Rispetto per Venezia e per Piazza San Marco: basta con le super navi e i venditori ambulanti

Ero a Venezia, per lavoro, e dopo una cena veloce andai a godermi Piazza San Marco. Che grande bellezza! Il Palazzo Ducale, le luci lontane sulla laguna, il cielo stellato che sembrava uscire dalle volte della basilica. Ma c’era qualcosa di strano quella sera nel cielo… Stelle cadenti, che anzi prima salivano e poi cadevano… Aggiustai gli occhiali e ne seguii il percorso… Partivano da annoiati uomini dai tratti asiatici al centro della piazza, che quelle stelle le vendevano: al centro di  Piazza San Marco di Venezia, una splendida sala di questo museo a cielo aperto che tutto il mondo ci invidia! Niente contro i tratti asiatici, niente contro queste false stelle, ma tutto me stesso contro i venditori ambulanti al centro di Piazza San Marco, come se fossero in un suk di periferia. Un po’ di rispetto, diamine! Un rispetto che un gruppo di vigili se ne fregava altamente di proteggere. Con sufficienza un vigile del gruppo infastidito per aver dovuto interrompere il suo ciacolare, mi rispose che secondo loro era inutile mandarli via dalla piazza, tanto tornavano. Come dire che è inutile lavarsi, tanto ci si sporca ancora. Nelle città oggi come oggi è difficile vedere un vigile, e a quanto pare non bisogna disturbare il loro parlottare. Figurarsi far rispettare il decoro di un sito Unesco. Una roba inutile “… Tanto ritornano”.
Invece bisogna esigere il rispetto, combattere  anche contro le enormi , gigantesche navi da crociera che vomitano migliaia di turisti frettolosi che passano per le calli, si fanno selfie, comprano statuette e mascherine di basso costo fatte in Cina e poi tornano a casa loro dicendo di aver visitato Venezia,
Caro turista, vuoi dire di aver visitato davvero Venezia? Allora devi starci almeno tre giorni. Sentire un concerto di Vivaldi in una chiesa, cenare in un bacaro, andare in gondola almeno una volta, visitare il Museo dell’Accademia, passeggiare di notte nelle calli deserte, e pagare almeno 100 € per visitare questo museo all’aperto.
E invece si vedono ambulanti in piazza San Marco, torme di turisti sbracati che insozzano questa nostra grande bellezza, la nostra grande storia.”Tanto siamo in Italia”, come ha detto quel turista tedesco stupito di essere fermato e multato dai carabinieri di Peschiera per sgommare e correre con una sua auto truccata. Credendosi novello barbaro, disceso dal nord a stuprare la nostra morbida bellezza.
Bravi i carabineeri di Peschiera, ma non diciamo lo stesso di quei vigili di Venezia che in piazza c’erano, ma a ciacolare.
Cerchiamo di esigere rispetto per Venezia, per il Veneto, per tutta l’Italia. Cominciando a rispettarci e a farci rispettare noi per primi.

A proposito di vigili. NE AVETE VISTI A MILANO?
Già dove sono, chi li ha visti??????????????????????

Print Friendly