada appaiono i maestosi profili della città di Spoleto con le mura che abbracciano il centro storico,  adagiato sul colle Sant’Elia, poi  il Ponte delle Torri che collega la città ai boschi sacri del Monteluco e la sommità impreziosita dalla Rocca Albornoziana, fortezza trecentesca voluta da Papa Innocenzo VI per rafforzare la difesa cittadina e, al tempo stesso, celebrare potere e autorità della Chiesa nell’Italia centrale in occasione del ritorno della sede pontificia nella città di Roma.

 Ecco Spoleto

Spoleto

Raggiungiamo l’Arco di Druso, simbolo cittadino. Costruito in blocchi di pietra calcarea, è un arco romano ad unico fornice situato nelle vicinanze di Piazza del Mercato e si fonde da un lato nelle abitazioni medioevali mentre dall’altro risulta poggiato sui resti di un tempio datato I secolo d.c. L’arco è dedicato a Giulio Cesare Druso, figlio dell’imperatore Tiberio, e a suo cugino Gaio Giulio Cesare Germanico che diventerà poi fratello di Giulio Cesare Druso, una volta adottato dal padre. Storie e legami antichi che si fondono con il grande interesse di Spoleto per iniziative culturali e arte contemporanea che trovano il loro apice nel Festival dei Due Mondi, manifestazione nata nel 1958 sotto la direzione dello scomparso Giancarlo Menotti e che ogni anno di solito, nel mese di luglio, trasformava la città di Spoleto in una fucina di cultura, ospitando artisti, registi e musicisti di calibro internazionale.

Dall’Arco di Druso raggiungiamo Piazza del Duomo per percorrere l’elegante scalinata che porta alla Chiesa di Santa Maria Assunta, duomo cittadino e splendido esempio di arte romanica, costruito fra il 1151 e il 1227 sulle rovine di un edificio di culto più antico e che ospita, al suo interno, affreschi del Pinturicchio e di Filippo Lippi. Altrettanto celebri i palazzi posti nei suoi dintorni come l’ex Chiesa di Santa Maria della Manna d’Oro, il teatro Caio Melisso datato 1600 e ricostruito nel 1800 e la casa del maestro Giancarlo Menotti, oggi riconvertita in museo. Altro simbolo cittadino è senza dubbio la Torre dell’Olio in Via Porta Fuga, facente probabilmente parte delle centum turres citate da Federico Barbarossa nel 1155. La sua funzione in epoca medioevale: era utilizzata per gettare olio bollente dalla sua sommità, a scopo difensivo. Ammirandola dal basso, si prova un senso di brivido e vertigine notando i suoi quarantacinque metri di altezza. Da vie secondarie raggiungiamo successivamente il Ponte delle Torri che collega la città di Spoleto a  eremi francescani, a preziosi frammenti del cammino della Via Francigena e ad altre possibilità di percorsi escursionistici fra boschi sacri e lecceti secolari.

Con un’altezza di ottanta metri e le nicchie panoramiche, un tempo utilizzate come postazioni di guardia, è capace di offrire splendidi scorci su boschi e natura circostante. Prima di raggiungere la seconda meta di viaggio, rimaniamo nelle vicinanze di Spoleto, in località Terecola per tuffarci nell’offerta enogastronomica del ristorante “Il Capanno”, tra assaggi di capocollo di maiale e strangozzi al tarfufo, celebre piatto spoletino a base di fettuccine fatte in casa, realizzate con un impasto senza uova di farina 00, farina di semola, olio e acqua.

Notte sotto le stelle e giornata alle Cascate delle Marmore

A sera, assieme alla Peugeot 5008 camperizzata,  scegliamo il Camping Monteluco di Spoleto e nella giornata successiva ci avviciniamo alla provincia di Terni per ritrovare i percorsi delle Cascate delle Marmore. Il percorso di arrivo alla prima rete di sentieri sfiora la celebre panchina di acciaio dedicata al poeta George Gordon Byron, dove è stato scolpito il suo mantello e la poesia dedicata alla bellezza delle cascate.

