Weekend con gusto

A PRIOCCA, NEL SITO UNESCO LANGHE-ROERO, PER UNA COINVOLGENTE WINE EXPERIENCE CREATA DAL “MONDODELVINO”

Di Raffaele D’Argenzio

Il turismo eno-gastronomico ha sfondato fra queste dolci colline curate e coccolate. Un paesaggio dipinto dalle mani dai viticoltori, dai contadini che le amano, forse di più da quando sono diventate sito Unesco proprio per la bellezza dei loro vigneti.

A Priocca si viene per il vino, per il paesaggio, ma anche per il ristorante IL CENTRO che ha conquistato una stella Michelin con una cucina regionale che interpreta le ricette della tradizione con sapiente fedeltà, usando prodotti di qualità. Naturalmente la cantina è fornita con i migliori vini. Il prezzo va da € 43 a € 75 a persona.

UN’ESPERIENZA COINVOLGENTE CON GUSTO

Tuttavia, dal 25 maggio c’è una ragione di più per venire qui a Priocca, in provincia di Cuneo, terra di grandi vini e di valide cantine.

Il Gruppo MONDODELVINO con grande spirito d’iniziativa ha creato il museo Wine Experience (ma museo è la parola giusta?), un percorso esperienziale e culturale per la conoscenza del vino.

“Abbiamo voluto offrire all’enoturista ed al semplice curioso un’occasione particolare per scoprire l’universo del vino andando oltre la bellezza dei territori viticoli”, ha spiegato Marco Martini, CEO di Mondodelvino SpA, esplorando, attraverso l’ausilio delle moderne tecnologie digitali e multimediali, la storia millenaria… i segreti della degustazione e dell’abbinamento a tavola, in un percorso esperienziale unico nel nostro Paese… meta privilegiata nei circuiti turistici del Roero, Langhe, Asti e Monferrato per accompagnare tutti, turisti e appassionati, italiani e stranieri, in un lungo e affascinante viaggio attraverso la cultura vitivinicola nel contesto di uno tra paesaggi vitati più belli del mondo”.

Durante per percorso si acquisiscono nozioni, ci si istruisce, ma si gioca anche con tavoli tecnologici e sbuffi di aromi. Veramente esperienze suggestive. Il costo: sui dieci euro comprese tre degustazioni. Ne vale la pena. E solo alla fine, se si vuole, si possono acquistare bottiglie di buona qualità a prezzi accessibili.

IL RISTORANTE “IL CENTRO”, TRA INNOVAZIONE E TRADIZIONE

Un locale di tradizione antica, che risale al 1956, che ha fatto della tradizione e dell’innovazione la sua bandiera. Ai gusti corposi della cucina regionale il ristorante “Il Centro” affianca la creatività, supportata dai migliori prodotti locali e dal calore della gestione familiare. Tra le specialità il guanciale di manzo caramellato e fichi, i ravioli con ragù di salsiccia e fegatini di pollo. Da provare assolutamente il dolce di nocciole.

Il ristorante vanta anche una suggestiva cantina con oltre 600 etichette, che si può anche visitare. Basta scendere al piano interrato e aprire la porta di legno per trovarsi in un mondo a parte fatto di luci soffuse, un pavimento di ghiaia e un soffitto di mattoni a vista. La prima stanza ospita il Barolo e il Barbaresco, mentre al tavolo situato al centro si può anche mangiare (su prenotazione) immersi in un’atmosfera unica. Nella stanza vicino, invece, si trovano le etichette nazionali e internazionali. Infine, nel cosiddetto crutin, una specie di sancta sanctorum del vino, sono custodite le annate più vecchie e preziose.

Ristorante “Il Centro(via Umberto I 5, tel 0173/616112, www.ristoranteilcentro.com)