Alfa Romeo Stelvio
Weekend Car

ALFA ROMEO STELVIO TOP WEEKEND CAR 2017

Il 2017 dal punto di vista automobilistico ha visto tra gli eventi principali l’esordio sul mercato del SUV Alfa Romeo Stelvio, il primo veicolo di questo tipo a portare il marchio del biscione. Attraverso un sondaggio, i lettori di Weekend in auto e i followers di Weekend Premium lo avevano subito premiato ad inizio anno col riconoscimento Top Weekend Car 2017. Fra pochi mesi, a marzo per la precisione, alla vigilia del salone di Ginevra, vedremo anche se questa vettura riuscirà ad aggiudicarsi anche il prestigioso premio internazionale Auto dell’anno 2018, di cui è fra le sette finaliste. Ma il premio più importante ovviamente è sempre quello del mercato: anche qui Alfa Romeo Stelvio sta salendo le classifiche di vendita. A novembre è stato il SUV più venduto in Italia e nel periodo da gennaio a novembre 2017 si è piazzato al quinto posto. In Europa invece i dati sono fermi ad ottobre, quando il modello italiano era appena entrato nelle graduatorie. E ora l’attesa è tutta per la superlativa Stelvio Quadrifoglio, finalmente arrivata al momento del lancio commerciale.

 

I NOSTRI LETTORI INCORONANO COME TOP WEEKEND CAR 2017 ALFA ROMEO STELVIO

Alfa Romeo Stelvio

Quindi Alfa Romeo Stelvio saluta il 2017 come Top Weekend car dei lettori di Weekend Premium e Weekend in auto, un riconoscimento dato all’inizio della sua avventura sul mercato, sulla base del design e delle caratteristiche decisamente fuori dagli schemi. Infatti quando si era ancora nelle prime fasi della progettazione di questo modello, i manager avevano espressamente incaricato ingegneri e disegnatori di seguire tale direttiva: Stelvio sarebbe dovuta essere prima di tutto un’Alfa Romeo, poi anche un SUV. Missione compiuta, perché l’esperienza di guida di quest’auto (potete rileggere a questo link la nostra prova) è del tutto simile a quella di una sportiva bassa. Parliamo della Stelvio “regolare”. Poi per chi può e si sente in grado di domare un’autentica belva, la Stelvio Quadrifoglio sarà pane per i suoi denti, in virtù del favoloso motore da 510 cavalli (che già anima la Giulia decorata da questo simbolo leggendario) e di una dinamica di guida assolutamente da vera supercar.