I sentieri circostanti offrono innumerevoli scorci sui salti e, fra i più interessanti, troviamo il sentiero n°2 che porta all’altezza del secondo salto, dove è consigliabile indossare una giacca impermeabile o acquistare un poncho all’entrata del percorso perché il bagno è assicurato! Troviamo poi il sentiero n° 5 che offre una suggestiva panoramica frontale della cascata, comprensiva di tutti e tre i salti e infine la salita sulla Specola, una romantica terrazza affacciata sul primo salto, dove scattare innumerevoli foto alle cascate, in attesa dell’imbrunire e della magica “ora blu” tanto amata dai fotografi.

Dopo questa magia, bisogna riaccendere il motore di questa Peugeot 5008 davvero speciale e partire  in cerca di nuove avventure, sapendo che può essere anche la nostra casa, oppure che sarà la nostra auto

In città. Sì, è davvero speciale.

 

Scheda Tecnica Peugeot 5008

Dimensioni: 464x184x165

Passo: 284 cm

Peso: 1317 kg

Cilindrata 1199

Carburante: benzina

Potenza massima: 96 kW, 131 CV

Emissioni: 120 CO2 grammi/Km

Trazione: Anteriore

Velocità max: 188 km/h

Accelerazione 0-100 km/h: 10,4

 




Il turismo riparte con i weekend green, ecco perché

Con il progressivo avvicinarsi della Fase 3 è necessario domandarsi come si potrà riaprire il paese al mondo del turismo. E proprio nei giorni scorsi, in una intervista al Corriere della Sera, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte si è espresso dicendo: “questa estate non staremo al balcone e la bellezza dell’Italia non rimarrà in quarantena. Potremo andare al mare, in montagna, godere delle nostre città. E sarebbe bello che gli italiani trascorressero le ferie in Italia, anche se lo faremo in modo diverso, con regole e cautele. Attendiamo l’evoluzione del quadro epidemiologico per fornire indicazioni precise su date e programmazione”.

Ma quali saranno le modalità di viaggio e le strutture più adeguate dove trascorrere un’estate senza correre il rischio di vanificare gli sforzi fatti fino ad ora? Sicuramente l’indicazione principale rimarrà quella di ridurre il più possibile i contatti e stare in spazi all’aperto. Ma il distanziamento sociale probabilmente sarà uno dei fattori che complicherà i trasferimenti da un luogo all’altro, in particolare a bordo di aerei e treni. E poi sorge spontanea un’altra domanda: come scegliere la meta ideale cercando di evitare l’affollamento?

Il turismo all’aria aperta è la soluzione

E allora ecco che turismo all’aria aperta è proprio la soluzione che stavamo cercando. A questo proposito, noi di Weekend Premium sosteniamo pienamente la lettera aperta della rivista PlenAir rivolta al Presidente del Consiglio, nella quale si vuole attirare l’attenzione sulle prospettive del comparto del Turismo all’aria aperta in camper e carovan.

Anzi, questo settore può essere a tutti gli effetti un punto di ripartenza per il turismo. Mettersi in viaggio a bordo di un camper o di un van e dirigersi alla scoperta delle bellezze naturali del nostro paese, sembra proprio un’ottima soluzione.

“Camper e caravan costituiscono piccole cellule abitative autosufficienti dal punto di vista dell’alloggio, dell’approvvigionamento alimentare, delle esigenze igienico-sanitarie. Sono dei domicili temporanei e mobili, che possono essere sottoposti a regolari processi di sanificazione come qualsiasi altra abitazione. Anche lo scarico delle acque reflue e il rifornimento idrico possono avvenire in sicurezza ma soprattutto in autonomia, attraverso camper service predisposti presso i campeggi, nelle aree attrezzate comunali e presso le aree di servizio autostradali.”

Inoltre, sono sempre di più le strutture che permettono di isolarsi nella natura senza rinunciare a tutti i comfort dei più moderni hotel. E allora ecco i glamping e gli agricampeggi, tutte strutture che, adeguatamente attrezzate, permetterebbero di trascorrere una vacanza in famiglia senza entrare in contatto con estranei. Oggi, infatti, andremo a scoprire 4 strutture per il glamping in grado di soddisfare tutti i gusti: al lago, al mare, in montagna e immersi nella campagna.

Glamping Europa Silvella

Il campeggio Villaggio Europa Silvella sorge sul Lago di Garda e dista a 1 km da centro di San Felice e a 4 km da Salò. La posizione della struttura consente agli ospiti di cimentarsi in escursioni in mezzo alla natura e di godere della folta vegetazione del lago. Le soluzioni proposte da Europa Silvella comprendono: l’area glamping, il villaggio e il campeggio per soddisfare tutte le esigenze.

