AUDI Q3: NUOVA FACCIA, STESSA RAZZA MA CON MENO CONSUMI

Audi Q3 006

Qualche ritocco anche alle Q3 con motori a quattro cilindri, tutti turbo con iniezione diretta: tre TFSI a benzina, e altrettanti TDI a gasolio, che contemporaneamente limitano anche le emissioni: assortimento motoristico da 1.4 a 2.0 litri con potenze da 120 a 220 CV. E un paio riescono a conseguire la “certificazione” ambientale “Audi ultra”, riservata alla migliore efficienza.

Audi Q3 008

La nuova Audi Q3 conferma maneggevolezza e stabilità, aumentando anche il comfort, il pregevole sistema Audi drive select consente al guidatore di selezionare le configurazioni dell’auto, che con le sospensioni attive opzionali, riguardano anche l’assetto. Da Comfort ad Auto, da Efficiency a Dynamic: e per chi guidasse in montagna, su neve, o anche fuori asfalto, la frenatura automatica in discesa è disponibile a richiesta.

Audi Q3 2014 021

Oltre la tecnologia, i contenuti della nuova Q3 rimarcano la personalità da compatta premium: i designer hanno perfezionato la linea da coupé con il caratteristico portellone avvolgente, enfatizzando la larghezza di frontale e coda, con maggior personalità. Nuova la calandra “single frame” che appare più scolpita e si collega alle luci con maggior effetto tridimensionale. Queste, offrono gruppi anteriori xeno plus con luci diurne led di serie, in opzione l’alternativa full led, con maggior potenza luminosa ed efficienza, abbinate agli indicatori di direzione dinamici: una freccia che scocca indicando in sequenza la direzione, in due soli decimi di secondo.

Audi Q3 016

Sicurezza evoluta, con assistenza alla frenata in caso di collisione multipla di serie, tra gli optional più importanti Audi side assist, che tramite un indicatore a led ai retrovisori laterali segnala la presenza di un veicolo nell’angolo cieco o in rapido avvicinamento da dietro, Audi active lane rileva tramite videocamere le linee di demarcazione e interviene con lievi impulsi sullo sterzo per aiutare il conducente se il veicolo si avvicina troppo alle linee e non si attivano preventivamente gli indicatori di direzione, il riconoscimento dei limiti di velocità, basato su telecamere, riconosce anche i divieti di sorpasso e li mostra in forma grafica nel display.

Audi Q3 011

Infotainment con MMI navigation plus, Audi connect con wi-fi integrata per i passeggeri che possono navigare o sfruttare servizi e-mail, con alcuni servizi per il conducente, come Audi music stream per l’ascolto delle web radio, informazioni sul traffico on-line e navigazione con Google Earth e Street View.

Audi Q3 014

Allestimenti design e sport, più i pacchetti S line, S line exterior, Audi exclusive design package e Audi exclusive exterior design package. In consegna da febbraio (un paio di mesi più avanti la RS Q3), con prezzi da 31.900 euro (1.4 TFSI con trazione anteriore), 34.800 (2.0 TDI 150 CV quattro) a 43.200 (2.0 TFSI 220 CV quattro), mentre i prezzi di RS Q3 saranno comunicati in seguito.Dedicata a chi voglia un’auto di qualità, dall’immagine raffinata, guizzante in città e in montagna, con contenuti da vera Audi. Alternativa, molto diversa e personale, a Bmw X1 e Mercedes GLA, conferma personalità e il successo che la rende la più apprezzata del segmento.

www.audi.it

Audi Q3 2.0 TDI quattro

Dimensioni: 439/183/160 cm

Potenza: 150 CV a 4.000 giri/min

Coppia: 340 Nm da 1.750 giri/min

Velocità massima: 204 km/h

0-100 km/h: 9,3 secondi

Consumo medio: 5,1 l/100 km (19,6 km/l)

Emissioni di CO2: 134 g/100 km




LUMINAPOLIS ILLUMINA MERANO

Prima di Natale una mostra d’arte illuminerà la  città  di Merano. Un’interessante retrospettiva dei  due  artisti si svolgerà dal 27 novembre all’8 dicembre 2014, presso le sale del Kurhaus di Merano. Le  ex sale lettura del  Kurhaus ospiteranno alcuni lavori di   Marco Lodola e di  Renzo Arbore, i  due artisti, che partecipano in qualità di autori al progetto “Alberi di Natale Merano, collezione 2014”, vivono tra arte, musica e  design con una  forte  attenzione alla  luce e al  colore e a rimandi di affinità tra le ultime creazioni di Lodola  e Miami Swing  di Renzo Arbore, design Cappellini-Licheri.

kurhaus_scheveningen1

Il vernissage è previsto alle ore 18.00 del 27 novembre e tutti i  giorni (ingresso libero), dalle ore 10.00 alle ore 18.00. Fino all’08 dicembre, sarà possibile scoprire i  lavori di due grandi artisti  del nostro  secolo, attraverso le affascinanti installazioni luminose di Marco Lodola e gli arredi creati dalla  fantasia dell’eclettico Renzo Arbore. Marco Lodola, un’artista molto noto nel panorama  internazionale  che nella sua ricerca  ha saputo  mescolare   linguaggi  e suggestioni provenienti dal cinema, dalla  letteratura, dalla musica, dedica gran parte del suo lavoro alla  creazione di grandi sculture luminose che  ridisegnano lo  spazio in modo  fantasioso e divertente.

