In Auto WEEKEND-CAR PREMIUM

Arriva la carica delle Green car: Jeep Renegade ibrida plug-in e poi?

Il mercato delle auto ecosostenibili sta diventando sempre più ampio e maturo, i Costruttori internazionali si stanno infatti concentrando sulla produzione di inediti e sofisticati modelli a basso impatto ambientale in grado di accontentare le più svariate esigenze della clientela. Questa settimana vogliamo parlare di tre novità rappresentate dalla Jeep Renegade 4xe, variante ibrida plug-in del SUV americano, seguita dalla Mini Cooper SE, versione 100% elettrica della piccola anglo-tedesca, mentre il trio di soprese si chiude con la nuova generazione della Seat Leon, declinata in versione ibrida plug-in.

Jeep Renegade 4xe First Edition

Proposta in versione di lancio denominata First Edition, proposta da 40.900 euro, la nuova Jeep Renegade 4xe, dotata di meccanica ibrida plug-in, si prepara a diventare una delle best seller indiscusse appartenenti al settore delle vetture elettrizzate.

Anima off-road o urbana

Ordinabile in Italia tramite un sito web fino al 9 marzo prossimo e lasciando un acconto di 500 euro, la nuova Jeep Renegade 4xe First Edition può essere declinata negli allestimenti “Urban”, dedicato ad un uso più cittadino, e “Off-road”, più adatto ad una guida in fuoristrada. Per quanto riguarda la dotazione di accessori offerti di serie, la Urban vanta cerchi in lega da 19 pollici, la off road da 17, entrambe le varianti possono contare su proiettori Full-Led, infotainment Uconnect Nav con display “touch” da 8,4 pollici e strumentazione digitale da 7 pollici che permette di visualizzare le schermate per la gestione del sistema ibrido. Per quanto riguarda la sicurezza, non mancano i sistemi di assistenza alla guida tra cui spiccano il sistema per il controllo dell’angolo cieco, i sensori di parcheggio, la retrocamera e il park assist.

Cuore ibrido da 240 CV e 50 km in elettrico

La nuova Renegade 4xe sfrutta uno schema ibrido che comprende l’uso di un motore FireFly 1.3 litri turbo benzina abbinato ad una unità elettrica, per una potenza complessiva di 240 CV che permettono alla vettura, secondo i dati dichiarati dal Costruttore, di raggiungere i 200 km/h e di bruciare lo scatto da 0 a 100 km/h in circa 7 secondi. La batteria da 10 kWh che alimenta il moto elettrico permette di viaggiare nella modalità a zero emissioni (100% elettrica) per circa 60 km con una carica di energia. Consumi ed emissioni inquinanti dichiarate sono rispettivamente pari a 1,97 l/100 km e 50 g/km di CO2. Il guidatore può inoltre gestire l’efficienza della vettura sfruttando 3 differenti settaggi: Sport Mode, Smart charging ed Eco coaching.

Mini Cooper SE

Mini sposa per la prima volta la rivoluzione elettrica lanciando sul mercato il suo primo modello a zero emissioni battezzato semplicemente Mini Cooper SE. Dal punto di vista estetico, la Mini elettrica sfoggia le medesime caratteristiche stilistiche delle sorelle equipaggiate con motore endotermico, ad accezione di alcuni dettagli di colore giallo fluo, come una porzione della mascherina anteriore, le calotte degli specchietti, i profili dei cerchi in lega e la scritta SE posizionata sui lati della vettura.

Feeling da go kart

Tra le caratteristiche peculiari della Mini troviamo il piacere di guida offerto dalal vettura, molto simile a quello espresso da un go kart: questo tipo di feeling resta inalterato sulla Mini SE, anzi addirittura viene enfatizzato grazie al baricentro più basso e alla particolare posizione delle batterie, istallate all’interno del tunnel.

Prestazioni sportive e buona autonomia

Pesante solo 145 kg in più della Cooper S, la Mini elettrica è spinta da un potente motore elettrico in grado di sviluppare 184 CV e 270 Nm di coppia massima, espressi in maniera istantanea. Stando ai dati dichiarati dal Costruttore, la vettura schizza da 0 a 100 km/h in soli 7 secondi, mentre da fermo a 60 km/h si impiegano appena 3,9 secondi. La batteria agli ioni di litio da 32,6 kWh permette di percorrere fino a 270 km con una sola carica di energia, anche se il dato può variare di molto a seconda dei settaggi scelti: Sport, Mid, Green e Green+.

Tutte le funzioni a portata di mano

L’ambiente interno della nuova Mini Cooper SE ricalca il cockpit decisamente originale delle altre Mini, a partire dal grande quadrante circolare incastonato nella console e chiamato ad ospitare lo schermo touch da 6,5 pollici (optional da 8,4 pollici), dedicato all’infotainment e in grado di gestire numerose funzioni e di controllare lo stato della trasmissione elettrica e la carica della batteria.

La nuova Mini Cooper SE può essere ordinata ad un listino che parte da 33.600 euro.

Seat Leon ibrida plug-in

Declinata sia in versione berlina che station wagon (Sport Tourer), con la prima variante lunga ben 4,36 metri, la quarta generazione della Seat Leon, appena presentata a Martorell, si presenta come una vettura tutta nuova e caratterizzata da un design moderno e sportiveggiante che strizza l’occhio al SUV Tarraco.

Design sportivo

La cugina della più famosa Volskwagen Golf, sfoggia quindi un aspetto accattivante e aggressivo che trova la sua massima espressione nella zona frontale che si distingue per il cofano motore muscoloso che termina con una mascherina esagonale con bordo cromato. Quest’ultima è chiamata a separare i fari full-LED dotati di ben 22 diodi luminosi per proiettore.

Abitacolo hi-tech

Osservando l’abitacolo non si può che apprezzare un ambiente decisamente hi tech che sostituisce i tasti fisici con un touchscreen (da 8 o 10 pollici) ospitato nella console centrale che permette di gestire le funzioni dell’infotainment. La strumentazione è di tipo digitale e sfrutta uno schermo da 10,2 pollici  ampiamente settabile, mentre l’effetto scenico viene completato da un sistema di illuminazione che sfrutta dei sottili LED che impreziosiscono la plancia e i pannelli delle portiere.

Cuore ibrido e ricaricabile da 204 CV

La versione ibrida e ricaricabile alla spina della nuova Leon abbina un motore a benzina 1.4 litri TSI ad una unità elettrica, ottenendo così una potenza complessiva di 204 CV. Il motore elettrico risulta alimentato da una batteria agli ioni di litio da 13 kWh che permette alla Leon di viaggiare in modalità 100% elettrica per circa 60 km, con un pieno di energia. La trazione è sulle ruote anteriore, mentre il cambio è automatico a sei rapporti.