Glamping
Foto europasilvella.it

Per quanto riguarda il glamping, si può usufruire della “glamour tenda”, composta da due stanze da letto, angolo cucina e, zona soggiorno e bagno con doccia. Potrete rilassarvi sull’ampia terrazza e parcheggiare la vostra vettura nell’apposito posto auto riservato. In alternativa c’è la “Coco Sweet Blu” composta da stanza da letto matrimoniale, soggiorno e una piccola cucina. Sul sito della struttura potrete immergervi virtualmente in un tour della dimora a 360 gradi per conoscerla in tutti i minimi dettagli prima di raggiungerla. Vedi qui. La zona campeggio, invece, offe 345 piazzole ombreggiate immerse nel verde.

Sito internet: https://www.europasilvella.it/it
Telefono: 0039 0365 651095
Email: info@europasilvella.it 

Dolomiti Village Alpine Chalets

Per gli amanti della montagna ecco invece il Dolomiti Village. Si tratta di una struttura composta da abitazioni in legno, situata in mezzo ai boschi delle montagne del Friuli Venezia Giulia. Qui Potrete vivere una vacanza fresca lontana dall’afa della città e soggiornare in accoglienti chalet immersi nella natura.

Glamping casa sull'albero
Foto dolomitivillage.it

Il pezzo forte del glamping è la casa sull’albero realizzata intorno a un faggio che può ospitare fino a quattro persone. La particolarità degli interni della casa è che i tronchi attraversano la zona living. Al suo interno troverete una camera matrimoniale, una cucina e un bagno con doccia e lavandino.

Sito internet: https://www.dolomitivillage.it/it/
Telefono: 391 466 2408
Email: info@dolomitivillage.it

Glamping Torre Sabea

Foto torresabea.it

Torre Sabea è l’agricampeggio dove mare e natura si fondono. Sorge vicino a Gallipoli, dove è possibile godersi le vacanze nel cuore del Salento, rilassandosi su spiagge dal mare cristallino. Qui troviamo luxury tent con piscina.

Sito internethttps://www.torresabea.it/glamping/
Telefono: 0833/298273
Email: info@torresabea.it

Be Vedetta

Foto bevedetta.com

Le lodge a 5 stelle di Be Vedetta vi faranno innamorare della natura toscana, immergendovi tra i boschi e gli uliveti della Maremma. La struttura è situata a Scarlino, in provincia di Grosseto, a pochi chilometri dal mare e vi aspetta per una vacanza rigenerante nel cuore dell’Italia.

Sito internethttps://www.bevedetta.com/

Telefono: +39 0566 37023

Email: info@bevedetta.com

 




Weekend Premium Awards 2020: i candidati outdoor

Mai come oggi il futuro del turismo sembra convergere verso spazi verdi e all’aperto, lontano dagli affollamenti e dalle città. E il migliore modo per trascorrere un’avventura outdoor è mettersi al volante di un van all’insegna dell’esplorazione, per raggiungere agriturismi e glamping dove soggiornare comodamente a contatto con la natura.

Anche quest’anno, quindi, in occasione dei Wekeend Premium Awards, verranno premiati i protagonisti del mondo dei viaggi outdoor. Verranno assegnati i premi “Weekend in Van” e “Agriturismi  Top”.
Oggi andremo a scoprire tutti i candidati, ma sarete voi a decidere chi premiare!!

Weekend in van

Compatti, agili e maneggevoli, ma anche spaziosi e sempre più rispettosi dell’ambiente. Sono queste le doti che rendono i van le weekend car per eccellenza per tutti coloro che prediligono i viaggi all’aria aperta.

Che si tratti di van adibiti al trasporto di persone, utilizzati dalle strutture alberghiere o dagli amanti dello sport all’aria aperta o di veri e propri van camperizzati per gite in Italia e all’estero alla scoperta di mete green, questi veicoli sono i compagni di viaggio ideali per i weekend outdoor.

Ormai da qualche anno, Weekend Premium premia il van che per un modo o per un altro ha saputo distinguersi e farsi paladino dei weekend all’aria aperta, consegnando il “Weekend in Van”.

