Weekend Milano

Alla scoperta della Milano etnica

Di Alessandra Paltrinieri, Personal Travel Coach

We-a-Milano-Apertura-Sito

In concomitanza con il Festival latinoamericano ho pensato alla Milano etnica, quella in cui persone provenienti da altri paesi hanno portato la propria cultura per farla poi conoscere e apprezzare ai cittadini meneghini, non solo attraverso la cucina e i loro prodotti tipici, ma anche attraverso l’arte. Il risultato di questa vera e propria fusione tra culture così diverse da quella tipicamente italiana, è quello di riuscire a trasmettere, a chi vi entra in contatto, il loro reale sapore.

Venerdi 28 giugno
Ore 18.00 – Aperitivo al Brera Garden Floor c/o l’hotel Milano Scala
Uno degli aperitivi più chic della città da qualche settimana ha riaperto le porte ai suoi numerosi apprezzatori. Dalla terrazza all’ottavo piano di questo splendido boutique hotel, si possono assaporare ottimi drink degustando un delizioso buffet.

Ore 21.00 – Cena da Ba-asian Mood

We-a-Milano-Foto-1
Considerato tra i ristoranti cinesi migliori della città, questo locale si presenta in un modo diverso rispetto ai suoi concorrenti. L’arredamento minimal e la componente barocca, data dalle enormi lanterne rosse che pendono dal soffitto, ne fanno un locale unico che spicca rispetto ad altri pur essendo ubicato in via Ravizza, che pullula di ristoranti di tutti i generi.
All’ingresso sarete ricevuti da una persona che, gentilmente, vi chiederà il nome della prenotazione e vi farà attendere pochi minuti perchè da Ba-asian l’organizzazione e la tempistica fanno da padroni.
Consiglio un misto di ravioli al vapore e, come secondo, il classico pollo con mandorle o il branzino. Ottimi anche i piatti a base di pasta di riso o di soia.

Sabato 29 giugno
Ore 13.00 – Pranzo da Gin Rosa

We-a-Milano-Foto

E’ un locale storico della città situato in zona San Babila, in pieno centro. Dalla vetrina davanti al banco di preparazione occhieggiano deliziosi piatti pronti. La varietà è tale da poter soddisfare i gusti più diversi. I piatti si possono ordinare direttamente qui oppure, comodamente seduti al tavolo, ci si può far consigliare dal personale che vi elencherà le specialità del giorno.

Ore 15.00 – shopping etnico
La città offre tanti angoli nascosti in cui si possono trovare altrettanti negozi tipici etnici. Tra i tanti ne ho preferiti alcuni per qualità e originalità dei prodotti proposti.
Il primo si trova a poca distanza dal Gin Rosa, si chiama Surimono ed è una tappa obbligata per chi ama l’abbigliamento etnico, i complementi d’arredo e gli accessori dal gusto orientale, con particolare attenzione per il Giappone. La particolarità di questo negozio, unico nel suo genere a Milano, è la ricercatezza nella scelta dei prodotti: si trovano articoli unici come sciarpe etniche, ventagli giapponesi, Kimono, Yukata, una grande varietà di carta per calligrafia Sho-Do e inchiostri di china.

image

L’arte Inca è, invece, la protagonista della boutique Ccusi, che nacque nella prima metà del 2012 sul binario 1 della Stazione Garibaldi. Il marchio è spagnolo e dal 2006 produce gioielli d’ispirazione Inca. La particolarità è che la lavorazione dei gioielli avviene in Perù nella Valle Sacra del Cuzco. All’interno del negozio un sottofondo e una grande maschera appesa alla parete di fondo, richiamano l’ispirazione Inca.
Se gli oggetti sono particolari ancor di più lo sono i materiali usati: infatti, accanto all’argento, alle pietre semipreziose, alla madreperla e alle conchiglie marine, trovano spazio semi di huayruro, una pianta della foresta amazzonica considerata un portafortuna dalle popolazioni locali. I prezzi partono da 30 euro. Sono in vendita anche particolari foulard in seta e originali borse in lana d’alpaca.
African Oriental Craft propone oggetti provenienti da Paesi lontani, dall’Asia all’Africa. L’assortimento è svariatissimo: dall’abbigliamento, agli accessori e ai bijoux sino all’arredamento, ai soprammobili e ai prodotti di artigianato locale. Anche i prezzi sono dei più svariati: dal monile da 30 euro al gioiello importante da 2.000 euro.