MiamiSwing

Con lo stesso spirito Renzo Arbore ha ideato la collezione Miami Swing, design  Cappellini-Licheri, per Mirabili Arte d’Abitare,     ovvero una galleria di oggetti che rivede gli schemi prorompenti degli anni  ‘50/’60, con i colori vivaci e le forme generose e suggestive, come la sua musica.

1266655008miami

Nelle opere di Arbore fiorisce e matura tutta l’esperienza di  artista dai mille volti, cantautore, conduttore radiofonico, clarinettista, showman, attore, sceneggiatore, regista e personaggio. Con Luminapolis la città di Merano vuole accendere   le luci, colorarsi e offrire emozioni durante il periodo più suggestivo ed emozionante dell’anno, l’Avvento.




LANGHE, TERRA DI SAPORI E COLORI

E’ tempo di vendemmia e caccia ai tartufi nelle Langhe e noi non potevamo di certo perderci quest’evento. Durante questa stagione potrete vederla in tutto il suo splendore, i vigneti cambiano colore e conferiscono a questo meraviglioso paesaggio un aspetto da lasciarvi senza fiato, con le loro colline, i nobili vigneti ed i borghi storici, regalano scorci di assoluta bellezza.

20140919_163347

Qui, le terre calcaree ed argillose abbinate all’abilità dell’uomo hanno creato un’economia vinicola tra le più fiorenti, una tappa obbligata per gli amanti del vino. E’ qui che nascono alcuni tra i vini più pregiati del panorama enologico internazionale: i pregiati Barolo e Barbaresco, il frizzante Moscato, un patrimonio che ogni anno Albeisa, l’Unione Produttori Vini Albesi, si impegna a far conoscere grazie a “Nebbiolo Prima”, la manifestazione internazionale definita il “wine summit italiano per eccellenza”. Queste terre oltre al buon vino che ci rende famosi in tutto il mondo sono anche conosciute per i prodotti tipici e una cucina che da sempre attira gli appassionati della buona tavola.

20140919_161615

Il nostro tour inizia con la prova di vendemmia nella zona del Roero e la visita alle cantine “ Negro” e “Adriano Marco e Vittorio”. La distesa di vigneti che ci si presenta davanti è fantastica. Il territorio trasuda l’amore e il lavoro dei suoi abitanti, c’è una cura e un ordine quasi maniacale in questi vigneti. Durante il tour nelle varie aziende la cosa che più ci ha colpito è l’unione e l’ amore che queste persone mettono nel loro lavoro, e che dire, se avrete la fortuna di assaporare un dei loro vini lo capirete.Un’altra eccellenza di questi luoghi è il tartufo.

20140920_091244

Se capitate da queste parti e volete gustare il vero tartufo dovete assolutamente andare alla “La Ciau del Tornavento” , qui lo Chef stellato Maurilio Garola vi sorprenderà con la cocotte di uovo e tartufo chiusa in un magico scrigno, o con i suoi agnolotti di plin cotti nel fieno maggengo al burro e timo serpillo e con molte altre specialità;

20140920_141648

oppure al ristorante “All’Enoteca” la simpatia e la bravura dello Chef stellato Davide Palluda vi lascerà senza fiato.

 

COSA VEDERE:

A Chi vuole immergersi pienamente in questo territorio deve consigliamo di visitare i castelli del Barolo, dove è possibile visitare il Museo Internazionale del Vino, WiMu, il Museo del cavatappi o il meraviglioso castello di Guarene che sarà possibile visitare prossimamente e anche soggiornarci, dormirete nelle stanze dove ha dormito la più importanti ed illustre  aristocrazia del Roero.
Potrete anche visitare le cantine della famiglia “Negro”: Monteu Roero (CN)-Fraz. S.anna-Piemonte tel. 017390252 E-mail: negro@negroangelo.it oppure le cantine di “Adriano Marco e Vittorio”: Fraz. San Rocco Seno d’Elvio 13 a; Alba (CN) Tel.0173362294; www.adrianovini.it E-mail: info@adrianovini.it

ENTRAMBE VISITABILI SU PRENOTAZIONE

 

LA CUCINA

Nata da ingredienti semplici, miscelati tra loro da usanze antiche. Per tradizione, i pranzi e le cene delle Langhe iniziano da una ricca serie di antipasti. Si va dai salumi alla carne, vera regina della tavola piemontese, che viene servita cruda, come la salsiccia di Bra. Tra gli antipasti non possono mancare i piatti a base di salsa maionese come l’insalata russa e il vitello tonnato.