Nel 2019 Mercedes-Benz Marco Polo si è aggiudicato l’ambito premio grazie alla sua versatilità e al suo stile ricercato. Queste caratteristiche lo hanno reso promotore del turismo all’aria aperta senza sacrificare comfort e ed eleganza, e permettono al turista-esploratore di essere un cavaliere libero in un mondo green.

Ma chi si aggiudicherà questo riconoscimento nel corso del 2020? Andiamo a scoprire i 7 candidati.

Citroen Campster: Ispirato a SpaceTourer, Citroën e Campsters hanno portato alla luce un camper in grado di soddisfare ogni esigenza di viaggio: lunghi tragitti o brevi gite possono diventare momenti di puro relax e condivisione con i nostri compagni di viaggio. 

Foto Citroen.it

Volkswagen California 6.1: sinonimo di libertà allo stato puro. Con i suoi confortevoli allestimenti interni e i dettagli accuratamente studiati, questo van camperizzato trasforma ogni viaggio in un’avventura indimenticabile

Ford Transit Custom Nugget: il van camperizzato di casa Ford vanta un design intelligente degli spazi interni, ma anche un portabici posteriore per trasportare in sicurezza le biciclette sul retro del veicolo.

Renault TRAFIC Camping-Car: Linee dinamiche e robuste, design interno completamente riprogettato. Nuovo anche il motore turbo diesel 2.0 Dci da 170cv dotato anche di cambio automatico EDC6 a doppia frizione.

Foto: renault.it

 Peugeot Expert Klubber: il van del Leone allestito da Klubber è dotato di tenda a soffietto sulla parte superiore ed è in grado di accogliere a bordo 5 persone durante la guida, o 4 durante la notte. Tre le configurazioni dell’abitacolo: Road (fino a 7 passeggeri), Camping (5 passeggeri) e Night (4).

Fiat Ducato: secondo la rivista specializzata Promobil Ducato è la Miglior base per i camper 2020” in quanto risulta versatile, modulare e personalizzabile in ogni suo spazio, in grado di offrire differenti soluzioni per scegliere le sue dimensioni. Sono disponibili 4 lunghezze, 3 altezze e 3 passi in base alle proprie esigenze.

Volkswagen Gran California: Si tratta della versione più grande di California, una casa per vacanze completamente equipaggiata, in grado di offrire più spazio, più comfort e più libertà.

Agriturismi Top

Per la categoria agriturismi top i candidati sono:

Cascina Caremma (Besate, MI)

info: https://www.caremma.com/

Agriturismo Malabaila (Canale, CN)

info: https://malabaila.it/

Casa Clelia (Sotto il Monte, BG)

info: https://www.casaclelia.com/

Capodacqua (Cervignano, TE)

info: https://www.agriturismocapodacqua.com/

Montagna Verde (Licciana Nardi, MS)

info: https://montagnaverde.it/

Masseria Pilano (Crispiano, TA)

info: https://www.pilano.it/it/

Agrinegri (Gaiano,SA)

info: https://www.agrinegri.it/

Il Rigo (San Quirico d’Orcia, SI)

info: https://www.agriturismoilrigo.com/

 

Vota anche tu e facci sapere chi vuoi fare vincere!

Agriturismo top (punto 3), Weekend in van (punto 5)

Crea la tua indagine per il feedback degli utenti




Le off-road extreme alla ricerca di glamping e resort per vacanze lontani dalla folle folla

L’emergenza globale generata dal Covid-19 sta inevitabilmente avendo fortissime ripercussioni sul settore del turismo. È ancora presto per avere una situazione chiara di quando e se tutto tornerà alla normalità. Non sappiamo per quanto tempo la vita sociale sarà ostaggio di questo vile virus. Ma, probabilmente una cosa è certa, le nostre concezioni di viaggio e di vacanza sono destinate ad evolversi e ad adattarsi alla situazione attuale. Le spiagge affollate, i locali stracolmi di gente e le città piene di turisti saranno, infatti, un triste ricordo, ma questo non significa che dobbiamo fermarci.

Sarà l’occasione di riscoprire il piacere dell’outdoor e di esplorare, stando all’aperto, lontani dall’affollamento e sempre più a contatto con la natura, per imparare nuovamente a rispettarla. Partiremo dal rivalutare le bellezze segrete del nostro paese, soggiornando nei sempre più numerosi glamping. E poi, quando sarà possibile varcare i confini stranieri, potremo spingerci sempre più lontano per raggiungere i posti più inaccessibili del nostro pianeta. Vacanze negli scenari più esotici per riscoprire anche la bellezza del viaggio inteso come lo spostamento da un luogo all’altro a bordo di vetture speciali.

