Weekend Green

Bolzano punta al turismo “verde”

image_pdfimage_print

Nel 2016 Bolzano ha già conquistato il premio Green City dei Weekend Premium Awards, ma in questi anni ha continuato a puntare sul turismo “verde”, grazie anche al suo splendido territorio, attraversato dai fiumi Talvera e Isarco, e lambito dall’Adige, e abbracciato da montagne di rara bellezza.

Qui si alternano masi contadini circondati da vigneti, ville nobiliari immerse in parchi lussureggianti, lunghi portici e stretti vicoli medievali, chiese e chiostri gotici, ampie piazze, ed elaborate facciate in stile d’Oltradige. Il tutto in un armonico e piacevole mix di stili architettonici che caratterizzano Bolzano come poche altre città al mondo.

Il valore aggiunto è che questo splendido caleidoscopio di architetture, stili, storia e tradizione si può scoprire tranquillamente a piedi. Grazie a un programma di tour tematici e visite guidate alla città, si possono scoprire il centro storico di Bolzano, la periferia, i dintorni montani.

I tour, con prenotazione obbligatoria, sono riservati a un massimo di 15 persone e sono disponibili presso l’Info Point dell’Azienda di Soggiorno di via Alto Adige o sul sito www.bolzano-bozen.it

Bolzano si conferma “bike city”

La prima pista ciclabile è stata costruita a Bolzano negli anni Ottanta, quando la linea ferroviaria Bolzano-Merano fu trasferita e la riva destra del fiume Isarco fu liberata per fare posto alla mobilità ciclabile.

Oggi, la città può contare su una rete di 50 km di piste ciclabili , che collegano tutti i luoghi strategici della città e della periferia, con soste per poter visitare i musei situati lungo il percorso, segnalati da una segnaletica colorata.

Il tratto della ciclabile lungo il fiume Isarco

Chi non dispone di una propria bicicletta, o non l’ha portata con sé, può contare su un servizio economico di noleggio, attivo fino a ottobre, a cui si affianca un servizio di pompaggio attivo presso le stazioni dedicate istituite dall’amministrazione comunale.

Con una media annuale di quasi il 30% di mobilità ciclabile, inclusi gli spostamenti dei pendolari, Bolzano ha raggiunto i suoi obiettivi di sostenibilità della mobilità urbana, confermandosi tra le migliori città italiane. Grazie alle sue otto piste ciclabili principali e molti percorsi secondari sparsi per la città, poi, Bolzano è considerata città “bike friendly” anche a livello europeo.

Infine, chi sceglie di spostarsi in bicicletta nel territorio di Bolzano può contare su un biglietto cumulativo, giornaliero, da 3 o 7 giorni, per l’uso combinato di bici a noleggio, autobus e bici.  Info: www.mobilcard.info

Sono poi disponibili pacchetti vacanza, con validità fino al 31 ottobre 2021, comprensivi di tre pernottamenti con prima colazione, con arrivo il giovedì, sconti sul noleggio di biciclette e su escursioni guidate sulle due ruote. Coprisella e borraccia in regalo. Info: www.bikehotels.it

A Bolzano nasce il Parco Bioenergetico Lungo Isarco

Un’altra novità “verde” è il Parco Bioenergetico del Lungo Isarco, il primo parco pubblico in Italia con le sue caratteristiche. Il parco, che conta 160 alberi, 23 aree bioenergetiche, di cui 15 già esistenti e 8 create ex novo, si estende su una superficie di 14.360 mq tra Ponte Roma e via Bassano del Grappa.

Il Parco bio energetico del Lungo Isarco

Ma che cos’è un parco bioenergetico? Si tratta, in sostanza, di sfruttare i campi bio-elettromagnetici, naturalmente presenti in natura, per avere benefici generati dalla risonanza a organi o sistemi, come quello nervoso o cardiovascolare, del corpo umano.

Nel parco sono stati posizionati nuovi elementi di arredo, come panchine e sedute di vario tipo, e una segnaletica che indica i principali organi umani su cui l’energia degli alberi può influire con efficacia terapeutica. Il suggerimento è quello di sostare almeno 10-15 minuti e godere dei benefici offerti dalla natura.

Un panchina su cui sostare per godere dei benefici degli alberi

Alcuni alberi, poi, sono stati individuati per sperimentare un “abbraccio consapevole”, il cosiddetto treehugging, per trarre benessere dall’energia emanata da questa pratica.

INFO

www.bolzano-bozen.it

*Foto AST-Guadagnini e Comune di Bolzano