20140919_143609

Le paste tipiche sono sempre a base di uova: in qualsiasi menù non mancheranno mai i tajarin, sottilissime tagliatelle di pasta all’uovo.

 

DOVE DORMIRE:

“Hotel Calissano” Via Pola, 8 12051 Alba- CN- Tel. 0173/364855
www.hotelcalissano.com

 

DOVE MANGIARE:

“La Ciau del Tornavento” Piazza Leopoldo Baracco 7 Treiso-Cn- tel. 0173/638333
www.laciaudeltornavento.it

“All’Enoteca” Via Roma 57, Canale- Cn- Tel. 01737441332
www.davidepalluda.it

 

RICETTA “CIAU DEL TORNAVENTO”:

“Agnolotti del plin ripieni di seirass cotti nel fieno maggengo al burro di timo e serpillo”

Ingredienti per la pasta:

  • 500 g di farina 00
  • 250 g farina di grano duro
  • 25 tuorli d’uovo
  • un filo d’olio extravergine

 

Ingredienti per il ripieno:

  • 1 seirass fresco
  • 2 uova intere
  • 20 g sale
  • 50 g di Parmigiano grattuggiato
  • 15g di timo serpillo sfogliato

Ingredienti per la salsa:

  • 500 g di burro di montagna
  • 100 g di timo serpillo
  • Acqua di cottura

Procedimento:

Preparate un impasto con gli ingredienti della pasta e lasciarla riposare per mezz’ora circa. Passate la ricotta al setaccio e unirle a tutti gli ingredienti. Stendere la pasta a fogli sottili e con l’aiuto della sac a poche con bocchetta liscia formare delle palline su un lato della pasta, girarla su se stessa e pizzicarla tra una pallina di ripieno e l ‘altra, tagliare gli agnolotti con una rotella dentellata. Racchiudere del fieno di primo taglio in un canovaccio e tuffarlo nella pentola dove cuoceranno gli agnolotti. Al momento che butteremo i plin togliere il canovaccio e ottenere dei nidi dove verranno serviti gli agnolotti. Scolare gli agnolotti e saltarli in padella con burro e timo serpillo, poneteli al centro del nido.

 

ALBEISA E LA SUA STORICA BOTTIGLIA

Chi è Albeisa. La bottiglia Albeisa risale agli inizi del 1700, quando i produttori dell’albese, orgogliosi dei propri vini, per contraddistinguerli da altri, adottarono una bottiglia dalla forma diversa che chiamarono con questo nome. Nel 1973, , partì il progetto “albeisa”. Sedici produttori decisero quindi di unirsi e riutilizzare l’antica bottiglia Albeisa, adattandola alle esigenze moderne.

20140920_094729

Albeisa è un’associazione non a scopo di lucro, la cui finalità principale è la promozione e la valorizzazione dei vini dell’albese. Per una regione ricca di tesori enologici, disporre di una bottiglia tipica di antico uso significa conferire ai propri vini maggior classe e dignità. La regione albese si inserisce così nel contesto mondiale dei grandi vini, adottando attraverso produttori qualificati, coscienti e convinti la bottiglia “albeisa”, copia perfetta dell’antica forma, per la difesa e la valorizzazione del patrimonio vitivinicolo locale.




#wakeupcall: i selfie dei vip appena svegli per Unicef

Dopo la doccia gelata dell’Ice Bucket Challenge, la famosa secchiata d’acqua ghiacciata che quest’estate ha invaso il web con milioni di video, dove i Vip si sfidavano a colpi di secchiate d’acqua per raccogliere fondi per la ricerca contro la SLA, ora è il momento del selfie al risveglio ovvero la #wakeupcall e sono tanti i vip che stanno aderendo: è una nuova iniziativa sulla falsa riga dell’Ice Bucket Challenge questa volta organizzata dall’Unicef. Consiste nel postare su Twitter, Instagram o Facebook una foto di sé stessi al risveglio, usando l’hashtag #WakeUpCall.
Article Lead - wide6173915610rbcjimage.related.articleLeadwide.729x410.10ra8k.png1412656323795.jpg-620x349
Il passo successivo consiste nel nominare amici o parenti a fare altrettanto e, questo il cuore
dell’iniziativa, fare una donazione all’Unicef in favore dei bambini profughi siriani che hanno trovato accoglienza in Giordania  e un’occasione per noi di vedere i vip finalmente senza trucco e parrucco. A dare il via alla campagna è stata Jemima Khan, giornalista e ambasciatrice Unicef che ha invitato le star britanniche a fare altrettanto. C’è chi l’ha presa sul serio, come Jemina Khan, giornalista e socialite inglese, c’è chi ci scherza, come l’attore Hugh Grant (che ha postato uno scatto tratto dal film Cloud Atlas) dove si è invecchiato attraverso il trucco
Hugh-Grant-se-soumet-a-sa-facon-au-defi-WakeUpCall_portrait_w674
dall’attore Stephen Fry, e, in Italia, da Elisabetta Canalis. , e chi, che  per ottenere quell’effetto senza trucco deve essersi truccato per 40 minuti, vedi Naomi Campbell.