Oltre ai camper e ai van, infatti, saranno necessarie delle compagne di viaggio estreme per vivere un’avventura indimenticabile in resort e glamping speciali. Una di queste strutture è il lussuoso Ashar Resort di Al Ula.

Un glamping/resort  d’eccezione: Ashar Resort di Al Ula

L’Ashar Resort di Al Ula è uno dei glamping più affascinanti e all’avanguardia al mondo, dove potrete scegliere se soggiornare in tenda o in villa. La struttura è situata a una cinquantina di chilomtri dalle Tombe di Madain Saleh e offre tutti i comfort dei più lussuosi hotel, pur rimanendo a contatto con la natura e il paesaggio. Dopo una notte in tenda potrete rimettervi al volante di un quad o di una extreme car per raggiungere l’edificio a specchi più grande del mondo: la Maraya Concert Hall. Maraya è un gigantesco cubo di specchi, un perfetto esempio di relazione e armonia tra arte e paesaggio nell’architettura.

La struttura ha una platea che può ospitare 500 persone sedute e ha accolto esibizioni di artisti di spicco della scena internazionale tra cui il musicista Omar Khaira e Andrea Bocelli. La struttura ha la forma di un cubo completamente ricoperto di specchi che riflettono il paesaggio pittoresco di AlUla che lo circonda.

 

Al Ula la perla dell’Arabia Saudita

Situata a poco più di mille chilometri da Ryad, in Arabia Saudita, Al Ula è un’oasi millenaria sulla leggendaria via dell’incenso. Il sito più importante di Al Ula è senz’altro Hegra. Si tratta del primo sito Patrimonio Mondiale dell’Unesco dell’Arabia Saudita. Al Ula è stata crocevia di numerose civiltà, ed è ricca delle tracce del passaggio di diverse culture: i Regni di Dadan, Lihyan, dei Nabatei, l’Impero Romano e la civiltà islamica. Qui, cultura arte e natura rendono questo posto unico e affascinante dove trascorrere una vacanza all’insegna dell’esplorazione. Fra le attrazioni principali della zona ci sono: il sito archeologico Mada’in Saleh lungo 14 chilometri che conta 131 tombe scavate nel deserto, e l’Elephant Rock, un enorme affioramento in arenaria che l’erosione ha modellato a forma di elefante. Non può mancare anche una visita alla città vecchia che contiene resti risalenti al decimo secolo. Immancabili poi le escursioni tra le valli e le strade sabbiose a bordo di vetture estreme.

Passa alla seconda pagina per conoscere le off-road extreme

Un mondo senza limiti e confini: ecco le 10 auto Extreme più esagerate di sempre targate Weekend Premium

La Redazione di Weekend Premium ha scelto per voi i 10 veicoli più estremi ed stupefacenti in grado di superare ogni ostacolo e di raggiungere anche le mete più remote.

1)Ford Ranger Raptor

Il nuovo Ford Ranger Raptor è la versione più spinta, potente e affascinante del noto pick-up della Casa dell’Ovale blu. Questo veicolo non è solo possente, ma anche intelligente, grazie all’adozione di soluzioni tecniche molto raffinate. Il suo aspetto muscoloso viene enfatizzato dalla grande calandra che separa i sottili proiettori, dai passaruota allargati che ospitano enormi ruote tassellate e dall’ampio cassone che permette di trasportare decisamente qualunque oggetto, anche quelli più ingombranti. LEGGI TUTTO

2)Nikola Badger

Dalla mente della start up Nikola (specializzata in veicoli industriali elettrici e a idrogeno) nascerà il futuristico pick-up Nikola Badger, mastodontico pick-up a idrogeno oche verrà svelato ufficialmente il prossimo settembre. LEGGI TUTTO

3)Laffite G-Tec X-Road

La Laffite G-Tec X-Road è un’auto davvero unica e fuori dal comune: è una moderna dune buggy in grado di affrontare qualsiasi ostacolo e tracciato, mentre il suo corpo vettura filante e suono abbraccia le forme di una coupé aggressiva e rabbiosa. LEGGI TUTTO