DSCN4731-590x442
Da Coquelicot la sensazione è quella di essere dentro a un bazar. Dalla Thailandia e dall’Indonesia arrivano i particolari capi d’abbigliamento, mentre da Tibet, Afghanistan e India arrivano i gioielli. La sua particolarità è di proporre anche tutto l’occorrente per chi pratica la danza del ventre.
Chi ha voluto mantenere una componente occidentale nelle proprie creazioni di ispirazione orientale è, infine, Daniela Vecchi, che ha aperto la sua boutique in piena Brera in un locale ricavato da un’ex scuola di restauro. La produzione è made in Italy, localizzata in un laboratorio a Santa Margherita Ligure.

Ore 19.00 – Aperitivo da Claudio

daclaudio

Nuova location per il primo aperitivo a base di sushi di Milano. La rinomata pescheria da Claudio ha traslocato di pochi metri rispetto alla storica sede di via Mercato, e oggi si trova in via Cusani, in un locale su due livelli. Oltre alle già apprezzate bollicine e sushi dell’aperitivo, ora Claudio offre anche un ottimo ristorante al piano superiore

Ore 21.30 – Cena da Bombay
Il locale è molto caldo e accogliente, ma è nei piatti proposti che si ritrova il vero sapore dell’India, vista sia dal lato della cucina speziata che da quello della cucina delicata. Consiglio di provare il pollo al curry e, per chi non amasse la cucina speziata, il pollo alla salsa di yogurt

Domenica 30 giugno
Ore 12.00 – “Tessuti egiziani dall’età ellenistica al Medioevo” c/o Castello Sforzesco

Si tratta di 50 preziosi esemplari, tra frammenti di tuniche, scialli, mantelli, veli e tessuti da arredo, risalenti al periodo tra il III e l’VIII secolo, che per la prima volta il Castello espone al pubblico.

Ore 13.00 – Pranzo da Mama Burger
Una steak house secondo l’american style, ma di lusso. Il locale durante la settimana ospita manager e professionisti in genere per la pausa pranzo, mentre nel weekend diventa punto di riferimento della movida milanese.

Ore 15.00 – Festival “Latinoamericando”

We-a-Milano-Foto-8

Il festival, arrivato alla sua 23ma edizione, ospita giornalmente spettacoli e concerti dei migliori artisti latini del mondo. Inoltre, viene presentata tutta la cultura etnica in ogni sua espressione: dalla cucina alla musica, dalla danza all’arte figurativa.
Per informazioni sui diversi eventi della giornata visitate il sito web ufficiale dell’evento: www.latinoamericando.it

Info
COSA VEDERE
Festival latinoamericando
Assago Milano Fiori Forum
Tel. 0322.47679 (tutti i giorni dalle 9.00 alle 24.00)

Tessuti Egiziani dall’età Ellenistica al Medioevo
Castello Sforzesco
Piazza Castello, 3
Dal 07/06/2013 al 15/09/2013
Mart-dom: 9.00-17.30
Ingresso libero

DOVE MANGIARE
Ba-asian Mood
Via Ravizza, 10
Tel. 02.4693206

Da Claudio pescheria dei milanesi
Via Cusani, 1
Tel. 02.8056857

Gin Rosa
Galleria San Babila 14/c
Tel. 02.794802

Mama Burger
Via Vittor Pisani, 14
Tel. 02.67075379

Hotel Milano Scala
Via dell’Orso, 7
Tel. 02.870961

Ristorante Bombay
Via Donatello, 5
Tel. 02.29514187

LO SHOPPING
Surimono
Corso Monforte, 20
Tel. 02.76001770
www.surimono.it

African Oriental Craft
Via Federico Confalonieri, 23
Tel. 02.6081080

Coquelicot
Viale Montenero, 25
Tel. 02.54106014
Apertura: Mar-sab, 10.30-14.00 e 15.30-19.30

Ccusi
Piazza Sigmund Freud, Stazione Porta Garibaldi
Tel. 02.63471061
Apertura: Lun-sab, 7.30-19.30

Daniela Vecchi
Via Milazzo, 8
Tel. 02.62690491
Apertura: Mar-sab, 11-14 e 15-20

DOVE DORMIRE
Hotel Cavour
Via Fatebenefratelli, 21
Tel. 02.62001

Hotel de la ville
Via Hoepli, 6
A pochi minuti a piedi dal Quadrilatero della Moda e dal Duomo.
Tel. 02.8791311
Vi consiglio di prenotare tramite www.trivago.it