wakeupcallcomp0810

 




IL GALATEO DELLO SPORT

Oggi parleremo del galateo dello sport. “Mens sana in corpore sano” ha un significato preciso, un’intesa di scambio che per molti dei nostri atletici contemporanei pare essersi persa nel tempo.

donne_palestra

Lobotomizzati dalle linee anoressiche delle super modelle o dai superpalestrati gonfi di muscoli, ha fatto si che in molti abbiamo affrontato lo sport come tortura estrema o come sublime momento di sofferenza forgiante, che coniugato a diete devastanti, ha scolpito i nostri fisici lasciandoci comunque imperfetti ed eternamente insoddisfatti.

modelle-anoressiche-troppo-magre

Per ritornare a una concezione equilibrata dello sport basterebbe ricordarsi che il movimento non deve essere un’ossessione ma un piacere.Forse sulla base di questo principio sarebbe finalmente possibile assistere al fausto tramonto di tanti rompiscatole fanatici dell’esercizio a tutti i costi.

body_building

Tali manici del muscolo guizzante, che inorridiscono al minimo accenno di adipe, hanno il serio problema di essere più invasivi di certi adepti a sette religiose che ti suonano il campanello alle 7 del mattino di domenica. Difficile immedesimarsi in queste persone, eppure potreste essere proprio voi, anche si vi pare che la vostra passione sia assolutamente contenuta entro i livelli di tolleranza.

riminiterme-palestra-fitness-vista-mare

Cercate dunque di evitare di imporre il vostro stile di vita a tutti, evitate di esporre in ogni occasione il vostro fisico scolpito indossando magliettine sempre più corte. Non angosciate il prossimo illustrandogli per  composizione chimica gli elementi presenti in un bel piatto di lasagne che sta per mangiare ( e che sicuramente gli andrà di traverso), esaltando invece le doti del vostro nuovo integratore. Non regalate a  tutti quel fantastico step che vi ha rivoluzionato l’esistenza o la panca sollevamento pesi. Se amate lo sport godetevelo senza imporlo agli altri.




KIA SOUL ELETTRIZZA LA MILANO FASHION WEEK

Kia “elettrizza” la Milano Fashion Week con una Soul ECO-electric d’autore. La nuova ECO-electric verrà esposta in anteprima dal 16 al 22 settembre in Via della Spiga. La crossover in versione elettrica sarà fonte di ispirazione per un’opera realizzata in esclusiva dalla illustratrice di moda Rebecca Moses. Per la Fashion Week 2014 il ruolo di testimonial della collaborazione fra Kia e Marie Claire sarà affidato alla nuovissima ECO-electric, modello a propulsione totalmente elettrica che si distingue per il design inconfondibile e vanta straordinarie caratteristiche dal punto di vista ambientale. In occasione di questa settimana dedicata alla moda l’Artista Rebecca Moses si lascerà ispirare dal design innovativo ed anticonformista della Soul ECO-electric e ne riproporrà una sua interpretazione che sarà esposta al pubblico la sera del 17 Ottobre all’interno di una spettacolare location in Via della Spiga nel corso dell’evento battezzato “Magic Accessories”.

kia soul2

Rebecca Moses, newyorkese, è una delle più note illustratrici di moda e collabora da tempo alle più prestigiose pubblicazioni in tutto il mondo. In questa occasione ha creato un’opera che sottolinea la convergenza fra la tecnologia innovatrice di Kia, il tema dell’esposizione e il gusto della moda di Marie Claire. In più, per tutta la durata della manifestazione (dal 16 al 22 Ottobre), sempre in Via della Spiga, una Soul ECO-electric verrà esposta in anteprima assoluta rinsaldando il legame tra Kia, il design,la moda e la tecnologia.

kia soul

Kia Soul ECO-electric, primo veicolo full electric del brand coreano, pronta per il debutto ufficiale in Italia nel corso del 2015, si svela per la prima volta al grande pubblico. Dotata di grande personalità, grazie ad un design caratteristico, riconoscibile e accattivante, nuova Soul ECO- electric con i suoi 200 km di autonomia e tempi di ricarica ridottissimi è destinata a diventare vero e proprio riferimento all’interno del segmento “zero emissioni”.