4)Dartz Prombron Black Stallion

Se Darth Vader, il celebre “cattivo” della saga cinematografica di Guerre Stellari utilizzasse un veicolo con quattro ruote, quello sarebbe senza ombra di dubbio l’esagerato ed imponente fuoristrada battezzato Dartz Prombron Black Stallion, capace di vantare doti da off road decisamente elevate, il tutto condito da un allestimento lussuoso e vistoso allo stesso tempo. LEGGI TUTTO

5)Chevrolet Colorado ZR2 Bison

Il Chevrolet Colorado ZR2 Bison sfrutta sospensioni Multimatic a smorzamento dinamico rialzate di 2 pollici, differenziali di bloccaggio anteriori e posteriori e paraurti anteriore predisposto per il verricello e sospensioni Multimatic che la rendono ideale per affrontare qualsiasi tipo di tracciato, anche quelli più impervi, oppure durante ogni tipo di condizione climatica. Sotto il cofano batte un 2.9 litri turbo diesel da 186 CV e 500 Nm di coppia, con quest’ultima che rende le riprese vigorose a tutti i regimi.
LEGGI TUTTO

6)Ford F-250 Tremor

L’ F-250 Tremor si presenta come un pick-up di grandi dimensioni caratterizzato da un corpo vettura imponente e muscoloso che si distingue immediatamente per la sua enorme mascherina anteriore che si “incastra” in un unico elemento con i proiettori. L’abitacolo è particolarmente spazioso e curato nei minimi dettagli: al centro della grande console troviamo il display del sistema multimediale che permette di controllare numerose funzioni, a partire dalla navigazione GPS e fino ad arrivare all’impianto audio, senza dimenticare la connettività per smartphone e le informazioni sulla guida del veicolo.
LEGGI TUTTO

7)Ram Rebel TRX

Rispetto agli altri RAM, il Rebel TRX sfoggia un’estetica specifica caratterizzata dalla presenza sulla griglia anteriore delle tre lettere bicolore nero e rosso che identificano il brand americano. Una nuova griglia sul cofano è stata invece installata per raffreddare il poderoso V8 sovralimentato. All’interno del veicolo spiccano sedili sportivi rivestiti in materiale pregiato, non mancano inoltre un sistema di infotainment, l’impianto audio e la climatizzazione automatica.
LEGGI TUTTO

8)Land Rover Defender Flying Huntsman 6×6

Osservando l’estetica della vettura non possiamo che notare come il classico Defender sia stato profondamente allungato: per l’esattezza il cofano motore ha una lunghezza maggiore di 400 mm, mentre la cabina è più ampia di 1.000 mm, mentre l’aggiunta di nuovi passaruota ha permesso di aumentare la larghezza di 150 mm. La cosa più sbalorditiva è certamente l’aggiunta di un terzo asse che ha permesso di ottenere in totale ben 6 ruote motrici, dettaglio che rende questa vettura a dir poco inarrestabile qualsiasi terreno affronti. LEGGI TUTTO

9)Brabus 800 Adventure XLP

Il propulsore della Classe G targata AMG è un poderoso V8 biturbo da 4.0 litri che nella sua configurazione originale vanta 585 CV e una coppia massima di 850 Nm. Gli abili tecnici di Brabus sono intervenuti sul propulsore installando dei compressori maggiori, il tutto coadiuvato da una nuova mappatura della centralina. L’incredibile risultato ottenuto dal V8 parla di ben 800 CV e 1.000 Nm di coppia massima, il tutto gestito da un cambio automatico a nove rapporti, mentre la potenza viene scaricata sulla trazione integrale 4Matic. LEGGI TUTTO

10)Lamborghini Urus ST-X

Svelato in anteprima nel 2018 sotto forma concept-car, la Lamborghini Urus ST-X rappresenta il primo SUV al mondo sviluppato appositamente per l’uso in pista. Il debutto della ST-X è stato fissato nel corso di quest’anno: Mauro Reggiani, capo del dipartimento R&D di Lamborghini, ha infatti confermato la presenza del super SUV sul circuito di Misano, in Italia, in occasione del finale mondiale del Lamborghini Super Trofeo 2020 che si svolgerà sulla pista romagnola dal 31 ottobre al 1° novembre prossimi. LEGGI TUTTO




Ecco le cinque meraviglie green in Italia per i futuri Weekend anti-virus in camper e van

Come abbiamo già detto più volte questa sarà una estate diversa dal solito. La situazione attuale cambierà inevitabilmente il modo di viaggiare. Si privilegeranno località meno affollate a favore del distanziamento sociale. E allora ecco che si riscoprirà la bellezza di vivere un weekend in camper all’aria aperta. L’aria che in questo momento di difficoltà sta diventando sempre più pulita, grazie alla riduzione della mobilità e delle emissioni. Sarà importante quindi riprendere a viaggiare mantenendo questo trend positivo e assumendo sempre più consapevolezza ambientale.

