Le strade del vino nelle città d’arte: Pavia e Parma

Itinerari turistici, tra le strade del vino nelle città d'arte, visita a Pavia e Parma, Oltrepò Pavese e la strada del prosciutto

La Pianura Padana è terra di notevoli risorse, non secondarie quelle agricole, in cui la produzione del vino è primaria. Ma essa ospita anche alcune tra le città italiane più importanti, fra cui diverse località molto interessanti dal punto di vista artistico. Allora ecco un’idea per un itinerario turistico affascinante: percorrere le strade del vino nelle città d’arte, cultura ed enologia ai massimi livelli mondiali. Tra Lombardia ed Emilia Romagna sono numerose le destinazioni verso cui orientarsi. A fine estate, settembre, saranno anche parecchi gli appuntamenti in tema. Cominciamo ad illustrarne una parte; a questo link troverete invece gli eventi programmati più in avanti nel calendario.

A SETTEMBRE NELLE CITTA’ D’ARTE PER LE STRADE DEL VINO

Strade del vino

Cominciamo da Pavia che con i vini dell’Oltrepò Pavese è riuscita a creare itinerari e iniziative per ogni tipo di turista enologico. Su un’area di 13.000 ettari si produce il 55% dei vini di Lombardia, in un paesaggio che ha mantenuto intatto il fascino dei propri borghi.  È il regno della Bonarda e del Pinot Nero, che si potranno scoprire nelle numerose cantine aperte o nei banchi delle manifestazioni, insieme a un assaggio di salame di Varzi. Percorrendo le strade della Valle Versa, Valle Scuropasso e Valle Coppa si scopriranno non solo degli ottimi vini ma anche borghi come Stradella, Broni e Fortunago; si potranno visitare il museo del Cavatappi o quello della Fisarmonica; si potrà dormire in uno dei tanti agriturismi. Info: www.viniesaporidilombardia.it.

Spostandosi ancora verso Est si incontra, a Parma, la strada del prosciutto e dei vini dei colli di Parma. La capitale della food valley si distingue anche per la produzione vinicola, con la Malvasia, il Sauvignon e il Rosso Colli di Parma. Qui le colline comprese tra i torrenti appenninici regalano non solo uve preziose ma anche panorami riposanti. Da non perdere, nelle cantine della Rocca di Sala Baganza, la “Cantina dei musei del cibo”. Si tratta appunto di musei che in provincia di Parma, custodiscono e raccontano le meraviglie gastronomiche della città riconosciuta come “Città creativa per la Gastronomia” dall’Unesco. Info: www.viniparma.it.

Ecco i primi appuntamenti di settembre:

Lodi, domeniche e festivi: Navigare l’Adda, www.navigareinlombardia.it

Pavia: dal 1° settembre, Longobardi. Un popolo che cambia la storia, www.vivipavia.it

Modena, 1-10 settembre: Mutina Boica, www.cronoeventi.it

Parma, 2 – 10 settembre, Festival del Prosciutto di Parma, www.festivaldelprosciuttodiparma.com

Print Friendly