FARE LA SPESA DIVENTA VIRTUALE

Andare a fare la spesa è un rito fatto di tanti piccoli gesti, tanto automatici e rassicuranti, quanto fastidiosi quando si ha poco tempo. Nel giro di qualche anno questa quotidiana abitudini potrebbe essere destinata a cambiare: infatti nel giro di qualche anno potrebbe diventare un’esperienza assolutamente diversa e totalmente virtuale, con la complicità della realtà aumentata.

oculus2

Provate ad immaginare, niente più code alle casse, niente più fatica nel portare le borse della spesa o le fastidiose e pesanti casse dell’acqua, potrete acquistare tutto on line seduti comodamente sul vostro divano e i prodotti vi verrebbero recapitati a casa, con costi e tempi aggiuntivi però è già attiva da tempo, qui si sta parlando di una rivoluzione radicale. E’ in fase di sperimentazione il visore Oculus Rift che si tratta nello specifico di una maschera che una volta indossata ci proietta in un mondo virtuale e tridimensionale. La realtà virtuale non è una novità ma lo è Oculus.

OculusRift

 

L’intuizione di sfruttarlo per farci riempire il carrello in un’altra dimensione è stata dell’italiana Imille. Indossata l’ingombrante maschera e con un controllore nelle mani della stessa forma dell’impugnatura del carrello saremo in grado grazie al software Shelfzone di muoverci tra scaffali e prodotti disposti come se ci trovassimo in un punto vendita vero e proprio non per forza attraverso una riproduzione fedele dell’ambiente a cui siamo abituati, ma si stanno studiando proposte sempre più avanzate, come ad esempio ingrandire il prodotto all’occorrenza.

Buying food at the supermarket

Questo è il futuro di Shelfzone e di Oculus Rift e dispositivi analoghi che saranno presenti in maniera consistente nelle case dei consumatori. Una discriminante sarà il prezzo: il primo modello a basso costo dovrebbe arrivare nel 2015. L’altra variante quella più costosa avrà diverse funzioni potrà essere utilizzata anche per videogiochi e per guardare partite come se si fosse seduti in panchina o altri contenuti da una prospettiva inedita e ovviamente fare la spesa, quindi se il prezzo dovesse aggirarsi sui 300 /400 la spesa sarebbe giustificata.

oculusrift_large15




QUELLO CHE NON SAI SU WHATSAPP ECCO I TRUCCHI..

Chi di noi ormai non utilizza questa meravigliosa App?WhatsApp ha letteralmente cambiato il mondo della messaggistica, ormai è parte integrante della nostra vita, ma molti di quelli che lo usano non conoscono alcuni trucchetti per usarlo al meglio e noi ve li sveleremo..

whatsapp

Usare WhatsApp senza numero di telefono

Installare l’app impostando il telefono su modalità aereo per bloccare ogni ricezione dei messaggi. A questo punto scegliere la modalità di verifica via SMS, inserendo il proprio indirizzo mail. Cliccare “invia” e subito dopo “cancella” per interrompere il processo di identificazione. Scaricare l’app Spoof Text Message (Android) o Fake-a-Message (iPhone). Copiare il messaggio ancora nella casella mail ‘In uscita’ e inviarlo con l’app dei finti messaggi insieme al proprio indirizzo mail. Il sistema invierà un messaggio a quel numero finto, che si potrà usare per iniziare a utilizzare WhatsApp

Disabilitare il download automatico delle foto 
Per evitare di scaricare milioni di foto inviate dagli amici andare su Impostazioni > Impostazioni Chat > Auto-download Media >

Nascondere l’orario del tuo ultimo accesso 
Puoi nasconderlo utilizzando un’app di nome Not Last Seen: una volta scaricata, dovrai semplicemente spuntare l’opzione “blocca ultimo accesso” e salvare il tutto.

whatsapp1

Inviare i file in qualsiasi formato 

Per inviare anche file di testo, cartelle Excel e Pdf installare Dropbox e CloudSend connettendo insieme le due app: il link al documento che verrà generato potrà essere inviato ai tuoi amici tramite WhatsApp.

Avere più account su WhatsApp
Gestendoli dalla stessa app Scaricare un’app chiamata SwitchMe. Dopo l’installazione, l’app permetterà di creare un secondo profilo, e usarli contemporaneamente

Recuperare i messaggi cancellati
WhatsApp salva tutte le tue conversazioni sulla SD card del telefono: nella cartella WhatsApp > Database ci sono tutti, salvati in msgstore.db.crypt. Si possono recuperare semplicemente usando un text editor.Nascondere la tua foto profilo Scaricare WhatsApp Plus.