Weekend in camper

Fortunatamente l’Italia un paese ricco di località immerse nel verde e nella natura, mete ideale da raggiungere in camper o in van. Oggi si festeggia il 50esimo anniversario dell’International Mother Earth Day, ovvero la Giornata dedicata a Madre Terra.
Quale occasione migliore quindi per andare alla scoperta di alcune località green tutte italiane.

Indie Campers ha selezionato cinque location insolite immerse nella natura, per sognare e cominciare a pianificare la prossima avventura a tutto verde nella nostra amata Italia. Andiamo a scoprirle!

Weekend in camper: il Lago di Sorapis (Belluno)

Situato a 1.900 m di quota, il Lago di Sorapis si adagia dolcemente nella splendida cornice delle Dolomiti. Le sue acque sono di un turchese pastello, quasi surreale, che si unisce al bianco delle rocce e il verde dei pascoli, rendendo questo posto davvero magico. Il lago può essere raggiunto solo a piedi, caratteristica che lo rende il luogo perfetto per riconciliare il corpo con la mente, dimenticare lo stress della vita di tutti i giorni e apprezzare la gioia delle piccole cose.

Dove sostare con il camper: Camping Rocchetta

 

Sassi di Roccamalatina (Modena)

Un paesaggio fatto di antichi castagneti e boschi, tra cui svettano gli imponenti sassi in arenaria, caratteristica peculiare dell’omonimo Parco Regionale. Alte circa 70 metri, le guglie sono veri e propri monumenti della natura, da ammirare in tutta la loro maestosità. Aguzzate la vista: questo spazio custodisce una ricca biodiversità, sarete incantati da una flora variegata e numerose specie faunistiche.

Dove sostare con il camper: Camping Monte Questiolo

 

Cascata delle Marmore (Terni)

La Cascata delle Marmore deve il proprio nome ai sali di carbonato di calcio che si sedimentano sulle rocce della montagna, regalando riflessi simili a quelli dei cristalli di marmo bianco. Un vero e proprio spettacolo, che mostra la natura in tutta la sua potenza. L’arcobaleno è un dettaglio da non perdere, nonché uno dei simboli della cascata: nelle giornate di sole, con il pieno rilascio dell’acqua del Velino, il cielo si tinge di mille colori per la gioia degli occhi.

Dove sostare con il camper: Camping le Marmore

 

Riserva naturale di Pantalica (Siracusa)

Ci troviamo nel territorio di Siracusa, dichiarato Patrimonio Unesco nel 2005. La Riserva sorge su un altopiano circondato da alcuni canyon, nati dal passaggio dei fiumi Anapo e Calcinara. Oltre a un assaggio di natura, questa meta vi permetterà di fare una breve gita culturale: la zona naturalistica di grande pregio custodisce infatti un sito archeologico. Qui si trova una delle più importanti necropoli rupestri d’Europa incastonata nella roccia, che crea uno spettacolo suggestivo immerso nel verde.

Dove sostare con il camper: Area Sosta Capocorso

Grotta di Su Marmuri (Nuoro)

Un fenomeno naturale imperdibile. Situate vicino al borgo ogliastrino di Ulassai, Sardegna centro-orientale, le grotte di Su Marmuri (dal sardo “grotte di marmo”) sono tra le più imponenti d’Europa, percorribili per oltre 850 metri e con picchi di altezza di ben 70 metri. Considerate un’opera naturale di inestimabile valore artistico, sorgono nei pressi di un percorso ad anello con brevi diramazioni su punti panoramici da togliere il fiato.

Dove sostare con il camper: Agricampeggio Helga’s

Come affittare un camper

Per maggiori informazioni su come e dove affittare un camper per tornare a viaggiare e godersi un Weekend Outdoor, fai click qui.