Cambia lo sfondo delle conversazioni
Installare WhatsApp PLUS Hol

 Scoprire le statistiche
Installare WhatStat for WhatsApp e scoprilo.

Cancellare l’account WhatsApp
L’unico modo per farlo è agire da Impostazioni > Account > Cancella Account. Inserendo il proprio numero di telefono la cancellazione sarà completa.

Creare una finta conversazione 
Usare WhatSaid, un’app che permetterà di stupire gli amici con finte conversazioni, anche con personaggi famosi.

Cambiare il numero di telefono senza perdere i messaggi 
Se per qualche motivo cambi sim, ma non vuoi perdere tutti i tuoi messaggi, puoi farlo da Impostazioni > Account > Cambia numero.

Mandare due foto fuse in una 
Utilizzare queste due app: Magiapp tricks for Whatsapp (Android) o FhumbApp (iPhone) e iniziare a divertirti.

Abilitare le notifiche vocali 
Su Android, installare Voice for notification e Text-to-speech, abilitare le notifiche vocali da Impostazioni > Accessibilità e riavviare l’app.

 

 




UNA STELLA SULLA GREEN ROAD

La Puglia è una delle regioni più gettonate, ma forse per non andare tutti nel Salento, si può scegliere le Colline Ioniche., dove gli antichi Greci crearono le prime colonie, portandovi la civiltà della Magna Grecia. E ancora adesso qui c’è qualcosa di nuovo, la creazione delle Green Road, percorsi che legano insieme con un fil rouge paesi, spiagge, boschi e castelli.
Con la Classe V è come solcare il mare con uno Yacht, e quindi seguiamo la prima rotta, la green road che tocca i comuni del tarantino sull’asse Crispiano, Grottaglie, Pulsano.

Die neue Mercedes-Benz V-Klasse, The new Mercedes-Benz V-Class

Al di là delle mete classiche del turismo pugliese infatti, questo è un percorso alternativo tra le colline ioniche, dove il filo conduttore è rappresentato dal patrimonio territoriale e l’ecosostenibilità. La previsione che avremmo fatto incetta del meglio di quanto lo shopping pugliese ci potesse offrire si è ovviamente avverata e la classe V ha subìto l’assalto di ceramiche, burrate, orecchiette, pomodori, olio e vino senza difficoltà, dimostrandosi così, anche sul fronte della <capienza>, un’ottima compagna di viaggio. Il viaggio green nelle terre ioniche è cominciato con un preludio a Taranto la quale, superando l’ingresso ostico rappresentato dall’Ilva e dalle sue ciminiere, si mostra una città viva che ha scorci pittoreschi, come gli spettacolari tramonti sul castello aragonese o sul ponte girevole, che unisce il mar piccolo al mar grande, pregna di storia, testimoniata dai reperti in mostra al museo archeologico MARTA, specialmente con i famosi ORI di TARANTO.

castello puglia

Ma è ricca anche di cultura enogastronomica, basta anche una sola cena alla trattoria marinara il Gatto Rosso per <toccarla con mano>. Lasciando la città per inoltrarsi nella green road, si arriva a Crispiano, il paese delle 100 masserie, in una zona tra colline e pianure ricoperte di ulivi secolari, dove è ancora possibile vedere interi campi invasi da papaveri, dove si trova un patrimonio inenarrabile di erbe spontanee e dove si può dormire in luoghi come la Masseria Quis Ut Deus, che assicura il silenzio assoluto, la vista di cieli incantati, e un indisturbato sonno in camere, alcune in trulli, tutte arredate in legno naturale, con letti opere d’arte creati da rami e radici fossili. Il benessere lo garantisce una spa con un percorso di purificazione tra i trulli.

apertura_Masseria Quis ut Deus - Spa & Resort Puglia - Camere nei Trulli

Grazie alle guide di biciavventura Asd, è possibile fare escursioni tra uliveti, gravine e lame nel territorio delle 100 masserie, scegliendo di andare alla scoperta dei luoghi nascosti lungo la Green Road. Difficile proseguire il percorso tra le colline ioniche senza fermarsi per ore ed ore ad ammirare Grottaglie, la città delle ceramiche, rimanendo affascinati dalle abili mani dei ceramisti che lavorano l’argilla al tornio, cercando terrazze dalle quali ammirare il panorama sul castello Episcopio, dove ha sede il museo delle ceramiche e perdendosi nelle mille botteghe dei maestri artigiani per poi fermarsi a Casa Vestita, un antico palazzo nel cuore del quartiere delle ceramiche, sede di importanti ritrovamenti in fase di ristrutturazione, che conserva in vari strati le civiltà del luogo.

ceramiche taranto

Dalle colline al mare il passo è breve ed arrivare a Marina di Pulsano è veramente questione di poche manciate di minuti. Il panorama sulla costa cambia, al verde imperante si affiancano infatti gli straordinari colori del Mar Ionio che vira nella stessa caletta dal blu cobalto alla trasparenza, in un susseguirsi di spiagge che vanno dagli scogli alla sabbia. Con una pratica pista ciclabile è possibile arrivare al paese di Pulsano e visitare il Castello Medievale de Falconibus ed il convento dei Padri Riformati, in un itinerario che permette di unire mare, storia e ottima cucina (da non perdere il pesce al ristorante La barca di Ciro di Marina di Pulsano). Ora la nostra compagna di viaggio Classe V, una compagna di classe, è approdata su onde di sabbia dorata. Il mare ci aspetta.

Die neue Mercedes-Benz V-Klasse, The new Mercedes-Benz V-Class

 

Info: www.greenroad.it

 

Dove dormire:

Masseria Quis ut deus: strada provinciale 49, Crispiano

www.masseriaquisutdeus.com

Hotel il Gabbiano: viale dei Micenei 65, Marina di Pulsano

www.gabbianohotel.it

Ceramiche a Grottaglie: Casa Vestita, via Crispi 63/a 3461572422

Ceramiche artistiche Oronzo Patronelli: via Caravaggio 21

 




“OSSERVA PREZZI”, L’APP DOVE FARE IL PIENO COSTA MENO

L’app “Osserva Prezzi” ci rivela dove fare il pieno costa meno Lo faranno grazie a “OsservaPrezzi”, una nuova App lanciata dal ministero dello sviluppo economico, già disponibile sullo store di Google e a breve su quello Apple.

prezzi_benzina

E’ un’interfaccia che integra la mappa stradale con i prezzi dei carburanti inviati dai gestori, permettendo ai guidatori di trovare i distributori più a buon mercato con le indicazioni per raggiungerli. Le infromazioni date alle app vengono dal database dell’Osservatorio prezzi carburanti del Mise, che conta oltre 17mila impianti registrati (più del 70% del totale) in tutta la Penisola. Dalla scorsa estate, dopo le sperimentazioni su autostrade e superstrade, è partito l’obbligo di comunicare e aggiornare i prezzi per i benzinai di tutta la rete stradale. Questa iniziativa dimostrerebbe quanto siano infondate le critiche sulla mancanza di concorrenza in fatto di carburanti.

 




DUSSELDORF: PROVE D’ARTE E FUTURE UTOPIE

Edifici all’avanguardia, orti e polmoni verdi che spezzano il cemento. Non c’è nulla che intacchi l’armonia tra natura e costruzioni. Dusseldorf oggi è la centrale tedesca dell’arte, infatti proprio qui fino al 10 di agosto la Quadriennale 2014 invade i 13 musei e gli spazi pubblici. “Beyond Tomorrow” è il titolo. Se si vuole verificare con mano quanto il futuro sia già parte integrante del tessuto cittadino, dovete prendere un tram e raggiungere il MedienHafen. Proprio qui dove c’erano i relitti dei magazzini del vecchio porto fluviale, ora sorgono le costruzioni di Frank O. Gehry, di Claudio Vasconi e Jo Coenen.

Dusseldorf1

Questo è il quartiere dove lavorano le agenzie pubblicitarie dei mad men tedeschi e dove nel tardo pomeriggio ci si divide tra jogging ed happy hour. Il tour dell’arye continua sottoterra. Poco distante si trova il Kunst Im Tunnel, un inconsueto spazio espositivo che occupa un tunnel dismesso ed è il banco di prova per le sposizioni degli studenti dell’Accademia.  In un altro museo, il K20 si apre invece una mostra dall’impianto più classico: “Kandinsky, Malevich, Mondrian- The white abyss of infinity” traccia le origini della pittura non figurativa  del Novecento. Ma c’è tanta arte anche in superficie lungo tutto il perido della Quadriennale.  Il 14 giugno sarà la volta della Quadriennale Music Night fino a mezzanotte con dj set e letture. Il 19 luglio poi, la Performance night mette in scena coreografie, danze e performance.

 

DOVE MANGIARE:

Klee’s
Design innovativo, cucina tedesca, francese, basca e italiana. Attaccato al museo K20
www.klees.info

 

DOVE DORMIRE:

Radisson blu Scandinavia hotel
Doppia 102 euro
www.radisson-blu-hotel.galahotels.com

 

LA CARD:

Con la dusseldorf card c’è un utilizzo illimitato di mezzi pubblici e riduzioni nei musei. Si ouò acquistare on line, nelle edicole e tabaccherie della città.
www.dusseldorf-tourism.de

 




MERCEDES CLASSE V,UNA STELLA SULLA GREEN ROAD

Partiamo con la nostra Mercedes Classe V verso la Puglia, una delle regioni più gettonate , ma forse per non andare tutti nel Salento, si può scegliere le Colline Ioniche, dove gli antichi Greci crearono le prime colonie, portandovi la civiltà della Magna Grecia. E ancora adesso qui c’è qualcosa di nuovo, la creazione delle Green Road, percorsi che legano insieme con un fil rouge paesi, spiagge, boschi e castelli.
Con la Classe V è come solcare il mare con uno Yacht, e quindi seguiamo la prima rotta, la green road che tocca i comuni del tarantino sull’asse Crispiano, Grottaglie, Pulsano.

Die neue Mercedes-Benz V-Klasse, The new Mercedes-Benz V-Class

Al di là delle mete classiche del turismo pugliese infatti, questo è un percorso alternativo tra le colline ioniche, dove il filo conduttore è rappresentato dal patrimonio territoriale e l’ecosostenibilità. La previsione che avremmo fatto incetta del meglio di quanto lo shopping pugliese ci potesse offrire si è ovviamente avverata e la classe V ha subìto l’assalto di ceramiche, burrate, orecchiette, pomodori, olio e vino senza difficoltà, dimostrandosi così, anche sul fronte della <capienza>, un’ottima compagna di viaggio. Il viaggio green nelle terre ioniche è cominciato con un preludio a Taranto la quale, superando l’ingresso ostico rappresentato dall’Ilva e dalle sue ciminiere, si mostra una città viva che ha scorci pittoreschi, come gli spettacolari tramonti sul castello aragonese o sul ponte girevole, che unisce il mar piccolo al mar grande, pregna di storia, testimoniata dai reperti in mostra al museo archeologico MARTA, specialmente con i famosi ORI di TARANTO.

castello puglia

Ma è ricca anche di cultura enogastronomica, basta anche una sola cena alla trattoria marinara il Gatto Rosso per <toccarla con mano>. Lasciando la città per inoltrarsi nella green road, si arriva a Crispiano, il paese delle 100 masserie, in una zona tra colline e pianure ricoperte di ulivi secolari, dove è ancora possibile vedere interi campi invasi da papaveri, dove si trova un patrimonio inenarrabile di erbe spontanee e dove si può dormire in luoghi come la Masseria Quis Ut Deus, che assicura il silenzio assoluto, la vista di cieli incantati, e un indisturbato sonno in camere, alcune in trulli, tutte arredate in legno naturale, con letti opere d’arte creati da rami e radici fossili. Il benessere lo garantisce una spa con un percorso di purificazione tra i trulli.

Masseria Quis ut Deus - Spa & Resort Puglia - Camere nei Trulli

Grazie alle guide di biciavventura Asd, è possibile fare escursioni tra uliveti, gravine e lame nel territorio delle 100 masserie, scegliendo di andare alla scoperta dei luoghi nascosti lungo la Green Road. Difficile proseguire il percorso tra le colline ioniche senza fermarsi per ore ed ore ad ammirare Grottaglie, la città delle ceramiche, rimanendo affascinati dalle abili mani dei ceramisti che lavorano l’argilla al tornio, cercando terrazze dalle quali ammirare il panorama sul castello Episcopio, dove ha sede il museo delle ceramiche e perdendosi nelle mille botteghe dei maestri artigiani per poi fermarsi a Casa Vestita, un antico palazzo nel cuore del quartiere delle ceramiche, sede di importanti ritrovamenti in fase di ristrutturazione, che conserva in vari strati le civiltà del luogo.

ceramiche taranto

Dalle colline al mare il passo è breve ed arrivare a Marina di Pulsano è veramente questione di poche manciate di minuti. Il panorama sulla costa cambia, al verde imperante si affiancano infatti gli straordinari colori del Mar Ionio che vira nella stessa caletta dal blu cobalto alla trasparenza, in un susseguirsi di spiagge che vanno dagli scogli alla sabbia. Con una pratica pista ciclabile è possibile arrivare al paese di Pulsano e visitare il Castello Medievale de Falconibus ed il convento dei Padri Riformati, in un itinerario che permette di unire mare, storia e ottima cucina (da non perdere il pesce al ristorante La barca di Ciro di Marina di Pulsano). Ora la nostra compagna di viaggio Classe V, una compagna di classe, è approdata su onde di sabbia dorata. Il mare ci aspetta.

Die neue Mercedes-Benz V-Klasse, The new Mercedes-Benz V-Class 

Info: www.greenroad.it

 

Dove dormire:

Masseria Quis ut deus: strada provinciale 49, Crispiano

www.masseriaquisutdeus.com

Hotel il Gabbiano: viale dei Micenei 65, Marina di Pulsano

www.gabbianohotel.it

Ceramiche a Grottaglie: Casa Vestita, via Crispi 63/a 3461572422

Ceramiche artistiche Oronzo Patronelli: via Caravaggio 21